Coppa America: Messi ora vuole il primo successo con l’Argentina

Pubblicato il 03 luglio 2015 da redazione

coppa-america-semifinali

SANTIAGO DEL CILE. – Lionel Messi e l’Argentina. Un rapporto all’agrodolce, in passato difficile, che potrebbe cambiare per sempre, se la nazionale Albiceleste batterà il Cile e porterà a Buenos Aires la Coppa America, rimarginando in parte una ferita (la sconfitta con la Germania nella finale mondiale) che a Buenos Aires brucia ancora. Per capire come potrebbero andare le cose allo stadio ‘Nacional’ di Santiago basta dare la parola a Ramon Diaz, il ct del Paraguay: “se loro giocano come contro di noi, il Cile non ha chance”, taglia corto Diaz, dopo la goleada (6-1) con la quale Messi e compagni hanno eliminato i paraguayani nella semifinale di martedì scorso.

Da parte sua, il ct cileno, Jorge Sampaoli (argentino come Diaz), medita su come fermare la Pulce che, con il contributo dell’ottimo Pastore, proprio contro il Paraguay si è scatenato come non mai, anche se non ha segnato. Sampaoli potrebbe schierare una linea difensiva di quattro uomini, forse tre. I media locali sostengono che Gary Medel avrà l’ingrato compito di bloccare il migliore del pianeta, aiutato da Vidal e Beausejour.

E c’è poi da capire se la ‘Roja’ partirà come sempre col turbo o se sceglierà la prudenza di fronte all’attacco schiacciasassi degli argentini. “Il Cile è deciso, con un gioco offensivo potente e aggressiva. L’Argentina ha tutto questo, ma sa gestire meglio le pause: quando si ferma trova sempre chi costruisce un’azione importante”, ha fatto notare sul quotidiano La Nacion Cesar Menotti, ct argentino campione del mondo nel 1978. Non è certo una novità d’altra parte che bloccare Messi sia impresa quasi impossibile.

Soprattutto ‘questo’ Lio, che nelle partite disputate nel torneo americano ha giocato 450 minuti (non è mai stato sostituito) e servito 280 passaggi con un tasso di efficacia pari all’85%. Molti dei quali sono arrivati sui piedi di Di Maria, solito ‘stantuffo’ sulla fascia sinistra, o del ‘Kun’ Aguero, bomber del torneo, e di Pastore, l’ex Palermo che ha dimostrato di intendersi alla grande con la Pulce.

Il Cile, da parte sua, ci crede, grazie anche all’entusiasmo straripante dei tifosi. Ha dimostrato di essere insieme ai cugini-rivali argentini la miglior squadra del torneo e sta lavorando bene da anni. Ma per la ‘Roja’ sarà dura: oltre all’incubo Lio, Sanchez, Vidal, Vargas e compagni sentiranno inevitabilmente la pressione di giocare in casa e di poter vincere per la prima volta la Coppa America (per la ‘Seleccion’ di Messi sarebbe invece il 15/o titolo continentale).

L’intera Argentina attende la finale con ottimismo. Altri dodicimila tifosi ‘biancocelesti’ stanno attraversando con pullman e auto la cordigliera delle Ande. C’è persino voglia di scherzare: commentando il fatto che Al Pacino (la sua fidanzata è di Buenos Aires) ha manifestato la propria ammirazione per la ‘Seleccion’, il quotidiano Olè ha ricordato oggi che le cose non dovrebbero andare male, “visto che anche il Padrino tifa per noi..”.

Ultima ora

10:18Gerusalemme: Netanyahu, per pace riconoscere realtà

(ANSA) - BRUXELLES, 11 DIC - "Quanto il presidente Trump ha fatto è mettere i fatti sul tavolo per quello che sono. La pace è basata sul riconoscimento della realtà. E che Gerusalemme sia la capitale è evidente per tutti". Così il premier israeliano Benjamin Netanyahu arrivando al consiglio affari esteri europeo, invita a dare "una possibilità alla pace" col tentativo dell'amministrazione Usa. "E' tempo che i palestinesi riconoscano che lo stato ebraico e che Gerusalemme è la sua capitale".

09:49Venezuela: Maduro vince comunali, ma senza opposizione

(ANSA) - CARACAS, 11 DIC - Il partito socialista di Nicolas Maduro ha stravinto alle elezioni municipali nella maggior parte delle città del paese, anche se sul voto ha pesato il boicottaggio di quasi tutta l'opposizione. Lo stesso capo dello stato, durante un comizio in cui ha annunciato il suo trionfo, ha avvertito che "i partiti che non hanno partecipato al voto non potranno farlo più e scompariranno dalla mappa politica". Quindi di fatto li ha estromessi dalle presidenziali del prossimo anno.

09:41Birmania:stupri su donne Rohingya metodici, indagine

(ANSA) - UKHIA (BANGLADESH), 11 DIC - Gli stupri di donne Rohingya da parte dell'esercito birmano sono stati radicali e metodici. Lo rivela un'indagine condotta dall'Associated Press intervistando 29 tra donne e ragazze fuggite nel vicino Bangladesh. Le vittime delle violenze sessuali hanno tra i 13 e i 35 anni.

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

Archivio Ultima ora