Moto Catalogna: lampo Suzuki, Rossi e Lorenzo faticano

Pubblicato il 12 giugno 2015 da redazione

Valentino Rossi in Catalunya Motorcycling Grand Prix training

GRANOLLERS (SPAGNA). – Sono tutti e tre catalani i protagonisti della prima giornata di prove libere al Montmelò nella MotoGP. Aleix Espargarò con la Suzuki e i due piloti ufficiali Honda, Marc Marquez e Dani Pedrosa, sono piloti di casa nel GP della Catalogna, con il primo dei tre originario (come il fratello Pol che corre con il Team Tech3) di Granollers, distante una manciata di chilometri dall’impianto dove si corre anche la Formula Uno.

Aleix Espargarò, tra i tre migliori della classe regina, è quello che ha “spaventato” di più nei primi giri di pista del settimo GP della stagione 2015. In sella a una Suzuki ancora acerba, rientrata nella bagarre della MotoGP solo quest’anno dopo tre stagioni di assenza, Aleix Espargarò è riuscito a beffare le moto campioni del mondo, almeno nelle libere. “Credo che la Suzuki andrà molto forte – ha analizzato Valentino Rossi – anche perché Espargarò è stato costante con tutte le mescola disponibili, facendo il suo tempo con la gomma medium (la soft per le MotoGP Factory, ndr), quindi credo che siano già a posto”.

Nella gara di casa, sembrano rinascere le Honda. Marc Marquez e Dani Pedrosa hanno provato i nuovi scarichi – leggermente più lunghi dei vecchi – portati dalla Honda e altre parti non dichiarate che sembrano sia già abbastanza performanti, visto che i due alfieri della casa giapponese sono secondo e terzo al termine della prima giornata di libere.

“Stiamo lavorando con una particolare attenzione per la seconda parte di gara – ha detto Marquez – perché su questa pista le gomme si degradano molto. Abbiamo fatto alcune prove e sembra che abbiamo risolto alcuni dei problemi che abbiamo avuto, ma dobbiamo continuare a lavorare, perché io ancora non mi sento perfettamente a posto, tuttavia, penso che abbiamo sicuramente fatto un passo in avanti”.

Con tre moto giapponesi davanti a tutti, il quarto posto di giornata di Andrea Dovizioso è un’ottima notizia per la Ducati, ma come per molti altri piloti della classe regina, permangono i problemi di grip. “E’ stata una giornata un po’ particolare – ha detto Dovizioso – le sensazioni che ho sulla mia moto sono insolite. Dobbiamo verificare con l’ausilio dei dati cosa modificare sulla moto. Sulla pista non c’è molto grip e ci sono anche tanti avvallamenti creati dalle auto che danno parecchio fastidio”.

Non gira bene per le Yamaha. Sia Lorenzo che Rossi sono in difficoltà, con il settimo e l’undicesimo tempo finale. I due alfieri della casa dei tre diapason non sono riusciti a sfruttare a pieno il turno del pomeriggio dove in molti hanno pensato bene di sfruttare il sole per fare tempi buoni per l’accesso alla Q2, in previsione di un peggioramento meteo.

“Domani – ha detto Rossi – sarà veramente dura per noi puntare a una buona posizione sulla griglia anche perché molti piloti oggi hanno fatto una specie di mini qualifica pensando a un peggioramento delle condizioni meteo. Una delle incognite sarà quella delle gomme. Secondo me useremo le soft, ma vorrei riprovare entrambe le mescola disponibili domani per chiarirmi le idee. L’importante è comunque avere un buon passo gara anche se il nostro tempo sul giro non è all’altezza di quello dei piloti Honda”.

Ultima ora

05:42Coree: Seul, inviato a Pyongyang se stop provocazioni

PECHINO - Il presidente sudcoreano Moon Jae-in prendera' in considerazione l'invio di un inviato speciale a Pyongyang se il Nord mettera' fine alle sue provocazioni: in un messaggio trasmesso dalle tv di Seul, in occasione dei primi 100 giorni di insediamento alla presidenza, Moon ha spiegato che il dialogo intercoreano puo' esserci solo se finiscono test nucleari e missilistici. ''Nessuna guerra ci sara' sulla penisola'', ha poi ribadito il presidente, ricordando l'impegno Usa a non prendere alcuna azione militare senza il consenso di Seul.

05:38Charlottesville: Carson, ingigantite reazioni a parole Trump

WASHINGTON - Il segretario Usa all'urbanistica Ben Carson ha descritto le polemiche scaturite dalla reazione del presidente Donald Trump ai fatti di Charlottesville come ''piccoli bisticci'' che vengono ''ingigantiti''. Lo stesso Carson -l'unico afroamericano nel governo Trump- in un post su Facebook aveva parlato di ''odio e intolleranza su tutti i fronti'' in reazione a quanto accaduto nella citta' della Virginia.

05:18Gaza: Hamas, kamikaze Isis morto in scontro con sicurezza

GAZA - Hamas ha rivelato che un kamikaze si e' fatto esplodere mentre le forze di sicurezza stavano cercando di impedirgli di infiltrarsi in Egitto, e nell'attentato diverse persone sono rimaste ferite. Il Ministero degli Interni di Hamas ha reso noto che l'attentatore e' morto e un suo complice e' rimasto ferito. Una delle persone coinvolte nell'attacco e' in condizioni definite 'serie'. L'attentato e' il primo portato da un palestinese con una bomba suicida contro le forze di Hamas. Dirigenti di Hamas hanno detto che l'assalitore e' ritenuto un militante dell'Isis.

05:11Charlottseville: Cnn, Trump non rammaricato di sue parole

WASHINGTON - Secondo la Cnn che cita fonti il presidente degli Stati Uniti Donald Trump non si e' pentito di quanto affermato circa i fatti di Charlottesville nel sottolineare che vi sono responsabilita' in entrambe le parti coinvolte. Secondo quanto riferito da una fonte alla Cnn il presidente va avanti ''senza rammarico'', fermamente convinto che i media e le elite della costa orientale stiano iperventilando.

05:06Corea Nord: Bannon, non c’e’ nessuna soluzione militare

WASHINGTON - Non c'e' soluzione militare in risposta alla minaccia della Corea del Nord. Ne e' convinto Steve Bannon, consigliere del presidente Usa Donald Trump e stratega della Casa Bianca, intervistato da The American Prospect. 'Fino a quando non si dimostra che 10 milioni di persone a Seul non muoiono nei primi 30 minuti da armi convenzionali non so di che si parla. Non c'e' nessuna soluzione militare'', ha detto Bannon.

05:01Venezuela: Parlamento chiede tutela internazionale

CARACAS - Julio Borges, presidente del Parlamento venezuelano, in mano all'opposizione, ha chiesto oggi l'aiuto degli organismi internazionali per i diritti umani per ''proteggere i singoli deputati e proteggere il Parlamento stesso'' dalle persecuzioni messe in atto dal governo di Nicolas Maduro. Borges si e' riferito alle accuse mosse dal Procuratore Tarek William Saab contro German Ferrer -deputato del partito di governo e marito di Luisa Ortega Diaz, l'ex Procuratrice ribelle- per le quali ha chiesto all'Assemblea Costituente che sospenda la sua immunita' parlamentare e ne ordini l'arresto.

04:51Afghanistan: soldato Usa ucciso in scontro con Isis a est

KABUL - Un soldato americano e' morto in Afghanistan per le gravi ferite riportate ieri durante una operazione congiunta fra le forze Usa e afghane nella provincia orientale di Nangarhar. In un comunicato il quartier generale delle Forze americane in Afghanistan (USFOR-A) ha aggiunto che militari statunitensi ed afghani sono rimasti feriti nel corso di una operazione mirante a ridurre la presenza dei militanti della sezione Khorasan (Afghanistan e Pakistan) dell'Isis sul territorio afghano.

Archivio Ultima ora