Usa e Cuba riaprono le ambasciate il 20 luglio. Obama, ora via embargo

Pubblicato il 01 luglio 2015 da redazione

Head of US Interests Section in Havana delivers a letter from Obama to Cuban President Castro

NEW YORK. – “Un passo storico”: Barack Obama annuncia cosi’, dopo ben 54 anni di ‘black out’, la ripresa delle relazioni diplomatiche tra Stati Uniti e Cuba, con la riapertura delle reciproche ambasciate a Washington e L’Avana. C’e’ gia’ la data: il prossimo 20 luglio. La dichiarazione del presidente americano, davanti alle telecamere piazzate nel Rose Garden della Casa Bianca, viene trasmessa in diretta anche sulle tv cubane. Ed e’ stata preceduta da uno scambio di lettere con il leader dell’isola caraibica Raul Castro.

A innalzare la bandiera a stelle e strisce nella cerimonia di apertura dell’ambasciata Usa a L’Avana ci sara’ il segretario di stato John Kerry. La via verso la completa normalizzazione dei rapporti tra i due Paesi sembra dunque ormai spianata. E una delle ultime vestigia della guerra fredda sta per essere spazzata via per sempre, senza tanti rimpianti.

Lo stop delle relazioni tra Usa e Cuba risale infatti al 1961, uno degli anni piu’ bui, quello in cui fu costruito il Muro di Berlino. Oltreoceano, invece, l’amministrazione Eisenhower decideva di rompere ogni legame col governo rivoluzionario di Fidel Castro. L’anno dopo, nel 1962, scattarono le durissime sanzioni verso Cuba, tuttora in vigore. Quell’embargo che Barack Obama vuole superare per sempre e la cui rimozione e’ per L’Avana “imprescindibile”.

“Da oggi inizia un nuovo capitolo. Ora – e’ l’appello del presidente statunitense – il Congresso deve agire su quell’embargo che non ha funzionato per oltre 50 anni”. Solo allora si potra’ dire che Cuba e’ rientrata a tutti gli effetti nell’ambito della comunita’ internazionale. Certo, i negoziati per arrivare a questo obiettivo non saranno facili. Come non sara’ facile per la Casa Bianca superare le resistenze a Capitol Hill. Ma – assicura il portavoce del presidente Obama – in Congresso c’e’ gia’ un forte sostegno per la fine delle misure restrittive nei confronti di Cuba, anche se ancora non e’ stata redatta una vera e propria tabella di marcia.

Quella ‘road map’ che Obama tornera’ a chiedere nei posimmi giorni per coronare il suo sogno di rimuovere l’embargo prima della fine della sua presidenza. E magari di recarsi in visita ufficiale sull’isola. Sarebbe un’eredita’ pesantissima, per certi versi piu’ di quella (pur non da poco) di un accordo sul nucleare con l’Iran. E per rispondere ai critici che lo accusano di trattare con un regime ancora dal carattere dittatoriale, Obama ribadisce come il tema del rispetto dei diritti umani sara’ al centro dei prossimi colloqui. Il presidente americano lo ha ribadito nella sua lettera a Raul Castro. E questi a sua volta, nella missiva indirizzata alla Casa Bianca, ha assicurato che “Cuba si ispira ai principi della Carta delle Nazioni Unite, compresa la promozione del rispetto dei diritti umani e delle liberta’ fondamentali per tutti”.

Lo storico passo della ripresa delle relazioni diplomatiche e’ stato preceduto di poche settimane da un fondamentale annuncio del Dipartimento di stato americano, quello della cancellazione di Cuba dalla ‘lista nera’ degli stati considerati sponsor del terrorismo, dopo ben 33 anni. Una decisione che era stata a sua volta preceduta da altri passi simbolici, come il recente incontro tra Barack Obama e Raul Castro a Panama.

E da altre piu’ concrete decisioni (come le agevolazioni sul fronte dei viaggi e degli scambi commerciali) che hanno finito per rafforzare la fiducia tra le due capitali. Capitali che hanno finora sfruttato al massimo lo spiraglio che fu aperto dalla ormai storica stretta di mano tra Obama e Raul Castro alle commemorazioni in Sudafrica per la morte di Nelson Mandela. Da li’ tutto e partito. La mediazione di Papa Francesco, poi, ha fatto il resto.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

14:52Gare truccate e voto di scambio,ex sindaco di nuovo in cella

(ANSA) - CASERTA, 24 NOV - Finisce nuovamente in carcere l'ex sindaco di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) Biagio Di Muro, già arrestato nel 2016, mentre rivestiva la carica di primo cittadino, nell'ambito di un'indagine anticamorra. Oggi a farlo finire in cella è stata invece un'indagine della Procura ordinaria, quella di Santa Maria Capua Vetere, che ne ha chiesto e ottenuto l'arresto dal Gip ritenendolo a capo di un'associazione a delinquere che gestiva, per fini di ritorno elettorale, nomine e appalti nel settore delle politiche sociali, aggiudicando a coop compiacenti progetti finanziati dall'Inps e dal Governo, attraverso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, come l'Home Care Premium, progetto promosso dall'INPS e destinato agli ex dipendenti INPDAP. Tra gli indagati, 35 in tutto, figura anche l'attuale deputata del Pd Camilla Sgambato (per abuso di ufficio), che risiede proprio a Santa Maria Capua Vetere.

14:52Sinagoga di Roma sarà illuminata di arancione

(ANSA) - ROMA, 24 NOV - In occasione della Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne la Comunità Ebraica di Roma illuminerà di arancione, grazie al supporto di Acea, la facciata del Tempio Maggiore. Una scelta voluta per significare la necessità di un impegno concreto contro questo fenomeno e volto ad accendere l'attenzione su un tema così importante. All'accensione che si terrà sabato 25 novembre alle ore 18.15 parteciperà, oltre al Rabbino Capo di Roma Riccardo Di Segni e alla Presidente Ruth Dureghello, la Sindaca di Roma Virginia Raggi. "I valori dell'ebraismo - ha spiegato la presidente della Comunità Ebraica di Roma Ruth Dureghello - vedono la donna al centro della famiglia, la sua figura pervade tutta la nostra cultura".

14:19Concussione: sindaco Mantova indagato, è giallo su denuncia

(ANSA) - MANTOVA, 24 NOV - La vicenda del sindaco Mattia Palazzi, indagato per concussione per aver chiesto favori sessuali in cambio di un contributo ad un'associazione, si tingerebbe di giallo. La presunta vittima, di cui la Gazzetta di Mantova non fa il nome ma che ha sentito, nega di essere l'autrice della denuncia contro il sindaco: "Non ho mai mosso nulla contro Palazzi – ha detto al quotidiano la vice presidente dell'associazione -. Anzi, dico di più: se emergeranno falsità sul suo conto lo difenderò. Lo conosco, ci siamo incontrati in occasioni pubbliche. Dal Comune di Mantova non abbiamo ricevuto neanche un euro, ma solo il patrocinio che neanche abbiamo mai usato". Presidente e vice presidente dell'associazione culturale ieri mattina sono state sentite come persone informate dai fatti dal sostituto procuratore Donatella Pianezzi. Al momento, dunque, non è ancora chiaro chi abbia presentato denuncia contro il sindaco.

14:10Stadio Roma: tutti pareri favorevoli, nodo prescrizioni

(ANSA) - ROMA, 24 NOV - A quanto si apprende tutti e 4 pareri unici sullo Stadio della Roma arrivati in conferenza servizi, da Comune Regione Stato e città metropolitana, sono favorevoli con prescrizioni. E il nodo della discussione in corso oggi è l'entità delle prescrizione avanzate dalle istituzioni. Si devono dirimere le eventuali contraddizioni tra le diverse prescrizioni, tra cui quelle sulla mobilità, arrivando a una soluzione unitaria. E' pertanto possibile che la conferenza decisoria non termini in giornata.

14:10Ruby: chiesto giudizio Silvio Berlusconi

(ANSA) - TORINO, 24 NOV - Una richiesta di rinvio a giudizio di Silvio Berlusconi è stata depositata dalla Procura di Torino. Il procedimento è uno dei filoni della cosiddetta inchiesta 'Ruby ter' ed è stato originato dalla decisione presa il 29 aprile 2016 da un gup di Milano di 'spacchettare' il processo principale e di trasferire gli atti a sette diverse procure per competenza territoriale. Berlusconi è indagato per corruzione in atti giudiziari insieme a Roberta Bonasia, 32 anni, di Nichelino, ex infermiera poi diventata modella. Secondo le indagini, svolte originariamente dalla procura di Milano, l'ex premier destinò somme di denaro alla Bonasia, che poi avrebbe reso testimonianze non veritiere nei procedimenti sulle cene di Arcore. Per la donna si è così aggiunta un'ipotesi d'accusa di false dichiarazioni. (ANSA).

14:08Ap, su bonus bebè inaccettabile non rispetto patti

(ANSA) - ROMA, 24 NOV - "Sono abituata a rispettare i patti, fedele al principio che quando si stringe un accordo lo si onora. Si vocifera, infatti, che in merito alle risorse stanziate sul bonus bebè queste non sarebbero quelle concordate, ma diverse. Se fosse così è chiaro che non solo saremmo insoddisfatti ma soprattutto sarebbe per Ap inaccettabile un'ipotesi simile. Pretendiamo perciò il rispetto dei patti". Lo afferma, prima di entrare alla direzione di Ap, la capogruppo centrista al Senato Laura Bianconi.

14:07Ap: Alfano, esclusa alleanza con centrodestra

(ANSA) - ROMA, 24 NOV - "E' esclusa l'alleanza con la coalizione di centrodestra". E' quanto ha sottolineato, secondo quanto emerge dalla direzione di Ap, il leader dei centristi Angelino Alfano nel suo intervento di apertura della riunione in corso all'hotel Kolbe.

Archivio Ultima ora