Giochi europei: Imponente cerimonia di apertura sotto gli occhi di Putin e Erdogan

Pubblicato il 12 giugno 2015 da redazione

GLI ITALIANI DI BAKU

BAKU . – La Mughan, la musica popolare azera, i ritmi di 50 tamburi per il conto alla rovescia 24 a 0, a simboleggiare i 24 anni di indipendenza dall’Unione Sovietica dello stato dell’Azerbaigian (datata 1991), e mille danzatori vestiti con ornamenti che richiamano i tappeti azeri: si è aperta così la cerimonia inaugurale della prima edizione dei Giochi europei, la manifestazione nata per volere dei Comitati olimpici europei che vuole essere una sorta di olimpiade del Vecchio Continente.

Una cerimonia imponente, di chiaro stile olimpico, seguita con entusiasmo da oltre 68mila persone che hanno affollate gli spalti del nuovissimo Olympic Stadium – costruito ad hoc per i Giochi europei con il chiaro obiettivo di una futura candidatura alle olimpiadi – alla presenza delle più alte autorità, dal presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev, accompagnato dalla first lady Mehriban Aliyeva, che nel suo discorso in qualità di presidente del comitato organizzatore ha indicato in ”pace, amicizia e solidarietà” lo spirito della manifestazione con la quale ”si apre un nuovo capitolo nella storia dell’Azerbaigian, accolto dal suono della tromba e da una vera e propria ovazione del pubblico, a quello russo Vladimir Putin e al presidente turco Recepp Tayyip Erdogan, dal presidente del Cio, Thomas Bach al presidente dei Comitati olimpici europei Patrick Hickey, con l’Italia rappresentata dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti.

L’arrivo della torcia (che ha percorso 5.500 chilometri), la sfilata dei 6.000 atleti, provenienti da 50 paesi (con l’esordio del Kosovo, fresco di riconoscimento Cio), aperta dalla Grecia, in segno di rispetto verso il paese che ha dato i natali ai Giochi Olimpici (con i fischi e i ‘buu’ al nemico’ per la questione del Nagorno Karabakh) e chiusa dai padroni di casa dell’Azerbaigian, la bandiera dei comitati olimpici europei portata da otto atleti provenienti da diversi paesi europei , tra i quali l’azzurro Niccolò Campriani, e il gran finale al ritmo della ‘Yalla’, la danza popolare azera, sono stati i momenti più toccanti della serata che da’ il via ufficiale alla manifestazione e culminata con l’esibizione di Lady Gaga sulle note di ‘Imagine’ di John Lennon.

Portabandiera dell’Italia – che ha sfilato con 68 atleti con il capo missione Carlo Mornati – è stata l’olimpionica Giulia Quintavalle. E l’Italia, terza forza dopo i padroni di casa e la Russia, in quanto a presenza di atleti (284) conta di ritagliarsi un ruolo di primo piano.

Eppure la manifestazione, snobbata da qualche federazione internazionale (vedi atletica e nuoto) rischia di non avere vita facile dopo la rinuncia dell’Olanda, anche se proprio la Russia ha manifestato interesse per la candidatura. Certo, resta l’ombra dei diritti umani violati, come sostengono alcune ong, con Amnesty International che si è vista costretta a cancellare un incontro convocato sul tema, resta però l’ambizione dell’Azerbaigian che attraverso lo sport sta promuovendo la sua immagine e sogna di poter ospitare le olimpiadi.

Intanto, già si è cominciato a gareggiare, protagoniste le ragazze del nuoto sincronizzato e della pallanuoto con le sincronette, nel programma libero delle qualificazioni del duo hanno occupato il quinto posto mentre nella prima prova a squadre sono risultate quarte, mentre le ragazze della pallanuoto hanno vinto 22-5 contro la Francia.

(di Laura Masiello/ANSA)

Ultima ora

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

00:23Basket: Serie A, Torino-Milano 71-59

(ANSA) - TORINO, 10 DIC - La Fiat Torino batte 71-59 l'EA7 Milano e aggancia in classifica i milanesi. Una vittoria di carattere quella conquistata dalla squadra dell'ex milanese Banchi, passata a condurre nella prima frazione per poi non lasciare più il comando della partita. Se all'inizio le percentuali di Milano hanno favorito la fuga torinese (32-27 al 20'), nella ripresa la difesa di Torino ha fatto la differenza. Washington ha chiuso le falle in difesa, Mbakwe ha fatto impazzire sotto canestro i lunghi milanesi, caricando di falli Tarczewski e Gudaitis. Un parziale di 17-6 a metà terzo quarto (51-33), propiziato da Mbakwe e Vujacic ha indirizzato la partita: Milano ha provato nel finale a riavvicinarsi, ma la Fiat ha controllato senza patemi il risultato. Ottima prova di Patterson (16), Mbakwe (15) e Vujacic (10) per Torino, mentre sulla sponda milanese il solo Jerrels è riuscito ad andare in doppia cifra chiudendo con 10 punti.

Archivio Ultima ora