Iraq verso scissione tra curdi, sciiti, sunniti

Pubblicato il 23 giugno 2015 da redazione

iraq-divisione-stati-kurdistan-sunniti-sciiti

ERBIL (KURDISTAN IRACHENO). – C’era una volta l’Iraq: quel che rimane dello Stato nazione iracheno, sorto un secolo fa sulle ceneri dell’Impero ottomano, sono oggi tre vasti territori – a sud, a nord-est e a ovest – dominati da poteri politico-militari che rivendicano legittimità su base tribale, confessionale e nazionalistica. E che, a vario livello, ricevono appoggio dalle potenze regionali e internazionali interessate alla spartizione della ricca torta energetica irachena.

In questo l’Isis è solo uno degli attori della lotta in atto per il potere. Le constatazioni emergono nette ascoltando da osservatori locali e rappresentanti politici di Erbil, capitale della regione autonoma del Kurdistan, e di Bassora, ‘capitale’ del sud iracheno a maggioranza sciita, le interpretazioni dei fatti più recenti, di quelli relativi all’ascesa dello Stato islamico (Isis) e della storia degli ultimi 12 anni, dall’invasione anglo-americana con la conseguente caduta del regime di Saddam Hussein nel 2003.

“Oggi combattiamo contro l’Isis, domani contro gli sciiti”, afferma, parlando con l’Ansa, un influente imprenditore basato a Erbil ma che preferisce non essere identificato. Il riferimento agli “sciiti” è al governo centrale di Baghdad, da più parti percepito come una longa manu della politica dell’Iran, Paese confinante con l’Iraq a est e tradizionalmente interessato a esercitare influenza nel vicino Paese arabo.

“Dei curdi di Erbil non ci si può fidare, lavorano per i turchi”, afferma a Bassora un esponente politico della ‘Mobilitazione popolare’, la piattaforma di formazioni para-militari create nel sud e nel centro dell’Iraq per contrastare l’Isis. In Iraq e all’estero queste milizie composte per lo più da giovani sciiti sono descritte come un braccio armato iracheno della Repubblica islamica. “L’Isis ha dato a molti giovani dell’Iraq sunnita la forza di rivalersi su quella che percepiscono sia stata un’ingiustizia commessa nei loro confronti”, spiega un prelato cristiano-caldeo che vive a Erbil.

Nelle regioni centro-nord-occidentali di Anbar, Salahaddin e Ninive i jihadisti dell’Isis sono parte integrante del tessuto sociale locale. Dal 2003, ma in particolare dal 2006, con l’avvento del governo di Nuri al Maliki, gradito sia all’Iran che agli Stati Uniti, le elite politiche delle regioni a maggioranza sunnita si sono sentite escluse dal potere centrale e dalla lucrosa gestione delle risorse economiche del Paese.

Sovrapporre la cartina dei pozzi di petrolio e gas naturale in Iraq a una mappa politica del Paese aiuta a comprendere le dinamiche del conflitto in corso. La regione di Kirkuk, contesa tra arabi e curdi e oggi tra Isis e Peshmerga (miliziani curdi) è al centro della disputa e lo sarà per gli anni a venire tra Baghdad ed Erbil. Le due entità sono di nuovo ai ferri corti per la spartizione dei guadagni ottenuti dalla vendita, tramite il Kurdistan e la Turchia, del greggio di Kirkuk.

Anche l’acqua è al centro della contesa. La linea del fronte tra Peshmerga e jihadisti nella piana di Ninive potrebbe a breve correre proprio lungo la linea del Tigri. I curdi si trovano ancora alcuni chilometri a est dal fiume, ma la loro intenzione, secondo fonti militari Peshmerga, è di giungere sulla riva orientale entro l’anno. E l’immenso bacino del lago di Hamrin, a nord-est di Baghdad, sarà invece oggetto di contesa tra governo centrale, Erbil e Stato islamico.

(dell’inviato Lorenzo Trombetta/ANSA)

Ultima ora

15:09Eternit: Pg Cassazione, processi restino ‘spacchettati’

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Pg della Cassazione ha chiesto che siano dichiarati 'inammissibili' il ricorso della Procura e del Pg di Torino contro la decisione del Gup torinese che aveva 'spacchettato' il processo per le morti da Eternit, distribuendo la competenza anche a Napoli, Vercelli e Reggio Emilia. Il Gup, inoltre, aveva optato per l'omicidio colposo anziché doloso. Lo si è appreso dai familiari delle vittime presenti a piazza Cavour a Roma. Il Pg della Cassazione, Delia Cardia, ha chiesto di dichiarare inammissibile il ricorso di Pg e Pm torinesi e la Suprema Corte depositerà la sua decisione tra stasera e domani. Il Pg, a quanto ha riferito l'avvocato delle parti civili Marco Gatti, si è espresso anche per la conferma dell'accusa di omicidio colposo anziché doloso. Rammarico per la richiesta del Pg è stato espresso dal sindaco di Casale Monferrato, Titti Palazzetti, e da Assunta Prato dell'Associazione familiari vittime dell'amianto. (ANSA).

14:58Terrorismo: faceva proselitismo su web,condannato marocchino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - È stato condannato a sei anni di carcere Mouner El Aoual, detto 'Mido', il marocchino di 29 anni arrestato lo scorso aprile nel quadro di un'inchiesta contro il terrorismo. Ospite di una famiglia italiana, risultata estranea agli episodi contestati, è accusato di avere svolto attività di proselitismo via internet. Le indagini sono state svolte dai carabinieri del Ros con il coordinamento del pm Enrico Arnaldi di Balme. Per l'uomo la Procura di Torino aveva chiesto e ottenuto il giudizio immediato. (ANSA).

14:52Calcio: Udinese-Napoli, sale a 26 il numero dei Daspo

(ANSA) - UDINE, 13 DIC - E' salito a 26 il numero dei Daspo emessi dal Questore di Udine, Claudio Cracovia, a carico di altrettanti tifosi partenopei protagonisti di alcuni episodi finiti all'attenzione della Polizia in occasione dell'incontro di campionato tra Udinese e Napoli del 26 novembre. Oltre alle tre persone, una arrestata e due denunciate, identificate subito dopo i tafferugli scoppiati nel prepartita, la misura di prevenzione è stata emessa nei confronti di 22 persone, tutte identificate, che seppure fossero regolarmente con il biglietto si erano sedute in un'area della Tribuna diversa da quella loro assegnata, intimorendo nel contempo i tifosi locali con i propri comportamenti. Un ultimo Daspo è stato emesso nei confronti di un uomo di 33 anni, individuato come autore dell'accensione di un fumogeno all'interno del settore riservato ai sostenitori della squadra ospite. E' stato anche segnalato all'autorità giudiziaria per il possesso di ordigni pirotecnici. La posizione di altri tifosi è ancora al vaglio della Questura.

14:50Perquisizioni Gdf in azienda di yacht dopo denunce clienti

(ANSA) - GENOVA, 13 DIC - Questa mattina i militari della Guardia di Finanza di Savona, su delega della Procura, hanno eseguito perquisizioni e sequestri nei confronti della società MondoMarine, che costruisce yacht, e di parte dei soci, amministratori e consulenti. Le operazioni interessano i cantieri e gli uffici di Savona, Pisa e Milano, e hanno portato al sequestro di documentazione aziendale. L'operazione nasce dalle denunce di alcuni clienti che sostengono di essere stati truffati. Le ipotesi per le quali si procede sono truffa, bancarotta, falso in bilancio, ricorso abusivo al credito mediante fatture per operazioni inesistenti e distrazione di somme dalla contabilità aziendale. Il provvedimento arriva nel pieno della crisi di MondoMarine: il 6 dicembre non è arrivato il concordato preventivo per scongiurare il fallimento ma il tribunale, preso atto dell'interesse di un soggetto (Palumbo Group Shipyard) all' affitto del ramo d'azienda, ha rinviato tutto al 19 dicembre. Da una settimana il cantiere è occupato dai lavoratori.

14:44Froome: Nibali, aspettiamo le conclusioni

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Certo per il ciclismo non è un grande giorno, come non lo è per lui". Vincenzo Nibali commenta così all'Ansa la positività-choc di Chris Froome: il campione italiano, in questi giorni in allenamento in Croazia con il suo team Bahrain-Merida, dice però di aspettare a dare giudizi affrettati. "Sulla vicenda non entro nel merito - sottolinea il corridore siciliano - voglio aspettare correttamente le conclusioni".

14:34Nuoto: Paltrinieri eliminato nei 400 sl

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - L'eliminazione di Gregorio Paltrinieri dalla finale dei 400 sl è una delle poche note stonate della prima giornata dei campionati europei di nuoto in vasca da 25 metri di Copenhagen. L'olimpionico e primatista mondiale dei 1500 sl ha nuotato in 3'44"70 ottenendo solo il 15/o crono. Piero Codia e Matteo Rivolta si qualificano per le semifinali dei 100 farfalla, rispettivamente con il primo (50"40) e il quinto tempo (50"80). Arianna Castiglioni centra dei 50 rana le semifinali col quarto tempo di 30"12 (primato italiano), con lei Martina Carraro nona in 30"30. Nella gara maschile in semifinale con il miglior tempo Fabio Scozzoli (25"90). Avanza anche Nicolò Martinenghi, nono in 26"43. Silvia Scalia nuota nei 100 dorso la sua seconda miglior prestazione in 57"91 col quarto tempo, subito davanti a Federica Pellegrini quinta in 57"95. Entrambe si qualificano per le semifinali. In finale Ilaria Cusinato nei 400 misti, Simona Quadarella negli 800 sl e la staffetta 4x50 sl maschile (miglior tempo in 1'25"33).

14:30Calcio: Torino-Napoli,tagliandi vietati a residenti Campania

(ANSA) - TORINO, 13 DIC - Divieto di vendita ai residenti in Campania dei tagliandi della partita Torino-Napoli, in programma sabato pomeriggio allo stadio Olimpico Grande Torino. Lo ha disposto il prefetto del capoluogo piemontese, Renato Saccone, su indicazione del Comitato di Analisi per la sicurezza della manifestazioni sportive del Ministero dell'Interno. Il divieto, che ha lo scopo di tutelare la sicurezza pubblica e l'incolumità delle persone, riguarda anche i possessori della tessera del tifoso, con conseguente sospensione dei programmi di fidelizzazione del Napoli Calcio e l'incedibilità dei tagliandi d'ingresso.

Archivio Ultima ora