Azzurri contro il Portogallo. Ultimo test dell’Italia

Pubblicato il 15 giugno 2015 da redazione

Italy's national soccer team head coach Antonio Conte during the team's training

GINEVRA. – Sembra di essere alla vigilia dell’ultimo giorno di scuola per la Nazionale azzurra di Antonio Conte, che chiuderà la stagione affrontando il Portogallo in amichevole a Ginevra. Gli azzurri sono arrivati nel pomeriggio allo Stade de Geneve per una sgambata sul terreno di gioco. Li attende un ultimo sforzo prima delle vacanze. Ma, in un clima da “rompete le righe”, il Ct non vuol nemmeno sentir parlare di possibili cali di tensione. “Mi aspetto grande impegno, voglia, entusiasmo. Stiamo assieme così poco tempo che ho bisogno di risposte” sottolinea.

E poi rincara la dose: “La Nazionale deve avere sentimento, passione, entusiasmo, il sacrificio nel Dna. La maglia azzurra deve essere sempre un grandissimo stimolo, un traguardo”. Così domani scenderà in campo una formazione imbottita di “titolari”, con un asse centrale formato da Bonucci e Pirlo a sostenere il tridente formato da Candreva, Immobile e El Shaarawi.

Proprio Bonucci allontana ogni ipotesi che la sfida venga snobbata: “Una partita come quella contro il Portogallo ci aiuta a tenere alta la tensione. E poi in panchina c’è qualcuno che non la fa scendere di certo”. Sulla stessa lunghezza d’onda anche il Ct portoghese, Fernando Santos: “Questa partita è molto importante. Non possiamo davvero cambiare la squadra e rischiare di ripetere quello che è successo con Capo Verde”, ricordando la bruciante sconfitta patita con la formazione africana solo qualche mese fa. Non ci sarà, però, Cristiano Ronaldo, reduce da una tripletta contro l’Armenia.

Il fischio d’inizio è previsto alle 21. Conte ha già annunciato che effettuerà tutti i cambi a disposizione e per alcuni giocatori – Vasquez e Sansone in primis – può essere un’occasione unica per mettersi in mostra. “C’è grande professionalità da parte di tutti”, ha ribadito il ct che sta cercando soluzioni nel settore offensivo. “E’ un momento in cui non abbiamo un vero bomber – ha osservato – ma stiamo lavorando, è in atto un ricambio generazionale, ci sono ragazzi con grande voglia. Speriamo che Zaza e Immobile si confermino, che Rossi si riprenda, che qualcun altro si metta in mostra”.

A quasi dieci mesi dal suo ‘insediamento’ sulla panchina azzurra, per Conte è arrivato il momento di tracciare un primo parziale bilancio: “E’ un’esperienza bella e formativa nel mio percorso”. Poi, rispondendo alle domande dei cronisti, ha puntualizzato: “Non mi è mai balenata l’idea di lasciare. Nonostante ci siano stati momenti difficili non ho mai pensato di abbandonare. Ho preso un impegno verso l’Italia e gli italiani. Solo? Non è importante come io mi senta, quello che importa è che abbia metabolizzato ciò che mi si chiede: sono concentrato sul lavoro senza guardarmi intorno”.

(dell’inviato Enrico Marcoz/ANSA)

Ultima ora

11:44Agente si spara al pronto soccorso, è gravissimo

(ANSA) - BOLOGNA, 3 DIC - Un uomo di 44 anni si è sparato al pronto soccorso dell'ospedale Sant'Orsola di Bologna e le sue condizioni sono gravissime. Secondo le prime informazioni si tratta di un poliziotto della Penitenziaria, in servizio nella struttura minorile di via del Pratello. Era stato portato in ospedale su un'ambulanza. Una volta giunto al nosocomio, ha estratto l'arma, l'ha rivolta contro di sè e ha sparato.

11:36Calcio: serie D, match Frattese-Gragnano, emessi otto daspo

(ANSA) - NAPOLI, 3 DIC - Otto daspo sono stati emessi dalla Polizia dopo l'incontro di calcio Frattese-Gragnano, valido per il Campionato di serie D, disputatosi lo scorso 16 ottobre allo stadio Ianniello di Frattamaggiore (Napoli). I provvedimenti di divieto di accesso alle manifestazioni sportive sono scattati per tifosi della Frattese, per la durata di tre anni, sette dei quali con obbligo di presentazione presso i commissariati di Polizia di Stato di Frattamaggiore e Afragola. Prima, durante e dopo il match diversi sono stati gli episodi di scontri e tensioni. Già prima dell'inizio della partita, si era verificata una situazione di allarme, quando un gruppo di tifosi della Frattese, avendo intercettato lungo il percorso l'autobus dei tifosi ospiti diretto allo stadio e aveva lanciato contro dei sassi, al punto da costringere il mezzo a fermarsi. Evitato lo scontro diretto tra tifoserie solo grazie all'intervento degli agenti.

11:30Atletica: 600 atlete al via della Best Woman di Fiumicino

(ANSA) - ROMA, 03 DIC - Saranno oltre 600 le donne, su 2400 atleti in totale, al via domani della 27° edizione della "Best Woman", una delle gare podistiche sui 10 km. più competitive sulla distanza a livello nazionale. La partenza, alle 10 da via Bezzi, vedrà impegnati come volontari un gruppo di ragazzi rifugiati provenienti da vari Paesi, ospiti di una casa di accoglienza a Fiumicino. A caccia della corona di "best woman 2016", ci saranno le fondiste Elena Romagnolo dell'Esercito, Rosaria Console, Giulia Martinelli della Forestale, la romana Federica Proietti che lo scorso anno vinse la gara siglando il suo personal best (34:37), l'iridata di canoa Anna Alberti, protagonista lo scorso 10 aprile alla Maratona di Roma, e Maria Grazia Espinoza Bianchi che alla maratona di Firenze di domenica scorsa ha chiuso al quinto posto.

11:24Gb: pilota Klm colpito da infarto poco prima del decollo

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - Il pilota di un volo della Klm in partenza dall'aeroporto di Glasgow, in Scozia, e diretto ad Amsterdam ha avuto un infarto pochi minuti prima del decollo, quando l'aereo aveva già lasciato il terminal e si dirigeva verso la pista: lo riporta la Bbc online. L'uomo, ha detto un portavoce della compagnia aerea olandese, e' stato soccorso dai membri dell'equipaggio con l'aiuto di un passeggero, mentre il copilota ha riportato al gate il velivolo, che aveva 128 persone a bordo. La partenza del volo era prevista per le 17:00 di ieri, ma a causa dell'emergenza e' stato cancellato. Le condizioni del pilota sono "stabili", ha aggiunto il portavoce.

11:21Incidenti lavoro: incastrato in macchinario, muore a Torino

(ANSA) - TORINO, 3 DIC - Un operario di 23 anni ha perso la vita la scorsa notte in un incidente sul lavoro nello stabilimento produttivo della ditta dolciaria a Torino. Secondo una prima ricostruzione, la testa gli è rimasta intrappolata in un'apparecchiatura per la preparazione dei dolciumi. Il giovane è morto sul colpo, davanti agli occhi di alcuni colleghi; a nulla sono serviti i tentativi dei medici del 118 di rianimarlo. Dai primi accertamenti dei carabinieri risulta che siano state rispettate le norme di sicurezza.

11:20Basket: Nba, Cleveland ancora ko, ma resta capolista

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - Continua il periodo nero dei Cleveland Cavaliers, ancora sconfitti: la notte Nba riserva un'altra sorpresa dopo quelle dell'ultimo turno. I Cavs già usciti malconci dal confronto con i Los Angeles Clippers nel turno scorso, hanno concesso il bis a favore dei Chicago Bulls, usciti vittoriosi per 111-105 nonostante i ben 27 punti messi a segno da Lebron James. Bene invece i Toronto Raptors, che affondano i Los Angeles Lakers 113-80, e acciuffano il secondo posto nella classifica della Eastern Conference, che resta guidata dai Cleveland Cavaliers, nonostante la seconda battuta d'arresto consecutiva e la quinta sconfitta stagionale. Larga vittoria anche di Orlando Magic sui Philadelphia 76ers per 105 a 88. Nell'altro girone Nba, vittoria facile del San Antonio sui Washington Wizard. Male invece i Denver Nuggets di Danilo Gallinari, battuti da Houston Rockets 128-110.

10:45Calcio: il Torino compie 110 anni

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - La squadra di calcio del Torino compie oggi 110 anni. Il club granata fu infatti fondato il 3 dicembre 1906 e nacque dalla fusione tra il Football club Torino e un gruppo di giocatori della Juventus decisi ad andarsene per la loro strada. Nacque allora una formazione sportiva che ha fatto la storia del calcio in Italia, sfornato campioni, vinto 7 scudetti e 5 coppe Italia, ed ha consegnato al calcio campioni e storie meravigliose. Ma anche un lutto terribile, quello del Grande Torino, che si schiantò a Superga nel 1949. Il club attuale è nato nel 2005 sulle ceneri di quello precedente, affondato dai problemi economici. Ma la sostanza e il cuore granata sono sempre quelli.

Archivio Ultima ora