Usa e Cuba riaprono le ambasciate il 20 luglio. Obama, ora via embargo

Pubblicato il 01 luglio 2015 da redazione

Head of US Interests Section in Havana delivers a letter from Obama to Cuban President Castro

NEW YORK. – “Un passo storico”: Barack Obama annuncia cosi’, dopo ben 54 anni di ‘black out’, la ripresa delle relazioni diplomatiche tra Stati Uniti e Cuba, con la riapertura delle reciproche ambasciate a Washington e L’Avana. C’e’ gia’ la data: il prossimo 20 luglio. La dichiarazione del presidente americano, davanti alle telecamere piazzate nel Rose Garden della Casa Bianca, viene trasmessa in diretta anche sulle tv cubane. Ed e’ stata preceduta da uno scambio di lettere con il leader dell’isola caraibica Raul Castro.

A innalzare la bandiera a stelle e strisce nella cerimonia di apertura dell’ambasciata Usa a L’Avana ci sara’ il segretario di stato John Kerry. La via verso la completa normalizzazione dei rapporti tra i due Paesi sembra dunque ormai spianata. E una delle ultime vestigia della guerra fredda sta per essere spazzata via per sempre, senza tanti rimpianti.

Lo stop delle relazioni tra Usa e Cuba risale infatti al 1961, uno degli anni piu’ bui, quello in cui fu costruito il Muro di Berlino. Oltreoceano, invece, l’amministrazione Eisenhower decideva di rompere ogni legame col governo rivoluzionario di Fidel Castro. L’anno dopo, nel 1962, scattarono le durissime sanzioni verso Cuba, tuttora in vigore. Quell’embargo che Barack Obama vuole superare per sempre e la cui rimozione e’ per L’Avana “imprescindibile”.

“Da oggi inizia un nuovo capitolo. Ora – e’ l’appello del presidente statunitense – il Congresso deve agire su quell’embargo che non ha funzionato per oltre 50 anni”. Solo allora si potra’ dire che Cuba e’ rientrata a tutti gli effetti nell’ambito della comunita’ internazionale. Certo, i negoziati per arrivare a questo obiettivo non saranno facili. Come non sara’ facile per la Casa Bianca superare le resistenze a Capitol Hill. Ma – assicura il portavoce del presidente Obama – in Congresso c’e’ gia’ un forte sostegno per la fine delle misure restrittive nei confronti di Cuba, anche se ancora non e’ stata redatta una vera e propria tabella di marcia.

Quella ‘road map’ che Obama tornera’ a chiedere nei posimmi giorni per coronare il suo sogno di rimuovere l’embargo prima della fine della sua presidenza. E magari di recarsi in visita ufficiale sull’isola. Sarebbe un’eredita’ pesantissima, per certi versi piu’ di quella (pur non da poco) di un accordo sul nucleare con l’Iran. E per rispondere ai critici che lo accusano di trattare con un regime ancora dal carattere dittatoriale, Obama ribadisce come il tema del rispetto dei diritti umani sara’ al centro dei prossimi colloqui. Il presidente americano lo ha ribadito nella sua lettera a Raul Castro. E questi a sua volta, nella missiva indirizzata alla Casa Bianca, ha assicurato che “Cuba si ispira ai principi della Carta delle Nazioni Unite, compresa la promozione del rispetto dei diritti umani e delle liberta’ fondamentali per tutti”.

Lo storico passo della ripresa delle relazioni diplomatiche e’ stato preceduto di poche settimane da un fondamentale annuncio del Dipartimento di stato americano, quello della cancellazione di Cuba dalla ‘lista nera’ degli stati considerati sponsor del terrorismo, dopo ben 33 anni. Una decisione che era stata a sua volta preceduta da altri passi simbolici, come il recente incontro tra Barack Obama e Raul Castro a Panama.

E da altre piu’ concrete decisioni (come le agevolazioni sul fronte dei viaggi e degli scambi commerciali) che hanno finito per rafforzare la fiducia tra le due capitali. Capitali che hanno finora sfruttato al massimo lo spiraglio che fu aperto dalla ormai storica stretta di mano tra Obama e Raul Castro alle commemorazioni in Sudafrica per la morte di Nelson Mandela. Da li’ tutto e partito. La mediazione di Papa Francesco, poi, ha fatto il resto.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

22:43Calcio: Liga l’Atletico Madrid risale e vince 2-1 a Bilbao

(ANSA) - ROMA, 20 SET - L'Atletico Madrid, avversario della Roma in Champios, soffre sul terreno del San Mamés, contro l'Athletic Bilbao, ma alla fine riesce a conquistare i tre punti, imponendosi per 2-1 nella 5/a giornata della Liga. Adesso i 'colchoneros' inseguono a -4 il Barcellona, vittorioso ieri sera sull'Eibar. L'Atletico ha rischiato di andare sotto al 41' del primo tempo, ma il centravanti Aduriz ha fallito dal dischetto, nella ripresa è passato in vantaggio con Correa al 10', al 28' è arrivato il raddoppio di Griezmann. L'arrembaggio finale dei baschi ha prodotto il gol della bandiera di Garcia al 47', su passaggio di Balenziaga. Atletico secondo, con 11 punti, il Barca guida a 15. (ANSA).

21:26Calcio: Marotta, Higuain? Lo riacquisteremmo

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Higuain in difficoltà? Noi siamo estremamente contenti dell'operazione fatta lo scorso anno e l'avremmo fatta anche quest'anno. Non dimentichiamoci che è arrivato dopo l'operazione di Pogba e abbiamo preso un grande campione. Nell'economia del gioco un giocatore come Higuain diventa molto importante". Lo ha detto a Premium Sport l'ad della Juve Beppe Marotta. "La classifica si definirà dalla decima giornata? Credo che un punto di riflessione possa essere la decima giornata, molte squadre si stanno ancor assestando - ha proseguito - ora è prematuro fare previsioni. Certo, i pronostici sono per le squadre che si devono confermare come la Juve o quelle che si sono rinforzate di più sul mercato. "Juve su Pellegri? Sì, noi eravamo su di lui in tempi non sospetti - ha concluso - lo abbiamo trattato due anni fa a cifre molto più basse rispetto a quelle di adesso. E' un talento, poi per diventare un campione ne passa di tempo. Credo che sia uno dei migliori giovani del panorama italiano".

21:07Calcio: Uva, le congratulazioni di Lotti

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Rivolgo i miei più sinceri auguri di buon lavoro a Michele Uva: la sua nomina è una bella notizia per tutto lo sport italiano". Lo afferma il ministro per lo Sport Luca Lotti, commentando la nomina a vicepresidente Uefa di Uva. "Si tratta di un riconoscimento che premia la carriera e il merito di un dirigente che ha sempre lavorato con passione, basando la sua attività sui veri valori dello sport" aggiunge il ministro Lotti.

21:06Calcio: Di Francesco, Roma cresciuta nella consapevolezza

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Sono contento della prestazione della squadra, siamo cresciuti in consapevolezza e siamo riusciti a sviluppare le mie idee di calcio. Qualcosa nella testa dei giocatori è entrato. Ma non sono del tutto soddisfatto, dobbiamo essere più determinati e precisi in certe situazioni, perché ci vuole un attimo a riaprire le partite". Così Eusebio Di Francesco ha commentato la vittoria della Roma a Benevento. "Dzeko? Oggi si è avvicinato di più alla porta - ha detto -. Solo contro l'Atletico ha fatto un po' più fatica, certe partite sono più complicate di altre, ma Edin è un ragazzo molto intelligente: sa di avere sbagliato a dire determinate cose, comunque dettate dal nervosismo del momento. Sono contento anche degli esterni, io spingo molto per far sì che il gioco si sviluppi sulle fasce". "La squadra, tolto qualche momento di superficialità, mi è piaciuta - conclude -. Se possiamo lottare per lo scudetto? Il campo dirà la sua".

20:57Ciclismo:il’Giro d’Italia’ in 9 giorni,parte sfida Di Felice

(ANSA) - ROMA, 20 SET - 3500 km in 9 giorni attraverso tutte le Regioni d'Italia. E' partita stasera dal Foro Italico di Roma la sfida dell'ultracyclist Omar Di Felice, che percorrerà in bici il Bel Paese senza fermarsi quasi mai. La conclusione del giro in solitaria, presentato dal vice presidente del Coni, Alessandra Sensini, avverrà il 29 settembre al Salaria Sport Village. Il dislivello che Di Felice è chiamato a superare lungo il percorso è di circa 50.000 metri, quanti quelli coperti da un protagonista del singolare Giro d'Italia in tre settimane. Per la prima volta nella sua carriera di ultracylcist, Di Felice sarà impegnato per più di 4 giorni consecutivi. Nella tabella di marcia dell'atleta è prevista un'alimentazione a base di barrette e gel integratori, ma anche di cibi tradizionali (pasta, riso, carni bianche). "La privazione del sonno è una tortura una cosa che va contro la natura. Le prime 30 ore le affronterò senza dormire, da quel momento ogni 10-12 ore è prevista una sosta per un microsonno da 35 minuti al massimo".

20:53Pesta 18enne e gli punta pistola a tempia,arrestato a Verona

(ANSA) - VERONA, 20 SET - Un'aggressione e un pestaggio fulminei, davanti alla stazione dei pullman di Verona Porta Nuova, poi il giovane violento ha estratto una pistola e l'ha puntata alla tempia della sua vittima, uno studente 18enne cingalese. Tutta la scena è stata ripresa con uno smartphone da una persona che si trovava a bordo di un autobus in sosta, ed il filmato è stato determinante per portare la Polizia sulle tracce dell'aggressore, anch'egli cittadino srilankese, di 23 anni, residente a Verona, nullafacente. Il giovane è stato arrestato dagli agenti delle Volanti, con l'accusa di resistenza aggravata e lesioni gravi a pubblico ufficiale. E' anche indagato per rapina, perchè aveva minacciato con l'arma il connazionale per constringerlo a consegnargli soldi. Nonostante il fatto sia avvenuto sotto gli occhi di decine di testimoni, con tanto di riprese filmate, nessuno ha chiamato il 113 e l'allarme è scattato solo su segnalazione della vittima.

20:46Ferita 15enne: trovato cadavere presunto aggressore

(ANSA) - ISCHITELLA (FOGGIA), 20 SET - Il cadavere del presunto responsabile del tentato omicidio della ragazza di 15 anni è stato trovato nelle campagne della località Callone, in agro di Ischitella. Lo rendono noto i carabinieri del Comando provinciale di Foggia. Pare che si sia tolto la vita con la stessa arma usata stamattina contro la 15enne. "Ditemi che è vero", ha scritto la madre della ragazzina su Facebook dopo avere appreso della morte dell'uomo.

Archivio Ultima ora