Papera di Handanovic su Morata, e la Juve vince ancora

Pubblicato il 16 maggio 2015 da redazione

 to score during the Italian

to score during the Italian

MILANO. – Massimo Moratti spegne 70 candeline ma l’Inter è avara di regali. Thohir in tribuna è vitreo. Il derby d’Italia si chiude con la vittoria della Juventus per 2-1 e con i nerazzurri che dicono addio all’Europa. La Juventus gioca un primo tempo con il freno a mano tirato, zeppa di riserve, apparentemente svogliata e distratta. L’Inter invece parte bene ma difetta nell’ultimo passaggio, sciupa un po’ troppo, colpisce il palo, sbaglia tanto e poi si arrende.

La partita la decide una clamorosa papera di Handanovic che lascia andare in rete un tiro molle di Morata, sicuramente il migliore in campo. I bianconeri soffrono fino a quando Allegri decide di dare una svolta: il tecnico aggiusta la squadra (inserendo Llorente, Ogbonna e Pogba) e alla fine vince con po’ di fortuna insieme a quella giusta dose di classe.

La Juventus delle riserve parte al piccolo trotto, si risparmia, sembra a corto di motivazioni, il pensiero e’ rivolto alla finale di Coppa Italia ma soprattutto a Berlino. I ‘superstiti’ di Madrid sono appena quattro: Morata, Bonucci, Marchisio e Lichtsteiner e l’Inter – che ha voglia di vincere – ha gioco facile.

L’Inter con Kovacic al posto di Guarin (infortunato) e Shaqiri trequartista invece di Hernanes squalificato, e’ subito pericolosa con Icardi che di solito contro la Juventus si esalta: tiro da 25 metri dopo un paio di minuti. I bianconeri rispondono con una percussione irresistibile di Morata ma il suo sinistro si infrange sull’esterno della rete. Al 5′ e’ Shaqiri a spedire alto sulla traversa, poi al 9′ arriva il vantaggio dell’Inter: gran destro di Brozovic deviato con il corpo da Icardi che mette a segno il sesto gol in cinque partite.

La Juventus marcia a ritmi lenti con qualche incursione da parte del suo uomo migliore, Morata: al 22′ sinistro splendido sul quale e’ bravo Handanovic a chiudere sul primo palo. L’Inter potrebbe raddoppiare con Palacio ma un ottimo Storari gli chiude lo specchio da distanza ravvicinata. La Juventus cerca il pareggio e lo sfiora con un bel colpo di tacco di Matri per Sturaro, Handanovic salva in corner.

I campioni d’Italia sembrano cedere, la difesa barcolla e non riesce a contenere il duo Palacio-Icardi. Al 39′ Shaqiri colpisce il palo, sulla ribattuta l’arbitro fischia il fuorigioco di Brozovic che aveva messo in rete. Per l’Inter sembra una passeggiata ma al 42′ arriva su rigore il pareggio bianconero: Vidic stende Matri proiettato a rete, trasforma Marchisio.

Si riapre la partita e – nella ripresa – la gara cambia faccia. Morata si divora due clamorose palle gol, di piede e di testa praticamente a porta vuota. Al 20′ Allegri capisce che e’ ora di cambiare: chiama Llorente al posto di Matri. Poco dopo l’Inter protesta per un fallo di mano in area da parte di Romulo. D’Ambrosio al 26′ ha una buona occasione ma il suo sinistro al volo non ha l’esito sperato. L’Inter cerca il gol partita con Brozovic e Icardi ma al 38′ Handanovic consegna la vittoria alla Juventus: Morata calcia debolmente, palla che rimbalza, confonde il portiere e finisce in rete.

I nerazzurri accusano il colpo e questa volta i pizzini non sortiscono alcun effetto sulla squadra demoralizzata. Poco prima del gol entra anche Pogba che non gioca bene ma semina il panico tra le fila nerazzurre scompaginando una difesa gia’ molto stanca. Mancini non puo’ fare piu’ nulla e deve inchinarsi alla Juventus che si comporta da grande squadra, gioca e vince una partita che forse poteva anche lasciare andare.

Allegri torna a San Siro da vincente e si accomiata dallo stadio che una volta era casa sua con una vittoria e tanti sogni per l’immediato futuro. La sua squadra e’ solida e intelligente, il suo allenatore calmo e sicuro. Mancini aspetta Thohir al varco per un faccia a faccia – probabilmente domani – nel quale si deve fare un bilancio e soprattutto vanno tracciate le linee programmatiche per la prossima stagione. C’e’ molto da fare e tanto da investire perche’ senza capitali non si va lontano.

L’impronta dell’allenatore ha cambiato molto la squadra ereditata da Mazzarri e tuttavia restano le lacune e le ombre. Poca qualita’, molta mediocrita’ e un Kovacic che si spegne come una candela. L’attacco si affida in buona sostanza a Icardi, bravo nel gol di area e di rapina, ma poco abile nel far salire la squadra e non sempre decisivo nei momenti che contano. Il centrocampo e’ privo di luce, la difesa non e’ abbastanza solida. L’Inter si gioca tutto nelle ultime due partite.

L’Europa e’ importante ma il futuro lo e’ di piu’. Tutto e’ nelle mani di Thohir il quale deve ancora dimostrare che tipo di presidente vuole essere, se, soprattutto, vuole ispirarsi a Moratti, a quella voglia di vincere che ha reso ogni sogno possibile.

Ultima ora

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

21:59Argentina: milioni di pesos falsi contro la corruzione

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - In occasione della Giornata nazionale contro la corruzione, i cittadini di San Salvador de Jujuy, città dell'Argentina nordoccidentale, hanno trovato per strada una montagna di denaro falso pari a 716 milioni di pesos argentini (circa 35 milioni di euro). L'iniziativa è stata realizzata dall'ufficio provinciale anticorruzione per informare i cittadini sugli effetti negativi della corruzione. L'ufficio ha voluto realizzare, in occasione del 9 novembre in Argentina, una riproduzione in scala di tutto il denaro che non si è potuto utilizzare per la costruzione di oltre 2.200 alloggi popolari. I fondi sarebbero coinvolti nel caso che vede sotto accusa la dirigente sociale Milagro Sala, attualmente detenuta per presunta frode, associazione a delinquere ed estorsione. L'iniziativa, costituita da quattro strutture cubiche, rappresentavano gli oltre 716 milioni di pesos la cui destinazione finale non è stata ancora chiarita.

21:55Pentagono ‘ignora’ Trump, transgender possono arruolarsi

(ANSA) - WASHINGTON, 11 DIC - Il Pentagono ha annunciato che consentirà ai transgender di partecipare all'arruolamento che comincia il primo gennaio, nonostante l'opposizione del presidente Donald Trump. Una mossa che, secondo gli osservatori, riflette le crescenti pressioni legali sulla questione e le difficoltà da parte del governo federale di attuare la richiesta del tycoon di bandire i transgender dall'esercito. Le sue direttive finora sono state bocciate da due corti federali. Le aspiranti reclute dovranno tuttavia superare una serie di esami fisici, psicologici e medici che potrebbero rendere più difficile ottenere la divisa.

21:53Putin sbarcato ad Ankara, faccia a faccia con Erdogan

(ANSA) - ISTANBUL, 11 DIC - Il presidente russo Vladimir Putin è sbarcato ad Ankara, ultima tappa del suo tour de force mediorientale che oggi lo ha portato nella base russa di Hmeimim in Siria, dove ha incontrato il suo omologo Bashar al Assad, e poi al Cairo per colloqui con il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi. In Turchia, il capo del Cremlino avrà un faccia a faccia con il presidente Recep Tayyip Erdogan sulle crisi regionali - dalla Siria a Gerusalemme - e i rapporti bilaterali, con un focus sulla cooperazione energetica e il progetto russo della prima centrale nucleare turca ad Akkuyu. Negli ultimi mesi, i due leader hanno avuto numerosi contatti. Il faccia a faccia di oggi, seguito da una conferenza stampa congiunta, è il terzo nell'ultimo mese.

Archivio Ultima ora