Giro d’Italia: Contador vola verso Milano, a Gilbert la diciottesima tappa

98th Giro d'Italia: 14th stage, Treviso-Valdobbiadene. Belgian Philippe Gilbert of BMC Team

VERBANIA. – Il secondo trionfo di Philippe Gilbert al 98/o Giro d’Italia di ciclismo, dopo quello sul Monte Berico, nel cielo sopra Vicenza, arriva in un giorno in cui Alberto Contador si cuce addosso, e probabilmente in maniera definitiva, la maglia rosa 2015. A questo punto, alla luce della formidabile prova di forza odierna nella tappa partita dalla Svizzera (Melide) e conclusa sulle sponde del lago Maggiore, solo un clamoroso tracollo priverà lo spagnolo del secondo successo in carriera nella corsa rosa.

Il Giro è tecnicamente (non praticamente) chiuso, la conferma arriverà fra domani e dopodomani, sulle Alpi, dove lo spagnolo è atteso dalla prima vittoria di tappa. La firmerà? Vi rinuncerà, magari provato dalle fatiche dei giorni scorsi? Di certo, questa sua conquista darebbe valore e peso diversi al trionfo di domenica.

Non c’è solo il destino alla base della sempre più probabile affermazione a Milano del corridore della Tinkoff-Saxo, ma soprattutto un rapporto di forze assolutamente incomparabile. Un esempio? Contador ha avuto un incidente meccanico nella discesa dell’Aprica, due giorni fa, Landa e Aru lo hanno attaccato, creando i presupposti per una rivoluzione che, di fatto, non si è mai consumata.

Oggi lo stesso Landa, secondo in classifica, è rimasto coinvolto in una caduta a circa 49 chilometri dal traguardo e Contador ha allungato, facendo però la differenza. Ma soprattutto incrementando il vantaggio in una classifica sempre più sua. Re Contador, il ‘Pistolero’, l’uomo per ogni prova sui pedali, è concentrato, umile e determinato. Evita i proclami e ostenta una sottile forma di diffidenza nei confronti di chi gli predice (chissà che sforzo) una vittoria per certi versi annunciata.

Contador, che ha nel mirino anche il Tour de France, sa anche sapersi gestire, tenendo a freno la voglia di attaccare, la fantasia che mai come quest’anno poche volte è stata al potere. Dopo la lunga fuga in cerca della vittoria, orchestrata da Moinard, Nocentini, Siutsou, De la Cruz, Bongiorno, Gilbert e Chavanel, assimilati gli effetti della caduta di Malacarne, Tiralongo e Landa (in precedenza erano finiti a terra anche Ferrari e Cunego, che si è ritirato con la rottura della clavicola), Contador ha acceso la corsa ai circa 45 km dalla fine della tappa. Lo spagnolo, sulla salita di Monte Ologno, ha cominciato a mettere fra sé e i rivali secondi su secondi. Il vantaggio sarebbe diventato incolmabile.

E se Landa è riuscito a recuperare sul gruppetto di Aru, il sardo non è stato in grado di limitare il distacco da Contador, riprendendosi magari il secondo posto nella generale. A 38 km dal traguardo, alla maglia rosa salta la catena. Poco male: Contador perde pochissimo e nemmeno cambia la bici. Resta sempre attardato di alcuni minuti dal gruppetto dei fuggitivi, fra i quali Bongiorno cerca fortuna, ma che importa? Landa e Aru sono staccati.

Contador avanza, fra lo scetticismo generale (chi glielo fa fare, visto che non può nemmeno aggiudicarsi la tappa?) e riprende Hesjedal che lo aiuterà – per un po’ anche con la collaborazione di Villella – fino al traguardo. Il canadese si rivelerà un prezioso alleato per la maglia rosa. Quasi un passaggio di testimone fra il vincitore del Giro 2012 e quello assai probabile del 2015.

In testa al gruppo parte Philippe Gilbert che, a 19 km e mezzo dal traguardo, fa il vuoto e va a vincere con un’azione degna del suo nome. In queste tappe, il re è lui. Ma il padrone del Giro resta Contador. Oggi più che mai.

(dell’inviato Adolfo Fantaccini/ANSA)

Condividi: