Calcio: Tommasi, è stato un rischio quotare i dilettanti

(ANSA) – ROMA, 19 MAG – “Aprire alle scommesse il mondo dei dilettanti è stato un rischio, perché ci sono oltre 160 squadre e le partite non sono trasmesse, quindi sono difficili da controllare”: così Damiano Tommasi (Aic) sul nuovo filone del calcioscommesse emerso oggi nei campionati di Lega Pro e Dilettanti. “Il nostro mondo – aggiunge il presidente del sindacato dei calciatori – è allettante per chi persegue il malaffare. Serve chiarezza nel più breve tempo possibile”.

Condividi: