Accordo per la promozione dello sport italiano all’estero

Gentiloni-Malagò

ROMA – Un programma di collaborazione per la promozione dello sport in ambito internazionale, è stato sottoscritto oggi alla Farnesina dal ministro degli Esteri e della Cooperazione Internazionale Paolo Gentiloni e dal presidente del Coni Giovanni Malagò.

“L’intesa – spiegano dalla Farnesina – prevede una serie di iniziative finalizzate a valorizzare e a coordinare le attività che possono contribuire alla diffusione e alla crescita dello sport italiano all’estero”. Una sinergia nell’ottica della candidatura di Roma per i Giochi Olimpici del 2024, tema nevralgico affrontato anche nell’incontro odierno”.

Alla firma dell’intesa hanno presenziato anche il segretario generale della Farnesina Michele Valensise, il responsabile della promozione e degli eventi sportivi Maec, Luigi Maria Vignali, il segretario generale del Coni Roberto Fabbricini, il vice segretario generale Carlo Mornati, il general coordinator di Roma 2024 Claudia Bugno.

“La firma del nuovo Programma di Collaborazione mira – si legge nella nota della Farnesina – ad aggiornare la precedente intesa fra le due Amministrazioni, che risaliva al 1991. Gli eventi sportivi internazionali sono infatti diventati una componente importante per promuovere immagine e obiettivi del Paese e, proprio in tale prospettiva, il nuovo testo del Programma intende disciplinare più ampi settori di mutuo interesse. Naturalmente –prosegue la nota – sono già in corso alcune forme di collaborazione, ad esempio in occasione dei Giochi del Mediterraneo di Merzin (giugno 2013) e dei Giochi Olimpici Invernali di Sochi (febbraio 2014) e per l’attività di promozione all’estero del Giro d’Italia. La conclusione di un nuovo Programma porrà su basi del tutto rinnovate il rapporto con il Coni e garantirà una visione condivisa degli interventi. E’ infatti previsto che Maeci e Coni istituiscano un gruppo di lavoro congiunto, chiamato a riunirsi periodicamente per fare il punto sulle iniziative comuni da intraprendere e monitorarne la successiva realizzazione”.

E “accanto a tale nuova dimensione della collaborazione con il Coni” , la Farnesina intende “proseguire le tradizionali forme di sostegno alle attività sportive in favore delle comunità giovanili italiane all’estero”.

(Inform)

Condividi: