Regionali: finisce 5 a 2. Il Pd frena ma rivendica la vittoria

Pubblicato il 01 giugno 2015 da redazione

Un momento delle elezioni regionali in un seggio elettorale

ROMA. – Un risultato a due facce, un 5 a 2 che certifica una nuova vittoria elettorale ma non ha certo il sapore del trionfo: il Pd di Matteo Renzi supera il giro di boa delle Regionali con qualche problema interno in più ed un’emorragia di voti che, rispetto alle Europee dei record, tocca i 2 milioni.

Ma i vertici Dem rivendicano una vittoria che, sommata alle ultime Regionali, consegna alla leadership renziana 10 Regioni su 12 mentre il premier, che all’indomani del voto vola dai militari italiani in Afghanistan senza partecipare alla conferenza stampa organizzata dal partito, ostenta comunque sicurezza parlando tramite una nota: “Risultato molto positivo, andiamo avanti con ancora maggiore determinazione”.

Una determinazione che, tuttavia, dovrà vedersela con un’opposizione più forte: quella del M5S, che si conferma seconda forza, e quella della Lega, catalizzatore di voti in un centrodestra che ribadisce le difficoltà di una FI lacerata dalle divisioni.

Enrico Rossi in Toscana, Luca Ceriscioli nelle Marche, Michele Emiliano in Puglia danno al Pd le vittorie più nette mentre fatica, in Umbria, Catiuscia Marini che solo al fotofinish supera (con un distacco di 3,5 punti) Claudio Ricci, sostenuto da tutto il centrodestra. Fronte unito, nei moderati, anche per quel Giovanni Toti che spicca come vera sorpresa delle Regionali, in una Liguria segnata dalla scissione a sinistra di Luca Pastorino e dove, con la sconfitta di Raffaella Paita, i livori post-voto nel Pd superano il livello di guardia.

Nettissimo, in Veneto, il trionfo del leghista Luca Zaia che doppia Alessandra Moretti e oltrepassa indenne la scissione di Flavio Tosi. Mentre in Campania Vincenzo De Luca supera Stefano Caldoro, rivelandosi più forte della ‘black list’ dell’Antimafia e della spada di Damocle della sospensione prevista dalla legge Severino.

Generale, invece, è la crescita dell’astensionismo: alle urne, domenica, si è recato un italiano su due: il 53,9%, dieci punti in meno rispetto alle Regionali del 2010. Dati sul quale anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella invita ad una riflessione: “Le discussioni, la dialettica anche acuta, sono preziose, ma le liti esasperate contribuiscono a creare sfiducia e allontanano la partecipazione dei cittadini”.

E generale è anche la perdita di consenso nel Pd: lontano il 40,8% delle Europee per un partito che, con il 25,2%, non arriva neppure ai livelli bersaniani del 2010 (25,7%). Ma al Nazareno, i vertici dem fanno squillare le trombe del trionfo. “E’ una vittoria chiara e netta. Il M5S è irrilevante”, evidenzia la vicesegretaria Debora Serracchiani mentre il presidente del Pd, Matteo Orfini, non nasconde “l’amarezza” per l’esito ligure e per una “sinistra irresponsabile”.

E la richiesta di un riflessione, alla luce del voto, tra i Dem arriva da più parti: lunedì prossimo una direzione ad hoc affronterà il tema mentre Renzi ribadisce di voler tirar dritto anche “nel processo di rinnovamento del partito”.

Toni trionfalistici arrivano anche dall’unica formazione in crescita di consensi, la Lega. “Renzi, stiamo arrivando”, tuona Matteo Salvini proponendosi come “unica alternativa” al premier, lanciandogli la sfida “a livello nazionale” e certificando la sua Opa nel centrodestra: “Berlusconi i numeri li sa leggere”. Ma Salvini, è la replica che arriva da FI, non potrà catturare tutto il fronte moderato senza l’apporto di Silvio Berlusconi e degli azzurri.

Un accordo, insomma, si rende necessario anche se difficilmente potrà comprendere quell’Area Popolare che, nelle ore del post-voto, chiede al suo alleato di governo di cambiare l’Italicum, aprendo alle coalizioni. Anche perché, con questa legge elettorale, sarebbe il M5S a contendersi il primato, al secondo turno, con il Pd.

Secondo partito in Liguria, Puglia, Marche e Umbria, i 5 Stelle riducono il proprio consenso rispetto alle Europee ma, sostanzialmente, si confermano come primo avversario di Renzi. E Beppe Grillo esulta: “Il prossimo ringraziamento sarà alle politiche. Un giorno del ringraziamento con il tacchino del Pd nel forno”.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

19:47Usa: Hillary Clinton in copertina Ny Magazine,via resistenza

(ANSA) - NEW YORK, 27 MAG - Offensiva mediatica di Hillary Clinton, che conferma di essere parte della ''resistenza'' dopo la bruciante sconfitta. Dopo l'intervento al suo alma mater Wellesley College, trasmesso in diretta dalle maggiori reti televisive, l'ex candidata alla Casa Bianca conquista la prima pagina del New York Magazine, che ricostruisce la ''surreale vita post-elettorale'' della donna che sarebbe potuta essere presidente, fra rabbia, rassegnazione, divertimento e preoccupazione. Nell'intervista Hillary Clinton ricorda la delusione, l'incredulità per quanto stava accadendo. E si sofferma anche sui temi d'attualità, quali il licenziamento di James Comey a capo dell'Fbi. Dopo essere sparita dalla scena pubblica, Hillary sembra ora ritornarci di prepotenza, come solo poche settimane fa aveva lasciato intravedere dicendo di esser parte della 'resistenza'.

19:39Pallavolo: donne, Italia-Olanda 3-1

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - La nazionale italiana di pallavolo femminile si prende la rivincita e dopo una lunga serie negativa riesce a superare 3-1 l'Olanda (17-25 25-18 25-13 25-20) seppur in amichevole. Prima vittoria di Davide Mazzanti sulla panchina azzurra, prima vittoria stagionale e primi sorrisi. Il ct azzurro ha schierato lo stesso sestetto della gara di Apeldoorn (persa con l'identico punteggio di 3-1) ma la scintilla che ha cambiato il volto alla gara è stato l'ingresso in battuta di Sara Loda nel secondo set con l'Italia in difficoltà ed in svantaggio 14-16. Il suo turno con due aces rilancia il gioco e il morale delle italiane che una volta avanti 19-17 giocano più tranquille e in maniera convincente. Se nella prima parte della gara l'Italia è stata molto fallosa, nella seconda ha fatto vedere di avere tante armi. In attacco con Egonu, Bonifacio e Folie, ma anche con le due sorelle Bosetti che sono uscite dal loro guscio nel momento che serviva. Bene De Gennaro e la regista Malinov.

19:27Calcio: Mondiali Under 20, Italia agli ottavi

(ANSA) - CHEONAN (COREA DEL SUD), 27 MAG - Italia e Giappone hanno pareggiato 2-2 in una partita della terza giornata della fase a gironi dei Mondiali under 20. Il risultato qualifica entrambe le nazionali alla fase ad eliminazione diretta. E' successo quindi quanto ipotizzato alla vigilia: un pareggio bastava per passare agli ottavi, e questo è accaduto, con due reti per parte, risultato che permette di passare anche ai giapponesi, come una delle migliori terze. Per l'Italia del ct Evani la partenza era stata fulminante, con il doppio vantaggio con Orsolini e Panico in appena 7', ma la squadra azzurra, paga del risultato, ha poi tirato i remi in barca e il Giappone, con una doppietta di uno scatenato Doan, miglior uomo in campo, ha raggiunto quel pareggio che gli serviva. Negli ottavi agli azzurri toccherà la prima del gruppo E: lo scontro diretto di domani tra Francia e Nuova Zelanda, rispettivamente prima a 6 punti e seconda a 4, deciderà quale sarà l'avversaria dell'Italia giovedì 1 giugno.

19:18Calcio: Watford, Marco Silva nuovo tecnico

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Panchina ancora straniera per il Watford che, per il dopo Walter Mazzarri, ha scelto il portoghese Marco Silva, a sua volta in partenza dall'Hull, dov'era approdato a gennaio senza però riuscire ad evitare la retrocessione in Championship, la seconda divisione inglese. Il 39enne allenatore, precisa il club sul suo sito internet, ha firmato un contratto di due anni. Nel suo palmares, fra l'altro, c'è uno scudetto in Grecia con l'Olympiacos, vinto nel 2016 con sei giornate d'anticipo.

19:07Calcio: Pallotta, per Totti inizia nuova era

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - "Non ci sarà mai un altro Totti". Si chiude così la lunga lettera pubblicata da James Pallotta sul sito della Roma. Il presidente, che sbarcherà domattina nella Capitale, scrive che "sarà per me un privilegio poter essere all'Olimpico per assistere alla fine del primo volume di una carriera leggendaria. Era ed è il simbolo di Roma. Ci sarò per assistere all'ultima partita di Francesco con la maglia giallorossa. È la fine di un capitolo della sua vita e l'inizio di una nuova era". "Se sarò domani allo stadio? Certo che ci sarò, con Totti sono amico e ci vogliamo molto bene. Sarà una partita tra Roma e Genoa ed è importante per la Roma per ottenere la qualificazione in Champions League. Ma è chiaro che domani è un appuntamento che va oltre un discorso della singola squadra". Lo ha detto il presidente del Coni Giovanni Malagò, intercettato dai cronisti all'85/o Csio di Piazza di Siena a Roma.

19:02Calcio: azzurri, c’è anche Romagnoli

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - C'è anche Alessio Romagnoli nel gruppo della nazionale di Gian Piero Ventura attesa dalla doppia sfida con Uruguay e Liechtenstein. La Figc ha infatti reso noto che è stato chiamato anche il difensore del Milan: gli azzurri convocati sono così 27.

18:55‘Mare Liberum’ Catania, studenti parlano dei temi del G7

(ANSA) - CATANIA, 27 MAG - C'è un altro G7 a pochi chilometri da Taormina. E' quello dei ragazzi, oltre mille studenti che sono arrivati a Catania per parlare di migranti, di legalità,di clima, di sviluppo sostenibile, di religione. Studenti che ascoltano e interrogano altri potenti della terra come l'ex Presidente della Commissione Europea Romano Prodi o l'ex Segretario generale della Nato Javier Solana. E' questa la prima edizione del Festival di Geopolitica 'Mare Liberum', organizzato da Diplomatici e dalla rivista Eastwest. Giuseppe Ayala ha detto che "oltre alla formazione scolastica è necessaria la consapevolezza di essere cittadini" e questo deve passare "attraverso il recupero di un corretto concetto di democrazia diretta, che non si sostanzia nell'attuale corsa al click sul computer". Durante l'incontro si è parlato delle sfide per l'economia e delle strategie europee per lo sviluppo sostenibile con Enrico Giovannini e del rapporto tra attualità, cooperazione e sviluppo con Piero Fassino.

Archivio Ultima ora