… e il dollaro divora il bolívar

Pubblicato il 02 giugno 2015 da Mauro Bafile

VENEZUELA-Ca-da-en-el-precio-del-oro-aumenta-presi-n-sobre-reservas-internacionalesL’argomento, è facilmente intuibile per il clima politico che vive il Venezuela, ha destato tanto interesse. Non solo. E’ stato anche motivo di preoccupazione e tema di analisi. Oggi, chiusa la parentesi delle primarie dell’Opposizione e lasciata alle spalle la visita degli ex presidenti Pastrana e Quiroga, l’attenzione torna irrimediabilmente sulla crisi. Non sulla guerra economica né sul “nemico straniero” ai quali fanno riferimento a turno il presidente Maduro, i membri del governo, i deputati filo-governativi o gli esponenti dello Psuv, ogni qualvolta ne hanno l’occasione; ma sulla svalutazione accelerata del bolívar. La scorsa settimana è stato forato il tetto dei 400 bolívares per un dollaro nel mercato nero; una soglia, devastante a livello psicologico, che appena qualche mese fa pareva impossibile. Il divario tra il costo del dollaro nel “mercato parallelo” e quello nel “mercato ufficiale” stabilito dal controllo dei cambi è sempre più grande. Se, come si teme, la tendenza dovesse confermarsi nelle prossime settimane è assai probabile che alla fine i pronostici dei “profeti del disastro” si trasformeranno in realtà. E a dicembre per acquistare un dollaro si dovranno pagare mille bolìvares se non di più. In altre parole, la valuta nordamericana sta mangiando il bolívar; anzi, sbranando la nostra moneta.
Il governo ha accusato il sito “Dolar Today”, reo di aver reso noto il costo del dollaro nel mercato nero, di complicità con una presunta cospirazione straniera. Una volta ancora si attacca l’effetto ma non la causa. Non dubitiamo che possano esistere interessi esterni che scommettono sulla “débâcle” economica del Paese. Come afferma un vecchio e saggio proverbio venezolano “siempre hay quien pesca en río revuelto”. Ma la verità è che all’origine della crisi vi sono anche tante decisioni errate e provvedimenti inconsueti.
Il Venezuela, negli ultimi dieci anni, ha ottenuto circa 10 mila miliardi di dollari dalla vendita del greggio. E’ questa una cifra da capogiro che ha permesso all’economia di crescere e al governo di creare quegli ammortizzatori sociali di cui il Paese aveva bisogno. Ma oggi le circostanze sono avverse. Il calo dei prezzi del barile di petrolio – circa 49 per cento meno se lo si paragona con il primo quadrimestre dello scorso anno – ha fatto emergere tutte le debolezze di un modello di sviluppo ormai logoro e con severe deformazioni.
E’ evidente la necessità di un colpo di timone. Ma risulta chiaro che, alla vigilia di un’importante sfida elettorale come le prossime parlamentarie, questo non sarà possibile. Obiettivamente sarebbe un suicidio politico. Tutto è quindi rimandato al prossimo anno, a quando gli elettori si saranno pronunciati depositando il proprio voto e la geografia politica del Parlamento avrà il suo nuovo assetto; assetto che inciderà sul futuro del Paese.
Nel frattempo la crisi economica morde. Ne sono dimostrazione la recessione, l’inflazione, la mancanza di prodotti e la svalutazione. Tutti gli organismi internazionali, chi più chi meno, coincidono nell’affermare che il Prodotto Interno Lordo del Paese, alla fine dell’anno, registrerà una contrazione del 6 o 7 per cento. Certamente si avrà un calo del Pil oltre ogni aspettativa e comunque superiore a quello già rilevato negli anni scorsi. L’inflazione, dal canto suo, sarà di oltre il 100 per cento. Sul tema la Banca Centrale, l’organismo che mensilmente dovrebbe informare sul costo della vita, non si è pronunciato ancora. E non l’ha fatto fin dall’inizio dell’anno. Ma economisti ed esperti in materia stimano che l’inflazione quest’anno non sarà inferiore al 150 per cento. E c’è anche chi sostiene che potrebbe essere superiore. A volte, per spronare l’economia e incoraggiare la produzione si stimola l’inflazione. Questa, quindi, nei parametri compatibili con lo sviluppo economico non è il “demonio” che molti immaginano. In Venezuela, invece, si è trasformata in un’imposta che castiga particolarmente chi meno ha. E a essa deve sommarsi la mancanza di prodotti che ha obbligato il governo a imporre il razionamento. Nonostante tutto, le file alle porte dei supermarket e dei generi alimentari crescono e sono già parte del panorama metropolitano. La città si sveglia con le file di consumatori in cerca di prodotti e medicine e si addormenta con esse.
Fiducia. Pare sia questa la parola “chiave”, oggi, per capire il fenomeno che sta conducendo al progressivo deprezzamento della moneta. La svalutazione del bolívar è il riflesso naturale del deterioramento dell’economia. Quando si perde la fiducia nella capacità di ripresa del Paese, nasce un’insaziabile fame di valuta pregiata.
La banca d’investimenti con sede a New York, Jefferies Group, in un suo rapporto recente ritiene che in Venezuela vi sia una “profonda crisi di fiducia”. E sostiene che anche in assenza di indici economici è evidente che si è alla presenza di una crisi economica assai profonda. Sempre stando alla banca d’investimenti ne sono riprova la svalutazione della moneta e il divario netto tra il “mercato nero” della valuta e quello controllato dalle autorità monetarie.
Luis Vicente Leòn, direttore di Datanálisis, coincide con questa percezione della realtà venezuelana. Sostiene che il costo del dollaro è in netto aumento perché non vi è alcuna fiducia nelle politiche delle autorità competenti. In conseguenza, i venezuelani cercano rifugio nella valuta pregiata. Questa ricerca di dollari e di euro, inoltre, riflette gli umori del consumatore e la percezione che ha della realtà quotidiana. Soprattutto della capacità delle autorità di governarla e di cambiarla.
Le preoccupazioni dei consumatori e la perdita di fiducia nelle capacità di ripresa del Paese coincidono con la violenta riduzione delle Riserve Internazionali e l’apparente mancanza di vie alterne di finanziamento. Le Riserve Internazionali depositate nella Banca Centrale, stando a quanto affermato recentemente dal deputato Ellías Matta, membro della “Commissione di Finanza”, si stimano in questo momento in poco più di 17 miliardi di dollari. Si è registrata una riduzione di oltre 6 miliardi negli ultimi tre mesi. E’, questa, una cifra in linea con il pagamento di parte delle obbligazioni internazionali che scadono quest’anno e che, nel loro complesso, si calcolano in oltre 10 miliardi. Di questi, fino ad oggi, ne sono stati già pagati quasi 5mila.
La sfiducia nel Paese, che si basa oltre che su cifre reali soprattutto sulla percezione che si ha del futuro, è oggi all’origine dell’accelerata svalutazione della moneta. Questa potrà essere arginata, abbattuta e ribaltata solo attraverso un intervento delle autorità. Altrimenti si dovrà attendere le elezioni parlamentarie e sperare che il prossimo assetto istituzionale restituisca ottimismo al consumatore, all’investitore e al cittadino in generale. La fiducia in un Paese, in sintesi, è un elemento psicologico volubile, capriccioso e incosta.
Mauro Bafile

Ultima ora

01:11Calcio: Foggia-Venezia 2-2

(ANSA) - FOGGIA, 15 DIC - Il Foggia riesce ad acciuffare negli ultimi secondi del recupero il pareggio (2-2) insperato contro un Venezia ben organizzato che aveva mostrato per quasi tutta la partita di poter sovrastare e controllare facilmente gli avversari rossoneri. Una partita che poteva finire tranquillamente con tre o quattro gol di vantaggio per gli uomini di Pippo Inzaghi, ma che e' stata recuperata con la forza della disperazione da un Foggia molto confusionario ma comunque volitivo.

00:34India: Sonia Gandhi lascia presidenza partito Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 15 DIC - Con una cerimonia solenne nella sede del comitato centrale a New Delhi, l'italo-indiana Sonia Gandhi lascerà la presidenza del partito del Congresso trasmettendola al figlio Rahul, designato all'unanimità quale successore. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Da tempo la Gandhi aveva avvertito che al compimento del 70/o compleanno avrebbe lasciato le sue responsabilità ai vertici del Congresso ed oggi il portavoce della storica formazione politica, Randeep Surjewala, ha sottolineato che "questo non significa affatto che lei abbandonerà la vita politica attiva". In un tweet Surjewala ha spiegato che "Sonia Gandhi ha abbandonato (dopo 19 anni) la presidenza del partito ma non la politica. La sua benedizione, saggezza e innato impegno nei confronti dell'ideologia del Congresso formeranno sempre la luce che ci orienterà".

00:07L’Spd apre a grande coalizione,sì a colloqui con Merkel

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - I socialdemocratici tedeschi hanno preso la loro decisione: affronteranno i colloqui per una possibile coalizione di governo con Angela Merkel all'inizio di gennaio, e nel giro di due settimane presenteranno i risultati a un congresso straordinario di partito, fissato il 14, per stabilire se sedersi al tavolo dei veri e propri negoziati per una nuova edizione della Grosse Koalition. "Colloqui dall'esito comunque aperto", ha ribadito il leader fresco di conferma, senza rinunciare all'ipotesi di nuove forme di collaborazione. La cancelliera ha apprezzato pubblicamente gli sforzi compiuti da un partito costretto ad una evidente, complicata retromarcia, e ha espresso "grande rispetto" per il percorso decisionale degli alleati-avversari, sottolineando poi però che all'Europa serve una Germania stabile. "Ce lo chiedono tutti", è il monito arrivato dopo il vertice di Bruxelles, a Norimberga, dove era ospite dei cristiano-sociali.

23:58Austria: chiuse trattative. Kurz, c’è accordo governo

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - In Austria, le trattative fra l'Oevp del conservatore Sebastian Kurz e il Fpoe del populista di destra Heinz Christian Strache sono concluse, e i due partiti sono pronti a governare. "C'è un accordo turchese-blu", ha affermato Kurz. "Alle elezioni del 15 ottobre si è deciso per il cambiamento, e insieme vogliamo mettere al sicuro questo cambiamento", ha affermato Kurz, che ha annunciato di voler stabilire un "nuovo stile". "La nuova coalizione si impegna per una politica che risparmia nel sistema, e non a carico della gente", ha continuato il cancelliere designato che ha promesso l'abbassamento delle tasse agli austriaci. A soli 31 anni, sarà lui il cancelliere più giovane della storia del suo Paese e dell'Europa. E questo è l'esito di uno stile politico spregiudicato, con cui il giovanissimo ex ministro degli Esteri ha conquistato la leadership del partito popolare e lo ha portato progressivamente più a destra, strappando il possibile successo elettorale dei populisti di destra del Fpoe.

23:57Gerusalemme: fonti Casa Bianca, Muro parte di Israele

(ANSA) - WASHINGTON, 15 DIC - La Casa Bianca manda segnali per far sapere che vede il Muro occidentale di Gerusalemme (il Muro del pianto) come parte di Israele, alla vigilia della visita del vicepresidente Usa Mike Pence nella regione. Benche' precisino che i confini definitivi della citta' santa devono essere definiti dai negoziati israelo-palestinesi, i dirigenti della Casa Bianca contattati dall'Ap escludono fondamentalmente qualsiasi scenario che non mantenga il controllo di Israele sui luoghi sacri dell'ebraismo.

23:55Basket: Eurolega, Panathinaikos-Milano 80-72

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - L'Olimpia ad Atene fa come Penelope ad Itaca: contro il Panathinakos tesse la tela per 15' e si costruisce un vantaggio di 13 punti (37-24), poi la disfa perdendo fluidità in attacco e consistenza in difesa fino al 80-72 che sancisce la quarta sconfitta consecutiva in Eurolega (3-9). Delusione e rimpianti si mischiano alla rabbia per un arbitraggio discusso e discutibile: con la gara in equilibrio a metà del terzo periodo viene fischiato un fallo tecnico per una simulazione molto dubbia a Theodore che costa al playmaker l'espulsione. In quel momento il Panathinaikos piazza un parziale di 7-0 che spacca in due l'incontro. Le triple di Rivers (20 punti, 6/9 da 3) e Lojeski (14, 2/4 dall'arco) e il predomino a rimbalzo di Gost (11 e 7) fanno il resto, lasciando l'AX Milano con il cerino in mano e con tanto amaro in bocca.

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

Archivio Ultima ora