Champions: Morata incubo Real, la Juventus vola a Berlino

Pubblicato il 13 maggio 2015 da redazione

Juventus' Alvaro Morata, second from right, scores during the Champions League second leg semifinal soccer match between Real Madrid and Juventus,

MADRID. – Il sogno bianconero è realtà: 12 anni dopo Manchester e la sfida tutta italiana persa ai rigori contro il Milan, la Juve va in finale di Champions. La conquista facendo cadere lo scettro, in casa loro, ai campioni d’Europa, gli ex ormai galacticos del Real. Il colpo mortale lo dà proprio l’ex Morata: una rete storica una “pesadilla”, come si dice incubo in spagnolo perchè Alvaro aveva già fatto un gol anche all’andata. Ma il migliore in campo, uomo ovunque, a recuperare mille palloni, a impostare, a far tutto è Vidal, tornato a brillare nella serata in cui Pogba fa invece il gregario.

Dopo 95′ di battaglia, esattamente i minuti che ricorda sempre Massimiliano Allegri, nel forno del ‘Santiago Bernabeu’ dove la gente applaude sempre gli avversari (oggi è successo con Pirlo quando è uscito), finisce 1-1, il pareggio che sarà ricordato come una vittoria dai bianconeri che volano a Berlino, decisi a spaventare anche Messi, Neymar e Suarez, dopo aver fatto piangere Ronaldo, Benzema e Bale. Finisce con la gioia dei bianconeri in mezzo al campo, mille abbracci, Allegri felice e commosso, come il presidente Andrea Agnelli e il consigliere Pavel Nedved, e poi vicino alla curva dei 4.200 tifosi venuti dall’Italia che intonano l’inno di Mameli, come era successo nella festa Mundial del 1982.

Partita sofferta, cercando di sporcare i tiri del Real, serrando le fila tra centrocampo e difesa, per fare inceppare la macchina da gol del Real. I Blancos devono battersi il petto, e questa sera hanno avuto visto in campo l’ombra di Ronaldo, Rodriguez e Isco, ma devono – e lo fanno – riconoscere i meriti di un caldo infernale, a Madrid, 35 gradi e afa, come fosse metà luglio e la serata di una finale dei Mondiali. Il ‘Bernabeu’ è vestito a vesta per una serata di gala calcistico, preceduto dall’abbraccio tra i due allenatori. Le formazioni ufficiali tolgono gli ultimi piccoli dubbi: Ancelotti dà fiducia a Benzema, “che – aveva indicato alla vigilia – fa giocare di più la squadra’, Allegri a Pogba, sperando che il giovane francese torni ad incantare dopo la lunga sosta per infortunio.

Ma che sia un Real completamente diverso dall’andata a Torino lo si capisce in pochissimi minuti: già dopo 36” va al tiro, cross di Marcelo, colpo di testa alto di Bale. Replica Benzema, che si gira in area, saltando Bonucci ma tira alle stelle. La Juve non si fa schiacciare ma, come era prevedibile, soffre. Tevez strappa un pallone dai piedi di Rodriguez e serve Vidal: rasoterra, ma Casillas, nelle ultime settimane criticato da una parte della tifoseria madridista, si distende e devia. Poi però è solo Real o quasi: Buffon salva su un gran tiro di Bale, un prologo al vantaggio dei Blancos: Rodriguez si incunea in area fra 3 bianconeri, la spinta di Chiellini è da rigore, che con freddezza ‘Cr7’ trasforma.

Il Real confeziona palle-gol in serie, sfrecciando in contropiede: su uno salva in acrobazia Vidal. Buffon si arrabbia per i falli – a suo dire – non fischiati dall’arbitro a centrocampo sulle ripartenze del Real e gli urla in faccia un ‘Basta’ in mondovisione. Il Real vorrebbe un secondo rigore (44′), ma il tuffo di Rodriguez è troppo plateale per non essere punito con il cartellino giallo per simulazione. Un destro di Marchisio dal limite fa gridare al gol i tifosi bianconeri, 4.200 che si fanno sentire anche al ‘Bernabeu’, poco dopo un sinistro sporco di Marcelo provoca la stessa reazione tra i 76 mila madridisti. Niente a che vedere con lo spavento che il difensore brasiliano fa prendere con passaggio all’indietro, ma sull’azione Morata è fermato in fuorigioco.

L’ex Real dovrà aspettare poco per far piangere i suoi compagni dell’anno scorso: è lui a risolvere una mischia con un tiro sporco che rimbalza e supera Casillas. Bale e Rodriguez sfiorano il pareggio. Tocca poi a Marchisio fallire il colpo del ko in contropiede. Il Real comincia ad avere paura di non farcela, la Juve è stanca, qualcuno ha i crampi, Pirlo non ce la fa più deve uscire. Ma i bianconeri resistono. Non solo: sciupano anche due belle azioni in contropiede. Poi al Bernabeu è solo festa Juve.

(dell’inviato Renato Botto/ANSA)

Ultima ora

17:43Traffico rifiuti: ‘I bambini? Che muoiano’

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - "Ci mancavano anche i bambini che vanno all'ospedale, che muoiano". Così uno degli indagati nell'inchiesta della Dda di Firenze per traffico illecito di rifiuti, che oggi ha portato all'arresto di sei persone, parlando dei rischi di stoccare abusivamente rifiuti pericolosi in una discarica situata vicino a una scuola. "Non mi importa nulla dei bambini che si sentono male - prosegue l'uomo senza sapere di essere intercettato -, io li scaricherei in mezzo alla strada i rifiuti".

17:30Etruria: Boschi, non ho mentito, mai pressioni

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Anche oggi ricevo attacchi dalle opposizioni sulla vicenda Banca Etruria. Confermo per filo e per segno tutto ciò che ho detto in Parlamento due anni fa. Tutto. Chi mi chiede le dimissioni perché avrei mentito in Parlamento deve dirmi in quale punto del resoconto stenografico avrei mentito. Ho incontrato più volte il presidente della Consob in varie sedi come ho incontrato altri rappresentanti istituzionali: mai e poi mai ho fatto pressioni. Mai". Così Maria Elena Boschi su facebook.

17:25Calcio: De Magistris, il Napoli va sempre sostenuto

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non mi inserisco in polemiche che non condivido ed esprimo massimo sostegno e vicinanza alla squadra. Sullo stadio noi facciamo fatti e stiamo realizzando un lavoro che sarà portato a compimento nella sua interezza prima delle Universiadi". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha così risposto ai cronisti che gli hanno chiesto di commentare le dichiarazioni del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, il quale in una intervista a Il Mattino ha detto di non aspettare più de Magistris sulla questione stadio. Rispetto al momento che vive la squadra, il sindaco ha affermato: "Va sostenuta da tutti nei momenti belli e in quelli difficili. Siamo fra i primi in campionato e abbiamo grandi prospettive".

17:19Berlusconi, da Salvini puntiglio che sarà superato

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - "Non è una cosa che non fa trovare un accordo con la Lega e con Fratelli d'Italia, è un puntiglio che sarà presto superato". Lo ha detto Silvio Berlusconi, rispondendo alle critiche arrivate da Matteo Salvini sull'iter della legge Molteni, all'uscita dalla riunione del Ppe.

17:18Cadavere donna vegliato in casa da figlio per una settimana

(ANSA) - GENOVA, 14 DIC - Il cadavere di una anziana donna di 78 anni è stata vegliata per almeno una settimana dal figlio, malato psichiatrico, di 47 anni. Il corpo è stato trovato oggi dai medici del 118 e dai carabinieri in un'abitazione di Borgoratti, quartiere popolare di Genova. I militari non escludono alcuna ipotesi: il cadavere presenta segni sul collo compatibili con uno strozzamento anche se il medico legale Marco Salvi, intervenuto per il primo sopralluogo, avrebbe accertato la presenza di altri segni che potrebbero far pensare che la donna si possa essere ferita in seguito a una caduta. Il magistrato titolare delle indagini ha disposto l'autopsia per accertare le cause del decesso. Sul posto gli investigatori del nucleo operativo e gli esperti della sezione rilievi.

17:11Calcio: Schick ci crede, la Roma è da scudetto

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Sono venuto qui perché credo nella strada che ha intrapreso la Roma. Siamo sempre in una posizione di classifica che ci permette di pensare allo scudetto. Possiamo vincerlo già quest'anno". Nonostante i due pareggi consecutivi in trasferta con Genoa e Chievo, Patrik Schick è convinto che la i giallorossi possano puntare al titolo. Il giocatore ceco, intervistato da Sky Sport24, spera di poter dare il proprio contributo: "Sono un attaccate e penso fare gol, quando gioco voglio segnare, questo è il mio obiettivo - sottolinea -. Essere il giocatore più pagato nella storia della Roma non mi pesa, anzi è al 100% una grande motivazione per me, farò tutto il possibile per non deludere nessuno". Schick rivela poi di aver legato in particolar modo con Dzeko nello spogliatoio di Trigoria: "Edin parla molto bene la mia lingua. E penso che anche il feeling in campo vada bene. Potenzialmente forse possiamo formare la coppia di attaccanti più forte della Serie A, ma poi dobbiamo confermarlo sul campo".

17:07Droga: Gdf scopre 26 chili di cocaina a Vipiteno

(ANSA) - BOLZANO, 14 DIC - La Guardia di finanza ha bloccato alla barriera dell'autostrada del Brennero a Vipiteno un cittadino italiano di 43 anni, che stava portando in Italia 26 chili di cocaina. La Citroen Ds5, con targa tedesca, condotta dall'uomo, accompagnato da familiari, non si era fermata all'alt e i finanzieri l'hanno inseguita fino a raggiungerla nei pressi dell'area di servizio Trens Ovest. Il conducente mostrava evidenti segni di nervosismo, che facevano ritenere opportuni alcuni approfondimenti, anche con l'ausilio del cane Escort dell'unità cinofila antidroga della Guardia di Finanza di Bolzano. Infine, in un'officina meccanica, nascosti all'interno dei longheroni dell'autovettura, sono stati trovati 22 panetti per complessivamente 26 chili di cocaina, che sul mercato avrebbero potuto fruttare oltre un milione di euro. Il cittadino italiano è stato tratto in arresto.

Archivio Ultima ora