Blatter si arrende, cade dopo diciassette anni di dittatura

Pubblicato il 02 giugno 2015 da redazione

FIFA President Blatter resigns

ROMA. – Come sempre, sono gli americani che liberano l’Europa dalle dittature. E così dopo giorni di assedio e una specie di revival da ‘Guerra Fredda’ tra calcio e politica, il colonnello svizzero Sepp Blatter è costretto a dire addio alla sua sempre più scomoda poltrona dopo oltre 17 anni di dittatura pressoché incontrastata. Un rompete le righe per il numero uno della Fifa e i suoi fedelissimi arrivato a sorpresa, ma benedetto da quasi tutto il mondo del pallone e non dopo l’inchiesta dell’Fbi che, tra arresti e accuse di corruzione, ha fatto crollare il castello costruito negli anni dal padre padrone del massimo organo che governa lo sport più bello del pianeta.

Dimissioni che si concretizzeranno al più tardi nel congresso straordinario il 13 maggio 2016 a Città del Messico, ma è possibile che tra dicembre e marzo si riunisca il Congresso elettivo straordinario. “Continuerò a esercitare le mie funzioni – ha detto Blatter nel corso di una conferenza stampa a Zurigo leggendo un comunicato diffuso pochi minuti prima sul sito ufficiale della Fifa – finché non verrà scelto un nuovo presidente. Tengo alla Fifa più che a qualsiasi cosa, e voglio il meglio per il calcio, per questo avevo deciso di ricandidarmi alla presidenza. Le elezioni sono finite, ma le sfide che abbiamo davanti no”.

Elezioni che, nonostante la bufera che aveva colpito la Fifa solo due giorni prima, avevano lasciato regolarmente al suo posto Blatter. Il tutto nonostante le bordate arrivate dall’Uefa con le parole al fulmicotone di Michel Platini che aveva rilanciato agli occhi del mondo la candidatura alla presidenza della Fifa del principe giordano Alì Bin Al Hussein che non è però riuscito a stravolgere i pronostici della vigilia ma oggi ammette che quella del colonnello svizzero ”è la mossa giusta, penso che ora dobbiamo cominciare a pensare al futuro. Sono a disposizione di tutte le federazioni nazionali che vogliono cambiare”.

E tra queste anche la Federcalcio di Carlo Tavecchio che dopo aver appoggiato il fratello del Re di Giordania già pensa al futuro della Fifa esprimendo soddisfazione per la “scelta giusta” delle dimissioni di Blatter. Platini e Tavecchio hanno un appuntamento per sabato a Berlino, dove oltre alla finale di Champions tra Juve e Barcellona comincia a giocarsi il futuro del calcio mondiale. I presidenti di Uefa e Figc si erano lasciati con un abbraccio venerdì scorso dopo il voto ad Ali’, ufficializzato all’ Ansa il giorno dopo direttamente da Tavecchio, ma ora i fatti impongono un’accelerazione. Il tutto grazie all’inchiesta, quella che ha portato alla resa di Blatter, ispirata dagli Stati Uniti e messa in atto dall’Fbi, che si è presto trasformata in un caso politico con Paesi pro e contro Blatter.

A prendere le difese del numero uno della Fifa su tutti è stato il leader russo Vladimir Putin rivolgendosi agli Usa con toni da ‘Guerra Fredda’ con il preciso intento di difendere i Mondiali che si svolgeranno in Russia nel 2018. A chiedere, invece, le dimissioni del colonnello svizzero l’Inghilterra con le parole del premier britannico David Cameron. Dimissioni che sono arrivate solo oggi, ma dopo una imbarazzante rielezione condita da dure dichiarazioni di rivalsa di Blatter contro Platini, il suo vero e unico rivale negli ultimi anni alla guida del calcio che verrà.

”Da parte dell’Uefa e del suo presidente c’è stata una vera e propria campagna d’odio. Io – aveva detto il presidente della Fifa dopo la sua rielezione – perdono tutti, ma non dimentico”. Ma, intanto, in un clima sempre più infuocato tra governi che lo attaccano e che lo difendono, a prevalere come spesso è successo nella storia della grandi guerre sono gli Stati Uniti che hanno chiesto e ottenuto la resa di Blatter.

”La Fifa – è stato costretto a dire Blatter – ha bisogno di una profonda ristrutturazione: ecco perché ho convocato il consiglio elettivo straordinario. Tutto sarà fatto nel rispetto dello statuto e coloro che vogliono candidarsi avranno il tempo sufficiente per farlo. Adesso sono libero dai vincoli di un’elezione e potrò concentrarmi nel guidare le profonde riforme che sono necessarie – ha aggiunto Blatter prima di uscire dalla porta di servizio della sala conferenze in cui ha annunciato il suo addio – Da anni lavoriamo ci lavoriamo, ma non basta. C’è bisogno di limiti di mandato non solo per il presidente, ma per tutti i membri del Comitato Esecutivo. Ho lottato per questi cambiamenti, ma come tutti sanno i miei sforzi sono stati bloccati. Questa volta, ci riuscirò. Ho preso questa decisione per il bene della Fifa. Ringrazio quelli che mi hanno sostenuto: quello che conta è che quando tutto questo sarà finito, vincerà il calcio”.

Forse vincerà proprio il calcio, ma per ora a vincere di sicuro sono stati ancora una volta gli Stati Uniti che a 70 anni dalla liberazione dell’Europa da Hitler hanno deciso di liberare il mondo del calcio dalla dittatura di Blatter.

Ultima ora

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

21:07Terremoti: sisma 6.5 su costa Java, in Indonesia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Un sisma di magnitudo 6.5 è stato registrato sulla costa di Java, in Indonesia e si sontano un numero imprecisato di vittime. Lo riferisce l'Usgs americano. Le autorità indonesiane hanno emesso un'allerta tsunami. L'epicentro del sisma è stato localizzato a 92 chilometri di profondità, 50 km a sudovest della città di Tasikmalaya. Il portavoce dell'agenzia locale per il contenimento dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha riferito di alcuni edifici danneggiati nell'area ovest dell'isola. Nugroho ha aggiunto che il sisma è stato sentito per 20 secondi nella capitale Giacarta ed in altre città e villaggi di Giava.

20:59Milan:Fassone, richieste Uefa impossibili per chiunque

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - ''La Uefa ci ha chiesto due cose impossibili, non solo per noi ma per qualunque club che si trova nelle condizioni del Milan''. Così l'ad Marco Fassone spiega, con un video sul sito del club, perché l'Uefa ha negato al Milan la richiesta di Voluntary Agreement. ''L'Uefa - aggiunge Fassone - ci ha chiesto di completare prima il rifinanziamento del debito con Elliott e di fornire garanzie per dimostrare la capacità della proprietà di sostenere le perdite del club con un deposito. La nostra documentazione era sufficiente''.

20:44Nuoto: Europei, bronzo di Dotto nei 50 stile libero

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Bronzo di Luca Dotto nei 50 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 20"78. L'oro è andato al russo Vladimir Morozov (20"31), l'argento al britannico Benjamin Proud (20"66). Ottavo ed ultimo tempo della finale per Marco Orsi.

Archivio Ultima ora