I Maya erano una cultura raffinata, ma con lato guerriero

glifo

CITTA’ DEL MESSICO. – La civiltà dei Maya, una delle più importanti dell’America precolombiana, non era solo la cultura prevalentemente pacifica e scientifica che si immaginava finora, ma aveva anche un aspetto guerresco e violento molto sviluppato. E’ quanto ritiene di aver dimostrato un esperto messicano, dopo aver decifrato uno dei glifi più misteriosi del loro linguaggio.

Guillermo Bernal, del Centro di Studi Maya dell’Istituto di Ricerche Filologiche dell’Università Autonoma del Messico, è riuscito infatti a “leggere” il glifo, noto come T514, un segno finora misterioso che rappresenta un giaguaro – animale sacro per i Maya – con le fauci aperte che mostrano uno strano oggetto, che è stato decifrato come “yej”, ossia “affilato”.

Finora si pensava che lo “yej” rappresentasse un molare dell’animale, ma Bernal ha scoperto che il suo significato è anzitutto simbolico. Secondo lui il suo uso dimostra come la civiltà Maya fosse ben più aggressiva e bellicosa di quanto si fosse finora ipotizzato. I Maya crearono un sistema numerico vigesimale, cioè che si basa sul numero venti. Concepirono e utilizzarono lo zero – che rappresentavano con una chiocciola – e riuscirono a calcolare molti movimenti astrali e a prevedere le eclissi.

Crearono un sistema di linguaggio e lasciarono centinaia di iscrizioni in pietre ed edifici, con dettagli sorprendenti sulla loro organizzazione politica e sociale. Solo l’80% dei circa 2 mila segni del linguaggio Maya sono stati decifrati. Ma, con la scoperta del significato del T514, sarà finalmente possibile leggere compiutamente molte iscrizioni scoperte in città-Stato come Palenque, Toninà y Yaxchilàn.

Bernal ha citato come esempio il nome cerimoniale della tomba del re Pakal, ritrovata a Palenque, nello stato meridionale del Chiapas, che ora è leggibile come “B’olon Yej Te’ Naa”, ossia “La casa delle nove lance affilate”. “Ci mancava un pezzo del puzzle. Sapevamo che la tomba si chiamava ‘la casa di qualcosa’, ma ci sfuggiva il senso completo della frase, che allude ai nove guerrieri rappresentati nella stanza funebre di Pakal”, spiega l’esperto.

Questo, aggiunge Barnal, ci permette ora di “capire come i Maya erano non solo grandi pensatori e scienziati, ma anche un popolo di guerrieri combattenti, capaci anche di arrivare a gradi estremi di violenza”. Una cinquantina di iscrizioni finora illeggibili, infatti, si riferiscono a guerre, invasioni, saccheggi di città e sacrifici umani.

Ma lo stesso Bernal spiega che, anche se la sua scoperta ha chiarito molti dubbi, “ha provocato anche nuove domande, ha creato nuovi misteri”: i ricercatori che si occupano di filologia Maya hanno ancora molto lavoro da fare.
(di Marcos Romero/ANSA)

Condividi: