Uomo sciolto in acido: fratello condannato all’ergastolo

(ANSA) – PISTOIA, 16 GIU – E’ stato condannato all’ergastolo Luigi Orefice, unico imputato per l’omicidio del fratello Rosario, scomparso il 30 aprile 2010 e i cui resti, parzialmente sciolti nell’acido ed in avanzato stato di decomposizione, furono ritrovati il 26 marzo 2014 in un bidone di ferro in un capannone nel Pistoiese. La corte d’assise di Firenze ha escluso l’aggravante della premeditazione. Luigi Orefice non sarà arrestato. Liti per questioni economiche sarebbero alla base dell’omicidio.

Condividi: