Inter: Thohir accoglie Montoya e Perisic si avvicina

Dal sito ufficiale dell'Inter: per Montoya, a Milano, visite

MILANO. – La nuova Inter di Thohir inizia a prendere forma. Mancini aveva chiesto otto, nove giocatori e il presidente nerazzurro gli ha già regalato quattro innesti. Dopo Murillo, Kondogbia e Miranda, oggi anche Martin Montoya ha effettuato le visite mediche. E Thohir, che questa mattina è sbarcato a Milano, lo ha già incontrato proprio a Malpensa. Prima stretta di mano, presentazioni di rito e grandi sorrisi. Montoya, terzino in arrivo dal Barcellona con un prestito biennale da un milione a stagione con obbligo di riscatto fissato a 6 milioni, è il terzo rinforzo difensivo.

Thohir ha quindi ascoltato le esigenze di Mancini, concedendogli in poco tempo già tre alternative per la retroguardia, uno dei reparti più in difficoltà nella passata stagione. Ma i quattro colpi messi a segno sono solo l’inizio. Perché l’Inter sta lavorando su più fronti. Il tecnico ha chiesto un esterno d’attacco e il ds Ausilio si sta muovendo su più trattative.

Piace Cuadrado, che non ha conquistato in questi sei mesi Mourinho, ma le richieste del Chelsea sono alte, visti i 30 milioni di euro spesi per strapparlo alla Fiorentina. Così i nerazzurri stanno trattando un giocatore apprezzato fin dallo scorso gennaio: Ivan Perisic del Wolfsburg.

L’intesa con il giocatore c’è già e nei prossimi giorni ci potrebbe essere il blitz decisivo a fronte di una richiesta di 18 milioni di euro per l’obbligo di riscatto. Probabile che negli argomenti di cui parlerà Thohir nei summit di mercato previsti in questi giorni, ci sia proprio il croato che piace a Mancini. Non solo, però, perché il patron potrebbe dare il placet anche ad altre operazioni. In particolare quella di Stevan Jovetic per cui non si supererebbero i 15 milioni.

Intanto il presidente nerazzurro è atteso ad Appiano Gentile dove la squadra si radunerà e il tecnico terrà la prima conferenza della stagione. Thohir saluterà i giocatori, rivedrà Montoya che si unirà subito alla squadra e parlerà con Mancini. Perché il magnate indonesiano sta dando l’ok a operazioni molto dispendiose, ma pretende anche che la rosa venga sfoltita. Le nuove regole della Figc impongono un massimo di 25 giocatori e, per ora, l’unico addio ufficializzato è quello di Kuzmanovic.

Condividi: