Orfani dell’esperto anti-sequestro

Pubblicato il 03 giugno 2015 da Mauro Bafile

Se da un lato sono diminuiti, dall’altro sono in aumento. Nessuna contraddizione, purtroppo. Infatti, se ufficialmente il numero dei sequestri di connazionali si è ridotto, la realtà indiscutibile e triste è che gli episodi non denunciati sono in crescita. Il caso del povero Di Giulio, ucciso mentre si opponeva al rapimento, è solo la punta di un enorme iceberg. E’ balzato agli onori della cronaca perché i delinquenti prima di fuggire e rendersi “uccel di bosco”, lo hanno freddato a colpi di pistola. Se il sequestro fosse andato in porto, come era nella speranza dei malviventi, nessuno ne avrebbe parlato. Sarebbe rimasto probabilmente un segreto gelosamente custodito dentro quelle stesse quattro pareti dove oggi si piange la sua morte. Probabilmente sarebbe stato pagato il riscatto impegnando ogni bene, qualora ce ne fosse stato stato bisogno. E il connazionale sarebbe, forse, tornato a casa sano e salvo. In realtà questa è solo un’ipotesi, visto la violenza che oggi si vive nel Paese.
Statistiche ufficiali non se ne conoscono. E probabilmente la polizia non ne ha. Ma i pettegolezzi, i segreti sussurrati, le voci che circolano con inquietante insistenza ci mostrano un sottobosco fatto di dolore, di paura e di rabbia. Dolore nell’apprendere la notizia di un familiare o di un amico in mano dei delinquenti. Paura perché c’è sempre la possibilità d’essere la prossima vittima. Rabbia per l’impotenza davanti al dilagare della malavita. E allora si cerca una sponda, un’ancora di salvezza. Si mandano i figli a frequentare Università in Italia, in Spagna, in Germania o negli Stati Uniti, pur nella consapevolezza che così si perderà la gioia di trascorrere con loro gli anni dell’adolescenza e che un giorno li si scoprirà irrimediabilmente adulti. I sogni trovano posto in una valigia e tristezza e solitudine diventano compagni di vita. Ma, sembra assurdo, così si dorme tranquilli. Si ha la certezza che all’estero i propri figli, benché soli, siano più al sicuro.
Il nostro esperto anti-sequestro non è più in Venezuela. La decisione era forse inevitabile, visto i tagli ai quali l’Italia è obbligata per via della crisi. Ma senz’altro è stata accelerata dal rapporto della nostra Ambasciata, reso noto dal Consigliere del Cgie Nello Collevecchio, durante l’ultima riunione di lavoro del Comites. L’Ambasciatore Paolo Serpi, stando a quanto riferito dal Consigliere Nello Collevecchio, avrebbe scritto che le cifre dei sequestri in Venezuela non giustificano la presenza dell’esperto antisequestro nel Paese. Una decisione che lascia attoniti e che conclude una missione sul cui bilancio preferiamo non parlare per carità di patria.
La scelta di richiamare in patria l’esperto anti-sequestro non lascia fortunatamente del tutto orfana la nostra Collettività. Le sue funzioni, infatti, sono state assorbite dal responsabile dell’Ufficio Antidroga, la cui delicatissima missione già richiede tanto tempo, la massima attenzione e molto impegno. Non sarà lo stesso, quindi. E’ vero. Ma almeno i connazionali avranno una persona di fiducia e gran professionalità alla quale rivolgersi. Siamo certi che troveranno nel responsabile dell’Ufficio Antidroga, prestato per l’occasione all’anti-sequestro, una voce amica, il consiglio opportuno, la guida sicura. Insomma, il sostegno indispensabile nei momenti più difficili e drammatici. E’ pubblico e notorio che, nella maggioranza dei casi, quando il sequestro, da quello “express” a quello tradizionale, è stato denunciato al nostro esperto e si è chiesto il suo intervento, la vittima è stata restituita al calore dell’affetto dei familiari e i delinquenti consegnati alla giustizia.
L’invito, quindi, è sempre lo stesso: avere il coraggio di denunciare il sequestro presso le nostre autorità. E di aver fiducia nella loro esperienza.

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora