Addio Benitez: “Il mio ciclo a Napoli è terminato”

Pubblicato il 28 maggio 2015 da redazione

Calcio: De Laurentiis, l'allenatore? Uno che sposi le mie idee

NAPOLI. – ”Come tutti sapete, avevo due anni di contratto che finisce dopo la gara con la Lazio. Ringrazio il presidente, i tifosi e l’ambiente. Finisce il mio ciclo a Napoli. Voglio dire addio con una vittoria lasciando il Napoli al terzo posto valido per la Champions”. E’ un Rafa Benitez molto serio e abbastanza teso quello che saluta il Napoli e i tifosi e si appresta ad andar via. Lo aspetta il Real Madrid, ma in conferenza stampa, per sua espressa richiesta, è vietato parlare del suo futuro.

Un giornalista spagnolo cerca di aggirare il divieto e gli chiede della prospettiva di guidare le merengues. Benitez svicola: ”Ho tanta esperienza, ma mi sento giovane. Anche la decisione sul mio futuro è legata alla famiglia. Vi chiedo di lasciarmi tranquillo, poi parleremo del futuro. Contento di lasciare Napoli non lo sono, una città bellissima dove il palazzo Reale è uguale a quello di Madrid. Ho famiglia a Liverpool, a Napoli e in altri luoghi. Al futuro penserò, ora sono concentrato sulla gara di domenica”.

L’allenatore spiega i motivi del distacco. ”E’ sempre triste lasciare un posto dove la gente ti tratta molto bene, nel quale ti senti coinvolto con la città, con i tifosi. Però io sono lontano dalla mia famiglia da due anni e questo aspetto è stato quello che mi ha sempre fatto riflettere ed alla fine è stato decisivo. Ho parlato con mia moglie ho provato anche a convincerla, ma alla fine la famiglia è la cosa più importante. Lo abbiamo detto al presidente il quale ha capito che non era una decisione facile da prendere, ma lui doveva guardare avanti. A me non resta che fare tutto quanto è possibile per finire bene questa stagione, provare a vincere fino alla fine ed ottenere il terzo posto e la qualificazione al turno preliminare di Champions League. Era chiaro che il ciclo è finito e che De Laurentiis debba fare qualcosa per il suo futuro”.

Per Napoli e per il Napoli si è battuto fino alla fine. ”Ho fatto una guerra che ancora non capisco per i cori contro i napoletani. Per fare tutto questo ho pagato anche io, ma sono contento di averlo fatto”. Se ne va con pochi rimpianti. ”Il mio rimpianto è la gara con il Dnipro. Abbiamo fatto tanti gol, ma abbiamo vinto anche due trofei. La lotta per il terzo posto è ancora viva, sono adatto al calcio italiano. In Spagna mi definiscono difensivista ma fra Chelsea, Liverpool e Napoli ho sempre superato le cento reti. In Italia c’è chi dice che non sono adatto, ma con l’aiuto di altre persone ho vinto due titoli in due anni”.

Se tornasse indietro cambierebbe qualcosa, ma non molto. ”E’ più facile vedere da fuori le cose, ma qualche errore lo abbiamo fatto. Non è facile mantenere l’intensità e la qualità di una squadra, ma un passo avanti lo abbiamo fatto, arrivando in fondo a tre competizioni. Il prossimo anno ci sarà crescita nel Napoli, sono certo”.

”La squadra – conclude – può raggiungere il terzo posto, nonostante i tanti errori che abbiamo commesso. Con la Lazio possiamo vincere, possiamo anche fare il record di gol. Qualche decisione ci ha penalizzato, avremmo potuto andare più avanti sia in Europa League che in campionato”.

Ultima ora

10:18Gerusalemme: Netanyahu, per pace riconoscere realtà

(ANSA) - BRUXELLES, 11 DIC - "Quanto il presidente Trump ha fatto è mettere i fatti sul tavolo per quello che sono. La pace è basata sul riconoscimento della realtà. E che Gerusalemme sia la capitale è evidente per tutti". Così il premier israeliano Benjamin Netanyahu arrivando al consiglio affari esteri europeo, invita a dare "una possibilità alla pace" col tentativo dell'amministrazione Usa. "E' tempo che i palestinesi riconoscano che lo stato ebraico e che Gerusalemme è la sua capitale".

09:49Venezuela: Maduro vince comunali, ma senza opposizione

(ANSA) - CARACAS, 11 DIC - Il partito socialista di Nicolas Maduro ha stravinto alle elezioni municipali nella maggior parte delle città del paese, anche se sul voto ha pesato il boicottaggio di quasi tutta l'opposizione. Lo stesso capo dello stato, durante un comizio in cui ha annunciato il suo trionfo, ha avvertito che "i partiti che non hanno partecipato al voto non potranno farlo più e scompariranno dalla mappa politica". Quindi di fatto li ha estromessi dalle presidenziali del prossimo anno.

09:41Birmania:stupri su donne Rohingya metodici, indagine

(ANSA) - UKHIA (BANGLADESH), 11 DIC - Gli stupri di donne Rohingya da parte dell'esercito birmano sono stati radicali e metodici. Lo rivela un'indagine condotta dall'Associated Press intervistando 29 tra donne e ragazze fuggite nel vicino Bangladesh. Le vittime delle violenze sessuali hanno tra i 13 e i 35 anni.

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

Archivio Ultima ora