Mancini, con la Juve l’ultima chiamata per l’Europa

Pubblicato il 15 maggio 2015 da redazione

FC Inter's head coach Roberto Mancini

MILANO. – Domani a San Siro si gioca Inter-Juventus, il derby d’Italia, la partita che per tradizione spacca in due il tifo dell’intero Paese. Una gara che a San Siro ha sempre regalato grandi emozioni. Quest’anno, però, non si respira il clima adrenalinico tipico delle grandi sfide con vigilie infuocate e frecciatine a distanza tra le due società. La Juventus ha obiettivi ben più ambiziosi su cui concentrarsi: il pensiero corre alla finale di Champions e a quella della Coppa Italia di mercoledì. Trofei che sono solo sogni per l’Inter ancora a caccia di un pass per l’Europa.

E Mancini sa bene che la sfida di domani sarà l’ultima chance per giocare in Coppa l’anno prossimo. “Ormai il campionato è finito, mancano poche partite, questa e la penultima col Genoa. Perché credo che prima dell’Empoli, sapremo già se saremo in Europa”, conferma il tecnico interista nella conferenza della vigilia.

L’Inter, a quota 52 punti, non ha abbandonato le speranze di agganciare il sesto posto lontano solo due lunghezze. Vincere contro la Juve però è d’obbligo, Mancini lo sa e vuole tenere alta l’attenzione. Non si fida dell’ampio turnover già annunciato da Allegri: “La Juventus ha meritato di vincere il campionato e faccio tanti complimenti anche per la finale raggiunta. Cambieranno alcuni giocatori, ma chi scenderà in campo vorrà fare bella figura. Sarà una gara vera”.
Mancini pero’ non potrà affidarsi a Guarin, infortunato, e a Hernanes, squalificato. Assenze che rilanciano Shaqiri dal primo minuto. “Mi dispiace non averli. Hernanes – conferma l’allenatore – era in buona condizione, aveva fatto gol importanti stata giocando bene, Guarin ha un peso specifico importante per la squadra. Shaqiri? Se giocherà spero faccia una grande partita, è cresciuto anche fisicamente. Se toccherà a lui spero faccia una grande gara”.

A tre gare dalla fine, il tecnico vuole raccogliere i frutti del lavoro svolto. Anche se il giudizio sulla stagione resta negativo. “Il bilancio dei risultati è negativo – ammette Mancini – perché ne abbiamo perse troppe. Abbiamo lasciato per strada tanti, troppi punti. Con Fiorentina, Torino, Udinese, Parma, Cesena, Sampdoria&hellip “.
E per non replicare questa annata deludente, l’allenatore ha chiesto rinforzi sul mercato senza però cedere i talenti già in rosa. “Il presidente farà investimenti. Vuole avere un’Inter vincente e miglioreremo sicuramente la squadra. A Touré ho scritto un messaggio d’auguri, ma il contenuto è privato”.

Anche l’accordo con la Uefa per il Fair Play Finanziario, non sembra spaventare Mancini. “Uscite pari all’entrate? Vedremo. Bisogna comunque cedere, ma pareggiare mi sembra difficile. Kovacic piace al Barcellona? Sta crescendo, ha margini di miglioramento enormi. È un giocatore sul quale puntiamo e non possiamo cedere i migliori. Handanovic ha una situazione particolare, è uno tra i migliori d’Europa. Vuole giocare la Champions ed è logico. Se resta, dipende molto anche dalle sue sensazioni. Va rispettato”.

Sacrifici e obiettivi della prossima stagione, sperando di poter giocare la carta Europa League per convincere i giocatori presenti sulla lunga lista di Mancini.

Ultima ora

14:57Calcio: serie A, Roma-Lazio 1-3

(ANSA) - ROMA, 30 APR - La Lazio vince 3-1 il derby e attacca un altro pezzo di scudetto sulle maglie della Juventus, ora a +9 sulla Roma. Un successo piuttosto netto quello della squadra di Simone Inzaghi, che dopo un avvio forte dei giallorossi va subito in gol con Keita e poi gestisce con calma la partita, senza soffrire per l'assenza improvvisa di Immobile causa influenza. Un rigore inesistente concesso da Orsato alla Roma permette a De Rossi di siglare l'1-1 al 45', ma nella ripresa è ancora la Lazio a fare la gara, tornando in vantaggio all'8'. Scarsa la reazione dei giallorossi e anche l'ingresso di Totti al 27' cambia poco, mentre la Lazio dopo alcuni tentativi falliti trova il 3-1 con Keita al 40'. Festeggia Inzaghi, che con 67 punti vede sempre più vicino il traguardo Europa League.

14:53Alpinismo: Ueli Steck morto sull’Everest

(ANSA) - BOLZANO, 30 APR - E' morto sull'Everest il noto alpinista svizzero Ueli Steck. Il 40enne era famoso per le sue imprese di speed climbing e detentore di numerosi record si velocità. Steck stava preparando l'attraversata di due ottomila, l'Everest e il Lhotse, durante un'unica impresa. Secondo prime informazioni, Steck è precipitato per mille metri, mentre si trovava in fase di acclimatazione tra il campo 1 e il campo 2. Lo svizzero è stato più volte compagno di cordata dell'alpinista italiano Simone Moro.

14:47F1: Russia, Bottas sorprende Ferrari e subito safety-car

(ANSA) - ROMA, 30 APR - Brutta partenza per le Ferrari che nel Gran Premio di Russia scattavano dalla prima fila. Al semaforo verde la Mercedes di Bottas è riuscita a passare sia la Rossa di Vettel, secondo, che quella di Raikkonen. Quarta l'altra Mercedes di Hamilton. Dopo le prime curve gara neutralizzata con safity-car per il tamponamento tra la Renault di Palmer e la Haas di Grosjean. Non partita la McLaren di Alonso che alla fine del giro di ricognizione abbandona la sua vettura all'entrata della pit-lane del circuito di Sochi.

14:27Papa: Azione Cattolica faccia politica

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 30 APR - "Mettetevi in politica, ma per favore nella grande politica, nella politica con la maiuscola!". Lo ha detto papa Francesco, 'a braccio' durante l'udienza in Piazza San Pietro all'Azione Cattolica per i 150 dalla nascita (70mila i fedeli presenti). "Avere una bella storia alle spalle non serve però per camminare con occhi all'indietro: fareste uno schianto. Non guardarsi allo specchio. Non mettersi in poltrona: questo ingrassa e fa male al colesterolo!". "Vi incoraggio a continuare ad essere un popolo di discepoli-missionari che vivono e testimoniano la gioia di sapere che il Signore ci ama di un amore infinito, e che insieme a Lui amano profondamente la storia in cui abitiamo". "Cari soci di Azione Cattolica - ha esortato Bergoglio -, ogni vostra iniziativa, ogni proposta, ogni cammino sia esperienza missionaria, destinata all' evangelizzazione, non all' autoconservazione". "Anche per me è un po' aria di famiglia: mio papà e mia nonna erano dell'Azione Cattolica!"ha detto Bergoglio.

14:20Pd: Lombardia, seggio a 3.000 metri sul ghiacciaio Presena

(ANSA) - MILANO, 30 APR - In Lombardia, seggio per le primarie del Pd anche per gli sciatori: nel comprensorio Pontedilegno-Tonale è stato allestito un seggio a 3.000 metri di quota. Ha la forma di un igloo. "Si tratta certamente del più alto d'Italia" hanno commentato dal Consorzio Adamello Ski. Il seggio è una sede dislocata del Pd di Ponte di Legno, raggiungibile in cabinovia dal Passo Tonale. Lì è stato possibile votare con gli sci ai piedi. Le recenti nevicate hanno portato un metro di neve fresca sul ghiacciaio Presena, dove la stagione sciistica prosegue fino al 4 giugno. (ANSA).

14:18Calcio: Entella esonera Breda, arriva Castorina

(ANSA) - GENOVA, 30 APR - La Virtus Entella ha comunicato l'esonero del tecnico Roberto Breda, all'indomani della sconfitta subita ieri a Trapani. La prima squadra è ora affidata all'allenatore della Primavera biancoceleste, Gianpaolo Castorina.

14:18Pd: ‘nonna’ 102 anni vota per primarie nel savonese

(ANSA) - GENOVA, 30 APR - Buona l'affluenza alle urne per le primarie in Liguria. Tra le curiosità il voto, stamattina poco dopo l'apertura dei seggi, di una anziana di 102 anni. La signora Teresa, camicetta rossa e foulard ton sur ton al collo, si è presentata al point di Carcare nel savonese e dopo aver dato i documenti ha consentito che la fotografassero per un post sul sito facebook del Pd Liguria che ha commentato così: "per votare non c'è età. Grazie!".

Archivio Ultima ora