Allarme dal Pentagono, l’Isis ormai operativo in Libia

Pubblicato il 19 maggio 2015 da redazione

Unrest in Ramadi

NEW YORK. – L’Isis punta sempre più sulla Libia, dove ormai ha una vera e propria “presenza operativa”. L’obiettivo è fare del Paese nordafricano un “hub” da dove poter più facilmente pianificare e sferrare attacchi in tutto il Nordafrica e anche in Europa. L’allarme arriva dal Pentagono, nelle stesse ore in cui all’Onu si discute sulla risoluzione che dovrebbe dare alla Ue il via libera alle operazioni per fermare l’emergenza immigrati nel Mediterraneo.

Intanto, dopo la caduta di Ramadi causata – come rivela il New York Times – da una tempesta di sabbia, la strategia di Barack Obama e’ sempre piu’ nel mirino: “Non funziona”, ha attaccato lo speaker della Camera John Boehner. Ma non e’ il solo. E la Casa Bianca apre a una discussione per migliorare l’approccio in Iraq: “Il presidente ne discutendo sempre col team per la sicurezza nazionale”.

La Libia comunque diventa fonte di sempre maggiore preoccupazione. Secondo le fonti militari statunitensi citate dal Wall Street Journal, non ci sono dubbi: negli ultimi mesi i leader dell’Isis dalla Siria hanno continuato a inviare in Libia – ed in misura sempre crescente – denaro, combattenti e istruttori militari, per rafforzare la presenza della loro organizzazione nell’area.

Insomma, la conferma che la Libia è la vera “nuova frontiera” dello stato islamico, che sta cercando in tutti i modi di espandersi e di “capitalizzare al massimo” il caos e il vuoto di potere creatisi nel Paese nordafricano, puntando al controllo delle tante fazioni estremiste che rendono il quadro geopolitico nella regione altamente frammentato. E’ un passo avanti non da poco – spiegano fonti dell’amministrazione Usa – visto che fino a poco tempo fa la presenza dell’Isis al di fuori di Siria ed Iraq era più che altro caratterizzata da gruppi di militanti che agivano in maniera autonoma. Gruppi che si ispirano all’ideologia del califfato senza però avere troppi legami diretti con l’organizzazione e i suoi leader.

In Libia invece appare chiaro come la situazione sia ormai diversa. Negli ultimi mesi – spiegano al Pentagono – dalla Siria sono state inviate somme di denaro crescenti attraverso un sistema di trasferimenti basato su corrieri locali, col risultato di una iniezione di liquidità nelle casse dei gruppi estremistici libici non di poco conto. A guidare le operazioni sul terreno, anche quelle di addestramento dei militanti, uno stretto collaboratore di al Baghdadi, Wissam Abd Zaid al-Jubori, ex ufficiale delle forze speciali irachene spedito in Libia nel gennaio scorso.

Il Pentagono non nasconde quindi la preoccupazione per tutto ciò. Anche perché fermare l’Isis in Libia è molto più complicato. Per questo la strategia dell’amministrazione Obama per il momento non cambia: ci si continua a concentrare sulle roccaforti jihadiste in Siria e in Iraq, la via ritenuta migliore anche per tagliare i legami con la Libia o con altre aree come quella del Sinai. Ma dopo la caduta di Ramadi ci si interroga sui limiti di tale approccio.

E’ bastata una tempesta di sabbia – rivela il Nyt – per fermare gli aerei americani. I jihadisti hanno saputo sfruttarla a loro favore, avviando una rapida avanzata contro le forze di sicurezza irachene. E quando la nebbia è calata, per l’azione dei caccia Usa era ormai troppo tardi. La beffa – ha ammesso il Pentagono – e che nella fuga le truppe irachene hanno abbandonato decine di veicoli militari Usa: carri armati, altri mezzi corazzati e pezzi di artiglieria.

Ma c’e’ un altro aspetto che colpisce. Le finanze del’Isis – stando a un’indagine sempre del Nyt – godono di ottima salute, nonostante i raid e il crollo dei prezzi del petrolio. La voce più corposa è costituita dalle entrate provenienti dalla tassazione imposta sui territori controllati dai militanti del califfo e dalle estorsioni: oltre un milione di dollari al giorno. Circa 500 milioni di dollari sono poi arrivati in tutto il 2014 dai valori rubati nelle banche di proprietà dello stato, mentre 100 milioni di dollari sono entrarti nelle casse dell’Isis dal commercio del petrolio. A queste cifre vanno aggiunti anche i 20 milioni di dollari incassati con i riscatti degli ostaggi rapiti.

(di Ugo Caltagirone) (ANSA)

Ultima ora

12:18Scherma: Arianna Errigo 2/a nella sciabola in cdm a Cancun

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Una fiorettista sul podio della sciabola. E' accaduto sulle pedane messicane di Cancun dove Arianna Errigo, che col fioretto in mano ha conquistato sin qui un argento olimpico individuale ed un oro a squadre, due volte campionessa del Mondo, due volte campionessa europea, vincitrice di sedici prove di Coppa del Mondo, è finita seconda al termine del Grand Prix FIE. A fermare la scalata dell'azzurra verso il gradino più alto è stata solo l'ucraina Olga Kharlan che ha fermato l'azzurra 15-6.

12:13Bomba devasta negozio a pochi giorni da inaugurazione

(ANSA) - NICOTERA (VIBO VALENTIA), 17 DIC - Una bomba ha devastato la notte scorsa, a Nicotera, il negozio "Splendidi e Splendenti" la cui inaugurazione era attesa a giorni. L'attività commerciale presa di mira con un ordigno, fatto esplodere intorno alle 4.15, è situata nel centro storico del paese. Ingenti i danni, ancora in corso di quantificazione. Sul posto, per spegnere l'incendio seguito alla deflagrazione, sono intervenuti i vigili del fuoco. Le indagini sull'accaduto sono state avviate dai carabinieri. Al momento non viene esclusa nessuna ipotesi. Quella predominante è che si sia trattato di un avvertimento preventivo che alza il livello di attenzione e di preoccupazione nella zona feudo del clan di 'ndrangheta dei Mancuso. (ANSA).

12:08Auto: San Marino festeggia i 50 anni della Fams

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Una serata ricca di emozione e grande partecipazione. Così è stato il Gala della FAMS che ha festeggiato a Palazzo Kursaal a San Marino, i suoi 50 anni di attività. Tra le massime autorità della Repubblica erano presenti il segretario di Stato allo Sport Marco Podeschi e il presidente del CONS, Comitato Olimpico Sammarinese, Gian Primo Giardi. Tantissimi i campioni delle quattro ruote e tanti i personaggi che sono stati premiati perché, a vario titolo, hanno contribuito al successo della Federazione Auto Motoristica Sammarinese in questo ultimo mezzo secolo. Gradito e sentito il videomessaggio, proiettato in sala, inviato da Jean Todt, presidente FIA nonché presidente onorario della FAMS e ambasciatore della Repubblica di San Marino, a testimonianza della sua grande vicinanza a San Marino e alla FAMS.

12:05Sci: Hirscher in testa gigante Badia, azzurri indietro

(ANSA) - ALTA BADIA (BOLZANO), 16 DIC - Il campione austriaco Marcel Hirscher in 1.12.15 e' al comando dopo la prima manche dello slalom gigante di cdm di Alta Badia sula classica pista Gran Risa. Hirscher ha vinto in serie le ultime quattro edizioni di questa gara eguagliando i successi sulla Gran Risa di Alberto Tomba. Secondo tempo per il norvegese Henrik Kristoffersen in 1.12.32 e terzo a sorpresa lo sloveno Zan Kranjec in 1.12.48. Miglior azzurro, dopo la prova dei primi trenta migliori atleti, e' il trentino Luca De Aliprandini 10/o in 1.13.30 e autore di una ottima manche rovinata pero' da un grave errore quando con la spalla destra e' finito dentro la quarta porta. Poi vi sono Riccardo Tonetti al momento 13/o in 1.13.52, Manfred Moelgg in 1.13.70, Roberto Nani in 1.13.99 e Florian Eisath in 1.14.13. e

12:04Pakistan: Quetta, attacco a chiesa, saliti a 7 i morti

(ANSA) - ISLAMABAD, 17 DIC - Almeno sette persone sono morte e altre 25 sono rimaste ferite oggi in seguito a un attacco di un commando di quattro kamikaze contro la chiesa metodista Bethel Memorial a Quetta, nella provincia pachistana di Balochistan. Fonti delle forze di sicurezza hanno indicato che al momento dell'attacco all'interno dell'edificio di culto c'erano almeno 400 persone che seguivano il servizio religioso domenicale. Dei quattro kamikaze, due sono morti e altri due sono riusciti a fuggire prima dell'arrivo delle forze speciali pachistane. Secondo il ministro dell'Interno del Balochistan, Mir Sarfraz Bugti i militanti, pesantemente armati, hanno tentato di prendere ostaggi all'interno della chiesa, ma non ci sono riusciti. Per il momento nessun gruppo ha rivendicato l'operazione terroristica.

11:09Brexit: sondaggio, ‘no’ in vantaggio record di 10 punti

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - I sudditi di Sua Maestà sembrano far marcia indietro sulla Brexit. Il 51% degli elettori britannici si dice ora contrario all'addio all'Ue contro il 41% che voterebbe di nuovo per il divorzio: il distacco di 10 punti e' il più grande mai registrato dal referendum del 23 giugno 2016. E' quanto emerge da un sondaggio esclusivo commissionato dal quotidiano britannico The Independent alla società demoscopica BMG Research.

08:45Honduras: sorella presidente morta in incidente elicottero

(ANSA) - TEGUCIGALPA, 17 DIC - Hilda Hernandez, sorella del presidente dell'Honduras Juan Orlando Hernandez, è morta, con altre cinque persone, in un incidente di elicottero, schiantatosi su una montagna vicino alla capitale Tegucigalpa. La donna, 51 anni, era addetta alle comunicazioni per il fratello, ed era stata ministro dello sviluppo sociale durante la precedente amministrazione dell'allora presidente Porfirio Lobo. L' elicottero militare trasportava Hernandez, quattro membri della sua scorta e un pilota. Era decollato dall'aeroporto internazionale di Tegucigalpa alla volta della sua residenza a Comayagua, 60 chilometri dalla capitale. Poco dopo, l'aeronautica ha dato il velivolo per disperso. I resti dell'elicottero sono stati poi trovati sulle montagne vicine a Tegucigalpa, senza sopravvissuti. Hernandez è coinvolto in una disputa sulle elezioni presidenziali in cui ha conquistato il 43% dei voti contro il 41,4% del candidato di opposizione Salvador Nasralla. Il vincitore non è stato ancora proclamato ufficialmente.

Archivio Ultima ora