Maduro: “Deputato della Mud indagato per il caso Serra”

Maduro- Guerra economica

CARACAS – Anche un deputato della “Mesa de la Unidad Democratica” risulterebbe tra gli indagati per il “Caso Serra”. Lo ha assicurato il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro che comunque non ha fatto nomi. Il deputato in questione, stando al capo dello Stato, avrebbe stretti vincoli con Julio Velez, arrestato in merito al suddetto caso.

Durante una trasmissione televisiva, da Ciudad Belèn nello Stato Miranda, il capo dello Stato ha sottolineato che le indagini sul caso proseguono e ha chiesto agli inquirenti la massima trasparenza e obiettività.

Mentre il presidente Maduro mantiene viva l’attenzione sul Caso Serra, Marie Harf, portavoce del Dipartimento di Stato Nordamericano, ha affermato che, come ormai gran parte della comunità internazionale, anche gli Stati Uniti chiedono la libertà immediata dei prigionieri politici.

– Siamo profondamente preoccupati per la salute dell’ex sindaco Daniel Ceballos – ha detto Marie Harf -. La sua salute presenta un accelerato deterioramento. Preoccupano anche le condizioni degli altri politici in prigione, Leopoldo Lòpez e Antonio Ledezma.

Il clima politico, oggi, è reso ancor più incandescente dalla crisi economica. E, su questo, fronte, c’è da segnalare l’intervento dell’“Organizzazione Internazionale del Lavoro”. Questa, affrontando l’argomento “Venezuela”, ha sottolineato che pare inverosimile agli occhi della comunità internazionale la tesi di una presunta “guerra economica” per colpire l’immagine del presidente Maduro e del suo Esecutivo. E ha criticato l’atteggiamento del governo, che si fa scudo con questa “presunta guerra” per attaccare e minacciare industriali e dirigenti sindacali.

– Questo argomento non è più valido a livello internazionale – ha affermato Rafael Echeverrìa, durante l’esame al quale è stato sottoposto il Venezuela. E ha ricordato:

– Il Consiglio del Diritto Economico, Sociale e Culturale delle Nazioni Unite ha scartato la possibilità che in Venezuela, come sostengono le istituzioni ufficiali, vi sia una guerra economica.
Poco prima, il capo della delegazione venezuelana, Elio Colmenares, viceministro di Relazioni sul Lavoro aveva insistito:

– Fedecàmaras non ha mai smesso di cospirare. Finanzia e dirige la guerra economica. Non è retorica. Abbiamo le prove. Appena unas settimana fa, avendo ricevuto alcune denuncie, abbiamo scoperto che la ditta Sm Farma aveva 14 milioni di dollari in medicine ormai scadute. Ben 14 milioni di dollari assegnati dal governo al tasso preferenziale.

Condividi: