Così le mani di Mafia Capitale su Roma. Forza intimidatrice basata sulla corruzione

Pubblicato il 09 giugno 2015 da redazione

Mafia Roma, la lupa capitolina vista attraverso le luci di un mezzo dei Carabinieri

ROMA. – Una forza intimidatrice basata non solo sulla violenza, rimasta il più delle volte inespressa, solo potenziale, ma sui rapporti con vecchi e nuovi amici entrati in politica e nelle società pubbliche. Accresciuta grazie alla “sistematica corruzione”, che ha agito a due livelli, come tappo per le società concorrenti nell’assegnazione degli appalti e come bavaglio di “assoggettamento e omertà”. E anche questa è mafia.

La Cassazione, enunciando un nuovo principio di diritto, ha messo il sigillo alle indagine della procura di Roma sul sodalizio che ha conquistato la Capitale. Per ora si tratta della ratifica delle misure cautelari per alcuni dei personaggi chiave, come Salvatore Buzzi, Franco Panzironi e Luca Odevaine (per il quale è esclusa l’accusa di mafia, anche se la Cassazione lo definisce un “vero e proprio insider al servizio di Buzzi”), ma è soprattutto la conferma che l’inchiesta della procura di Roma non incorre in un inciampo giuridico quando ipotizza l’applicazione dell’articolo 416 bis.

I supremi giudici ritengono il quadro delineato dalla Procura e convalidato da gip e riesame sufficiente a confermare, in fase cautelare, l’ipotesi accusatoria di un’organizzazione mafiosa a “raggiera” o a “reticolo” al cui vertice è stato individuato Massimo Carminati, non ricorrente davanti alla Suprema Corte, al quale gli ermellini riconoscono il ruolo di fulcro dell’inchiesta: “Persona dal rilevante ed assai noto passato criminale in ragione dell’appartenenza ai Nar, della contiguità con la banda della Magliana e dei numerosi precedenti penali in clamorose vicende giudiziarie”.

Mafia Capitale, scrive la sesta sezione penale della Cassazione in due sentenze gemelle che vagliano le posizioni di sedici imputati (n. 24535 e 24536), “si è avvalsa di una capacità di intimidazione già collaudata nei settori criminali più ‘tradizionali'”, per esportarne poi gli stessi metodi, ma “in forme più raffinate”, in campo amministrativo ed economico-imprenditoriale dove “più che ricorrere all’uso diretto della violenza o della minaccia, ha sfruttato tutte le possibilità offertagli dal richiamo ad una consolidata ‘fama criminale'”.

Così la nuova mafia da “gruppo di potere criminale” si è insediata “nei gangli dell’amministrazione della Capitale d’Italia”, “sostituendosi agli organi istituzionali nella preparazione e nell’assunzione delle scelte” ed è diventata sostanzialmente “monopolista” delle gare pubbliche: “l’associazione – scrive la Cassazione – ha potuto imporre il suo controllo su gran parte delle attività dell’amministrazione capitolina”, con “l’asservimento di pubblici funzionari infedeli” o con “il diretto ricorso a forme di intimidazione”, “senza lasciare spazio ai concorrenti” che non hanno nemmeno osato denunziare il sistema illecito.

Una vera e propria “occupazione dello spazio amministrativo ed istituzionale”. Regole imposte “solo grazie all’accumulo di una forza criminale ben conosciuta e temuta nella realtà sociale, fatta valere da un sodalizio in grado di interagire con altre organizzazioni criminali”. Carminati, ha potuto compiere un “salto di qualità” grazie alle frequentazioni con persone che negli anni avevano assunto importanti responsabilità amministrative, come Carlo Pucci, Luca Gramazio e Franco Panzironi, e soprattutto in ragione dell’accordo con Salvatore Buzzi.

Le indagini hanno raccolto, secondo la Cassazione, “gravi indizi circa la consapevolezza, in capo ai sodali, di far parte di un’associazione criminale e della relativa ‘affectio societatis'”, tanto da aver adottato “ogni possibile mezzo per tutelare la segretezza delle comunicazioni, in un contesto basato sulla regola dell’omertà verso i soggetti esterni”: vengono evidenziati tra l’altro il ricorso ad utenze dedicate e “gli appuntamenti in luoghi concordati attraverso riferimenti allusivi”.

Lo stesso Buzzi disponeva di uno strumento elettronico, un “jammer”, “fornitogli da Carminati per disturbare le frequenze” e ostacolare le intercettazioni.

Ultima ora

10:55Maltempo: esondato Serchio a Borgo Mozzano, chiusa ss 12

(ANSA) - BORGO A MOZZANO (LUCCA), 12 DIC - Nel corso della notte il fiume Serchio è esondato nel territorio di Borgo a Mozzano (Lucca), provocando la chiusura della statale 12 del Brennero. La situazione è poi tornata alla normalità: non c'è più acqua in strada ma la statale è ancora chiusa, per le operazioni di pulizia, tra le località di Ponte Pari e Chifenti. In particolare, come si spiega dalla protezione civile di Lucca che ha monitorato la situazione tutta la notte, con l'innalzamento dei livelli del fiume l'acqua è fuoriuscita dalle bocchette invadendo la sede stradale. Nella zona, si spiega ancora, ha smesso di piovere.Tre famiglie sono state evacuate dalle loro abitazioni che hanno subito danni al tetto per il forte vento a Dicomano, nel Fiorentino. Un'altra persona ha dovuto lasciare la sua casa minacciata da un grosso pino pericolante a Firenzuola, in località Pietramala. In entrambi i casi sono intervenuti i vigili del fuoco.

10:53Atletica: Atleticom we run Roma a -20

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - È iniziato il conto alla rovescia per gli amanti del runninig, pronti a esibirsi il 31 dicembre nel consueto appuntamento podistico con l'Atleticom we run Rome, giunta alla 7/a edizione. La corsa su strada competitiva si disputerà sulla distanza dei 10 km, quella non competitiva sui 5. E' la manifestazione fiore all'occhiello dell'Atleticom Asd. L'edizione 2016 ha certificato lo straordinario successo, con oltre 10.000 iscritti. A tagliare per primo il traguardo nella We run Rome 2016 fu l'atleta del Burundi, Olivier Irabaruta, che superò in volata il grande favorito della vigilia, Stanley Biwott, il keniano già trionfatore nella maratona di New York. In campo femminile si registrò un'altra sorpresa: la vittoria della francese Cassandre Beaugrande, classe 1997, davanti all'azzurra Valeria Straneo. Anche quest'anno verranno ripercorsi i luoghi più ricchi di storia e di fascino della Capitale. Le iscrizioni si potranno effettuare fino al 30 dicembre, online sul portale www.werunrome.com.

10:52Droga: Gdf sequestra elicottero che trasportava cocaina

(ANSA) - CAGLIARI, 12 DIC - C'è anche un elicottero "Alouette", che veniva utilizzato per trasportare la cocaina dal continente alla Sardegna, tra i 500mila euro di beni sequestrati dalla Guardia di finanza di Cagliari a Loris Sabatucci, 41 anni, emiliano. L'uomo, secondo quanto accertato dagli investigatori, era coinvolto nel traffico di droga smantellato proprio dalla Finanza nel luglio scorso con il sequestro di 11,5 chili di cocaina e l'arresto di tre persone. Sarebbe stato proprio lui a fornire l'elicottero per trasportare la cocaina in Sardegna. "L'impiego del mezzo aereo doveva servire per evitare i controlli operati dalle Fiamme gialle negli scali portuali ed aeroportuali, ordinarie ed obbligate vie di comunicazione con il continente - spiegano dalla Guardia di finanza - ma le incisive e complesse attività investigative hanno vanificato questa 'nuova frontiera' criminale, individuando l'elicottero adibito all'illecito trasporto, atterrato e decollato, non autorizzato, fuori da sedimi consentiti". Proprio sul 41enne emiliano si sono concentrate le attività investigative condotte dal Gico della Finanza di Cagliari e in particolare una serie di verifiche patrimoniali che oggi hanno portato al sequestro preventivo di beni per 500mila euro, tra i quali, oltre all'elicottero, schermato tramite un trust registrato nello stato americano del New Mexico, tre auto e quote di due società di capitali, peraltro fraudolentemente intestate a prestanome. Il provvedimento d'urgenza è stato emesso perché tre settimane fa il 41enne è stato arrestato in provincia di Pavia in quanto coinvolto nel contrabbando di sigarette. L'uomo, assieme a due moldavi, aveva creato una fabbrica di sigarette di contrabbando. Sono state sequestrate 35 tonnellate di "bionde". (ANSA).

10:49Basket: Nba, vola Houston in testa, inatteso ko per Boston

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Vincono ancora i Rockets, per loro decimo successo di fila, e consolidano il primato nella Western Conference. Nella notte Nba si sono giocate sei partite e la formazione di Houston ha superato con il punteggio di 130.123 i New Orleans Pelicans, con il solito Harden a fare da padrone sotto canestro, con 26 punti e 17 assist. Vittoria anche peri campioni in carica, dei Golden State Warriors che passano contro Portland con il punteggio di 111-104 e inseguono da vicino i battistrada. Ancora una grande serata per Damian Lillard del Portland, che mette a segno ben 39 punti. Fra gli altri risultati della nottata va segnalata la sconfitta inattesa dei Boston Celtics per 108-85 sul campo dei Chicago Bulls. I Clippers, ancora senza Gallinari infortunato, hanno battuto i Raptors di Toronto per 96-91. Infine due sconfitte casalinghe, per Memphis a opera di Miami per 107-82 e per Oklahoma battuto dagli Hornets 116-103. (ANSA).

10:39Maltempo: acqua alta a Venezia, 102 cm sul medio mare

(ANSA) - VENEZIA, 12 DIC - Acqua alta stamane a Venezia, dove la punta massima di marea sul medio mare ha raggiunto i 102 cm alle 6.15 secondo le rilevazioni del centro previsioni maree del comune. Con questo livello - marea sostenuta pari a codice 'giallo' - è stato interessata la parte più bassa del suolo cittadino a partire da piazza San Marco. Le prime previsioni della giornata davano una massima di marea a 105 centimetri, poi il vento di scirocco che ha interessato la città per tutta la notte, è calato facendo ridurre l'altezza dell'acqua rispetto al medio mare.

10:36Sci nordico: tutto pronto a Dobbiaco per tappa cdm

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - E' arrivata tanta neve a Dobbiaco (Bolzano) ed ora è davvero tutto pronto in ogni dettaglio per l'appuntamento di Coppa del Mondo di sci nordico di sabato 16 e domenica 17 dicembre. Le piste, ora immacolate, della 'Nordic Arena' ospiteranno una 10 km per le donne e una 15 per gli uomini, da percorrere in skating nella prima giornata con partenze "interval start" e in classico (inseguimento) nella giornata successiva. Una formula che da tempo mancava nel fondo che conta, su una pista rinnovata che propone erte impegnative fino al 18% di pendenza. A Dobbiaco saranno presenti 200 atleti suddivisi in 29 nazioni, con presenze quasi certe delle stelle di Coppa Dyrhaug, Haagen Krogh e Johnsrud Sundby. La nazionale azzurra proporrà Noeckler, De Fabiani, Rastelli, Salvadori, Bertolina, Gardener, Pasini, Rigoni, Fanton e Muller. Tra le donne, Debertolis, Comarella, Ganz, Scardoni, Stürz, De Martin Topranin, Brocard e Pellegrini se la vedranno con campionesse del calibro di Oestberg, Haga e Weng.

09:46Maltempo: in Liguria fa ancora paura il Magra

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - I fiumi Entella a Chiavari (Genova), Vara e Magra, nello Spezzino, sorvegliati speciali perché a rischio esondazione dopo le piogge di domenica e di ieri, non hanno creato problemi ingenti nella notte, ma il Magra continua a far paura. L'Entella, che ieri aveva tracimato alla foce, senza particolari conseguenze, è calato di livello. La forza della mareggiata in diminuzione favorisce il deflusso delle acque. E' calato anche il fiume Vara, che ieri aveva superato il secondo livello di guardia nel Comune di Sesta Godano. E' sempre a livello di guardia il Magra che fa paura a Bocca di Magra, nel Comune di Ameglia, dove le acque sono cresciute di 3,7 metri. Strade, giardini e cantieri nautici allagati, senza particolari danni. Nella notte una famiglia di S. Stefano Magra è stata sfollata con gommoni. La piena del Magra si esaurirà intorno alle 10. Nello spezzino restano sfollate una trentina di famiglie. Allerta rossa in tutta la provincia spezzina, e in parte di quella di Genova fino alle 13. Il meteo migliora.

Archivio Ultima ora