Banca Popolare Cina entra in Monte Paschi di Siena e UniCredit

china

MILANO. – Sempre più Cina in Piazza Affari. Proprio mentre la Borsa di Shanghai è sotto scacco per una bolla speculativa che non ha eguali – sono andati in fumo quasi 3.000 miliardi di dollari – la People’s bank of China, ovvero la Banca centrale della Repubblica Popolare Cinese, fa il suo ingresso nel capitale di due delle principali banche italiane: si tratta di UniCredit (in Borsa -6,12% a 5,68 euro) e del Monte Paschi di Siena (-11,5% a 1,53 euro).

Le operazioni, datate 29 e 30 giugno e comunicate alla Consob in giornata, riguardano, rispettivamente, il 2,005% di UniCredit e il 2,010% di Mps. Sulla base dei valori espressi alla chiusura dei mercati di venerdì scorso dai due istituti italiani le quote in mano a Pechino valgono circa 770 milioni di euro. Con queste mosse, quindi, aumenta di misura il peso di Piazza Affari nel portafoglio dell’istituto centrale cinese.

Il ‘Dragone’ risulta infatti azionista dallo scorso gennaio di Terna e Saipem con quote del 2%, mentre in precedenza aveva già rilevato partecipazioni simili in Generali, Eni, Enel, Prysmian e Telecom. Tirando le somme l’esposizione del Celeste Impero ammonterebbe a quasi 4 miliardi di euro. Da segnalare, inoltre, che la Banca centrale risultava anche nella compagine azionaria della Fiat: la partecipazione era precedente al trasloco del Lingotto in Olanda e adesso potrebbe risultare nell’azionariato della nuova Fiat Chrysler Automobiles (Fca).

Non vanno dimenticate, infine, altre operazioni ‘made in China’ verso il nostro Paese. La recente maxi-acquisizione da due miliardi di euro messa a segno da State grid corporation of China (Sgid), colosso statale delle utility, del 35% di Cdp reti, a cui fanno capo proprio le due reti per la distribuzione di energia e gas, Terna e Snam. E l’ingresso non molto tempo prima della Shangai electric nel capitale di Ansaldo Energia col 35%. La raffica di operazioni targate Cina è dunque la conferma dell’attenzione con cui il Paese guarda l’Italia da diverso tempo.

Pechino, dopo avere piantato radici profonde in continenti come l’Africa, sta aprendo nuove strade di crescita a livello internazionale, che bilanciano ritmi di sviluppo meno eclatanti del passato sul mercato interno. Per questo l’Europa viene considerata con attenzione e l’Italia è di certo tra i Paesi più adatti per verificare sul campo possibilità concrete di espansione. Sia perché la grande crisi apre varchi notevoli all’afflusso di capitali sia perché si tratta di un mondo più aperto rispetto ad altre realtà nel Vecchio Continente.