Gelo Lagarde sulla Grecia, per il Fmi cade tabù Grexit

Pubblicato il 28 maggio 2015 da redazione

G7 Meeting of Finance Ministers in Dresden

DRESDA. – L’ipotesi di un’uscita della Grecia dall’euro non è più un tabù neanche per il Fondo monetario internazionale, l’Europa deve agire “subito” per evitare il peggio. E’ Christine Lagarde, numero uno del Fondo monetario internazionale, a lanciare dal G7 un ultimatum-shock sul negoziato: “non siamo degli ingenui”, dice a proposito dei rischi del Grexit, “è un rischio che spero l’Europa non debba mai affrontare” ma “è una possibilità”.

Una ‘bomba’ che costringe Alexis Tsipras, Angela Merkel e Francois Hollande a fare il punto in una conference call di un’ora. E assieme al pressing degli Usa, agli avvertimenti della Bce e alle avvisaglie di rottura a Bruxelles fa piombare la crisi ellenica come un macigno sul vertice del ministri finanziari del G7, sconvolgendo un’agenda dedicata ai grandi scenari globali che avrebbe voluto la Grecia relegata a una discussione sui rischi geopolitici assieme all’Ucraina.

Mentre Jack Lew, il segretario del Tesoro Usa, chiede un compromesso all’Europa e il presidente italiano Sergio Mattarella da Londra si dice “fiducioso”, Lagarde evoca per la prima volta il ‘Grexit’. Tira una stoccata ad Atene (improbabile l’accordo nei prossimi giorni, la scorsa settimana ci siamo “disillusi”) e anche una all’Europa dei creditori (“diano un po’ d’ossigeno” alla Grecia: “se vogliono evitare il default devono agire”.

Quasi una rottura da parte di uno dei tre pilastri della troika, nel giorno in cui anche la Bce avverte dei rischi di contagio, con rialzo sui rendimenti dei partner dell’Eurozona, senza un’intesa rapida. Solo pochi minuti prima, sempre a Dresda, il commissario Ue agli Affari economici Pierre Moscovici aveva detto “abbiamo fatto tre quarti del cammino” verso l’intesa, salvo rimangiarsi la frase dicendo “un accordo è possibile”.

In realtà il Fmi ha scelto bene tempi e modi per una presa di posizione-shock che serve a dare un ultimatum credibile: è disponibile a consolidare i rimborsi attesi da Atene al 19 ma inflessibile sul pagamento, ma soprattutto vuole l’accordo “subito”: non c’è più tempo. E vuole un piano completo e coerente, che dia sostenibilità di lungo termine al debito greco. Vuol dire alzare i target di surplus primario che il premier ellenico Alexis Tsipras sta rinegoziando al ribasso per stimolare la crescita. Oppure rinegoziare una ristrutturazione o un allungamento ulteriore del debito. E il nodo più difficile da sciogliere riguarderebbe le pensioni, dove l’accordo ancora non c’è.

I tecnici dell’Euro Working Group, dopo una conference call durata due ore fra i ministeri delle Finanze dell’Eurozona e definita “nervosa” da chi c’era, concludono che per domenica non ci sarà nessun accordo, come invece auspicato da Atene. Secondo fonti Ue avrebbero avvisato Atene che giovedì prossimo è l’ultimo giorno utile per evitare quello che definiscono lo “scenario peggiore”.

La palla, a meno che la Ue decida di accogliere le richieste per un approccio pragmatico, torna Atene. Dove, fra scioperi dei dipendenti pubblici e ipotesi di amnistia e scudo fiscale, il ministro delle Finanze Yanis Varoufakis torna a chiedere una ristrutturazione del debito, ben sapendo di irritare Berlino (e le altre capitali) in una partita a poker sull’orlo del baratro.

Le borse stanno a guardare, tornando in negativo con gli spread nuovamente in salita (l’Italia a 134).

(dall’inviato Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

10:48Auto: Profeta va all’assalto della Ronde di Sperlonga

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Tradizionale impegno di fine anno per il pilota palermitano Alessio Profeta che, nel prossimo week-end, sarà al via della 9/a Ronde di Sperlonga (Lt). Il ventunenne portacolori della scuderia Island motorsport sarà al volante della Peugeot 208 in configurazione R5, coadiuvato dalla conterranea Jessica Miuccio. L'affiatato equipaggio isolano, già sfortunato protagonista nella Ronde di Gioiosa Marea (Me) di pochi giorni addietro (archiviata anzitempo per l'afflosciamento della gomma anteriore sinistra, dovuto a un brusco 'atterraggio' subito dopo un salto quasi a fine tracciato), punterà a un piazzamento di rilievo, pur consapevole di doversi confrontare con alcuni tra i migliori interpreti nazionali della disciplina. Per Profeta si tratterà della seconda partecipazione consecutiva alla gara laziale, dopo un esordio degno di nota all'edizione 2016, contrassegnato dall'11/a piazza assoluta e, in quell'occasione, per la prima volta alla guida della Ford Fiesta R5. La manifestazione si aprirà sabato 16 dicembre.

10:48Calcio: Copa Sudamericana, vincono argentini Independiente

(ANSA) - SAN PAOLO (BRASILE), 14 DIC - Gli argentini dell'Independiente hanno vinto la Copa Sudamericana, secondo trofeo più prestigioso del Sud America (paragonabile a un'Europa League sudamericana). Un pareggio ieri sera per 1-1 con i brasiliani del Flamengo a Rio de Janeiro ha regalato agli argentini una vittoria per 3-2 nel risultato complessivo e il loro secondo titolo nella competizione. Il titolo riporta un certo orgoglio all'Independiente, dopo che la squadra di Buenos Aires è stata retrocessa nel suo campionato nazionale nel 2013.

10:39Sci: Cortina 2021, siglati protocolli antimafia

(ANSA) - BELLUNO, 14 DIC - Una 'lente d'ingrandimento' sulle vicende societarie delle imprese esecutrici e un controllo coordinato dei cantieri: sono gli strumenti principali previsti nelle due intese sottoscritte in Prefettura a Belluno per prevenire le infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti legati all'organizzazione dei Mondiali di sci alpino di Cortina nel 2021. Il progetto è articolato su due accordi che consentiranno di rendere più efficace la prevenzione da indebite ingerenze della criminalità organizzata nell'esecuzione delle opere pubbliche. Il primo consentirà di disporre di un quadro informativo completo sulle ditte appaltatrici, il secondo di prevenire tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nelle opere rientranti nel "Piano straordinario per l'accessibilità a Cortina 2021".

10:24Gerusalemme: fonti, rinviata visita Mike Pence

(ANSAmed) - TEL AVIV, 14 DIC - La visita dal 17 al 19 dicembre del vicepresidente Usa Mike Pence in Israele e nella regione è stata rinviata "di qualche giorno". Lo afferma una fonte a Gerusalemme secondo cui la decisione è legata all'esigenza della presenza di Pence al Congresso Usa. La visita - secondo la stessa fonte - è stata riprogrammata per la metà della prossima settimana.

10:01Tunisia: disordini ieri sera nella capitale

(ANSAmed) - TUNISI, 14 DIC - E' tornata la calma nel quartiere popolare del Kram di Tunisi, dopo gli scontri ieri sera tra forze dell'ordine e un gruppo di giovani sceso in strada per protestare contro il trattamento brutale, secondo alcuni testimoni, riservato dalla polizia a un pescivendolo del quartiere. Dopo l'uso di gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti la situazione è tornata alla normalità, riferiscono i media locali.

10:00Giappone: indennizzo governo a operaio Fukushima

(ANSA) - TOKYO, 14 DIC - Il ministero del Lavoro giapponese ha certificato il diritto all'indennizzo delle spese mediche per un ex operaio della centrale nucleare di Fukushima, ammalatosi di leucemia dopo un'eccessiva esposizione alle radiazioni. Secondo il canale pubblico Nhk, l'uomo, poco più che quarantenne, ha lavorato 19 anni per la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto che ha subito le maggiori conseguenze dello tsunami e la successiva dispersione delle radiazioni. L'operaio è stato esposto a 99,3 millisieverts di radiazioni; un valore che secondo il ministero della Salute nipponico può causare la leucemia. Si tratta della quarta persona in Giappone a vedere riconosciuti i propri diritti ad un rimborso, dopo aver certificato lo sviluppo della leucemia e il cancro alla tiroide, come conseguenza delle condizioni di lavoro. Dalla catastrofe di Fukushima circa 56.000 persone sono state impiegate per i lavori di smantellamento dell'impianto fino al maggio di quest'anno.

09:59Somalia: kamikaze contro polizia, almeno 10 morti

(ANSA) - MOGADISCIO, 14 DIC - E' di almeno 10 morti il bilancio di un attacco contro una accademia di polizia a Mogadiscio. Un attentatore suicida si è infiltrato tra gli agenti, facendosi esplodere durante l'addestramento del mattino.

Archivio Ultima ora