Il Parlamento europeo riconosce le famiglie gay

Pubblicato il 09 giugno 2015 da redazione

Ireland's gay marriage vote

STRASBURGO. – Due genitori dello stesso sesso formano una ‘famiglia’ che ha gli stessi diritti delle famiglie composte da una donna e da un uomo. Stesso discorso per quelle in cui c’è una mamma o un papà single. Lo ha stabilito il Parlamento europeo approvando a maggioranza (341 sì, 281 no, 81 astenuti) un rapporto che per la prima volta, in maniera così esplicita, definisce “famiglia” una coppia omosessuale con figli.

Un voto che inasprisce lo scontro tra chi richiede il riconoscimento delle nozze gay e chi invece vede queste posizioni di Strasburgo come uno svilimento della famiglia tradizionale. E rilancia la polemica tra diversi esponenti cattolici di casa nostra e l’Aula di Strasburgo che nei mesi scorsi votò a favore del riconoscimento delle nozze gay come un “diritto umano” e a favore dell’aborto.

Stavolta la plenaria ha in programma l’esame di un report circa le strategie 2015/20 sulla parità di genere nell’Ue, un documento non vincolante ma di indirizzo politico per le istituzioni Ue e i Paesi membri. A favore si sono espressi il gruppo socialista e democratico, i liberali, i grillini e gli eurodeputati della sinistra unitaria. Contrari i popolari, i conservatori inglesi e i leghisti. Tra i no anche due eurodeputati del Pd, Luigi Morgano e Damiano Zoffoli.

Nel testo si legge che il Parlamento “prende atto dell’evolversi della definizione di famiglia”. Quindi “raccomanda che le norme in quell’ambito (compresi i risvolti in ambito lavorativo come congedi ecc.) tengano in considerazione fenomeni come le famiglie monoparentali e l’omogenitorialità”. “Il voto di oggi – festeggia a caldo l’eurodeputato Pd, Daniele Viotti – segna un passaggio centrale soprattutto per quei paesi, come l’Italia, in cui si fatica ancora ad affrontare un discorso laico sul concetto di famiglia”.

Anche Franco Grillini, padre storico del movimento per i diritti gay in Italia, parla di una “bella giornata per i diritti e le libertà per tutte le persone che credono all’uguaglianza formale e sostanziale tra tutti gli esseri umani”. Nichi Vendola, presidente di Sel, definisce il voto come “un altro passo avanti”, mentre in Italia “la politica balbetta”. Soddisfatta anche Laura Cantini (Pd), prima firmataria del ddl che istituisce le unioni civili per le coppie gay, annunciando l’approvazione entro la pausa estiva del suo testo. “Dopo l’Irlanda – commenta Benedetto Della Vedova- da Strasburgo arriva un altro importante riconoscimento famiglie gay”.

Durissima, invece, la reazione di chi ha sempre osteggiato le unioni gay, definendole come una minaccia alla famiglia tradizionale. E coglie l’occasione per lanciare la mobilitazione in vista della manifestazione del 20 giugno. Secondo il segretario nazionale dell’Udc, Lorenzo Cesa, il voto di oggi rappresenta “un arretramento culturale grave dell’Europa che svilisce il valore della famiglia”.

“Il Parlamento europeo – commenta Elisabetta Gardini, capodelegazione Fi – ha dimenticato il valore e il senso della famiglia tradizionale. Per la terza volta dall’inizio della legislatura, il Pe entra a gamba tesa sul diritto di famiglia che é, invece, esclusiva competenza nazionale”. Per l’ex ministro Maurizio Lupi (Ap), non è il Parlamento Ue a “stabilire cos’è famiglia”. “Poco importa – afferma Giuseppe Marinello (Ndc) – se il Parlamento Europeo riconosce le famiglie gay: l’Italia se ne frega altamente”. Infine Eugenia Roccella (Ap): “Il 20 giugno sarò, spero insieme a molti altri parlamentari, in Piazza San Giovanni a Roma per difendere la famiglia ‘costituzionale’, definita come la società naturale fondata sul matrimonio”.

(di Marcello Campo/ANSA)

Ultima ora

17:07Regeni: Alfano, prosegue impegno su ricerca verità

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Un pensiero commosso a Giulio Regeni a pochi giorni dall'anniversario della sua scomparsa. Un pensiero che si unisce alla prosecuzione di un impegno alla ricerca della verità". Così il ministro degli Esteri Angelino Alfano.

17:04Tenta di adescare bimba 10 anni su social, arrestato

(ANSA) - IMPERIA, 17 GEN - Un uomo di 40 anni, magazziniere e speaker per una una radio privata accusato di adescare ragazzine su internet è stato arrestato a Padova dalla Polizia postale della Liguria in flagranza di detenzione e scambio di materiale pedopornografico. L'indagine, conclusa in collaborazione con il compartimento Polposta Veneto, ha preso le mosse da un'attività della Polizia postale di Imperia che ha messo sotto intercettazione informatica e telefonica l'uomo quando aveva tentato di sedurre su Instagram una bambina di 10 anni della provincia di Imperia. A suo carico, la procura di Genova ha emesso un decreto di perquisizione che ha portato al sequestro di un ingente quantitativo di supporti informatici oltre che del profilo social utilizzato dall'uomo. Sono ancora in corso accertamenti volti alla ricerca di altri eventuali minori potenziali vittime dell'arrestato.

17:02Calcio: Vicenza, arriva Gucher dal Frosinone

(ANSA) - VICENZA, 17 GEN - Colpo sul mercato del Vicenza che ha ufficializzato l'acquisizione a titolo definitivo del centrocampista austriaco Robert Gucher, classe 1991. Il neo-acquisto proviene dal Frosinone dove è stato protagonista dell'ultima promozione in serie A e il cui contratto era in scadenza nel prossimo mese di giugno. Gucher, che fa parte della nazionale austriaca, ha firmato con il club veneto un contratto di due anni e mezzo, sino al 30 giugno 2019. Oggi si allenerà con i nuovi compagni agli ordini del tecnico Bisoli e sabato alla ripresa del campionato a Carpi potrebbe esordire in biancorosso.

16:59Calcio: Inter, vertice di mercato tra Thohir e Zhang

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - Vertice di mercato tra il presidente dell'Inter Erick Thohir e Steven Zhang, figlio del numero uno di Suning. Questa mattina, nella sede del club nerazzurro, faccia a faccia tra i due massimi dirigenti che hanno parlato delle possibili cessioni per sfoltire una rosa ancora troppo ampia e rispettare i parametri del Fair Play Finanziario. Dopo gli addii di Jovetic e Felipe Melo, potrebbe partire anche il difensore Andrea Ranocchia che e' seguito da alcuni club di Premier League. Il giovane centrocampista Miangue, classe 1997, potrebbe accasarsi al Cagliari e Gnoukouri piace al Crotone. Anche Biabiany e' in uscita, su di lui si e' mosso il Bologna ma non e' da escludere una cessione in Cina.

16:50Coni: Malagò, troppi contenziosi, dovremo uniformare regole

(ANSA) - GENOVA, 17 GEN - "Se sarò ancora io il prossimo presidente del Coni porterò sicuramente in giunta un argomento importante: la necessità di uniformare le regole degli statuti e dei regolamenti all'interno del nostro mondo, dalle federazioni ai comitati regionali, agli enti di disciplina, che hanno generato una serie di strascichi, contenziosi, ricorsi che sono oggettivamente complicati da gestire". Lo ha annunciato il presidente del Coni Giovanni Malagò a margine della giunta nazionale riunita in via straordinaria a Genova. "Tutti i ricorsi hanno una caratteristica: sono figli del momento storico che viviamo - ha aggiunto Malagò - e vanno anche oltre i confini del mondo sportivo stesso. Spesso gli stessi avvocati e i giuristi si prestano a interpretazioni diverse. Credo che sia una cosa di buonsenso che il Coni, magari con il pieno mandato delle massime autorità, anche di chi ha la delega al consiglio dei ministri, debba impegnarsi per uniformare gli statuti, anche per ciò che riguarda le future competizioni elettorali".

16:47Calcio: Maradona, qui mi sento dentro al calcio

(ANSA) - FIRENZE, 17 GEN - "Qui mi sento dentro al calcio, mi sento a casa". Lo ha detto Diego Armando Maradona, a Firenze per la Hall of Fame del calcio italiano. L'ex 'Pibe de oro' ha confermato di aver parlato con il presidente del Napoli, Aurelio de Laurentiis, dal quale è stato invitato per la sfida contro il Real Madrid.

16:45Coni: ufficializzata data elezioni, è l’11 maggio

(ANSA) - GENOVA, 17 GEN - Si svolgeranno l'11 maggio prossimo le elezioni del nuovo presidente del Coni. La data è stata stabilita in modo ufficiale oggi dalla giunta nazionale presieduta da Giovanni Malagò e riunita per la prima volta a Genova. E' stato anche deciso che la settimana precedente, il 4 maggio, ci sarà una giunta straordinaria per l'approvazione del bilancio del comitato. Tra gli argomenti trattati, "il distacco del Comitato paralimpico dal Coni a partire da questo mese - ha detto Malagò - sotto tutti i profili, comprese le erogazione dei contributi, e l' accordo tra Nado Italia e Cip sul fronte antidoping". "Il ministro dello Sport Lotti ha sul tavolo una serie di istanze del Coni - ha aggiunto Malagò - tra cui il completamento dell'iter legislativo della legge sui mandati che è passata al Senato e aspetta il passaggio alla Camera". Malagò ha sottolineato in giunta che tra gli appuntamenti più importanti del 2017 in Italia ci saranno i Mondiali di tiro con l'arco e quelli di ginnastica.

Archivio Ultima ora