Coppa America: l’arbitro venezuelano Argote nella storia della Coppa

Pubblicato il 02 luglio 2015 da redazione

carlos7.jpg_1013350965

CARACAS – Con un veloce sguardo verso i 22 in campo, con l’inspirazione dell’aria gelida della sera di Santiago, mettendo il fischietto tra le labbra e in questo modo che comincia la storia che vi stiamo per raccontare.

Anche se il percorso della Vinotinto si é fermato nella fase a gironi della Coppa America, c’è ancora un pezzo di Venezuela che sta portando in alto il nome del paese, i personaggi in questione é l’arbitro José Argote ed il suo asistente Jorge Urrego que hanno diretto la semifinale tra Cile e Peru.

La gara diretta dall’arbitro nato 34 anni fa a Maracaibo é servita per definiré il primo finalista della manifestazione continentale, ma la notizia più importante é quella che é diventato il primo venezuelano a dirigere tre gare nella stessa edizione della Coppa America.

“Voglio portare in alto il nome del mio paese e quello dell’arbitraggio venezuelano” aveva detto Argote ai suoi colleghi (nella sua vita extra sportiva fa il veterinario) prima di partire verso il Cile. Nella clínica dove lui lavoara aveva lasciato tutto pronto ed aveva sospeso le sue consulte per tutta la durata del torneo.

Argote che come arbitro ha nel suo curriculum l’esperienza di aver arbitrato gare nella Coppa Libertadores en ella Coppa Sudamericana. Aveva fatto il suo esordio nella Coppa America Cile 2015, nel match Uruguay-Giamaica, vinto dai charrúas per 1-0. In quella gara ha sventolato tre cartellini gialli, ma la sua performance non é stata criticata. Poi, la Conmebol, lo ha designato per dirigere l’incontro tra Messico ed Ecuador, dove a vincere per 2-1 sono stati quelli dell’Altopiano, in questa occasione ha avuto una gara un po complicata: qui ha tirato fuori sei cartellini gialli (tre per ogni squadra), ha fischiato un rigore ed ha espulso per proteste il tecnico azteca Miguel Herrera.

Nel post partita, la stampa ecuadoreña lo ha duramente criticato per la mancata concessione di un calcio di rigore, situazione che forse avrebbe aiutato la loro nazionale a qualificarsi come migliore terza. Ma, nonostante questo la federcalcio sudamericana era rimasta soddisfatta dalla prestazione di Argote e gli ha assegnato la prima semifinale. A questo va aggiunto la sua presenza come quarto arbitro nelle gare Cile-Messico (3-3) e Brasile-Paraguay (1-1, poi vinta ai calcii di rigore dall’albiroja).

Lunedì, tutti gli occhi del mondo pallonaro erano puntati sulla partita Cile-Peru e sopratutto sull’arbitro, il venezuelano José Argote. Quell’incontro é stato il più imporatante diretto nella sua carriera “Quel Cile-Peru avrà un significato molro speciale per me” ha confessato a fine gara l’arbitro maracucho.

“Ero molto emozionato. Per me come venezuelano mi riempe d’orgoglio sapere di essere stato il primo che ha arbitrato una partita di questa caratura”.

Con questa gara, l’arbitro maracucho ha superato nella speciale classifica arbitri i suoi connazionali Bernardo Corujo (1987), Nelson Rodrigues (1989), Álvaro Arboleda (1993) con tre gare fischiate in una stessa edizione della Coppa America. A sua volta, Argote ha eguagliato il primato dell’italo-venezuelano Paolo Borgosano che ha fischiato tre match ma in edizioni diverse. Borgosano aveva avuto il privilegio di arbitrare la finalina per il terzo e quarto posto nel 1997.

“Non mi sono innervosito. Ho già otto anni di esperienza, ho arbitrato gare con più di 40 mila spettatori. Fortunatamente quella esperienza mi ha aiutato per prepararmi per quella gara”.
Ma, il match storico, non é stato tutto rose e fiori, ha dovuto prendere decisioni important, come quella di espellere dopo 27 minuti di gioco il peruviano Carlos Zambrano “Uno deve saper gestire la situazione. Come arbitro uno non vuole mai pregiudicare qualcuno. I giocatori vengono e mi urlano io cerco sempre di fargli capire il mio punto di vista ed il perche della mia decisione”. Nelle tre gare disputate, l’arbitro venezuelano ha estratto 10 cartellini gialli e due rossi.

Dopo aver realizzato il sogno di arbitrare una semifinale della Coppa America, Argote punta in alto “Adesso la meta é crescere a livello professionale, sopratutto in gare internazionali. Mi piacerebbe essere preso in considerazione per le qualificazioni per il mondiale Russia 2018”.

Argote ha avuto un 2015 da favola, arbitrando quattro gare di ‘Copa Libertadores’, tre del ‘Sudamericano Under 20’, tre della Coppa America (potrebbero aumentare, ci sono ancora due gare da disputare) e la finale del torneo locale.

Se l’arbitro maracucho mantiene questa performance, potrebbe realizzare un altro sogno, quello di scendere in campo per una gara del mondiale. Fino ad oggi, l’unico venezuelano ad arbitrare nella kermese irridata é stato Vicente Llobregat in Germania 1974, dove diresse Italia-Haiti, vinta per 3-1 dagli azzurri.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

Archivio Ultima ora