Obama e l’incubo hacker, braccio di ferro con Cina

Pubblicato il 08 luglio 2015 da redazione

NEW YORK. – Nell’arco di poche ore i computer della United Airlines, quelli della borsa di New York e il sito web del Wall Street Journal, sono andati in tilt, e in America molti hanno temuto l’inizio di una raffica di cyber-attacchi ad istituzioni politiche e finanziarie. Il portavoce della Casa Bianca Josh Earnest, ha poi detto che “non ci sono indicazioni” che sia stato un attacco informatico. Tuttavia, ha aggiunto, l’allerta resta massima: “le nostre posizioni di sicurezza – ha precisato – si evolvono di continuo, per adattarsi all’ambiente” che cambia velocemente sulla base di nuove tecnologie.

E si tratta di una minaccia che la Casa Bianca intende affrontare anche con un serio inasprimento delle leggi che regolano la materia. Appena poche settimane fa, proprio il Wall Street Journal – che in passato e’ stato preso di mira da hacker stranieri cosi’ come il New York Times, la Ap e diversi altri media – ha riferito che l’amministrazione Obama starebbe valutando il ricorso a sanzioni finanziarie nei confronti di persone e gruppi ritenuti responsabili degli attacchi, o colpevoli di sostenerli.

Un provvedimento che di fatto ricalcherebbe il decreto esecutivo varato lo scorso aprile all’indomani dell’offensiva dei pirati informatici contro la Sony Picture, dietro ai quali per gli investigatori Usa c’erano hacker nordcoreani. In pratica una iniziativa per autorizzare il segretario al Tesoro ad imporre misure restrittive su individui o gruppi coinvolti nei cyber-attacchi, oppure su persone ed entità che beneficiano di questi attacchi.

Conferme ufficiali non ce ne sono, ma nel mirino ci sarebbe la Cina, di recente accusata di essere dietro ad uno dei più aggressivi cyber-attacchi della storia, quello che ha colpito gli uffici del governo americano da cui sono state rubate informazioni su numerosi milioni di dipendenti ed ex dipendenti federali.

Ma gli hacker cinesi, accusati anche di molti altri furti informatici, anche ad aziende impegnate nel settore della difesa, non sono i soli a preoccupare gli Usa. Anche perche’, meno di un mese fa, e’ stato lo stesso presidente Obama ad ammettere che che ci sono “vulnerabilità significative” nei sistemi informatici americani, sia del governo che settore privato, e questo anche perche’ “abbiamo sistemi molto vecchi”.

Ultima ora

15:44Gerusalemme: sindaco Nazareth, feste Natale ci saranno

(ANSAmed) - TEL AVIV, 17 DIC - Il sindaco di Nazareth, città arabo israeliana del nord del paese, ha fatto sapere che le feste di Natale si svolgeranno nel luogo da programma e non saranno ridotte come annunciato nei giorni scorsi in protesta contro la decisione di del presidente Usa Donald Trump su Gerusalemme. "Le notizie che gli eventi di Natale erano stati cancellati - ha detto il sindaco Ali Salam citato dai media - non erano corrette. Come ogni anno la città è decorata per le feste". Il 14 dicembre l'agenzia ufficiale palestinese Wafa aveva riportato una dichiarazione di Salam, che è musulmano, in cui si annunciava la sospensione, eccetto per l'illuminazione dell'albero di Natale e per l'annuale marcia di Capodanno, per protesta "contro l'annuncio di Donald Trump su Gerusalemme".

15:40Brexit: May, non ci fermeremo, ci sarà accordo ambizioso

(ANSA) - LONDRA, 17 DIC - Theresa May lancia una offensiva mediatica sui domenicali più vicini al suo partito conservatore, Sunday Telegraph e Sunday Express, affermando che il suo governo non si fermerà nella Brexit e che porterà a termine un "accordo ambizioso" con Bruxelles. L'intervento della premier arriva dopo la cocente sconfitta ai Comuni su un emendamento alla Withdrawal Bill, la legge quadro sul divorzio dall'Ue, in seguito a una ribellione di 12 deputati Tory. La prossima settimana rischia una nuova 'rivolta' contro l'inserimento nel testo di legge della data di addio all'Unione, il 29 marzo 2019. Ma la May punta tutto sul successo ottenuto a Bruxelles con il via libera alla fase due dei negoziati e sottolinea che i "pessimisti avevano torto" e che non c'è limite ora alla "ambizione e alla creatività" di Londra nel raggiungere una intesa finale con l'Ue.

15:37Francia, cresce popolarità Macron e premier Philippe

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Sondaggio decisamente positivo per il presidente francese Emmanuel Macron e il premier Edouard Philippe. Secondo il Journale du Dimanche (Jdd), oltre il 50% dei francesi approva l'operato dei due. Macron, in particolare, vede la sua popolarità risalire al 52%, con il 46% (-6 rispetto al mese precedente) di scontenti. Il massimo era stato raggiunto a luglio con il 54% di pareri positivi. Per Philippe, i pareri positivi sono il 54%, gli scontenti il 42%.

15:05Sci: Hirscher vince gigante Badia, è la 5/a volta di fila

(ANSA) - ALTA BADIA, 17 DIC - Il fuoriclasse austriaco Marcel Hirscher ha vinto alla grande in 2.25.42 lo slalom gigante di Cdm di Alta Badia. E' la sua quinta vittoria in serie sulla pista Gran Risa ed ha cosi' anche staccato Alberto Tomba che aveva vinto quattro volte sul famoso tracciato. In cdm e' poi il 48/o successo di Hirscher che si avvicina alle 50 vittorie ottenute in carriera dall'azzurro. Alle spalle di Hirscher sono arrivati il norvegese Henrik Kristoffersen in 2.27.12 e lo sloveno di 23 anni Zan Kranjec, al primo podio in carriera, in 2.27.24. Il migliore degli azzurri - con una buona seconda manche dopo aver chiuso 10/o la prima - e' stato il trentino Luca De Aliprandini 8/o in 1.27.92. Poi ci sono Roberto Nani e Florian Eisath 16/i appaiati in 2.28.85 e Manfred Moelgg 19/o in 2.29.13. Domani sera, alla luce dei riflettori, e' in programma uno slalom gigante parallelo.

14:03Savoia: atterrato a Cuneo aereo con salma re

(ANSA) - CUNEO, 17 DIC - L'aereo partito questa notte da Alessandria d'Egitto con le spoglie del re Vittorio Emanuele III, è atterrato pochi minuti fa all'aeroporto di Cuneo-Levaldigi. La salma del re verrà traslata al Santuario di Vicoforte, nei pressi di Mondovì, dove riposerà accanto alla moglie regina Elena di Savoia. Non è vero che una parte della famiglia reale è stata tenuta all'oscuro dell'arrivo in Italia delle salme. "Erano tutti assolutamente informati: bisogna distinguere nettamente fra discrezione e segreto, o tentativo di occultare". Lo ha detto ai giornalisti Aldo Alessandro Mola, già presidente della Consulta dei senatori del Regno. "Qui - ha precisato - non c'era niente da occultare. La scelta di Vicoforte era stata individuata sin dal 19 marzo 2011, nel centocinquantesimo dell'Unità d'Italia".

13:49Papa: frati Assisi pregano per compleanno Pontefice

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 17 DIC - "Il nostro ricordo per è la preghiera sulla tomba di San Francesco per il tuo straordinario ministero": è il tweet della comunità del Sacro Convento di Assisi in occasione del compleanno di Papa Francesco. Inviato dal direttore della sala stampa padre Enzo Fortunato. "Un abbraccio francescano da tutti noi" il messaggio augurale dei frati di Assisi al Pontefice. (ANSA).

13:38Gerusalemme: a Bari ‘sit in’ palestinesi contro scelta Trump

(ANSA) - BARI, 17 DIC - Un centinaio di persone ha aderito questa mattina a Bari al 'sit in' della comunità palestinese di Puglia e Basilicata contro la decisione del presidente degli Usa, Donald Trump, di riconoscere Gerusalemme capitale di Israele e di spostare qui l'ambasciata americana. Il presidente della comunità palestinese di Puglia e Basilicata, Afanem Mohammed, ha spiegato che "ora la situazione in Palestina e Medioriente è esplosiva" perché "così si elimina qualsiasi possibilità di pace e quella di creare due Stati per due popoli". "La decisione degli Usa fa saltare - ha detto - tutto il lavoro fatto dalla comunità internazionale negli ultimi 40 anni per portare la pace". "Gerusalemme, oltre a essere dal punto di vista politico la capitale dello Stato di Palestina, - ha aggiunto - è il cuore pulsante sia culturale sia religioso della Palestina". Quanto alle immagini che circolano su Fb di soldati israeliani che arrestano e mettono in carcere bambini palestinesi, Afanem ha evidenziato che "si tratta di immagini vere".

Archivio Ultima ora