Sarah appello: Sabrina, ‘non l’ho uccisa’ poi in lacrime

(ANSA) – TARANTO, 12 GIU – “Sono molto addolorata che si pensi che abbia ucciso Sarah. Non l’ho uccisa, so io quanto sono addolorata”. Lo ha detto Sabrina Misseri rendendo dichiarazioni spontanee al processo d’appello per l’omicidio di Sarah Scazzi. Sabrina, condannata in primo grado all’ergastolo con la madre Cosima, è poi scoppiata a piangere e ha detto non sentirsela di continuare a parlare. Subito dopo è iniziata la requisitoria del sostituto pg. Assente dall’aula Cosima Serrano che è rimasta in carcere.

Condividi: