Terrorismo in Italia: blitz contro la rete di Fatima, 10 ordinanze

Pubblicato il 01 luglio 2015 da redazione

terrorismo-it

MILANO. – Inizia tutto con un matrimonio, un “martese” in lingua albanese. Per questo la Procura di Milano ha voluto chiamare così l’indagine che ha portato all’emissione di 10 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettanti presunti terroristi legati allo Stato Islamico e accusati a vario titolo di associazione con finalità di terrorismo e di organizzazione del viaggio per finalità di terrorismo. Proprio nello stesso giorno in cui i carabinieri del Ros hanno smantellato, dopo indagini coordinate dalla Procura di Roma, una cellula qaedista attiva sul web e specializzata nella formazione del ‘terrorista fai da te’.

“Oggi è una giornata importante contro il terrorismo – ha commentato il ministro dell’Interno, Angelino Alfano – Le Forze di Polizia e la Magistratura hanno duramente colpito cellule terroristiche con due grandi operazioni”.

I destinatari dei provvedimenti della Procura di Milano sono due gruppi famigliari: 4 italiani e 5 albanesi, più una canadese che ha avuto un ruolo di intermediaria. Cinque persone sono state arrestate, mentre altre 5 sono ancora ricercate e con tutta probabilità si trovano in Siria. Tra i latitanti c’è Maria Giulia Sergio, una 27enne che si è unita all’Islam radicale per abbracciare la causa del Califfato.

Per farlo ha sposato Aldo Kobuzi, coetaneo albanese conosciuto grazie a Bushra Haik, 30enne nata a Bologna ma di origini canadesi che teneva corsi di Corano online. Gli investigatori non hanno ancora capito in che modo le due donne sono entrate in contatto, ma di sicuro la Haik ha avuto un ruolo fondamentale nell’unione dei futuri sposi che ora sono ricercati.

All’appello mancano anche due parenti di Kobuzi: la 44enne Donika Coku, e la 19enne Serjola Kobuzi. In manette, invece, i suoi due zii: la 41enne Arta Kacabuni, che è stata catturata a Scansano (Grosseto), e Baki Coku, di 37 anni, preso a Lushnje, a circa 70 chilometri a sud di Tirana. Arrestati anche i famigliari della Sergio: papà Sergio, mamma Assunta Buonfiglio e la sorella Marianna. Erano in procinto di partire per la Siria ma gli investigatori li hanno bloccati.

Volevano raggiungere la figlia Maria Giulia, ormai diventata Fatima Zahra, nei territori del Califfato. Per farlo hanno lasciato il lavoro e perfino venduto i mobili su Internet. “La figlia è riuscita con un pressante lavoro di indottrinamento a convincerli a partecipare al Jihad – ha spiegato il procuratore milanese Maurizio Romanelli – Lei intanto era già in Siria col marito”.

Le nozze combinate vengono celebrate con rito musulmano il 17 settembre 2014 nella moschea di Treviglio. Il 18 partono per Scansano (Grosseto) dove Kobuzi ha alcuni parenti. Il tempo di organizzare i dettagli per il viaggio e il 21 settembre si imbarcano all’aeroporto di Fiumicino diretti a Istanbul, in Turchia. Il 22 prendono un volo interno che li porta a Gaziantep, da dove raggiungono il confine con la Siria. L’ipotesi è che siano entrati il 2 ottobre.

A novembre Kobuzi inizia l’addestramento militare in Iraq: dopo sei settimane ottiene il titolo di mujaheddin e partecipa ad alcune azioni militari. Gli investigatori sanno che a febbraio Fatima comincia l’addestramento con le armi mentre attende il ritorno del marito con la suocera e altri suoi parenti. A marzo la famiglia Sergio decide di raggiungerla, ad aprile il padre si licenzia. La partenza è fissata tra agosto e settembre.

“Non sono emersi elementi che fanno pensare ad attentati in Italia – ha chiarito Romanelli – Probabilmente è la prima volta in Europa che si arriva a una tale risposta giudiziaria nei confronti dell’Is. In questa indagine le moschee non hanno un ruolo significativo e non emergono dati sul reclutamento di migranti in Italia. È tutto verso l’estero. È preoccupante il flusso da tutta Europa verso il Califfato”.

Dall’ordinanza firmata dal gip Ambrogio Moccia, si legge che esistono figure incaricate di provvedere alla gestione dei foreign fighters da tutto il mondo. Il numero di telefono contattato dalla Sergio una volta arrivata in Turchia è una sorta di centralino al quale risponde una persona in grado di mettere in contatto immediato l’aspirante jihadista con una persona che parla la sua lingua.

Nei documenti compare il nome di Ahmed Abu Aiharith come coordinatore dei foreign fighters, quello del libico Bassiouni Abdallah come coordinatore dell’invio di combattenti dalla Libia, e quello di Abu Sawarin come responsabile dei “francesi” in arrivo nel territorio dell’Is. “Non c’è solo una motivazione ideologica e religiosa a spingere gli stranieri ad aderire all’Is – ha spiegato Lamberto Giannini, direttore del Servizio Centrale Antiterrorismo della Polizia – I reclutatori garantivano un welfare con cure sanitarie, distribuzione di armi, la possibilità di acquistare auto a prezzi stracciati in quanto bottino di guerra”.

(di Salvatore Garzillo/ANSA)

Ultima ora

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

00:23Basket: Serie A, Torino-Milano 71-59

(ANSA) - TORINO, 10 DIC - La Fiat Torino batte 71-59 l'EA7 Milano e aggancia in classifica i milanesi. Una vittoria di carattere quella conquistata dalla squadra dell'ex milanese Banchi, passata a condurre nella prima frazione per poi non lasciare più il comando della partita. Se all'inizio le percentuali di Milano hanno favorito la fuga torinese (32-27 al 20'), nella ripresa la difesa di Torino ha fatto la differenza. Washington ha chiuso le falle in difesa, Mbakwe ha fatto impazzire sotto canestro i lunghi milanesi, caricando di falli Tarczewski e Gudaitis. Un parziale di 17-6 a metà terzo quarto (51-33), propiziato da Mbakwe e Vujacic ha indirizzato la partita: Milano ha provato nel finale a riavvicinarsi, ma la Fiat ha controllato senza patemi il risultato. Ottima prova di Patterson (16), Mbakwe (15) e Vujacic (10) per Torino, mentre sulla sponda milanese il solo Jerrels è riuscito ad andare in doppia cifra chiudendo con 10 punti.

00:21Calcio: Bonaventura, vittoria sia punto di partenza Milan

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Era importante vincere e ce l'abbiamo fatta. Siamo felici, venivamo da un periodo in cui seminavamo tanto e raccoglievamo poco''. A Premium Sport, il centrocampista del Milan Giacomo Bonaventura racconta il suo match da protagonista contro il Bologna: ''Dovevamo tenere un po' più la palla una volta andati in vantaggio, ci servirà da lezione per le prossime. Sperando che questa vittoria possa essere un punto di partenza. Io sto meglio, piano piano sto arrivando al cento per cento e cerco sempre di dare tutto me stesso per la squadra''.

00:08Serie A: il Milan batte il Bologna 2-1 nel posticipo

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Una doppietta di Jack Bonaventura fa respirare il Milan di Rino Gattuso alla sua prima vittoria da quando ha preso il posto in panchina di Vincenzo Montella. In un Meazza congelato con fiocchi di neve a sprazzi, i rossoneri battono il Bologna 2-1 (1-1) nel posticipo della 16/a giornata della Serie A. Apre le marcature Bonaventura al 10' pt, bel pari di Verdi al 23' pt, decide di nuovo Bonaventura al 31' st. Con i tre punti conquistati questa sera il Milan si porta al settimo posto a quota 24 punti.

Archivio Ultima ora