Roberta Ragusa: motivazioni Gip, non c’è prova omicidio

(ANSA) – PISA, 29 MAG – Le risultanze processuali “non consentono di ritenere raggiunta la prova dell’effettiva verificazione dell’omicidio”. E’ quanto si legge nelle motivazioni, depositate oggi, della sentenza con cui il gip di Pisa il 6 marzo scorso ha prosciolto Antonio Logli, marito di Roberta Ragusa, la donna scomparsa dal 13 gennaio 2012, da San Giuliano terme (Pisa) dall’accusa di aver ucciso la moglie e di averne distrutto il cadavere. Per il gip quelle contro il marito sarebbero “testimonianze deficitarie”.

Condividi: