Usa e Cuba riaprono le ambasciate il 20 luglio. Obama, ora via embargo

Pubblicato il 01 luglio 2015 da redazione

Head of US Interests Section in Havana delivers a letter from Obama to Cuban President Castro

NEW YORK. – “Un passo storico”: Barack Obama annuncia cosi’, dopo ben 54 anni di ‘black out’, la ripresa delle relazioni diplomatiche tra Stati Uniti e Cuba, con la riapertura delle reciproche ambasciate a Washington e L’Avana. C’e’ gia’ la data: il prossimo 20 luglio. La dichiarazione del presidente americano, davanti alle telecamere piazzate nel Rose Garden della Casa Bianca, viene trasmessa in diretta anche sulle tv cubane. Ed e’ stata preceduta da uno scambio di lettere con il leader dell’isola caraibica Raul Castro.

A innalzare la bandiera a stelle e strisce nella cerimonia di apertura dell’ambasciata Usa a L’Avana ci sara’ il segretario di stato John Kerry. La via verso la completa normalizzazione dei rapporti tra i due Paesi sembra dunque ormai spianata. E una delle ultime vestigia della guerra fredda sta per essere spazzata via per sempre, senza tanti rimpianti.

Lo stop delle relazioni tra Usa e Cuba risale infatti al 1961, uno degli anni piu’ bui, quello in cui fu costruito il Muro di Berlino. Oltreoceano, invece, l’amministrazione Eisenhower decideva di rompere ogni legame col governo rivoluzionario di Fidel Castro. L’anno dopo, nel 1962, scattarono le durissime sanzioni verso Cuba, tuttora in vigore. Quell’embargo che Barack Obama vuole superare per sempre e la cui rimozione e’ per L’Avana “imprescindibile”.

“Da oggi inizia un nuovo capitolo. Ora – e’ l’appello del presidente statunitense – il Congresso deve agire su quell’embargo che non ha funzionato per oltre 50 anni”. Solo allora si potra’ dire che Cuba e’ rientrata a tutti gli effetti nell’ambito della comunita’ internazionale. Certo, i negoziati per arrivare a questo obiettivo non saranno facili. Come non sara’ facile per la Casa Bianca superare le resistenze a Capitol Hill. Ma – assicura il portavoce del presidente Obama – in Congresso c’e’ gia’ un forte sostegno per la fine delle misure restrittive nei confronti di Cuba, anche se ancora non e’ stata redatta una vera e propria tabella di marcia.

Quella ‘road map’ che Obama tornera’ a chiedere nei posimmi giorni per coronare il suo sogno di rimuovere l’embargo prima della fine della sua presidenza. E magari di recarsi in visita ufficiale sull’isola. Sarebbe un’eredita’ pesantissima, per certi versi piu’ di quella (pur non da poco) di un accordo sul nucleare con l’Iran. E per rispondere ai critici che lo accusano di trattare con un regime ancora dal carattere dittatoriale, Obama ribadisce come il tema del rispetto dei diritti umani sara’ al centro dei prossimi colloqui. Il presidente americano lo ha ribadito nella sua lettera a Raul Castro. E questi a sua volta, nella missiva indirizzata alla Casa Bianca, ha assicurato che “Cuba si ispira ai principi della Carta delle Nazioni Unite, compresa la promozione del rispetto dei diritti umani e delle liberta’ fondamentali per tutti”.

Lo storico passo della ripresa delle relazioni diplomatiche e’ stato preceduto di poche settimane da un fondamentale annuncio del Dipartimento di stato americano, quello della cancellazione di Cuba dalla ‘lista nera’ degli stati considerati sponsor del terrorismo, dopo ben 33 anni. Una decisione che era stata a sua volta preceduta da altri passi simbolici, come il recente incontro tra Barack Obama e Raul Castro a Panama.

E da altre piu’ concrete decisioni (come le agevolazioni sul fronte dei viaggi e degli scambi commerciali) che hanno finito per rafforzare la fiducia tra le due capitali. Capitali che hanno finora sfruttato al massimo lo spiraglio che fu aperto dalla ormai storica stretta di mano tra Obama e Raul Castro alle commemorazioni in Sudafrica per la morte di Nelson Mandela. Da li’ tutto e partito. La mediazione di Papa Francesco, poi, ha fatto il resto.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

16:46Omicidio a Bari: decisiva anche testimonianza pentito

(ANSA) - BARI, 21 FEB - Sono i fratelli Domenico e Gaetano Remini, di 30 e di 19 anni, Maurizio e Donato Sardella, padre e figlio di 47 e 21 anni, e Cristian Cucumazzo, di 23, i presunti responsabili, a vario titolo, dell'omicidio di Luigi Luisi, ferito gravemente il 31 ottobre scorso al quartiere Libertà di Bari e morto 14 giorni dopo in ospedale. All'origine dell'omicidio ci sarebbe stata un'animata discussione tra Luigi Luisi e Domenico Remini riguardo al presunto coinvolgimento di quest'ultimo nell'agguato del 30 aprile in cui perse la vita il figlio di "Gino", Antonio Luisi; omicidio, quest'ultimo, che non ha ancora un colpevole. Alcune testimonianze raccolte dalla polizia la sera dell'agguato, nella serata di Halloween, indagini tecniche e le dichiarazioni di un collaboratore di giustizia hanno poi chiarito il movente dell'omicidio e fatto ritenere la vicinanza delle persone arrestate al sodalizio criminale capeggiato da Domenico Remini e vicino al clan Strisciuglio.

16:36Appalti: Guardia Finanza all’Asl To1, acquisiti documenti

(ANSA) - TORINO, 21 FEB - La Guardia di Finanza si è presentata questa mattina negli uffici dell'Asl To1, in via San Secondo. Secondo quanto appreso, le Fiamme gialle avrebbero acquisito documenti relativi al dipartimento di salute mentale per gli anni 2008-2009, anni in cui la direzione dell'azienda era affidata a Ferruccio Massa. Gli accertamenti, sempre secondo quanto appreso, riguarderebbero alcuni appalti di psichiatria.

16:34Minacce a presidente Corte d’Assise Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 21 FEB - Un biglietto di minacce è stato recapitato nei mesi scorsi ad Alfonso Barbarano, che presiede la terza sezione della Corte di Assise di Napoli. E' quanto rivelato oggi dalla Tgr Campania della Rai in un servizio dove si precisa che il messaggio minatorio risale al 21 dicembre scorso. Barbarano presiede il collegio davanti al quale attualmente è in corso il processo per l'omicidio della piccola Fortuna Loffredo, avvenuto al Parco Verde di Caivano nel 2014. Barbarano denunciò l'episodio ai carabinieri e attualmente il caso è al vaglio della Procura di Roma che ha la competenza a indagare in quanto è parte offesa un magistrato del distretto di Napoli. Le minacce, sempre secondo quanto sottolinea la Tgr Campania, sono state indirizzate a un familiare del giudice e recapitate il giorno del compleanno di Barbarano.(ANSA).

16:34Pd: nessun ripensamento bersaniani, fuori da partito

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - Pier Luigi Bersani, Roberto Speranza e i parlamentari della loro area non cambiano idea: non parteciperanno alla direzione di oggi e al congresso del Pd, di cui non condividono le modalità. Di fatto, a quanto si apprende, sono così fuori dal partito e dissentono dalla scelta di Michele Emiliano di sfidare Renzi alle primarie. È una scelta personale, sottolineano.

16:31Usa: attacchi e minacce a centri ebraici, cimitero profanato

(ANSA) - WASHINGTON, 21 FEB - Una decina di centri ebraici negli Stati Uniti hanno ricevuto minacce ed allerte bomba che hanno costretto ad evacuazioni. Lo fanno sapere i responsabili degli stessi centri, mentre le autorità del Missouri stanno indagando su una possibile profanazione di un cimitero ebraico nei pressi di St. Louis. Episodi cui sembra riferito il messaggio postato su Facebook da Ivanka Trump, in cui la figlia del presidente sottolinea che "l'America e' costruita su tolleranza e rispetto di tutte le fedi".

16:28Criminalità: sgomberati e confiscati 4 immobili a Genova

(ANSA) - GENOVA, 21 FEB - Quattro immobili in uso alla famiglia Canfarotta sono stati sgomberati e confiscati da polizia e carabinieri dopo una condanna definitiva per alcuni appartenenti della famiglia per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. I locali si trovano in vico Macelli di Soziglia, nel centro storico, in via Padre Umile, a Cornigliano, e in via Canzio, a Sampierdarena. La decisione degli sgomberi è stata presa dal comitato provinciale per l'Ordine e la sicurezza pubblica della prefettura in collaborazione con il comune di Genova. Ai Canfarotta dal 2009 sono stati confiscati 115 appartamenti, di cui 96 nel centro storico di Genova. Nelle scorse settimane il Comune aveva annunciato che avrebbe preso in carico i primi 11 beni confiscati per trasformarli in case famiglia, sedi associative e b&b. Per il Cantiere della Legalità si tratta della più "grande confisca di beni immobili alla criminalità organizzata per numero di beni in tutta Italia".(ANSA).

16:13Tiro: Double Trap escluso da Olimpiadi

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - Il Double Trap, una delle tre specialita' olimpiche del tiro a volo, da Tokyo 2020 non fara' piu' parte del programma dei Giochi. Lo ha deciso il comitato esecutivo della Federazione Internazionale degli Sport di Tiro (Issf) che a Nuova Delhi ha approvato il documento prodotto dal comitato 'Ad Hoc' che ha sancito l'uscita dal programma dei Giochi del Double Trap Individuale (in cui l'Italia a Rio e' stata argento con Marco Innocenti) e, contestualmente, stabilito l'ingresso del Mixed Team di Fossa Olimpica. In questa nuova disciplina l'Italia potra' presentare una coppia di assoluta eccellenza come quella formata da Giovanni Pellielo e Jessica Rossi. Coppie miste anche nel tiro a segno, e anche qui, nella carabina, l'Italia puo' sognare l'oro con Niccolo' Campriani in gara assieme alla fidanzata Petra Zublasing. L'unico voto contrario dell'Esecutivo è stato quello di Luciano Rossi, presidente della Fitav e vicepresidente della Issf, da sempre schierato a difesa del Double Trap.

Archivio Ultima ora