Il Parlamento europeo riconosce le famiglie gay

Pubblicato il 09 giugno 2015 da redazione

Ireland's gay marriage vote

STRASBURGO. – Due genitori dello stesso sesso formano una ‘famiglia’ che ha gli stessi diritti delle famiglie composte da una donna e da un uomo. Stesso discorso per quelle in cui c’è una mamma o un papà single. Lo ha stabilito il Parlamento europeo approvando a maggioranza (341 sì, 281 no, 81 astenuti) un rapporto che per la prima volta, in maniera così esplicita, definisce “famiglia” una coppia omosessuale con figli.

Un voto che inasprisce lo scontro tra chi richiede il riconoscimento delle nozze gay e chi invece vede queste posizioni di Strasburgo come uno svilimento della famiglia tradizionale. E rilancia la polemica tra diversi esponenti cattolici di casa nostra e l’Aula di Strasburgo che nei mesi scorsi votò a favore del riconoscimento delle nozze gay come un “diritto umano” e a favore dell’aborto.

Stavolta la plenaria ha in programma l’esame di un report circa le strategie 2015/20 sulla parità di genere nell’Ue, un documento non vincolante ma di indirizzo politico per le istituzioni Ue e i Paesi membri. A favore si sono espressi il gruppo socialista e democratico, i liberali, i grillini e gli eurodeputati della sinistra unitaria. Contrari i popolari, i conservatori inglesi e i leghisti. Tra i no anche due eurodeputati del Pd, Luigi Morgano e Damiano Zoffoli.

Nel testo si legge che il Parlamento “prende atto dell’evolversi della definizione di famiglia”. Quindi “raccomanda che le norme in quell’ambito (compresi i risvolti in ambito lavorativo come congedi ecc.) tengano in considerazione fenomeni come le famiglie monoparentali e l’omogenitorialità”. “Il voto di oggi – festeggia a caldo l’eurodeputato Pd, Daniele Viotti – segna un passaggio centrale soprattutto per quei paesi, come l’Italia, in cui si fatica ancora ad affrontare un discorso laico sul concetto di famiglia”.

Anche Franco Grillini, padre storico del movimento per i diritti gay in Italia, parla di una “bella giornata per i diritti e le libertà per tutte le persone che credono all’uguaglianza formale e sostanziale tra tutti gli esseri umani”. Nichi Vendola, presidente di Sel, definisce il voto come “un altro passo avanti”, mentre in Italia “la politica balbetta”. Soddisfatta anche Laura Cantini (Pd), prima firmataria del ddl che istituisce le unioni civili per le coppie gay, annunciando l’approvazione entro la pausa estiva del suo testo. “Dopo l’Irlanda – commenta Benedetto Della Vedova- da Strasburgo arriva un altro importante riconoscimento famiglie gay”.

Durissima, invece, la reazione di chi ha sempre osteggiato le unioni gay, definendole come una minaccia alla famiglia tradizionale. E coglie l’occasione per lanciare la mobilitazione in vista della manifestazione del 20 giugno. Secondo il segretario nazionale dell’Udc, Lorenzo Cesa, il voto di oggi rappresenta “un arretramento culturale grave dell’Europa che svilisce il valore della famiglia”.

“Il Parlamento europeo – commenta Elisabetta Gardini, capodelegazione Fi – ha dimenticato il valore e il senso della famiglia tradizionale. Per la terza volta dall’inizio della legislatura, il Pe entra a gamba tesa sul diritto di famiglia che é, invece, esclusiva competenza nazionale”. Per l’ex ministro Maurizio Lupi (Ap), non è il Parlamento Ue a “stabilire cos’è famiglia”. “Poco importa – afferma Giuseppe Marinello (Ndc) – se il Parlamento Europeo riconosce le famiglie gay: l’Italia se ne frega altamente”. Infine Eugenia Roccella (Ap): “Il 20 giugno sarò, spero insieme a molti altri parlamentari, in Piazza San Giovanni a Roma per difendere la famiglia ‘costituzionale’, definita come la società naturale fondata sul matrimonio”.

(di Marcello Campo/ANSA)

Ultima ora

17:04Calcio: premio ‘Andrea Fortunato’ ai fratelli Inzaghi

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - "L'obiettivo è prevenire perché ormai è scientificamente dimostrato che questa è la strada da seguire visto che al giorno d'oggi ci si può mettere in condizione di evitare che la malattia diventi definitiva. Qui si combatte per la trasparenza, per la volontà di avere chiarezza rispetto al passato, e siamo felici che questo premio sia istituzionalizzato qui al Coni". Lo ha dichiarato il presidente del Comitato olimpico nazionale, Giovanni Malagò, a margine della 9/a edizione del "Premio Andrea Fortunato-Lo sport è vita". La manifestazione punta da un lato a diffondere l'informazione per la prevenzione da parte degli atleti che praticano sport agonistico e non, e dall'altro a rendere obbligatoria l'adozione del Passaporto Ematico (intitolato a Andrea Fortunato, Flavio Falzetti e Piermario Morosini) che mira a inserire anche gli esami ematici tra quelli attualmente previsti come obbligatori per ottenere l'idoneità sportiva. Nel corso della cerimonia premiati tra gli altri Filippo e Simone Inzaghi.

17:00Calcio: Atalanta, Percassi “chiudiamo un anno straordinario”

(ANSA) - BERGAMO, 12 DIC - "Stiamo per concludere un anno straordinario, tra il quarto posto con 72 punti e la qualificazione all'Europa League. Da lì in poi non è andata così male, vedi la straordinaria cavalcata in coppa e l'incredibile primo posto nel girone conquistato giovedì scorso". Antonio Percassi, presidente dell'Atalanta, durante il tradizionale pranzo di Natale offerto alla stampa, traccia il bilancio del 2017 ormai agli sgoccioli. "Stiamo scoprendo quanto sia bello affrontare squadre che prima potevano vedere solo in televisione - ha proseguito il vertice societario -. La società continua la sua programmazione, a Zingonia con il settore giovanile stiamo procedendo con un investimento che va dagli 8 ai 10 milioni di euro per rinnovare la struttura. Il progetto legato allo stadio è in attesa delle autorizzazioni comunali, ma dopo il sorteggio dei sedicesimi mi sto pentendo di aver paragonato le curve a quella del Borussia Dortmund".

16:57Turchia: ‘offese a Erdogan’, nota cantante rischia 4 anni

(ANSA) - ISTANBUL, 12 DIC - La nota cantante turca Zuhal Olcay è stata rinviata a giudizio da un tribunale di Istanbul con l'accusa di aver "insultato il presidente" Recep Tayyip Erdogan durante un concerto dell'agosto 2016. Secondo la procura, l'artista avrebbe modificato il testo di una nota canzone turca, citando Erdogan in modo offensivo, oltre a fare un gesto di insulto con la mano durante l'esibizione. L'indagine è partita da una denuncia anonima, che ha portato a una verifica attraverso il video del concerto. Nella sua testimonianza ai magistrati, la 60enne Olcay ha sostenuto di aver citato Erdogan solo perché utile alla metrica della canzone e senza intenti offensivi, aggiungendo che il gesto non era rivolto al presidente ma a uno spettatore che l'aveva provocata. Per lei, riporta Anadolu, la procura ha chiesto una condanna fino a 4 anni e 8 mesi di prigione.

16:56Ammanchi Finpiemonte: inchiesta riguarda bonifici per 6mln

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Bonifici per quasi sei milioni di euro, effettuati fra giugno 2016 e febbraio 2017 a soggetti terzi privi di apparente giustificazione. Parla di questo, e di un investimento di 45 milioni di euro per tipologia e rischiosità difforme rispetto alle policies della società, l'inchiesta della Procura di Torino su Finpiemonte. Lo afferma il presidente della finanziaria della Regione Piemonte, avvocato Stefano Ambrosini, che ha denunciato la vicenda in seguito ad un controllo di routine sui conti subito dopo il suo insediamento. "Nessuno di questi importi, in ogni caso, è idoneo a portare sotto la soglia di legge il patrimonio di vigilanza", precisa Ambrosini, secondo cui "immediatamente dopo la scoperta dell'accaduto, Finpiemonte ha depositato atto di denuncia/querela presso la competente Procura della Repubblica, nonché presso la Procura della Corte dei Conti, e ha avviato tutte le altre iniziative volte al recupero delle somme e al risarcimento dei danni".(ANSA).

16:54Calcio: Mourinho, City diversamente educato

(ANSA) - LONDRA, 12 DIC - "Una diversa educazione", così José Mourinho spiega il comportamento del Manchester City al termine del derby di domenica, da cui è scaturita la rissa negli tunnel dell'Old Trafford. In precedenza il suo collega Pep Guardiola aveva escluso che i suoi giocatori avessero mancato di rispetto agli avversari appena battuti. "Pep dice quello che vuole e io non intendo commentare le sue parole - la replica stizzita del portoghese -. L'unica cosa che posso dire è che per me è tutta una questione di diversa educazione, niente più che questo". Secondo la stampa britannica gli animi si erano surriscaldati in seguito alla richiesta, rivolta dallo stesso Mourinho ai giocatori del City, di contenere i festeggiamenti e mostrare maggior rispetto allo United.

16:53Clima: Macron posa con cartello Make our planet Great Again

(ANSA) - BOULOGNE-BILLANCOURT (FRANCIA), 12 DIC - ''Make Our Planet Great Again": nel giorno del summit informale sul clima all'Ile Séguin di Boulogne-Billancourt, alle porte di Parigi, il presidente francese e padrone di casa, Emmanuel Macron, ha posato davanti ai fotografi con il suo celebre slogan in risposta a Donald Trump. A inizio giugno, in seguito all'annuncio shock del presidente Usa di uscire dall'accordo di Parigi, il leader trentanovenne deformò la frase cult di Trump 'Make America great again' rilanciandola in chiave ecologica - 'Make our planet great again' - e invitò studiosi e ricercatori Usa a lasciare la madre patria per lavorare in Francia. Oggi, il governo di Parigi ha annunciato il nome dei primi 18 progetti di studiosi e ricercatori soprattutto americani, selezionati dalla Francia.

16:50Calcio: Guardiola, giusto festeggiare dopo derby

(ANSA) - LONDRA, 12 DIC - Pep Guardiola respinge l'accusa rivolta ai suoi giocatori da José Mourinho di aver mancato di rispetto al Manchester United al termine del derby di domenica, vinto 2-1 dal City e proseguito con una sorta di rissa tra giocatori e membri dello staff tecnico. "Quando perdi devi accettare la sconfitta, ma quando vinci è giusto festeggiare - le parole del tecnico catalano -. Sono stato io ad incoraggiare i miei giocatori a festeggiare. Ma non abbiamo mancato di rispetto a nessuno. Eravamo felici per aver vinto un derby. Tutte le squadre del mondo quando vincono un derby sono felici. E festeggiano dentro il proprio spogliatoio". Marca scrive oggi che all'origine della rissa, nella quale sarebbero stati coinvolti una ventina tra giocatori e membri degli staff, ci sarebbe una battuta di Guardiola a Ibra: "Parli molto ma ti muovi poco in campo". Il tecnico catalano si è però rifiutato di entrare nei dettagli di quanto successo "Quello che dovevo dire l'ho già detto a chi sta svolgendo un'indagine per conto della Fa".

Archivio Ultima ora