Papa: “Questa è la nostra rivoluzione, perché la fede è sempre rivoluzionaria”

Pubblicato il 07 luglio 2015 da redazione

Ecuador Pope

QUITO (ECUADOR). – Un indio con sulle spalle il poncho rosso e bianco ha da poco finito di leggere nella antica lingua “quechua” la lettera di san Paolo a Timoteo, quando il Papa, dopo il Vangelo proclamato in spagnolo, disegna il suo sogno di liberazione e fraternità per tutti i popoli. Sta celebrando nel Parco del Bicentenario di Quito, Paese relativamente piccolo e in certa misura periferico del Sud America, e ricorda quel “grido di indipendenza” di 200 anni fa della “America ispanofona”, nato “dalla coscienza della mancanza di libertà, di essere spremuti e saccheggiati, soggetti alle convenienze dei potenti”.

Accanto a questo “grido”, il primo papa latinoamericano della storia della Chiesa dice di figurarsi come un “grido” anche il “sussurro di Gesù nell’ultima cena”: “Padre, che siamo una cosa sola, perché il mondo creda”. “Vorrei – dice – che oggi queste due grida concordassero nel segno della bella sfida dell’evangelizzazione. Non con parole altisonanti, o termini complicati, ma una concordia che nasca ‘dalla gioia del Vangelo’, che ‘riempie il cuore e la vita intera di coloro che si incontrano con Gesù”.

Il grido di libertà che proruppe in America latina poco più di 200 anni fa, ebbe “convinzione”, “forza”, e “fu decisivo – commenta ancora papa Bergoglio – quando lasciò da parte personalismi, aspirazione a una unica autorità, mancanza di comprensione per altri processi di liberazione con caratteristiche diverse, ma non per questo antagoniste”.

Un modello che il Papa sembra indicare anche per immaginare oggi processi di liberazione dei popoli, dalla povertà, dalle guerre, dalla violenza. E’ a questo punto che papa Francesco sottolinea come il Vangelo può essere veicolo di unità di aspirazioni, di sensibilità, di sogni e persino di certe utopie”. E prima di concludere la amplissima meditazione – in cui riflette anche sul “proselitismo, che è una caricatura della evangelizzazione”, i rischi di farsi una Chiesa di eletti, la tentazione di calpestarsi gli uni gli altri per “potere, prestigio, piacere o sicurezza economica, a costo dei più poveri, dei più indifesi, di chi non perde la sua dignità anche se gliela calpestano ogni giorno” – il Papa spiega che “questa è la nostra rivoluzione, perché la fede è sempre rivoluzionaria, questo è il nostro più profondo e costante grido”.

Tra il popolo c’è anche il presidente dell’Ecuador Rafael Correa. Quando il Papa è giunto sulla papamobile nel Parco che può contenere anche un milione e mezzo di persone, lo ha accolto una pioggia di petali di fiori colorati, e di fiori colorati è anche lo stemma papale composto sotto l’altare.

Prima della conclusione, l’arcivescovo di Quito, mons. Fausto Gabriel Travez Travez, conferma l’impegno della Chiesa dell’Ecuador per rinnovare “la gioia del Vangelo”. Alla fine il Papa improvvisa un saluto: “che la Chiesa – auspica – sia una, un luogo dove siamo fratelli, la Chiesa è una casa di fratelli”, è la sua raccomandazione.

La grande messa, con i canti andini e le preghiere per i più piccoli e dimenticati, finisce per essere una sorta di manifestazione della teologia del popolo in cui crede papa Francesco, e un appuntamento significativo di questo viaggio in Sud America.

(giovanna.chirri@ansa.it)

Ultima ora

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

Archivio Ultima ora