Mancini, con la Juve l’ultima chiamata per l’Europa

Pubblicato il 15 maggio 2015 da redazione

FC Inter's head coach Roberto Mancini

MILANO. – Domani a San Siro si gioca Inter-Juventus, il derby d’Italia, la partita che per tradizione spacca in due il tifo dell’intero Paese. Una gara che a San Siro ha sempre regalato grandi emozioni. Quest’anno, però, non si respira il clima adrenalinico tipico delle grandi sfide con vigilie infuocate e frecciatine a distanza tra le due società. La Juventus ha obiettivi ben più ambiziosi su cui concentrarsi: il pensiero corre alla finale di Champions e a quella della Coppa Italia di mercoledì. Trofei che sono solo sogni per l’Inter ancora a caccia di un pass per l’Europa.

E Mancini sa bene che la sfida di domani sarà l’ultima chance per giocare in Coppa l’anno prossimo. “Ormai il campionato è finito, mancano poche partite, questa e la penultima col Genoa. Perché credo che prima dell’Empoli, sapremo già se saremo in Europa”, conferma il tecnico interista nella conferenza della vigilia.

L’Inter, a quota 52 punti, non ha abbandonato le speranze di agganciare il sesto posto lontano solo due lunghezze. Vincere contro la Juve però è d’obbligo, Mancini lo sa e vuole tenere alta l’attenzione. Non si fida dell’ampio turnover già annunciato da Allegri: “La Juventus ha meritato di vincere il campionato e faccio tanti complimenti anche per la finale raggiunta. Cambieranno alcuni giocatori, ma chi scenderà in campo vorrà fare bella figura. Sarà una gara vera”.
Mancini pero’ non potrà affidarsi a Guarin, infortunato, e a Hernanes, squalificato. Assenze che rilanciano Shaqiri dal primo minuto. “Mi dispiace non averli. Hernanes – conferma l’allenatore – era in buona condizione, aveva fatto gol importanti stata giocando bene, Guarin ha un peso specifico importante per la squadra. Shaqiri? Se giocherà spero faccia una grande partita, è cresciuto anche fisicamente. Se toccherà a lui spero faccia una grande gara”.

A tre gare dalla fine, il tecnico vuole raccogliere i frutti del lavoro svolto. Anche se il giudizio sulla stagione resta negativo. “Il bilancio dei risultati è negativo – ammette Mancini – perché ne abbiamo perse troppe. Abbiamo lasciato per strada tanti, troppi punti. Con Fiorentina, Torino, Udinese, Parma, Cesena, Sampdoria&hellip “.
E per non replicare questa annata deludente, l’allenatore ha chiesto rinforzi sul mercato senza però cedere i talenti già in rosa. “Il presidente farà investimenti. Vuole avere un’Inter vincente e miglioreremo sicuramente la squadra. A Touré ho scritto un messaggio d’auguri, ma il contenuto è privato”.

Anche l’accordo con la Uefa per il Fair Play Finanziario, non sembra spaventare Mancini. “Uscite pari all’entrate? Vedremo. Bisogna comunque cedere, ma pareggiare mi sembra difficile. Kovacic piace al Barcellona? Sta crescendo, ha margini di miglioramento enormi. È un giocatore sul quale puntiamo e non possiamo cedere i migliori. Handanovic ha una situazione particolare, è uno tra i migliori d’Europa. Vuole giocare la Champions ed è logico. Se resta, dipende molto anche dalle sue sensazioni. Va rispettato”.

Sacrifici e obiettivi della prossima stagione, sperando di poter giocare la carta Europa League per convincere i giocatori presenti sulla lunga lista di Mancini.

Ultima ora

17:08Calcio: Fiorentina, Kalinic invia certificato

(ANSA) - FIRENZE, 18 AGO - Tra la Fiorentina e Nikola Kalinic continua il braccio di ferro. L'attaccante croato, come confermato dalla stessa società viola, ha inviato un certificato medico della validità di 5 giorni per spiegare di essere 'emotivamente inquieto' e pertanto impossibilitato ad allenarsi. Insomma, stress da mercato. Kalinic smania di trasferirsi al Milan ma l'affare non si è ancora sbloccato per problemi economici: la Fiorentina non intende fare sconti e pretende dal club rossonero 28-30 milioni di euro con tanto di garanzie. Nell'attesa l'attaccante, ancora sotto contratto fino al 2019, ha scelto da ieri di non allenarsi più con i viola: ieri lo ha fatto senza giustificazione e per questo è stato multato dalla società, quindi l'invio del certificato mentre lui stesso si trova ancora a Firenze in attesa di notizie.

16:47Calcio: Cellino, col Genoa non me la sono sentita

(ANSA) - BRESCIA, 18 AGO - "Certo che voglio andare Serie A, ma bisogna avere pazienza" ha detto Massimo Cellino nel corso della presentazione come nuovo patron del Brescia calcio. "Non mettetemi fretta perché conosco il calcio" ha aggiunto Cellino. "Faccio calcio da professionista e non per hobby perché sarebbe troppo caro per me. Ho parlato con Preziosi per il Genoa e con lui mi lega una profonda amicizia, ma ho valutato e non me la sono sentita perché sarebbe stato un impegno economico troppo importante".

16:47Uno bianca: permesso premio. Familiari, ma che giustizia è?

(ANSA) - BOLOGNA, 18 AGO - "Rimango allibita. Non mi aspettavo una cosa di questo genere. Non è giusto, che giustizia è?". Così all'ANSA Rosanna Zecchi, presidente Associazione familiari vittime della Uno bianca, commentando il permesso a Marino Occhipinti, condannato all'ergastolo per uno degli omicidi della banda, di trascorrere una settimana in un albergo in Valle d'Aosta. Proprio dei permessi ai killer della uno bianca, Zecchi - che ha spiegato come quello in corso non sarebbe il primo di questo tipo per Occhipinti - ha detto di averne parlato anche al ministro della Giustizia Andrea Orlando, ospite, due mesi fa a una Festa dell'Unità a Bologna: "Era alla Festa del'Unità delle Due Madonne e sono andata a parlarci. Lui ci ha detto di stare calmi perché dopo 20 anni possono avere permessi. Ma un permesso come questo di una settimana mi sembra eccessivo... Occhipinti Sarà cambiato? Io spero solo che non faccia altri atti violenti. Tutelare la società civile non interessa a nessuno".

16:44Calcio: Cellino, il Brescia mi dà garanzie

(ANSA) - BRESCIA, 18 AGO - "So che ci sono grandi aspettative su di me. Brescia è una cittá meravigliosa": sono le prime parole di Massimo Cellino nel corso della sua presentazione come nuovo proprietario del Brescia. "Ci tengo tanto a far bene e se ho comprato il Brescia é perche il club mi da garanzie perché é pulito e non ci sono erbacce e questo é un vantaggio immenso", ha detto Cellino che prima della conferenza stampa aveva visitato la sede societaria.

16:32Donna fatta a pezzi: convalidato il fermo per il fratello

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Il Gip di Roma ha convalidato il fermo e contestualmente emesso un'ordinanza di custodia in carcere per Maurizio Diotallevi, l'uomo che ha ucciso e fatto a pezzi la sorella Nicoletta il 14 agosto scorso. E' quanto disposto dal giudice Anna Maria Fattori al termine dell' interrogatorio di convalida svolto nel carcere di Regina Coeli. L'arrestato, difeso dall'avvocato Gaetano Scalise, è accusato di omicidio volontario aggravato dalla parentela con la vittima e occultamento di cadavere.

16:20Barcellona: fidanzata Russo, frattura piede e gomito

(ANSA) - BASSANO DEL GRAPPA (VICENZA), 18 AGO - Marta Scomazzon, la fidanzata bassanese di Luca Russo, la seconda vittima italiana dell'attentato di Barcellona, si trova in un ospedale della città spagnola con un piede e un gomito fratturati. Lo riferiscono fonti vicine alla famiglia. I genitori di Marta sono già partiti stamane per Barcellona. Luca Russo viene descritto come un giovane bello, molto semplice, che aveva conseguito la laurea triennale in ingegneria, ed aveva trovato subito impiego in un'azienda di refrigerazione del padovano.

16:07Calcio: Roma, Iturbe ceduto al Club Tijuana

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Juan Manuel Iturbe si trasferisce in Messico. L'attaccante della Roma, reduce dalla parentesi al Torino nella scorsa stagione, è stato ceduto in prestito con obbligo di riscatto (legato alle presenze) a 5 milioni di euro al Club Tijuana, formazione che milita nella Primera Division messicana. Iturbe firmerà un contratto quadriennale con gli 'Xolos' ed è atteso domani in Messico per sottoporsi alle visite mediche.

Archivio Ultima ora