Azzurri contro il Portogallo. Ultimo test dell’Italia

Pubblicato il 15 giugno 2015 da redazione

Italy's national soccer team head coach Antonio Conte during the team's training

GINEVRA. – Sembra di essere alla vigilia dell’ultimo giorno di scuola per la Nazionale azzurra di Antonio Conte, che chiuderà la stagione affrontando il Portogallo in amichevole a Ginevra. Gli azzurri sono arrivati nel pomeriggio allo Stade de Geneve per una sgambata sul terreno di gioco. Li attende un ultimo sforzo prima delle vacanze. Ma, in un clima da “rompete le righe”, il Ct non vuol nemmeno sentir parlare di possibili cali di tensione. “Mi aspetto grande impegno, voglia, entusiasmo. Stiamo assieme così poco tempo che ho bisogno di risposte” sottolinea.

E poi rincara la dose: “La Nazionale deve avere sentimento, passione, entusiasmo, il sacrificio nel Dna. La maglia azzurra deve essere sempre un grandissimo stimolo, un traguardo”. Così domani scenderà in campo una formazione imbottita di “titolari”, con un asse centrale formato da Bonucci e Pirlo a sostenere il tridente formato da Candreva, Immobile e El Shaarawi.

Proprio Bonucci allontana ogni ipotesi che la sfida venga snobbata: “Una partita come quella contro il Portogallo ci aiuta a tenere alta la tensione. E poi in panchina c’è qualcuno che non la fa scendere di certo”. Sulla stessa lunghezza d’onda anche il Ct portoghese, Fernando Santos: “Questa partita è molto importante. Non possiamo davvero cambiare la squadra e rischiare di ripetere quello che è successo con Capo Verde”, ricordando la bruciante sconfitta patita con la formazione africana solo qualche mese fa. Non ci sarà, però, Cristiano Ronaldo, reduce da una tripletta contro l’Armenia.

Il fischio d’inizio è previsto alle 21. Conte ha già annunciato che effettuerà tutti i cambi a disposizione e per alcuni giocatori – Vasquez e Sansone in primis – può essere un’occasione unica per mettersi in mostra. “C’è grande professionalità da parte di tutti”, ha ribadito il ct che sta cercando soluzioni nel settore offensivo. “E’ un momento in cui non abbiamo un vero bomber – ha osservato – ma stiamo lavorando, è in atto un ricambio generazionale, ci sono ragazzi con grande voglia. Speriamo che Zaza e Immobile si confermino, che Rossi si riprenda, che qualcun altro si metta in mostra”.

A quasi dieci mesi dal suo ‘insediamento’ sulla panchina azzurra, per Conte è arrivato il momento di tracciare un primo parziale bilancio: “E’ un’esperienza bella e formativa nel mio percorso”. Poi, rispondendo alle domande dei cronisti, ha puntualizzato: “Non mi è mai balenata l’idea di lasciare. Nonostante ci siano stati momenti difficili non ho mai pensato di abbandonare. Ho preso un impegno verso l’Italia e gli italiani. Solo? Non è importante come io mi senta, quello che importa è che abbia metabolizzato ciò che mi si chiede: sono concentrato sul lavoro senza guardarmi intorno”.

(dell’inviato Enrico Marcoz/ANSA)

Ultima ora

16:33Craxi: Sala, “Prima di dire la mia rifletterò”

(ANSA) - MILANO, 20 GEN - "Io credo che qui ci sia assolutamente libertà di coscienza, ognuno dice la sua e io prima di dire la mia rifletterò". Così il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha commentato le diverse posizioni all'interno della sua Giunta sull'eventualità di intitolare una via a Bettino Craxi. "Io ho solamente ribadito che è un tema che appartiene alla storia di Milano ed è giusto discuterne, però sono ancora molto lontano da esprime un giudizio. Quindi lasciamo che la città e il Consiglio comunale facciano la loro parte" ha spiegato Sala. Il gruppo di FI a Palazzo Marino ha annunciato una mozione per chiedere l'intitolazione di una piazza al leader socialista. "Ci deve essere un dibattito in Consiglio, che ha giustamente la volontà di intervenire su tanti temi significativi. Vediamo se vorrà intervenire anche su questo" ha aggiunto Sala. Sull'argomento è intervenuto il leader della Lega Nord, Matteo Salvini: "Aprire un confronto su Craxi? Ma mi facciano il piacere, con tutte le cose serie che ci sono da fare".

16:26Calcio: Sousa, allenare Kalinic è una gioia

(ANSA) - FIRENZE, 20 GEN - "Ho sempre detto e lo ripeto che allenare giocatori come Kalinic è una gioia per chi fa questo mestiere". Così Paulo Sousa parla dell'attaccante croato da tempo chiacchierato sul mercato, nel mirino dei cinesi del Tianjin. Intanto per domani, in trasferta contro il Chievo, Kalinic mancherà per squalifica, sarà l'occasione per Babacar per confermare di essere pronto se il tecnico viola lo schiererà titolare. Dall'Inghilterra confermano la chiusura dell'acquisto di Zarate per circa 2,5 milioni da parte del Watford di Mazzarri.

16:24Tenta rapina a poliziotto ma lascia curriculum nello scooter

(ANSA) - NAPOLI, 20 GEN - Era in cerca di lavoro, girava con un curriculum vitae, ma nel frattempo faceva il rapinatore: è stato grazie ai dati contenuti in quei fogli A4, lasciati sotto la sella del suo scooter, che la Polizia è riuscita a rintracciare e arrestate, nella sua abitazione di Napoli, un pregiudicato di 31 anni, Luca Donnarumma, che all'alba ha tentato di rapinare un sovrintendente capo della Polizia di Stato. Donnarumma è entrato in azione in via Salvator Rosa: ha preso di mira una persona in strada - il poliziotto - che stava per salire a bordo della sua auto per recarsi a lavoro. Ne è nata una colluttazione al termine della quale il rapinatore, approfittando della strada in discesa, è comunque riuscito a scappare. L'agente ha fornito un'esatta descrizione sia dell'abbigliamento indossato dal rapinatore sia dello scooter, intercettato a poco distanza. Sotto la sella c'era il curriculum vitae, grazie al quale la Polizia è riuscita a individuare e arrestare il rapinatore.

16:23Calcio: Pioli, concentrati per vincerle tutte

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 20 GEN - "Champions? Ho l'esperienza necessaria per capire che dobbiamo aspettare la fine della stagione. Ma dobbiamo rimanere concentrati e vincerle tutte": lo dice il tecnico dell'Inter Stefano Pioli in vista della partita con il Palermo. "Insieme a noi - aggiunge - c'e' una società molto forte con grande ambizione. Vogliamo costruire un buon presente che sia base per un grande futuro". L'allenatore ha molte alternative a centrocampo ma non teme che i giocatori possano essere delusi dalle sue scelte: "La squadra viene prima di tutto e i giocatori sono sintonizzati in questa direzione. Sono contento di avere l'imbarazzo della scelta". Il mercato nerazzurro non e' finito: "Mi aspetto delle cessioni oltre a quelle che sono già state fatte".

16:20Calcio: Sarri “Milan cresciuto, sarà difficilissima”

(ANSA) - NAPOLI, 20 GEN - "La gara con il Milan ci dirà a che punto siamo noi e loro. Il Milan ha fatto passi in avanti giganteschi negli ultimi mesi, fanno benissimo in casa e hanno ricompattato un ambiente difficile, per noi sarò una gara difficilissima". Maurizio Sari si prepara così al big match con i rossoneri. "Ci saranno momenti in cui dovremo usare il fioretto e altri in cui servirà la sciabola, loro ci creeranno sofferenza ma avremo anche delle opportunità. Dobbiamo essere bravi a interpretare i momenti della partita". Sui singoli, Sarri ha spiegato che "Suso e Bonaventura sono bravi tecnicamente, saltano avversario e ci creeranno difficoltà, sicuramente saranno un punto di pericolo".

16:11Merkel riceve Fillon in cancelleria lunedì prossimo

(ANSA) - BERLINO, 20 GEN - La cancelliera tedesca Angela Merkel riceverà il candidato alla presidenza francese François Fillon, lunedì prossimo in cancelleria. Lo ha comunicato il suo portavoce, Steffen Seibert, oggi in conferenza stampa. Subito dopo Fillon terrà un discorso alla Fondazione Adenauer, vicina alla Cdu. Rispondendo alle domande dei giornalisti, Seibert ha affermato che un incontro del genere "non rappresenta alcuna interferenza" nella campagna elettorale francese, e ha ricordato che Merkel in passato ha incontrato altri candidati, sia conservatori che socialdemocratici.

16:11Di Maio, eroi salvano persone, antieroi le banche

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - "Ci sono eroi e antieroi. Gli eroi sono quelli che si mettono a disposizione, rischiando l'incolumità, per salvare gli altri. Gli antieroi sono quelli che si nascondono dietro sobrietà per celare disorganizzazione e incapacità". Così Luigi Di Maio commentando i salvataggi a Rigopiano. "Non è polemica è la verità. Gli antieroi hanno tempi da Bolt quando si tratta di tirar fuori dalle tasche degli italiani 20 mld per salvare la banca che hanno distrutto e sono insopportabilmente lenti quando si tratta di dare ai terremotati 28 milioni che gli italiani hanno donato con grande solidarietà".

Archivio Ultima ora