La ripresa è iniziata, ora sostenerla con le riforme

Pubblicato il 26 maggio 2015 da redazione

Il Governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, espone le considerazioni finali

ROMA.- La ripresa è arrivata ed è destinata a consolidarsi nel corso dei prossimi trimestri e bene a fatto il governo a coniugare la politica per la crescita con il rigore nei conti pubblici. Tutto bene però a patto che le tensioni in Grecia non destabilizzino la congiuntura europea (governare la crisi di Atene ”è nell’interesse di tutti”) e tenendo conto che non si può contare solo sulla politica monetaria ed il bazooka di Draghi, il cosiddetto QE per la ripresa.

Ignazio Visco nelle sue quarte Considerazioni Finali, lette con qualche giorno di anticipo rispetto al tradizionale appuntamento del 31 maggio a causa degli impegni internazionali dei governatori e dei ministri finanziari del G7, mostra l’ottimismo confortante dei dati macro, confermati anche dall’Ocse che parla per i primi tre mesi 2015 del risultato migliore degli ultimi due anni, ma invita anche alla realtà delle riforme da portare avanti senza indugi; perché, osserva nelle venti pagine della Relazione, di cose da fare ce ne sono molte. Scuola e pubblica amministrazione sono indietro rispetto agli altri paesi europei, per esempio, e vanno ammodernare, mentre l’innovazione è scarsa e qui la responsabilità cade direttamente sulle imprese.

”Il ritardo, particolarmente ampio rispetto alla Germania – sottolinea il governatore di Bankitalia – è accentuato nei settori industriali a più elevato contenuto tecnologico”. A questo, poi, si aggiunge il fatto che corruzione e criminalità pesano sullo sviluppo. Il numero uno di Via Nazionale raccomanda poi a conclusione del suo intervento di operare prima bene in casa propria al fine di essere meglio ascoltati nel contesto europeo. Nella Commissione, osserva, convivono ”un’anima tecnica” e l’embrione di un governo politicamente responsabile: quindi ”va trovata una sintesi” per lo sviluppo economico del Vecchio Continente, così come un equilibrio, più che un compromesso, è da trovare per governare il mercato e la finanza perché se è vero che ”per legge non si produce ricchezza e non si crea lavoro” ”si può, anzi si deve intervenire dove il mercato incontra i suoi limiti”.

Nel settore finanziario, i fallimenti di queste regole non sono rari: ”vi sono certamente comportamenti scorretti e azioni predatorie”, riconosce senza mezzi termini Visco, per cui il ”governo dell’economia richiede di accompagnare l’evoluzione del mercato senza imbrigliarne la forza”. All’esecutivo Renzi il governatore riconosce di aver agito in modo ”appropriato” per coniugare la spinta alla ripresa con il rigore dei conti pubblici ”in un contesto ancora difficile”; ricorda che il debito pubblico è aumentato di oltre il 32% dall’inizio della crisi ma con la ripresa si dovrebbe intraprendere una strada più virtuosa anche grazie alla riforma delle pensioni (meritoria per aver ancorato i conti pubblici nel momento più difficile della crisi) e del lavoro.

Il giudizio sugli effetti del Jobs Act è ancora “prematuro”, spiega Visco, ma è positivo l’aumento delle assunzioni a tempo indeterminato nei primi mesi del 2015 favorito anche dai consistenti sgravi fiscali. C’è il rischio però che la ripresa economica non basti, soprattutto al Sud, a far crescere l’occupazione come è avvenuto in passato all’uscita di fasi congiunturali sfavorevoli. Un’uscita dal tunnel per la quale serve anche l’impegno di imprese e banche. Le prime attraverso l’innovazione, le seconde garantendo l’accesso al credito, sperando in una soluzione positiva ”e rapida” con la Ue per la creazione della bad bank.

L’erogazione di nuovi prestiti, afferma Bankitalia, può avvenire infatti soltanto gestendo i quasi 200 miliardi di sofferenze, il 10% del complesso dei crediti (era pari al 6% l’incidenza totale delle partite deteriorate nel 2008). Guardando ancor più da vicino all’economia reale Bankitalia, nella Relazione annuale che accompagna le Considerazioni del governatore mette in luce come ”il 90% circa del bonus fiscale sarebbe stato speso e nei primi mesi del 2015 la quota delle famiglie che segnala di arrivare con difficoltà alla fine del mese si sarebbe lievemente attenuata rispetto a un anno prima”.

(di Massimo Ricci/ANSA)

Ultima ora

02:15Germania: Lindner, salta il tavolo ‘Giamaica’

(ANSA) - BERLINO, 20 NOV - Salta il tavolo dei cosiddetti partiti "Giamaica" a Berlino, dove Cdu, Csu, liberali e verdi hanno condotto delle trattative preliminari nelle ultime due settimane, per arrivare alle consultazioni di un possibile governo a quattro. Lo ha reso noto il leader dei liberali Christian Lindner, che ha annunciato di lasciare il tavolo. "Manca la fiducia di base" fra i partiti, detto Lindner, affermando ai cronisti che i liberali non vogliono "piantare in asso" gli elettori, e che, in questa situazione, "è meglio non governare".

01:32Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Risultati dell'ottava giornata del campionato di serie A di basket: Umana Reyer Venezia - The Flexx Pistoia 84-80 (ieri) Vanoli Cremona - Grissin Bon Reggio Emilia 68-71 (ieri) Germani Brescia - Betaland Capo d'Orlando 87-53 Dolomiti Energia Trentino - VL Pesaro 91-74 Happy Casa Brindisi - Segafredo Bologna 79-75 EA7 Emporio Armani Milano - Sidigas Avellino 92-94 Openjobmetis Varese - Banco Sardegna Sassari 61-82 Fiat Torino - Red October Cantù 89-94 - Classifica: Brescia 16; Venezia 14; Milano, Torino e Avellino 12; Sassari e Cantù 8; Varese, Trentino, Bologna, Cremona e Capo d'Orlando 6; Pesaro, Pistoia, Reggio Emilia e Brindisi 4.

00:27Calcio: Inter-Napoli 2-0

(ANSA) - MILANO, 19 NOV - Una doppietta nella ripresa del capitano Icardi, ancora una volta per match winner, regala all'Inter il successo per 2-0 sull'Atalanta nel posticipo domenicale della 13/a giornata. Il successo rilancia la squadra di Luciano Spalletti alle spalle del Napoli, ovvero al secondo posto a -2 dalla capolista (33 punti contro 35).

23:42Trovati corpi madre e figlio, omicidio-suicidio nel Cuneese

(ANSA) - CHERASCO (CUNEO), 19 NOV - I corpi di un uomo di 56 anni e della madre di 84 sono stati trovati, questa sera, in una casa di una frazione di Cherasco, nel Cuneese. Secondo gli investigatori, non vi è dubbio che si è trattato di un caso di omicidio-suicidio. L'uomo ha sparato alla madre con una pistola poi si è puntato la stessa arma alla testa e si è ucciso. Madre e figlio, secondo quanto si è appreso, vivevano insieme. Le due vittime sono Giovanni Abrate, idraulico, e la madre Maddalena Favole. Vivevano in una villetta della frazione Bricco. A scoprire i corpi senza vita è stata la sorella dell'anziana e zia dell'omicida che, non avendo risposta al telefono dai familiari, si è recata nell'abitazione in serata. Le indagini sono condotte dai carabinieri della compagnia di Bra (Cuneo). (ANSA).

22:41Zimbabwe: Mugabe parla in tv ma non si dimette

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Il presidente dello Zimbabwe Robert Mubage in un discorso alla nazione non ha annunciato le sue dimissioni, come invece si prevedeva. Ed ha annunciato che il mese prossimo presiederà il congresso del suo partito. Il presidente dell'associazione dei veterani di guerra in Zimbabwe, Chris Mutsvangwa, ha annunciato che la procedura per l'impeachment nei confronti del presidente Robert Mubage andrà avanti domani.

22:28Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Risultati dell'8/a giornata della Superlega di pallavolo: Diatec Trentino - Taiwan Latina giovedì 23 Azimut Modena - Revivre Milano 3-2 Wixo Piacenza - Kioene Padova 1-3 Gi Group Monza - Lube Civitanova 1-3 Callipo Vibo Valentia - Sir Safety Perugia 0-3 Bunge Ravenna - BCC Castellana Grotte 3-0 Biosì Indexa Sora - Calzedonia Verona 0-3 - Classifica: Perugia 24; Modena e Civitanova 20; Ravenna 17; Piacenza e Padova 13; Verona 12; Milano 9; Vibo Valentia e Latina 8; Trentino 7; Monza 6; Castellana Grotte 4; Sora 1.

22:22Calcio: Ausilio, Pastore? Staremo attenti alle occasioni

(ANSA) - MILANO, 19 NOV - "Pastore? Siamo l'Inter, abbiamo il dovere di dover stare attenti a quei giocatori che possono fare al caso nostro. Il mercato di gennaio non mi fa impazzire, perché le occasioni sono rare". Il direttore sportivo dell'Inter Piero Ausilio, prima della partita contro l'Atalanta a San Siro, non si sbilancia sul futuro dell'attaccante del Psg Javier Pastore che ieri sera ha aperto ad un possibile ritorno in Italia proprio nel mercato di riparazione. "Ci sono ragazzi che lavorano per un'occasione - spiega Ausilio commentando la chance che Spalletti ha concesso a Santon - arriva il momento per tutti, come stasera con Santon e sarà lo stesso per Joao Mario".

Archivio Ultima ora