Il Parlamento europeo riconosce le famiglie gay

Pubblicato il 09 giugno 2015 da redazione

Ireland's gay marriage vote

STRASBURGO. – Due genitori dello stesso sesso formano una ‘famiglia’ che ha gli stessi diritti delle famiglie composte da una donna e da un uomo. Stesso discorso per quelle in cui c’è una mamma o un papà single. Lo ha stabilito il Parlamento europeo approvando a maggioranza (341 sì, 281 no, 81 astenuti) un rapporto che per la prima volta, in maniera così esplicita, definisce “famiglia” una coppia omosessuale con figli.

Un voto che inasprisce lo scontro tra chi richiede il riconoscimento delle nozze gay e chi invece vede queste posizioni di Strasburgo come uno svilimento della famiglia tradizionale. E rilancia la polemica tra diversi esponenti cattolici di casa nostra e l’Aula di Strasburgo che nei mesi scorsi votò a favore del riconoscimento delle nozze gay come un “diritto umano” e a favore dell’aborto.

Stavolta la plenaria ha in programma l’esame di un report circa le strategie 2015/20 sulla parità di genere nell’Ue, un documento non vincolante ma di indirizzo politico per le istituzioni Ue e i Paesi membri. A favore si sono espressi il gruppo socialista e democratico, i liberali, i grillini e gli eurodeputati della sinistra unitaria. Contrari i popolari, i conservatori inglesi e i leghisti. Tra i no anche due eurodeputati del Pd, Luigi Morgano e Damiano Zoffoli.

Nel testo si legge che il Parlamento “prende atto dell’evolversi della definizione di famiglia”. Quindi “raccomanda che le norme in quell’ambito (compresi i risvolti in ambito lavorativo come congedi ecc.) tengano in considerazione fenomeni come le famiglie monoparentali e l’omogenitorialità”. “Il voto di oggi – festeggia a caldo l’eurodeputato Pd, Daniele Viotti – segna un passaggio centrale soprattutto per quei paesi, come l’Italia, in cui si fatica ancora ad affrontare un discorso laico sul concetto di famiglia”.

Anche Franco Grillini, padre storico del movimento per i diritti gay in Italia, parla di una “bella giornata per i diritti e le libertà per tutte le persone che credono all’uguaglianza formale e sostanziale tra tutti gli esseri umani”. Nichi Vendola, presidente di Sel, definisce il voto come “un altro passo avanti”, mentre in Italia “la politica balbetta”. Soddisfatta anche Laura Cantini (Pd), prima firmataria del ddl che istituisce le unioni civili per le coppie gay, annunciando l’approvazione entro la pausa estiva del suo testo. “Dopo l’Irlanda – commenta Benedetto Della Vedova- da Strasburgo arriva un altro importante riconoscimento famiglie gay”.

Durissima, invece, la reazione di chi ha sempre osteggiato le unioni gay, definendole come una minaccia alla famiglia tradizionale. E coglie l’occasione per lanciare la mobilitazione in vista della manifestazione del 20 giugno. Secondo il segretario nazionale dell’Udc, Lorenzo Cesa, il voto di oggi rappresenta “un arretramento culturale grave dell’Europa che svilisce il valore della famiglia”.

“Il Parlamento europeo – commenta Elisabetta Gardini, capodelegazione Fi – ha dimenticato il valore e il senso della famiglia tradizionale. Per la terza volta dall’inizio della legislatura, il Pe entra a gamba tesa sul diritto di famiglia che é, invece, esclusiva competenza nazionale”. Per l’ex ministro Maurizio Lupi (Ap), non è il Parlamento Ue a “stabilire cos’è famiglia”. “Poco importa – afferma Giuseppe Marinello (Ndc) – se il Parlamento Europeo riconosce le famiglie gay: l’Italia se ne frega altamente”. Infine Eugenia Roccella (Ap): “Il 20 giugno sarò, spero insieme a molti altri parlamentari, in Piazza San Giovanni a Roma per difendere la famiglia ‘costituzionale’, definita come la società naturale fondata sul matrimonio”.

(di Marcello Campo/ANSA)

Ultima ora

19:36Trump: Sarah e Melania si dicono fan l’una dell’altra

(ANSAmed) - TEL AVIV, 22 MAG - Sarah Netanyahu e Melania Trump si sono fatte reciprocamente i complimenti esprimendo ammirazione l'una per altra e sottolineando di avere in comune molte cose tra cui - ha detto la prima - l'antipatia verso i media. Lo scambio di battute informale - captato dai microfoni, secondo quanto segnalato dai media - è avvenuto all'incontro delle coppie una volta che i Trump sono scesi dall'Air Force One. Il presidente ha detto a Netanyahu che la moglie è "una grande fan della sua consorte". "Io l'amo - ha subito risposto Sarah - ed anche io sono una sua fan". "Posso testimoniarlo", ha spiegato Netanyahu mentre la moglie ha aggiunto: "La maggioranza del popolo, a differenza dei media, ci vuole bene... Abbiamo molto in comune".

19:28Consip: mercoledì riunione vertici procura Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 22 MAG - Le vicende legate al caso Consip - le polemiche sulla conduzione dell'inchiesta, le presunte irregolarità attribuite a un investigatore dei carabinieri, e l'avvio di un procedimento disciplinare nei confronti del pm Henry John Woodcock che svolse la prima fase delle indagini - saranno al centro di una riunione fissata per mercoledì prossimo, 24 maggio, alla quale prenderanno parte il procuratore facente funzione Nunzio Fragliasso e gli otto procuratori aggiunti che coordinano le varie sezioni dell'ufficio. E' la prima volta che viene affrontata, sia pure informalmente, la questione da parte dei magistrati della procura di Napoli da quando nelle scorse settimane gli inquirenti della procura di Roma indagarono per falso il comandante dei Noe di Napoli capitano Gianpaolo Scafarto per presunti falsi inseriti nell' informativa sia in relazione al coinvolgimento dei servizi segreti sia a proposito di una intercettazione che chiamava in causa Tiziano Renzi.

19:25Usa: Trump cerca mano Melania, First Lady si sfila via

(ANSA) - NEW YORK, 22 MAG - Trump cerca la mano di Melania e lei si sfila via non curante. Almeno e' ciò che appare dalla sequenza delle immagini di un video che ha fatto il giro della rete suscitando diversi commenti. L'episodio si riferisce all'arrivo della coppia presidenziale in Israele. I due sono stati accolti in pompa magna e alla loro discesa dall'Air Force One e' stato steso un lungo tappeto rosso. Dopo le foto con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e la moglie Sara, il gruppo si è avviato sul tappeto rosso. Il leader israeliano e la moglie si tenevano per mano e ad un certo punto e' sembrato che anche Trump cercasse la mano della moglie che invece di porgerla a sua volta sembra addirittura dare segno di volerla respingere. "Melania si e' appena rifiutata di dare la mano a Trump?" - si legge su Twitter. "Siamo tutti Melania", oppure, "Melania non vuole avere niente a che fare con lui. Nove giorni con Trump e non vede l'ora di tornare nel suo santuario a New York". Così alcuni alcuni dei commenti sul web

19:21Radicali, protesta a Milano contro Regione e Comune

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - Protesta dei Radicali a Milano contro "la violazione dei diritti di iniziativa popolare da parte del Comune e della Regione Lombardia". Marco Cappato, tesoriere della associazione Luca Coscioni, si è presentato davanti a Palazzo Marino esibendo due grandi matite di cartone per protestare contro il Comune "che dopo 21 mesi dal deposito delle firme sui quattro referendum del comitato 'Milano sì muove' non ha ancora rinnovato il Collegio dei garanti che devono dare il parere di fattibilità". La stessa protesta i Radicali metteranno in scena domani davanti al Pirellone, dove si tiene la seduta del Consiglio regionale. "Sono passati 15 mesi dal deposito delle leggi di iniziativa popolare per la regolamentazione della Cannabis terapeutica e per istituire il Registro dei testamenti biologici - ha detto Cappato -. La legge prevede che il Consiglio regionale abbia tre mesi di tempo per discutere le proposte depositate, scaduti i quali avviene l'inscrizione automatica. Ma non sono mai state calendarizzate".

19:20Turchia: demolito club strage di Capodanno

(ANSA) - ISTANBUL, 22 MAG - Il nightclub 'Reina' di Istanbul, teatro della strage di Capodanno rivendicata dall'Isis, in cui furono uccise 39 persone, è stato demolito stamani. La decisione è giunta dal Comune della metropoli sul Bosforo, che in una breve nota ha motivato l'abbattimento con una "violazione della normativa" edilizia. "È stato inatteso anche per noi. Il processo di demolizione è durato 45 minuti", ha detto a Hurriyet una fonte del locale. Il prossimo 11 dicembre avrà inizio il processo ad Abdulkadir Masharipov, l'uzbeko accusato di aver compiuto l'attacco, rinviato a giudizio con altri 56 presunti complici. Catturato dopo oltre due settimane di caccia all'uomo, Masharipov rischia 40 ergastoli e 2.397 anni di prigione.

18:59Rohani, l’Iran non ha mai cercato di avere armi nucleari

(ANSA) - TEHERAN, 22 MAG - "L'Iran non ha mai tentato di avere armi nucleari". Lo ha detto il presidente iraniano, Hassan Rohani, nel corso della sua prima conferenza stampa dopo la rielezione, rispondendo alle parole di Donald Trump. "L'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea) - ha continuato Rohani - ha verificato in diverse occasioni la natura pacifica del programma nucleare iraniano". Alla conferenza stampa, oltre a tutti i componenti del governo, era presente anche il capo dell'Organizzazione iraniana per l'energia atomica (Aeoi), Ali Akhbar Salehi.

18:53Calcinacci da ponte, chiuso casello Fano A14

(ANSA) - FANO (PESARO URBINO), 22 MAG - Il casello dell'A14 di Fano è stato chiuso in entrambe le direzioni per accertamenti tecnici su un ponte, che non attraversa l'autostrada, da cui sono caduti alcuni calcinacci. Chiuso anche il ponte che sovrasta gli svincoli in entrata e in uscita dall'autostrada e che è una delle strade del centro abitato di Fano, via Visconti. Disagi sulla SS16, dove si è riversato il traffico, compreso quello pesante. Sul ponte ci sono squadre dell'Anas, della polizia municipale di Fano e dei vigilie del fuoco, dato che non è ancora chiaro quale ente abbia competenza sul viadotto. Si sta cercando di capire se si stratta di un problema strutturale oppure no. In corso anche un riunione in Comune, che potrebbe poi sfociare in un incontro in prefettura, a Pesaro.

Archivio Ultima ora