Usa e Cuba riaprono le ambasciate il 20 luglio. Obama, ora via embargo

Pubblicato il 01 luglio 2015 da redazione

Head of US Interests Section in Havana delivers a letter from Obama to Cuban President Castro

NEW YORK. – “Un passo storico”: Barack Obama annuncia cosi’, dopo ben 54 anni di ‘black out’, la ripresa delle relazioni diplomatiche tra Stati Uniti e Cuba, con la riapertura delle reciproche ambasciate a Washington e L’Avana. C’e’ gia’ la data: il prossimo 20 luglio. La dichiarazione del presidente americano, davanti alle telecamere piazzate nel Rose Garden della Casa Bianca, viene trasmessa in diretta anche sulle tv cubane. Ed e’ stata preceduta da uno scambio di lettere con il leader dell’isola caraibica Raul Castro.

A innalzare la bandiera a stelle e strisce nella cerimonia di apertura dell’ambasciata Usa a L’Avana ci sara’ il segretario di stato John Kerry. La via verso la completa normalizzazione dei rapporti tra i due Paesi sembra dunque ormai spianata. E una delle ultime vestigia della guerra fredda sta per essere spazzata via per sempre, senza tanti rimpianti.

Lo stop delle relazioni tra Usa e Cuba risale infatti al 1961, uno degli anni piu’ bui, quello in cui fu costruito il Muro di Berlino. Oltreoceano, invece, l’amministrazione Eisenhower decideva di rompere ogni legame col governo rivoluzionario di Fidel Castro. L’anno dopo, nel 1962, scattarono le durissime sanzioni verso Cuba, tuttora in vigore. Quell’embargo che Barack Obama vuole superare per sempre e la cui rimozione e’ per L’Avana “imprescindibile”.

“Da oggi inizia un nuovo capitolo. Ora – e’ l’appello del presidente statunitense – il Congresso deve agire su quell’embargo che non ha funzionato per oltre 50 anni”. Solo allora si potra’ dire che Cuba e’ rientrata a tutti gli effetti nell’ambito della comunita’ internazionale. Certo, i negoziati per arrivare a questo obiettivo non saranno facili. Come non sara’ facile per la Casa Bianca superare le resistenze a Capitol Hill. Ma – assicura il portavoce del presidente Obama – in Congresso c’e’ gia’ un forte sostegno per la fine delle misure restrittive nei confronti di Cuba, anche se ancora non e’ stata redatta una vera e propria tabella di marcia.

Quella ‘road map’ che Obama tornera’ a chiedere nei posimmi giorni per coronare il suo sogno di rimuovere l’embargo prima della fine della sua presidenza. E magari di recarsi in visita ufficiale sull’isola. Sarebbe un’eredita’ pesantissima, per certi versi piu’ di quella (pur non da poco) di un accordo sul nucleare con l’Iran. E per rispondere ai critici che lo accusano di trattare con un regime ancora dal carattere dittatoriale, Obama ribadisce come il tema del rispetto dei diritti umani sara’ al centro dei prossimi colloqui. Il presidente americano lo ha ribadito nella sua lettera a Raul Castro. E questi a sua volta, nella missiva indirizzata alla Casa Bianca, ha assicurato che “Cuba si ispira ai principi della Carta delle Nazioni Unite, compresa la promozione del rispetto dei diritti umani e delle liberta’ fondamentali per tutti”.

Lo storico passo della ripresa delle relazioni diplomatiche e’ stato preceduto di poche settimane da un fondamentale annuncio del Dipartimento di stato americano, quello della cancellazione di Cuba dalla ‘lista nera’ degli stati considerati sponsor del terrorismo, dopo ben 33 anni. Una decisione che era stata a sua volta preceduta da altri passi simbolici, come il recente incontro tra Barack Obama e Raul Castro a Panama.

E da altre piu’ concrete decisioni (come le agevolazioni sul fronte dei viaggi e degli scambi commerciali) che hanno finito per rafforzare la fiducia tra le due capitali. Capitali che hanno finora sfruttato al massimo lo spiraglio che fu aperto dalla ormai storica stretta di mano tra Obama e Raul Castro alle commemorazioni in Sudafrica per la morte di Nelson Mandela. Da li’ tutto e partito. La mediazione di Papa Francesco, poi, ha fatto il resto.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

17:18Iraq: Guterres, ‘priorità è proteggere civili’

(ANSA) - BEIRUT, 30 MAR - "La protezione dei civili deve essere la priorità assoluta". Lo ha affermato oggi il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres dopo le notizie circolate nei giorni scorsi sull'uccisione di decine, e forse centinaia, di civili, in raid aerei della Coalizione internazionale a guida Usa su Mosul in appoggio ad un'offensiva delle forze governative irachene che stanno cercando di strapparla all'Isis. Guterres ha fatto questa dichiarazione via Twitter appena arrivato a Baghdad, dove ha in programma colloqui con le massime autorità irachene per recarsi poi nella regione autonoma del Kurdistan. Principale argomento dei suoi incontri, ha aggiunto il segretario generale, è "la spaventosa situazione umanitaria sul terreno", che ha visto centinaia di migliaia di civili fuggire da Mosul dall'inizio dell'offensiva lealista, nell'ottobre scorso.

17:15Russia: incontro Putin-Lukashenko il 3 aprile

(ANSA) - MOSCA, 30 MAR - I presidenti di Russia e Bielorussia Vladimir Putin e Aleksandr Lukashenko si incontreranno a San Pietroburgo il 3 aprile per discutere delle "relazioni bilaterali" tra i due paesi e delle "differenze" in campo economico nonché del "processo di integrazione euroasiatico": lo riferisce il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov.

17:14Norman Atlantic:comandante prima naufragio, scarsa sicurezza

(ANSA) - BITONTO (BARI), 30 MAR - "Ci mettete nelle condizioni di viaggiare con più camion frigo rispetto al numero delle prese a disposizione, costringendoci a tenere accesi i motori delle celle refrigeranti dei tir". Il comandante della Norman Atlantic aveva scritto una mail di questo tenore all'armatore per lamentare la violazione delle norme sulla sicurezza a bordo del traghetto, poi naufragato dopo un incendio scoppiato a causa di uno di quei mezzi trasportati. Il contenuto della mail è stato letto nell'aula bunker di Bitonto nell'ultima udienza dell'incidente probatorio celebrato da lunedì ad oggi dinanzi al gip di Bari Alessandra Piliego, finalizzato a cristallizzare le prove sulle cause di innesco del rogo e sul successivo naufragio al largo delle coste albanesi costato la vita ad 11 dei circa 500 passeggeri (18 ancora dispersi). La perizia ha accertato che sulla nave erano stati caricati 80 tir frigo a fronte di 60 prese elettriche disponibili e che, quindi, gli altri tir erano tenuti accesi durante la traversata.

16:46Nato, disaccordo con Russia su Ucraina

(ANSA) - BRUXELLES, 30 MAR - "Gli alleati e la Russia continuano ad avere un chiaro disaccordo sulla crisi in Ucraina" dove "la situazione della sicurezza resta di profonda preoccupazione" e "le violazioni del cessate-il-fuoco nell' Ucraina Orientale hanno raggiunto livelli record". Lo ha detto il segretario generale Jens Stoltenberg dopo il primo Consiglio Nato-Russia del 2017, durato 4 ore. La tregua è "solo sulla carta" ha detto,, aggiungendo che l'Osce "in settimana" ha riferito di violazioni "quasi due volte al minuto".

16:43Camera, ok a legge “toghe in politica”, ora torna al Senato

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Sì dell'Aula della Camera alla proposta di legge sui giudici in politica. Il testo, approvato con 211 voti a favore, 2 contrari e 29 astenuti (Si e Mdp), torna però al Senato che dovrà esaminare lemodifiche introdotte a Montecitorio. Il provvedimento fissa una serie di paletti per il ritorno dei magistrati al loro lavoro dopo l'esperienza politica: dovranno cambiare sede e per tre anni non potranno svolgere funzioni inquirenti né svolgere funzioni direttive e potranno svolgere esclusivamente funzioni giudicanti collegiali.

16:39Calcio: squadra invita a pranzo avversari colpiti da sisma

(ANSA) - ALVIANO (TERNI), 30 MAR - Sarà una sorta di terzo tempo anticipato quello organizzato dal Gs Alviano Calcio alla squadra del Cascia, prossima avversaria, domenica, per il campionato di calcio di prima categoria. La società ha infatti deciso di invitare a pranzo la compagine della Valnerina in segno di solidarietà dopo il terremoto. A tavola ci saranno gli atleti e i dirigenti di entrambe le squadre. "Rispondere uniti come una squadra di calcio, questo l'Umbria, questa l'Italia tutta contro il terremoto", ha sottolineato il sindaco di Alviano Giovanni Ciardo. "Per questo - ha aggiunto - l'iniziativa del Gs Alviano ha una valenza forte. Dal primo giorno il nostro paese si è messo all'opera con iniziative benefiche per aiutare i territori più colpiti. Questa si inserisce in quel solco. Ora è anche doveroso ribadire che è il momento di tornare a visitare le bellezze dell'Umbria e di tutte le altre regioni, ferite ma non arrese". "Abbiamo deciso di invitare a pranzo i nostri avversari - ha spiegato invece il presidente del Gs Alviano, Michele Ceccaccio - perché siamo consapevoli di quanto possa costare in termini economici la trasferta di un'intera squadra, considerando, soprattutto, gli sfortunati eventi che hanno colpito il comune di Cascia e gli abitanti della Valnerina". (ANSA).

16:31Patenti turche false, Procura Torino apre inchiesta

(ANSA) - TORINO, 30 MAR - La Procura di Torino ha aperto un'inchiesta su 38 patenti turche false, tra cui circa una decina relative alla guida di autocarri, presentate agli uffici della Motorizzazione per essere convertite in documenti validi sul territorio italiano. L'ha scoperto la Polizia Municipale, grazie a un protocollo di collaborazione con la Motorizzazione. I magistrati hanno emesso 38 decreti di perquisizioni domiciliari in tutta Italia, di cui 23 a Torino, e il materiale recuperato è ora al vaglio degli inquirenti. Gli investigatori pensano che dietro ai documenti falsi ci sia un'articolata rete criminale dedica alla stampa, allo smercio e alla vendita delle patenti. Gli indagati, ad oggi sono 38, tutti di nazionalità turca e residenti in Italia. I reati ipotizzati, oltre al concorso nella falsità materiale del documento di guida straniero, c'è anche l'induzione in errore del pubblico ufficiale. (ANSA).

Archivio Ultima ora