Regionali: finisce 5 a 2. Il Pd frena ma rivendica la vittoria

Pubblicato il 01 giugno 2015 da redazione

Un momento delle elezioni regionali in un seggio elettorale

ROMA. – Un risultato a due facce, un 5 a 2 che certifica una nuova vittoria elettorale ma non ha certo il sapore del trionfo: il Pd di Matteo Renzi supera il giro di boa delle Regionali con qualche problema interno in più ed un’emorragia di voti che, rispetto alle Europee dei record, tocca i 2 milioni.

Ma i vertici Dem rivendicano una vittoria che, sommata alle ultime Regionali, consegna alla leadership renziana 10 Regioni su 12 mentre il premier, che all’indomani del voto vola dai militari italiani in Afghanistan senza partecipare alla conferenza stampa organizzata dal partito, ostenta comunque sicurezza parlando tramite una nota: “Risultato molto positivo, andiamo avanti con ancora maggiore determinazione”.

Una determinazione che, tuttavia, dovrà vedersela con un’opposizione più forte: quella del M5S, che si conferma seconda forza, e quella della Lega, catalizzatore di voti in un centrodestra che ribadisce le difficoltà di una FI lacerata dalle divisioni.

Enrico Rossi in Toscana, Luca Ceriscioli nelle Marche, Michele Emiliano in Puglia danno al Pd le vittorie più nette mentre fatica, in Umbria, Catiuscia Marini che solo al fotofinish supera (con un distacco di 3,5 punti) Claudio Ricci, sostenuto da tutto il centrodestra. Fronte unito, nei moderati, anche per quel Giovanni Toti che spicca come vera sorpresa delle Regionali, in una Liguria segnata dalla scissione a sinistra di Luca Pastorino e dove, con la sconfitta di Raffaella Paita, i livori post-voto nel Pd superano il livello di guardia.

Nettissimo, in Veneto, il trionfo del leghista Luca Zaia che doppia Alessandra Moretti e oltrepassa indenne la scissione di Flavio Tosi. Mentre in Campania Vincenzo De Luca supera Stefano Caldoro, rivelandosi più forte della ‘black list’ dell’Antimafia e della spada di Damocle della sospensione prevista dalla legge Severino.

Generale, invece, è la crescita dell’astensionismo: alle urne, domenica, si è recato un italiano su due: il 53,9%, dieci punti in meno rispetto alle Regionali del 2010. Dati sul quale anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella invita ad una riflessione: “Le discussioni, la dialettica anche acuta, sono preziose, ma le liti esasperate contribuiscono a creare sfiducia e allontanano la partecipazione dei cittadini”.

E generale è anche la perdita di consenso nel Pd: lontano il 40,8% delle Europee per un partito che, con il 25,2%, non arriva neppure ai livelli bersaniani del 2010 (25,7%). Ma al Nazareno, i vertici dem fanno squillare le trombe del trionfo. “E’ una vittoria chiara e netta. Il M5S è irrilevante”, evidenzia la vicesegretaria Debora Serracchiani mentre il presidente del Pd, Matteo Orfini, non nasconde “l’amarezza” per l’esito ligure e per una “sinistra irresponsabile”.

E la richiesta di un riflessione, alla luce del voto, tra i Dem arriva da più parti: lunedì prossimo una direzione ad hoc affronterà il tema mentre Renzi ribadisce di voler tirar dritto anche “nel processo di rinnovamento del partito”.

Toni trionfalistici arrivano anche dall’unica formazione in crescita di consensi, la Lega. “Renzi, stiamo arrivando”, tuona Matteo Salvini proponendosi come “unica alternativa” al premier, lanciandogli la sfida “a livello nazionale” e certificando la sua Opa nel centrodestra: “Berlusconi i numeri li sa leggere”. Ma Salvini, è la replica che arriva da FI, non potrà catturare tutto il fronte moderato senza l’apporto di Silvio Berlusconi e degli azzurri.

Un accordo, insomma, si rende necessario anche se difficilmente potrà comprendere quell’Area Popolare che, nelle ore del post-voto, chiede al suo alleato di governo di cambiare l’Italicum, aprendo alle coalizioni. Anche perché, con questa legge elettorale, sarebbe il M5S a contendersi il primato, al secondo turno, con il Pd.

Secondo partito in Liguria, Puglia, Marche e Umbria, i 5 Stelle riducono il proprio consenso rispetto alle Europee ma, sostanzialmente, si confermano come primo avversario di Renzi. E Beppe Grillo esulta: “Il prossimo ringraziamento sarà alle politiche. Un giorno del ringraziamento con il tacchino del Pd nel forno”.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

01:14Lasseter, capo Pixar, ammette molestie

(ANSA) - NEW YORK, 21 NOV - John Lasseter, il capo creative della Pixar e degli studi di animazione di Disney, si è messo in aspettativa citando una serie di "passi falsi" da lui compiuti. In un memo allo staff, l'executive che ha costruito i Pixar Animation Studios e resuscitato il business dei cartoni animati Disney, ha spiegato che la decisione è stata presa dopo una serie di "conversazioni difficili". L'aspettativa di Lasseter arriva sulla scia dello scandalo delle molestie sessuali scoppiato con le accuse al capo della Miramax, Harvey Weinstein.

01:09Champions: Mertens, qualificazione agli ottavi è possibile

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "Insigne ha fatto un grande gol, un gol che ci voleva in una partita come questa e che ci ha sbloccato. Noi alla qualificazione ci crediamo: il City può passare il turno a punteggio pieno, per loro può essere una motivazione, e noi abbiamo le qualità per vincere in Olanda. Sono contento della prestazione della squadra, abbiamo fatto vedere che ci teniamo anche alla Champions". Così Dries Mertens dopo il successo per 3-0 sullo Shakhtar, nel quale il belga è stato l'autore della terza rete.

00:54Champions: Sarri, dimostrato che teniamo al torneo

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "La prestazione è stata buona, anche se abbiamo fatto 30-35 minuti in difficoltà per via del palleggio dei nostri avversari. Nel secondo tempo, quando siamo riusciti a sporcargli le uscite dalla difesa, siamo cresciuti. Mi fa piacere la prestazione e mi fa piacere aver dimostrato che ci teniamo alla Coppa, ma il nostro destino non è nelle nostre mani e ci dispiace: dobbiamo andare a vincere in Olanda e sperare in un risultato favorevole del City". Maurizio Sarri è soddisfatto della prestazione del suo Napoli, ma rammaricato sapendo che anche il successo in casa del Feyenoord potrebbe non bastare per raggiungere gli ottavi di Champions. Insigne ha avuto il grande merito di sbloccare una partita difficile contro un ottimo Shakhtar: "E' un giocatore di livello internazionale - gli riconosce Sarri nel dopo partita - Uno di quelli che vanno tenuti fuori delle rotazioni: a volte una ventina di minuti di riposo glieli concedo, ma ammetto che faccio fatica".

00:40Champions: Insigne, continuiamo a crederci

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "Sapevamo che era importante fare risultato, ce l'abbiamo messa tutta e ne è valsa la pena: i sacrifici vengono ripagati. Continuiamo a crederci: non dipende solo da noi, ma l'importante è che cominciamo a vincere in Olanda, poi vedremo se il City batterà lo Shakhtar. Sappiamo che è difficile, ma noi dobbiamo fare il nostro". Lorenzo Insigne si mostra fiducioso dopo il largo successo sullo Shakhtar che lascia aperte le speranze di qualificazione agli ottavi. "Problemi al ginocchio? Un leggero fastidio, ma non sono mai stato in dubbio - ha aggiunto Insigne, uscito prima della fine - Gli elogi di Sarri fanno piacere: dal primo giorno che è arrivato mi ha dato fiducia e io cerco solo di ricambiarla con i gol e gli assist".

00:36Libano: Hariri è tornato a Beirut

(ANSA)- BEIRUT, 21 NOV - Il premier libanese Saad Hariri è tornato stasera a Beirut, due settimane dopo l'annuncio di dimissioni dato mentre si trovava in Arabia Saudita. Hariri aveva lasciato Riad sabato scorso con destinazione Parigi, ed ha fatto ritorno in patria passando prima dall'Egitto, quindi a Cipro, dove stasera ha visto il presidente Nicos Anastasiades. Il premier dimissionario è giunto a Beirut con un jet privato. Fino a due settimane fa Hariri era a capo di un governo di coalizione con i suoi oppositori interni, Hezbollah. Il suo annuncio di dimissioni del 4 novembre, fatto alla tv da Riad, aveva scioccato il Libano. Nel messaggio accusava Hezbollah di tenere in ostaggio il Paese, lasciando intendere che ci fossero pericoli per la sua vita.

00:23Champions: il Napoli ci crede, 3-0 allo Shakhtar

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Il Napoli tiene viva la speranza di qualificazione agli ottavi di Champions grazie ad una partita superlativa contro lo Shakhtar Donetsk. Al San Paolo finisce 3-0 per la formazione di mister Sarri, con tutti i gol nella ripresa. A sbloccare il risultato è Lorenzo Insigne, al 10' con un gol capolavoro. L'attaccante si accentra e fa partire un tiro a giro che si insacca sotto l'incrocio dei pali, imprendibile per Pyatov. L'1-0 sarebbe già un buon risultato, ma serve la seconda rete per portarsi in vantaggio negli scontri diretti con gli ucraini, che in casa propria avevano vinto 2-1. Quando lo Shakhtar resta in 10 il Napoli dilaga con le reti di Zielinski e Mertens. Nell'altro incontro del girone il Manchester City, già qualificato, ha battuto gli olandesi del Feyenoord 1-0. Nella sesta ed ultima giornata per continuare il suo viaggio in Europa il Napoli deve andare a vincere in Olanda e confidare che il City espugni il campo dello Shakhtar.

22:39Cc morto in incidente, condanna camionista parcheggiato male

(ANSA) - PIACENZA, 21 NOV - E' stato condannato in Tribunale a due anni e sei mesi di reclusione il camionista moldavo coinvolto nell'incidente stradale che nel settembre 2014 costò la vita a un appuntato dei carabinieri di Piacenza, Luca Di Pietra, alla guida di una gazzella che si schiantò contro un Tir posteggiato lungo una curva a Castel San Giovanni. Nell'incidente rimase gravemente ferito il collega che era sulla gazzella con lui, l'appuntato scelto Massimo Banci. Il giudice ha accolto la richiesta di condanna avanzata dal pubblico ministero, disponendo anche una provvisionale di 225mila euro da suddividere tra la vedova e i figli del carabiniere morto, i suoi parenti e il collega sopravvissuto. Il legale dell'imputato, Marco Malvicini del Foro di Piacenza, aveva chiesto l'assoluzione dell'autista sostenendo che la posizione del mezzo pesante fosse stata ininfluente, e che l'auto dei carabinieri sarebbe comunque finita fuori strada a causa della velocità sostenuta. E ha annunciato ricorso in Corte d'appello. (ANSA).

Archivio Ultima ora