Oggi a L’Aquila: Il diritto alla salute in Venezuela, seminario sull’emergenza sanitaria

Pubblicato il 03 giugno 2015 da redazione

Venezuela-emergenza-banner-univaq

CARACAS – Oggi all’Aquila si terrà il seminario “Il diritto alla Salute in Venezuela”, una giornata dedicata alla diffusione e sensibilizzazione rispetto alla critica situazione in Venezuela, con particolare riferimento alla drammatica emergenza sanitaria che vive il paese. Un risvolto positivo, in un contesto così drammatico c’è: l’opinione pubblica internazionale si sta mobilitando e di Venezuela si parla anche in Italia. In questo senso la presenza delle istituzioni, di Amnesty International e l’interesse accademico che l’evento ha suscito fa riflettere che anche nel belpaese la percezione che si ha della rivoluzione bolivariana stia cambiando. Non solo crisi economica, ma anche emergenza sanitaria. Un problema che non pesa solo sui nostri connazionali, ma ovviamente è un problema che accomuna tutto il popolo venezuelano, quello che vive in patria e quello che ha lasciato il paese e soffre nel sapere che la propria terra è sull’orlo dell’oblio. La Voce d’Italia ha contattato Edoardo Leombruni, medico italo-venezuelano all’ospedale di Sulmona (L’Aquila), presidente dell’Associazione latinoamericana in Italia (Ali), che ha ispirato questo seminario (anche se non appare per sua scelta e non sarà fra i relatori).

– Cosa vi ha spinto ad organizzare questo seminario?

“Questo è il primo seminario in Italia il cui tema centrale è il Venezuela – afferma orgogliosamente il medico italovenezuelano – Molti italovenezuelani, ma anche la comunità venezuelana residente in Italia è al corrente del momento drammatico che sta attraversando il Venezuela. È una terra a noi cara, è la terra che ha dato la possibilità ai nostri genitori di realizzarsi e se oggi abbiamo raggiunto vari traguardi lo dobbiamo a questa terra meravigliosa. Ci è sembrato dunque doveroso organizzare questo seminario per sensibilizzare l’opinione pubblica sul dramma sanitario che sta vivendo il Venzuela”.

– Non sono solo gli scaffali dei supermarket ad essere vuoti, i farmaci scarseggiano e mancano cose basilari, la situazione certamente non è semplice.

“Noi fino ad oggi in maniera personale o attraverso gruppi di amici abbiamo raccolto farmaci e li abbiamo inviati in Venezuela in forma gratutita. Siamo stati assistiti in questo da religiosi cattolici che ci hanno assicurato e confermato che i farmaci in Venezuela sono arrivati”.

– Chi si è fatto carico della distribuzione dei farmaci una volta arrivati in Venezuela?

“La Fondazione ‘La Pastillita’ e non è un caso che Ismael Impellizzieri, presidente dell’Associazione in Venezuela sarà in collegamento via Skype e spiegherà appunto la distribuzione caritatevole dei farmaci ai bisognosi”.

– Oltre al collegamento Skype in Venezuela ci sarà anche un collegamento con gli Stati Uniti, con Marysol Dieguez.

“Se Ismaelel Impellizzeri spiegherà la distribuzione caritatevole in Venezuela, Marysol Dieguez, presidente del ‘Programa de Ayuda humanitaria para Venezuela’, ci racconterà come attraverso la sua associazione, con sede a Miami, avviene la raccolta dei farmaci a livello interazionale e la successiva distribuzione in Venezuela”.

Un progetto del genere si potrebbe sviluppare in Italia.

“È il nostro obiettivo, come le ho detto prima la nostra è una raccolta individuale o fatta tra gruppi di amici, ci vuole maggiore organizzazione, una struttura, vediamo se ci sono i presupposti per fare un ottimo lavoro in tal senso e poter così contribuire maggiormente ad un progetto ad ampio respirto internazionale”.

Il Dottor Leombruni parla con passione, si percepisce l’amore viscerale verso il Venezuela e quanto per lui sia più importante il bene comune che la soddisfazine del singolo.

“Va detto che questo importante incontro nazionale sul tema non si sarebbe potuto organizzare se non grazie alla tenacia della preside del Dipartimento Maria Grazia Cifone, il collega e amico Renato Galzio e Amedeo Di Lodovico, presidente della Fondazione “Abruzzo solidale” che gestisce in Venezuela il progetto della Regione di assistenza sanitaria ai corregionali indigenti”.

Il seminario organizzato in collaborazione con l’Università degli Studi dell’Aquila ed il Dipartimento di Medicina Clinica, Sanità Pubblica, Scienze della Vita e dell’Ambiente e patrocinato dalla Regione Abruzzo e dal Comune dell’Aquila avrà tra i relatori il Senatore Claudio Micheloni, presidente del Comitato del Senato per le Questioni degli italiani all’estero, che recentemente è stato in Venezuela e aggiornerà sulle “Condizioni attuali degli italiani in Venezuela”.

Sensibile al tema è anche Giuseppe Di Pangrazio, presidente del Consiglio regionale dell’Abruzzo che tratterà della “Regione Abruzzo e gli italo-venezuelani”, mentre Donato Di Matteo, presidente del Consiglio Regionale Abruzzesi nel mondo parlerà della “storia e le problematiche dell’emigrazione italiana in Venezuela”.

Importante sarà la testimonianza di Carlos Walter, ex ministro della Sanità in Venezuela, che sarà in collegamento live streaming e parlerà della “Storia della sanità pubblica negli ultimi 16 anni in Venezuela”, ovvero quelli del chavismo, successivi al suo mandato ministeriale. Anche Amnesty international darà il suo contributo sulla “situazione dei diritti umani in Venezuela oggi” mentre Mario Peverini, presidente dell’Associazione medici cattolici italiani in Abruzzo racconterà la sua “esperienza personale”.

Appuntamento dunque dalle ore 15 all’Aquila, in Piazzale Salvatore Tommasi, presso il Dipartimento MeSVA, aula Paride Stefanini.

(Gennaro Buonocore/Voce)

Ultima ora

12:18Scherma: Arianna Errigo 2/a nella sciabola in cdm a Cancun

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Una fiorettista sul podio della sciabola. E' accaduto sulle pedane messicane di Cancun dove Arianna Errigo, che col fioretto in mano ha conquistato sin qui un argento olimpico individuale ed un oro a squadre, due volte campionessa del Mondo, due volte campionessa europea, vincitrice di sedici prove di Coppa del Mondo, è finita seconda al termine del Grand Prix FIE. A fermare la scalata dell'azzurra verso il gradino più alto è stata solo l'ucraina Olga Kharlan che ha fermato l'azzurra 15-6.

12:13Bomba devasta negozio a pochi giorni da inaugurazione

(ANSA) - NICOTERA (VIBO VALENTIA), 17 DIC - Una bomba ha devastato la notte scorsa, a Nicotera, il negozio "Splendidi e Splendenti" la cui inaugurazione era attesa a giorni. L'attività commerciale presa di mira con un ordigno, fatto esplodere intorno alle 4.15, è situata nel centro storico del paese. Ingenti i danni, ancora in corso di quantificazione. Sul posto, per spegnere l'incendio seguito alla deflagrazione, sono intervenuti i vigili del fuoco. Le indagini sull'accaduto sono state avviate dai carabinieri. Al momento non viene esclusa nessuna ipotesi. Quella predominante è che si sia trattato di un avvertimento preventivo che alza il livello di attenzione e di preoccupazione nella zona feudo del clan di 'ndrangheta dei Mancuso. (ANSA).

12:08Auto: San Marino festeggia i 50 anni della Fams

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Una serata ricca di emozione e grande partecipazione. Così è stato il Gala della FAMS che ha festeggiato a Palazzo Kursaal a San Marino, i suoi 50 anni di attività. Tra le massime autorità della Repubblica erano presenti il segretario di Stato allo Sport Marco Podeschi e il presidente del CONS, Comitato Olimpico Sammarinese, Gian Primo Giardi. Tantissimi i campioni delle quattro ruote e tanti i personaggi che sono stati premiati perché, a vario titolo, hanno contribuito al successo della Federazione Auto Motoristica Sammarinese in questo ultimo mezzo secolo. Gradito e sentito il videomessaggio, proiettato in sala, inviato da Jean Todt, presidente FIA nonché presidente onorario della FAMS e ambasciatore della Repubblica di San Marino, a testimonianza della sua grande vicinanza a San Marino e alla FAMS.

12:05Sci: Hirscher in testa gigante Badia, azzurri indietro

(ANSA) - ALTA BADIA (BOLZANO), 16 DIC - Il campione austriaco Marcel Hirscher in 1.12.15 e' al comando dopo la prima manche dello slalom gigante di cdm di Alta Badia sula classica pista Gran Risa. Hirscher ha vinto in serie le ultime quattro edizioni di questa gara eguagliando i successi sulla Gran Risa di Alberto Tomba. Secondo tempo per il norvegese Henrik Kristoffersen in 1.12.32 e terzo a sorpresa lo sloveno Zan Kranjec in 1.12.48. Miglior azzurro, dopo la prova dei primi trenta migliori atleti, e' il trentino Luca De Aliprandini 10/o in 1.13.30 e autore di una ottima manche rovinata pero' da un grave errore quando con la spalla destra e' finito dentro la quarta porta. Poi vi sono Riccardo Tonetti al momento 13/o in 1.13.52, Manfred Moelgg in 1.13.70, Roberto Nani in 1.13.99 e Florian Eisath in 1.14.13. e

12:04Pakistan: Quetta, attacco a chiesa, saliti a 7 i morti

(ANSA) - ISLAMABAD, 17 DIC - Almeno sette persone sono morte e altre 25 sono rimaste ferite oggi in seguito a un attacco di un commando di quattro kamikaze contro la chiesa metodista Bethel Memorial a Quetta, nella provincia pachistana di Balochistan. Fonti delle forze di sicurezza hanno indicato che al momento dell'attacco all'interno dell'edificio di culto c'erano almeno 400 persone che seguivano il servizio religioso domenicale. Dei quattro kamikaze, due sono morti e altri due sono riusciti a fuggire prima dell'arrivo delle forze speciali pachistane. Secondo il ministro dell'Interno del Balochistan, Mir Sarfraz Bugti i militanti, pesantemente armati, hanno tentato di prendere ostaggi all'interno della chiesa, ma non ci sono riusciti. Per il momento nessun gruppo ha rivendicato l'operazione terroristica.

11:09Brexit: sondaggio, ‘no’ in vantaggio record di 10 punti

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - I sudditi di Sua Maestà sembrano far marcia indietro sulla Brexit. Il 51% degli elettori britannici si dice ora contrario all'addio all'Ue contro il 41% che voterebbe di nuovo per il divorzio: il distacco di 10 punti e' il più grande mai registrato dal referendum del 23 giugno 2016. E' quanto emerge da un sondaggio esclusivo commissionato dal quotidiano britannico The Independent alla società demoscopica BMG Research.

08:45Honduras: sorella presidente morta in incidente elicottero

(ANSA) - TEGUCIGALPA, 17 DIC - Hilda Hernandez, sorella del presidente dell'Honduras Juan Orlando Hernandez, è morta, con altre cinque persone, in un incidente di elicottero, schiantatosi su una montagna vicino alla capitale Tegucigalpa. La donna, 51 anni, era addetta alle comunicazioni per il fratello, ed era stata ministro dello sviluppo sociale durante la precedente amministrazione dell'allora presidente Porfirio Lobo. L' elicottero militare trasportava Hernandez, quattro membri della sua scorta e un pilota. Era decollato dall'aeroporto internazionale di Tegucigalpa alla volta della sua residenza a Comayagua, 60 chilometri dalla capitale. Poco dopo, l'aeronautica ha dato il velivolo per disperso. I resti dell'elicottero sono stati poi trovati sulle montagne vicine a Tegucigalpa, senza sopravvissuti. Hernandez è coinvolto in una disputa sulle elezioni presidenziali in cui ha conquistato il 43% dei voti contro il 41,4% del candidato di opposizione Salvador Nasralla. Il vincitore non è stato ancora proclamato ufficialmente.

Archivio Ultima ora