Renzi al G7: “L’Italia non è più un problema, ma la soluzione”

Renzi al G7

GARMISCH (GERMANIA). – “Se giochiamo le carte a disposizione, possiamo avere un ruolo da protagonista mondiale e segnare anche qualche goal”: l’Italia non è più il “malato, una parte del problema della crisi, ma una parte della soluzione e ora toccherà a noi dimostrarlo”. Matteo Renzi, alla fine del G7, sfodera tutto il suo orgoglio italico spiegando che questa è “la vera novità”.

Parole che usa per raccontare come, nella discussione sulla crescita ed il lavoro, “noi eravamo completamente sulla linea filoamericana, non come altri nostri partner…”. D’accordo insomma a mettere da parte austerity e rigore, dando un nuovo messaggio di spinta su ripresa e lavoro. Ma il premier in partenza per Roma, atteso in serata dalla direzione del Pd e dalle tante questioni aperte, sembra voler lanciare anche un messaggio a ‘casa’, puntando il dito su “quella classe dirigente” che deve smetterla di “continuare a indebolire il sistema paese”.

“Non è che abbiamo fatto tutto, c’è ancora da fare…”, sottolinea quasi a voler lanciare un appello a serrare le fila. E se la prende con chi ha fatto “polemicuccia” sulla canzone (le note di ‘Azzurro’) scelta dal presidente bavarese per accoglierlo al suo arrivo a Monaco, parlando di “subalternità psicologica”. Ma torna anche a censurare quei governatori del fronte ‘anti-immigrati’, tacciandoli di “voler fare solo polemiche” spostando l’attenzione da risultati economici che, invece, sono “positivi”: “Inviterei tutti a recuperare il buon senso”, stigmatizza, ricordando, ancora una volta, chi “era al governo” quando sono state fatte le scelte che hanno portato oggi l’Italia a rimanere sola sul fronte immigrazione.

E poi, ribadisce, “così è difficile andare in Europa” a chiedere sostegno. Il premier è pronto comunque a giocare la partita a Bruxelles nel consiglio europeo di fine mese: il piano Ue così “com’è non va. Bisogna fare di più”, e con un approccio complessivo che passi anche per l’aumento dei fondi alla cooperazione allo sviluppo. Come anche nel caso della Libia, per la quale non “c’è una cosa che risolve tutti i problemi” di una situazione “lasciata aperta per troppi anni”.

In un G7 zoppo della Russia dove l’ipotesi di nuove sanzioni ha fatto da sfondo al confronto con gli americani, Renzi non si sottrae alle domande su Putin. Che vedrà a Milano il 10, quando il presidente russo visiterà l’Expo. “Non ho niente da spiegargli che lui non sappia da solo: la stella polare, la bussola, è l’accordo di Minsk. Spero che tutti i tipi di dialogo in campo diano frutti”.

L’ipotesi sanzioni sarà comunque affrontata al consiglio europeo di fine giugno, “l’ultima finestra” prima della scadenza, ricorda il premier, sottolineando che “il punto fondamentale è riuscire a ricoinvolgere la Russia nelle questioni internazionali”, spiega ai cronisti. In una conferenza stampa travagliata.

Ieri l’annuncio che, come tutte le altre delegazioni, ci sarebbe stato il briefing nazionale dopo quello della presidenza tedesca di Angela Merkel. Nel pomeriggio invece la comunicazione che si sarebbe fatto solo un ‘doorstep’, una dichiarazione in piedi, visti i tempi stretti del rientro del premier a Roma. Progetto abbandonato dopo i malumori dei cronisti, che alla fine sono stati ‘convocati’ in una saletta del castello-resort di Elmau.

(dell’inviata Marina Perna/ANSA)

Condividi: