Juve stella d’argento, dopo lo scudetto anche la Coppa Italia

Pubblicato il 20 maggio 2015 da redazione

soccer match against SS

soccer match against SS

 ANSA/ALESSANDRO DI MEO

ROMA. – Vent’anni dopo la doppietta è realtà, aspettando il sogno che si chiama ‘triplete’. A Massimiliano Allegri riesce tutto, anche quello che il suo illustre predecessore, Antonio Conte, aveva mancato: dopo lo scudetto stravinto senza storie, la Coppa Italia finisce nella bacheca bianconera in un’annata che si profila davvero da mille e una notte.

Il decimo trofeo nazionale per la Vecchia Signora che in casa della Lazio non fallisce la seconda missione di una stagione già memorabile e si cuce addosso pure la stella d’argento. Un trofeo che mancava dal ’95 quando in panchina c’era Marcello Lippi (ora spettatore, insieme al ct azzurro di oggi Conte, nella super tribuna impreziosita dalla presenza del capo dello stato, Sergio Mattarella alla sua prima uscita calcistica) a trascinare la Juve di allora all’accoppiata titolo-coppa.

All’Olimpico finisce 2-1 l’attesa sfida con i biancocelesti, dopo una gara che aveva fatto sognare scintille, accesa in dieci minuti da un uno-due Radu-Chiellini e poi invece trascinata verso i supplementari con tanta corsa e pochi lampi. Lazio che pure non ha trovato in Felipe Anderson e Miroslav Klose i suoi soliti gioielli ma era sembrata più aggressiva, a caccia della settima coppa che invece sfuma in casa. Per Pioli la Juve resta un tabù. Ora resta da giocarsi le ultime chance per il secondo posto già lunedì prossimo nel derby-Champions con la Roma.

I bianconeri si schierano con il 3-5-2: in difesa il trio Chiellini-Bonucci-Barzagli, che ben figura, in avanti lo spagnolo Llorente, come previsto al posto dell’uomo Champions, Morata, squalificato. E al suo fianco Tevez. La Lazio risponde con il 3-4-3. In attacco Pioli punta su Candreva e Anderson a supportare Klose. Nemmeno il tempo di prendere confidenza con l’erba dell’Olimpico che la Lazio gela subito la Juve con il gol di Radu che di testa raccoglie il calcio piazzato di Cataldi. Storari la tocca ma la palla è in rete.

La partita è subito vivace e la risposta bianconera certo non si fa attendere: l’azione del’immediato pari dei campioni d’Italia arriva con una punizione dalla trequarti di Pirlo, torre in aria di Evra e Chiellini, tra i migliori, da due passi segna l’1-1. Ma dopo le due reti il ritmo non decolla e fino alla mezzora il match non offre altri spunti: se non un tiro debole di Cataldi dopo un allungo di Anderson, non in serata di grazia. Ma il brivido arriva al 32′ con un destro al volo di Parolo che esce di poco alla destra del portiere bianconero. Il primo tempo scorre via e il risultato resta di parità.

Nessun cambio alla ripresa. E nemmeno troppa incisività: del resto anche i due gol in avvio sono stato frutto di due punizioni e non di giocate mirabolanti. La Lazio preme un po’ di più, Llorente all’inizio del secondo tempo ha una chance di andare in porta ma viene anticipato da Berisha. Poi sempre bianconcelesti più convinti, ma davvero pochi affondi degni di una finale di Coppa nazionale. Al 26′ esce Radu, autore del gol del momentaneo vantaggio per un problema muscolare, al suo posto Pioli manda in campo Mauricio.

Al 37′ fuori anche Klose, davvero l’ombra del campione che tanti punti ha fatto conquistare in campionato: dentro Djordjevic, che lascia passare un giro di lancette e si ritrova praticamente solo davanti a Storari, ma il tocco è fiacco e l’occasione persa. Anche Allegri opta per un cambio in attacco, e manda Matri al posto di Llorente. E pure per il neo entrato bianconero subito la chance del gol decisivo: l’attaccante raccoglie una palla morbida del prezioso Pirlo, scatta sul filo del fuorigioco e mette dentro. Ma l’arbitro annulla.

Nel finale dei tempi regolamentari si vede per la prima volta Tevez con un tiro al limite dell’area, alto sopra la traversa. E così i novanta minuti non bastano per decretare il vincitore.

In avvio dei supplementari la Lazio manca il ‘golden’ gol ancora con Djordjevic stavolta sfortunato perché con un sinistro potentissimo colpisce il palo e la palla rimbalza sull’altro. Giusto il tempo di mettersi le mani nei capelli. La Juve cinica invece non perdona e Matri stavolta fissa il colpo del ko con un tiro dall’area piccola, dopo una respinta della difesa della Lazio: Berisha tocca il pallone, ma non basta. Pioli prova la carte della disperazione (Keita al posto di De Vrij). Ma non serve. La coppa va a Torino, e i tifosi bianconeri cantano ‘andiamo a Berlino’. Dall’Olimpico parte la corsa al sogno che si chiama Champions e triplete.

(di Alessandra Rotili/ANSA)

Ultima ora

09:46Maltempo: in Liguria fa ancora paura il Magra

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - I fiumi Entella a Chiavari (Genova), Vara e Magra, nello Spezzino, sorvegliati speciali perché a rischio esondazione dopo le piogge di domenica e di ieri, non hanno creato problemi ingenti nella notte, ma il Magra continua a far paura. L'Entella, che ieri aveva tracimato alla foce, senza particolari conseguenze, è calato di livello. La forza della mareggiata in diminuzione favorisce il deflusso delle acque. E' calato anche il fiume Vara, che ieri aveva superato il secondo livello di guardia nel Comune di Sesta Godano. E' sempre a livello di guardia il Magra che fa paura a Bocca di Magra, nel Comune di Ameglia, dove le acque sono cresciute di 3,7 metri. Strade, giardini e cantieri nautici allagati, senza particolari danni. Nella notte una famiglia di S. Stefano Magra è stata sfollata con gommoni. La piena del Magra si esaurirà intorno alle 10. Nello spezzino restano sfollate una trentina di famiglie. Allerta rossa in tutta la provincia spezzina, e in parte di quella di Genova fino alle 13. Il meteo migliora.

07:33New York: governo Bangladesh condanna attentato

DACCA (BANGLADESH) - Il governo del Bangladesh ha condannato l'attentato fallito a New York, il cui autore e' un immigrato di 27 anni dal paese del sud-est asiatico. ''Il Bangladesh e' impegnato nella sua conclamata politica di 'tolleranza zero' contro il terrorismo, e condanna il terrorismo stesso e l'estremismo violento in ogni forma o manifestazione ovunque nel mondo, compreso l'incidente di lunedi' mattina a New York'', ha comunicato il governo in una nota.

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

Archivio Ultima ora