Calcioscommesse: in atti prova Conte estraneo

(ANSA) – MILANO, 30 GIU – Agli atti dell’inchiesta sul Calcioscommesse c’è “la prova positiva” del fatto che Antonio Conte “nulla fece di quanto in suo potere” per assecondare le combine. Lo si legge nella memoria dei suoi difensori – che l’ANSA ha consultato- per chiedere l’archiviazione della posizione del ct azzurro. “In Novara-Siena non fece giocare Carobbio e in Albinoleffe-Siena, secondo quanto riferito da Coppola (ex portiere del Siena), spronò la squadra e decise di far giocare i giocatori più motivati”.

Condividi: