Abruzzo e Molise, per un mese e mezzo in vetrina a New York

Pubblicato il 25 giugno 2015 da redazione

WICCNY

L’AQUILA – Per un mese e mezzo, dal prossimo ottobre, le eccellenze di Abruzzo e Molise saranno in vetrina a New York presso il Westchester Italian Cultural Center (WICCNY). Abruzzo & Molise, Yesterday and Today 2015: arte, cultura, tradizioni, artigianato, enogastronomia, rassegne espositive: il meglio delle due regioni, che fino al 1963 sono state unite, potrà essere mostrato agli americani della Grande Mela, sempre attenti alla cultura italiana e alle meraviglie che si celano nella provincia del Belpaese, fuori dai soliti circuiti del turismo organizzato.

E l’Abruzzo, in particolare, che chi scrive conosce meglio, è uno scrigno inesauribile di tesori d’arte e singolarità, di sapori e valori ambientali, che davvero riesce ad intrigare chiunque, ogni volta che lo s’incontra. Lo raccontano le pagine stupende che grandi letterati e viaggiatori, a cavallo dei due secoli precedenti, hanno lasciato impresse sull’Abruzzo: da Edward Lear a Maud Howe, da Ferdinand Gregorovius a Richard Keppel Crafen, da Anne MacDonell a John Cultbert Hare.

E ancora, nei loro appunti di viaggio e nei loro scritti, da Carlo Emilio Gadda a Ugo Ojetti, da Mario Soldati a Guido Ceronetti, da Guido Piovene ad Alberto Savinio, fino a Paolo Rumiz, per citare i più noti. Senza contare i nativi abruzzesi Gabriele d’Annunzio, Ignazio Silone, Laudomia Bonanni, Mario Pomilio, Ennio Flaiano, per limitarci ai grandi. Del progetto si sta alacremente occupando la dr. Patrizia Calce, direttrice del Westchester Italian Cultural Center. Da oltre due mesi prende contatti e stimola l’interesse sull’iniziativa, importante evento promozionale in un mercato, come quello americano, sempre molto attento e curioso alla qualità e particolarità delle proposte.

C’è quindi da augurarsi che le pubbliche istituzioni – Regioni, Province, Comuni, Parchi nazionali e regionali, Camere di Commercio – e gli operatori culturali ed economici delle due regioni sappiano cogliere appieno questa straordinaria opportunità che il Centro Culturale Italiano di New York rende possibile, mettendo a disposizione gratuitamente le sue strutture, con due grandi sale espositive destinate ad Abruzzo e Molise ed altri spazi per performance e dimostrazioni.

D’altronde l’iniziativa – che si colloca temporalmente nel Mese della Cultura italiana nella Grande Mela – rientra appieno nella missione del WICCNY che è quella – dice Patrizia Calce – “di preservare, promuovere e celebrare il patrimonio e la cultura italiana attraverso diversi dai programmi ed eventi. Offriamo film, mostre e programmi, anche corsi di cucina. Tutto ciò che ha a che fare con la cultura italiana”.

Chi scrive ha sollecitato tutte le istituzioni a raccogliere positivamente l’invito, che peraltro – fatto assai raro quando si parla di eventi all’estero – non peserebbe sui bilanci, almeno riguardo gli spazi espositivi, altrimenti di non lieve entità in un paese come gli Stati Uniti, e per un periodo così lungo. Insomma, un’opportunità unica, per enti pubblici e privati, per promuovere a livello internazionale l’economia ed il turismo delle regioni Abruzzo e Molise.

Nelle intenzioni del WICCNY e della sua direttrice, la mostra vuole rappresentare un viaggio virtuale attraverso le regioni Abruzzo e Molise che, sebbene così vicine a Roma, non sono ancora contaminate dal turismo di massa, offrendo, nella variabilità dei loro paesaggi dalle vette dell’Appennino al mare, stupefacenti scenari d’una natura selvaggia e di straordinaria bellezza.

Sede di tre Parchi nazionali e di uno regionale, di ampie aree naturalistiche che coprono un terzo del territorio, l’Abruzzo e il Molise conservano pregevoli emergenze archeologiche, grotte e cave rupestri risalenti al periodo neolitico, meravigliosi castelli ed antichi paesi arroccati alle montagne, una costa magnifica e incantevoli spiagge. Dunque molto importante, questo evento, anche per favorire la rinascita dei territori colpiti dal terremoto del 2009, e la città capoluogo d’Abruzzo, L’Aquila, che è stata martoriata nel suo straordinario centro storico, il sesto più prezioso d’arte in Italia.

L’iniziativa, infatti, tende a mettere in risalto le risorse naturali delle regioni Abruzzo e Molise, la loro antica storia, cultura e tradizioni, evidenziando le loro produzioni artigianali, il patrimonio letterario ed artistico, così come le loro eccellenze enogastronomiche. Il complesso del WICCNY offre due ampie ed eleganti sale espositive, una sala conferenze, una biblioteca, oltre che ad una cantina ed una cucina completamente attrezzata e funzionale.

Conferenze, spettacoli, concerti, presentazioni di libri, corsi di cucina e degustazioni di vini, saranno offerti per tutta la durata della mostra, non solo per arricchire ulteriormente l’evento, ma soprattutto per richiamare maggiormente l’attenzione del pubblico durante il periodo interessato, tra ottobre e novembre 2015.

foto 4

Patrizia Calce ha progettato con cura le aree espositive perché le due regioni possano “narrarsi” e farsi conoscere nei loro aspetti più autentici e suggestivi. Intanto, nella Hall, un’area che rappresenti “il cuore verde dell’Italia”, con pannelli informativi dei Parchi delle due regioni.

Nella Sala ABRUZZO, poi, una sezione fotografica d’epoca e gli antichi mestieri: l’arte orafa, con Nicola da Guardiagrele, la tecnica della filigrana, i gioielli iconici come la presentosa e la cannatora, la lavorazione orafa attuale; l’arte della Ceramica e le produzioni artistiche di Castelli; l’arte del Ferro battuto e del Rame; le produzioni artigianali in legno, pietra, pelle; tessuti e coperte, strumenti musicali. Quindi una sezione destinata a Folklore e Tradizioni, con esposizione di costumi. Ancora, una sezione destinata ai Luoghi sacri e ai Percorsi della fede: il Miracolo Eucaristico di Lanciano, San Tommaso Apostolo ad Ortona, il Volto Santo di Manoppello, la Perdonanza e la Porta Santa di Collemaggio a L’Aquila, la Scala Santa di Campli; Santo Spirito a Majella, San Bartolomeo in Legio, Sant’Onofrio al Morrone.

E ancora, i castelli e borghi abruzzesi più belli d’Italia per immagini, infine specialità gastronomiche e vini. Nella Sala MOLISE una sezione destinata a Natura e biodiversità: Collemeuccio – Montedimezzo “L’Uomo e la Biosfera”, l’Oasi WWF di Guardiaregia. Una sezione dedicata ad Arte, Storia e Cultura. Una sezione per gli antichi mestieri: le Campane di Agnone, le Zampogne di Scapoli, il Merletto a tombolo, Ferro battuto e Rame, l’artigianato regionale. E ancora i Costumi tipici, Feste religiose e Tradizioni. Infine, architettura religiosa, castelli e borghi del Molise.

Il Westchester Italian Cultural Center si trova a Tuckahoe, mezz’ora di Metro North da Central Station, in un’area residenziale immersa nel verde, come tutta la Contea di Westchester, d’altronde. Il Centro è il sogno realizzato di Generoso Pope, uno dei più famosi e stimati italiani d’America, con importanti relazioni politiche, stretto collaboratore del Presidente Franklyn Delano Roosevelt. Un generoso di nome e di fatto – nomen omen -, che tanto ha fatto per emancipare la comunità italiana ed accompagnarla, nella realizzazione del sogno americano, alla dignità ed al rispetto che oggi ha conquistato. E’ sede della Fondazione Generoso Pope, nata nel 1947.

Pope ne fu presidente fino alla sua morte, nel 1950, quando gli succedette la moglie Catherine per 48 anni alla presidenza, ed altri discendenti. La Fondazione prosegue le tradizioni filantropiche di Pope, che riguardano promozione della cultura e della lingua italiana, aiuto ed assistenza ai bisognosi, ricerca medica, sostegno e borse di studio per la formazione di giovani, anche per studi fuori degli Stati Uniti, sostegni ad ospedali, musei, università e istituzioni religiose.

Generoso Pope nacque nel 1891 ad Arpaise, in provincia di Benevento. Figlio di contadini, all’età di 15 anni, aveva lasciato il paese natio per arrivare a New York City con soli 10 dollari in tasca e senza un posto dove dormire. Ottenuto un lavoro a 3 dollari la settimana, portava acqua agli operai impiegati nella costruzione del tunnel sotto l’East River della società ferroviaria Pennsylvania Railroad.

Fu poi per cinque anni operaio nelle cave di ghiaia della Colonial Sand & Stone, frequentando la scuola di notte. Nel 1911 entrò a far parte della società. Quando nel 1916 la società stava per fallire, convinse i proprietari e i creditori di dargli la possibilità di ripristinare la solvibilità e rafforzare il business. Prese quindi su di sé la responsabilità per i debiti della società, in cambio della completa gestione e di metà proprietà dell’impresa.

In due anni, lavorando fino a 16 ore al giorno, raddrizzate le sorti della società, Generoso Pope ne era diventato presidente e nel 1926 l’azienda aveva assunto la maggior parte delle principali commesse di sabbia e ghiaia a New York. A 36 anni era il proprietario miliardario della Colonial, la più grande azienda di sabbia e ghiaia degli States, fornendo il calcestruzzo ai cantieri di numerosi grattacieli che disegnano il profilo di New York City, tra cui il Rockefeller Center, l’Empire State Building, Radio City Music Hall e lo Yankee Stadium, e degli aeroporti e metropolitane.

Nel 1928 Generoso Pope, acquistando il più grande quotidiano in lingua italiana d’America, Il Progresso Italo-Americano, si lanciò anche nel settore editoriale, controllando una catena di giornali italiani fino alla Pennsylvania. Rafforzò così la sua influenza, diventando il leader più potente a New York. I suoi giornali furono la principale fonte d’informazione politica, sociale e culturale per milioni di immigrati italo-americani.

Generoso divenne il difensore e sostenitore per gli immigrati italiani in America, incoraggiando i lettori dei suoi giornali ad imparare l’inglese, a diventare cittadini e a votare, esaltando i sentimenti d’orgoglio per le origini italiane e vellicando la voglia di realizzazione individuale. Questo forte impegno di Pope per tenere sempre vivo il senso di italianità dei nostri emigrati trova coronamento nel Columbus Day, la manifestazione più alta dell’orgoglio italiano, ormai diventato l’evento più celebrato in tutti gli Stati Uniti, quasi come le Feste nazionali dell’Indipendenza e del Ringraziamento.

Fu appunto l’intraprendente Generoso Pope a dare inizio, il 12 ottobre 1929, alla tradizione del giorno dedicato a Cristoforo Colombo, con una sfilata da East Harlem a Columbus Circle, all’angolo sud di Central Park. Da allora la straordinaria Parata del Columbus Day a New York è cresciuta enormemente, fino alle attuali dimensioni.

Tornando all’evento Abruzzo & Molise, Yesterday and Today 2015, la partecipazione alla mostra è un modo efficace per promuovere l’economia ed il commercio d’Abruzzo e Molise. Immaginabili i possibili vantaggi, quali l’elevazione del profilo internazionale dell’attività commerciale; l’alta visibilità di prodotti e servizi; l’esposizione a potenziali clienti e la creazione di nuove relazioni; il networking con altre imprese; la promozione della propria azienda su nuovi mercati.

Altre opportunità sono date dalla possibilità d’inserimento del marchio delle aziende nella Guida Abruzzo & Molise Exhibit, della promozione sul sito del Westchester Italian Cultural Center (www.wiccny.org), della pubblicità sulla brochure dei programmi autunnali del WICCNY, di poter essere tra gli sponsor della manifestazione

(Goffredo Palmerini/Voce)

Ultima ora

21:14Strangolata con filo pc: autopsia, morta per soffocamento

(ANSA) - GROSSETO, 21 FEB - E' morta per soffocamento dovuto a strangolamento: è questo il primo risultato dell'autopsia su Anna Edvige Costanzo, la donna di 69 anni uccisa dal marito Alberto Novembri, 70 anni, uccisa il 15 febbraio nel loro appartamento in località Pozzarello di Porto Santo Stefano (Grosseto). L'autopsia è stata compiuta oggi dall'equipe di medicina legale di Siena. Domani alle 15 nella chiesa di Santo Stefano, nell'omonima località dell'Argentario, i funerali. Il marito è attualmente ai domiciliari con l'accusa di omicidio volontario aggravato dal vincolo di parentela.(ANSA).

21:11Moto: Rossi, la maggior rivalità? È stata con Biaggi

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - "Cosa cambierei della mia carriera? Vincerei i due Mondiali di Valencia". Così Valentino Rossi in un'intervista con "Le Iene", durante la quale ha anche dichiarato che intende correre "ancora per due anni, perché ho un contratto", e che l'avversario che lo ha fatto più arrabbiare non è stato Lorenzo, e nemmeno Marquez, ma "Max Biaggi, con cui c'è stata grande rivalità". Rispondendo alle domande di Stefano Corti e Alessandro Onnis, che lo hanno sfidato in una gara di MotoGp su videogame, Rossi ha poi affermato di non poter barattare un Mondiale con uno scudetto dell'Inter, "perché è una cosa troppo grande", e di ricordare il primo vinto con la Yamaha come il più bello dei nove conquistati in carriera. Tra una battuta e l'altra dell'intervista, che andrà in onda domani sera su Italia 1, il campione marchigiano ha svelato che gli piacerebbe avere un figlio, ma "piano piano. Facendo questa vita, è sempre difficile".

20:58Calcio: Allegri, Bonucci domani andrà in tribuna

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - "Domani Bonucci andrà in tribuna: è una decisione giusta per rispetto della squadra, dei tifosi e della società, con la quale l'ho concordata. Il caso è chiuso". Massimiliano Allegri conferma la scelta disciplinare nei confronti del difensore (che era nell'aria dopo il diverbio di venerdì scorso nella gara con il Palermo), per la trasferta di Champions League a Porto. "Leo - aggiunge il tecnico della Juventus - ha capito da ragazzo intelligente quale è, da persona e giocatore importante. Questa decisione è anche un esempio per il futuro. Io, a mia volta, ho avuto una reazione che non fa parte del mio modo di essere e, dal momento che è stata vista da milioni di persone e da tanti bambini, farò una donazione ad un ente per aiutare chi ha bisogno". Del caso, nella stessa conferenza stampa, aveva parlato poco prima Gigi Buffon. "Leo, che è ragazzo intelligente, tiene al gruppo e incarna lo stile Juve, non avrà nessuna difficoltà ad accettare qualsiasi decisione: sa che sarà per dare un segnale educativo".

20:41Haiti: muoiono di stenti 42 detenuti

(ANSA) - PORT-AU-PRINCE, 21 FEB - Le "crudeli, disumane" e "degradanti" condizioni in cui vivono i carcerati nel più grande penitenziario di Haiti hanno portato alla morte 42 detenuti dall'inizio dell'anno. Lo ha denunciato Sandra Honore, rappresentante speciale delle Nazioni Unite nel Paese, nel giorno in cui si sono tenuti nella capitale Port-au-Prince i funerali di massa di una ventina di prigionieri morti recentemente nel carcere. Tra le cause dei decessi vi sono la penuria di cibo e medicine, oltre alle malattie che non vengono curate. Lo ha ricordato Marie Lumane Laurore al funerale del figlio: "Questo è un Paese senza giustizia", ha urlato prima di svenire accanto alla bara. I familiari di Eddy Laurore hanno aggiunto che l'uomo è stato affetto da anemia e tubercolosi durante tutti i due anni in cui è stato rinchiuso nel penitenziario, accusato di violenza sessuale.

20:40Killer catamarano: famiglia skipper uccisa, non finirà mai

(ANSA) - PESARO, 21 FEB - "E' incredibile, questa storia non finirà mai". Così Michele Curina, il fratello di Annarita, la skipper pesarese uccisa nel 1988 da Filippo De Cristofaro, alla notizia della sua ennesima fuga, secondo quanto riporta il legale della famiglia, l'avv. Stefano Tornimbeni. La reazione, racconta Tornimbeni, è stata di "sconforto e angoscia. Non abbiamo parole, è una vicenda che fin dall'inizio non fa che creare angoscia e dolore nella famiglia, e continua a distanza di 29 anni". Tornimbeni ha espresso anche "sdegno, perché è impossibile da digerire quello che è successo. Tutto è stato fatto con leggerezza, senza tenere in considerazione i sentimenti della parte offesa". Il legale ce l'ha non solo con le autorità portoghesi ma anche con le italiane, per quel permesso premio che era stato accordato a De Cristofaro nel 2014, quando poi era fuggito dal carcere di Porto Azzurro. Un pensiero va anche alle forze di polizia che "lavorano a vuoto, perché i loro sforzi sono vanificati".

20:27Sarah: Misseri prelevato da cc e portato in carcere

(ANSA) - AVETRANA (TARANTO), 21 FEB - I carabinieri hanno prelevato dalla sua abitazione per condurlo in carcere Michele Misseri, lo zio di Sarah Scazzi. Per l'uomo oggi è diventata definitiva la condanna a otto anni di reclusione per concorso in soppressione di cadavere della quindicenne. Misseri è stato fatto salire su un'auto dei militari che l'ha portato via. "Michele Misseri ha scritto lettere a Sarah in cui chiede perdono", ha poi reso noto il suo avvocato, Luca Latanza. "Misseri - ha aggiunto il legale - è molto provato, lui si aspettava di svolgere un altro giudizio di merito per portare avanti la sua tesi. Non si aspettava una conclusione così rapida. Il processo oggi dal punto di vista giuridico si è concluso".

20:26Incidenti montagna: scivola in crepaccio su M.Rosa, disperso

(ANSA) - AOSTA, 21 FEB - Un giovane scialpinista scandinavo di 18 anni è disperso dopo essere finito in un profondo crepaccio sul Monte Rosa mentre stava sciando con il padre. L'incidente si è verificato nel primo pomeriggio sopra la Capanna Gnifetti, a circa 3.800 metri di quota, nella valle di Gressoney. A peggiorare la situazione è stato il crollo di un ponte di neve che è finito sopra lo sciatore. Le speranze di ritrovare la scialpinista in vita sono molto scarse. A dare l'allarme è stato il padre che ha assistito alla caduta ed è sceso per circa 400 metri prima di trovare una zona dove il telefono prendesse la linea. Nella zona la visibilità è ridotta e soffia un forte vento: per questo l'elicottero non ha potuto raggiungere il luogo dell'incidente e sono dovute salire delle guide alpine a piedi. le ricerche sono state sospese alle 18.30. Lo scialpinista - di cui non è stata resa nota l'identità - è precipitato per diversi metri all'interno della fessura di ghiaccio. Sull'accaduto indaga la guardia di finanza. (ANSA).

Archivio Ultima ora