Parlamento venezuelano e Tsj approvano mozione di appoggio a Cabello

tribunal-supremo-justicia

CARACAS – Per la Suprema Corte del Venezuela (TSJ) non vi sono dubbi. Le accuse mosse al presidente dell’Assemblea Nazionale sono la prova lampante dell’esistenza di una cospirazione.

Gladys Gutierrez, presidente del Tsj, ha letto un comunicato attraverso il quale l’istituzione che presiede prende posizione dopo le ripetute denunce di corruzione e narcotraffico mosse dal Wsj contro Diosdado Cabello, presidente del Parlamento.

– Il Tsj – ha sottolineato Gutierrez – condanna le accuse cospirative di settori internazionali e i cui obiettivi evidenti sono quelli di danneggiare la reputazione delle autoritá legittime del Paese.

Anche la maggioranza chavista nell’ Assemblea Nazionale ha approvato una dichiarazione di solidarietà con il presidente del Parlamento, Diosdado Cabello, dopo le rivelazioni della stampa americana secondo le quali è sotto inchiesta per la sua presunta partecipazione ad una vasta organizzazione di narcotrafficanti.

“Avanti, compagno Diosdado: qui nessuno rimarrà zitto solo perché lo vuole la canaglia dei media!”, ha tuonato la vicepresidente dell’assemblea, Tania Diaz, aggiungendo che “non esiste nessuna inchiesta in nessun tribunale del pianeta contro Diosdado, nessuno che dia la faccia: tutte queste sono illazioni, speculazione, è una vergogna!”.

Il Wall Street Journal, confermando informazioni già diffuse da altre testate, ha rivelato che un gruppo di procuratori americani sta investigando sulle presunte attività di un’organizzazione di trafficanti di cocaina all’interno delle forze armate venezuelane, un’inchiesta nella quale Cabello “è l’obbiettivo principale”.

Il numero due di Nicolás Maduro ha nuovamente respinto le accuse che gli sono state mosse: “Chi ha lanciato questa nuova campagna contro il Venezuela ha commesso un errore, io non mi arrendo né oggi né domani né mai, perché sono un irriducibile”, ha detto.

Le denunce del Wall Street Journal, autorevole quotidiano nordamericano, hanno contribuito a rendere ancor più incandescente il clima politico venezuelano, alle porte di una campagna elettorale per il rinnovo del Parlamento. Mentre i simpatizzanti del governo fanno quadrato attorno alla figura del presidente dell’An, l’Opposizione chiede a gran voce che si apra un’indagine e si faccia luce sulle accuse di corruzione e narcotraffico mosse contro Diosdado Cabello e altri funzionari del governo.

Condividi: