Il Milan sceglie Mihajlovic, carattere e regole per ripartire

Pubblicato il 03 giugno 2015 da redazione

Sampdoria's coach Sinisa Mihajlovic

MILANO. – Sinisa Mihajlovic è a un passo dalla panchina del Milan. Manca solo l’investitura di Silvio Berlusconi e, salvo clamorose sorprese, la riceverà a cena ad Arcore. Si ripeterà più o meno la stessa scena della sera del 26 maggio scorso, quando Filippo Inzaghi a Villa San Martino ha ereditato la panchina di Clarence Seedorf. Poco più di un anno più tardi, mentre Inzaghi è ancora formalmente il titolare della panchina fino al 2016, tocca al serbo, ex calciatore di Roma, Sampdoria, Lazio e Inter, dove è anche stato il vice di Roberto Mancini prima di guidare Bologna, Catania, Fiorentina, Serbia e, fino a lunedì scorso, Sampdoria.

Qualche anno fa Mihajlovic predicava fedeltà alle sue ex squadre escludendo la possibilità di lavorare per Palermo, Genoa e Milan e rivelando il sogno di allenare Inter e Lazio. Quelle offerte non sono mai arrivate e col tempo certe barriere sono cadute anche nella sua testa. E quando Galliani lo ha contattato a metà marzo era lusingato. Poi le vicende societarie (a proposito, l’entourage di Taechaubol parla di ‘work in progress’) hanno rallentato il corteggiamento, fino alla svolta impressa dal Milan dopo il ‘no’ di Carlo Ancelotti, immediata anche per evitare sorpassi da parte del Fenerbahce, pronto a offrire un triennale da 2,8 milioni di euro netti a stagione.

Al Milan, invece, probabilmente firmerà un biennale. La candidatura del 46enne serbo, nel mirino anche del Napoli, ha superato nel finale quelle di Vincenzo Montella (legato alla Fiorentina da una clausola rescissoria) e Cristian Brocchi, mentre Unai Emery, un altro allenatore a cui si è pensato fino all’ultimo, ha deciso di restare al Siviglia eliminandosi da solo dalla lista di papabili in cui nelle scorse settimane hanno trovato posto anche Maurizio Sarri e Roberto Donadoni.

Esonerato due volte in carriera, solo alla Sampdoria Mihajlovic si è fermato due anni, ma ovunque ha provato ad avere squadre organizzate che provavano a giocare per vincere. Forse aiutato dall’esercizio in casa con i suoi cinque figli (un sesto l’ha avuto prima del matrimonio e l’ha conosciuto solo dopo dieci anni, spinto dalla moglie Arianna) è accreditato di buone doti nella gestione del gruppo e sono noti la sua tendenza a far rispettare le regole a prescindere dal palmares dei giocatori (Eto’o ne sa qualcosa) e il suo temperamento, entrambi fattori di cui si sente la mancanza a Milanello da un paio d’anni.

Già si ironizza su come Mihajlovic vivrà e commenterà i suggerimenti tattici di Berlusconi. “Sinisa è un uomo intelligente – ha osservato il suo ormai ex presidente Massimo Ferrero -, andrà in rossonero e si metterà il papillon”. E probabilmente continuerà ad attingere alle citazioni che tanto ama. Qualche tempo fa si è affidato a John Kennedy per ricordare che “i perdenti trovano una scusa, i vincenti una strada”. Ora lui deve trovare quella giusta per riportare il Milan in alto, anche battendo l’amico Mancini.

Ultima ora

12:30Droga: spaccio via WhatsApp, 9 indagati

(ANSA) - BERGAMO, 21 OTT - Nove persone - 7 marocchini e due italiani, tra i 20 e i 50 anni - sono state indagate nell'ambito di un'operazione antidroga dei carabinieri di Treviglio (Bergamo), supportati dai colleghi cinofili di Orio al Serio (Bergamo). Eseguite all'alba dieci perquisizioni di locali pubblici e abitazioni. Lo spaccio avveniva tramite WhatsApp e l'operazione è stata infatti ribattezzata 'WhatsApp 2017'. Per l'accusa, i magrebini avevano attivato una fitta rete di spaccio sulla piazza di Treviglio, ma non solo. Anche i comuni di Medolago, Terno d'Isola, Calusco d'Adda, Bonate Sopra, Chignolo d'Isola e Casirate d'Adda erano piazze 'occupate' degli indagati che trafficavano in prevalenza in cocaina, ma anche in hashish. Lo spaccio avveniva per strada, nei giardini pubblici ma anche in bar del centro di Treviglio. (ANSA).

12:29Anche Catalunya Radio seguirà referendum

(ANSA) - MILANO, 21 OTT - Anche Catalunya Radio è fra i 130 media accreditati per poter seguire l'andamento del voto e dello spoglio delle schede del referendum sull'autonomia che si terrà domani in Lombardia. Lo spiega Gianni Fava, assessore e coordinatore della consultazione per la Regione. A Palazzo Lombardia, nella Sala Biagi, è stata allestita una sala stampa che sarà operativa dalle 7 di domani mattina fino al termine dello scrutinio. Fra le testate accreditate, numerose sono straniere come l' agenzia di stampa Russia Oggi, le emittenti televisive Aptn, BBc arabic, France 24, Euronews, Rtv Sloveija, Rtl Television. Sono previste dirette televisive dalla sala stampa da parte di Rai, Mediaset, Sky e La7 e sui principali siti online dei quotidiani nazionali.

12:24Calcio: Verratti, lasciando il Psg avrei guadagnato di più

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - "Non mi aspettavo di trascorrere un'estate così. Io non ho mai detto che volevo lasciare il Psg". Marco Verratti, in un'intervista a L'Equipe, racconta la decisione di arrivare a rompere con il suo ormai ex procuratore, Donato Di Campli, per passare alla corte di Mino Raiola. "La gente pensa che sia rimasto al Paris Saint Germain per i soldi, ma avrei potuto guadagnarli anche in altri posti - afferma il centrocampista azzurro - Se la scorsa estate avessi lasciato Parigi ne avrei presi anche di più, c'erano club che offrivano quasi 100 milioni per me. Neymar potrebbe vincere di più nel Manchester City o nel Chelsea, ma ha scelto il Psg per il progetto. Lo stesso ho fatto io". "Raiola lo conoscevo perché era l'agente di Ibrahimovic - spiega tra l'altro Verratti - La sola cosa che gli ho detto era che non volevo più finire sui giornali. Ha esperienza e buoni rapporti con i club. E mi è stato consigliato da Zlatan. Ogni volta che gli ho dato ascolto, in campo e fuori, mi sono trovato bene".

12:03Attacco con coltello a Monaco, è caccia all’uomo

(ANSA) - BERLINO, 21 OTT - È caccia aperta all'uomo, che ha colpito con un coltello a Monaco, ferendo alcune persone (finora quattro). La polizia sta intervenendo "con tutte le forze in campo", ha affermato un portavoce delle forze dell'ordine. Al momento viene ricercato un uomo sulla quarantina, che porterebbe dei pantaloni grigi, una giacca verde e uno zaino. Un identikit reso possibile dalla descrizione fatta sul web da un testimone.

11:46Catalogna: sondaggio, 68% per elezioni

(ANSA) - BARCELLONA, 21 OTT - Il 68,6% dei catalani è favorevole alla convocazione di elezioni per uscire dall'attuale crisi istituzionale mentre il 66,5% è contro un commissariamento della regione da parte di Madrid con l'attivazione dell'art.155, secondo un sondaggio Gesop pubblicato da El Periodico. Alla domanda su che cosa dovrebbe fare ora il presidente Carles Puigdemont, il 29,3% risponde chiedendo la proclamazione immediata dell'indipendenza, il 24,8% la rinuncia all'indipendenza e il 36,5% un ritorno alle urne per evitare il commissariamento.

11:30Chiesa: Delpini apre procedura beatificazione Fratel Ettore

(ANSA) - MILANO, 21 OTT - L'arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, ha incaricato la Curia Arcivescovile di pubblicare l' editto per l'apertura del processo di beatificazione e canonizzazione del "Servo di Dio" Fratel Ettore Boschini. Da questo momento quindi, come ricorda la Diocesi, in conformità all'art. 43 dell'Istruzione Sanctorum Mater della Congregazione delle Cause dei Santi, i fedeli ambrosiani potranno far pervenire al Servizio per le Cause dei Santi della Curia di Milano testimonianze o scritti sulla figura del sacerdote in vista dell'inizio dell'istruttoria diocesana che avverrà martedì 19 dicembre. Avanzata dall'ordine religioso dei Chierici Regolari Ministri degli Infermi (i Camilliani) e dall'associazione I Missionari del Cuore Immacolato di Maria, la richiesta di apertura del processo di beatificazione era già stata accolta il 12 marzo 2012, dall' allora arcivescovo di Milano, Angelo Scola. Con la pubblicazione dell'Editto, l'arcivescovo Delpini ha confermato la scelta del suo predecessore. (ANSA).

11:21Bankitalia: Casini, governo proceda rapidamente alla nomina

(ANSA) - STRESA (VERBANIA), 21 OTT - "Mi auguro che il governo proceda rapidamente a un adempimento importante, anche per dare un segnale di stabilità ai mercati". Così Pier Ferdinando Casini, presidente della Commissione bicamerale di inchiesta sul settore bancario, interpellato sulla nomina del governatore di Bankitalia. "La nomina - ha aggiunto - dipende dal governo. Io non voglio in alcun modo interferire perché in questo Paese uno dei grandi problemi è che ciascuno fa il lavoro degli altri. Il governo ha questa responsabilità: mi auguro che la adempia rapidamente". "La commissione - ha detto ancora - deve indagare su quello che non ha funzionato. Certo, se le cose fossero andate lisce non si sarebbero istituite commissioni d'inchiesta per capire i ritardi, i problemi, anche connessi alla vigilanza". "E' chiaro - ha rimarcato - che qualcosa non ha funzionato però è importante che il lavoro della commissione sia rigoroso e si basi su presupposti certi, non su chiacchiere".

Archivio Ultima ora