Capotreno aggredito, giovane ‘mi scuso, mi dispiace per lui’

(ANSA) – MILANO, 14 GIU – “Mi dispiace per lui, mi scuso, ero in stato confusionale per l’alcol e volevo soltanto spaventarlo”. Lo avrebbe detto, nell’interrogatorio davanti al gip, Josè Emilio Rosa Martinez, il ragazzo che a Milano ha quasi amputato un braccio al capotreno con un machete. E’ difeso dall’avvocato Alessio Mantuano. Un altro arrestato, Alexis Ernesto Garcia Rojas, difeso da Robert Ranieli, ha spiegato di non c’entrare “nulla con l’aggressione”.

Condividi: