Oscar Bartoli, un italiano a Washington

Pubblicato il 09 luglio 2015 da redazione

f1

NEW YORK – Pubblichiamo, per considerarla d’interesse per i nostri Lettori, l’intervista del collega Antonio Peragine (direttore del Corriere di Puglia e Lucania) ad Oscar Bartoli, già direttore della sede IRI negli States ai tempi di Prodi, giornalista e scrittore.

Dialogo a distanza su Skype per una doverosa intervista con Oscar Bartoli, avvocato, giornalista, ex direttore IRI USA, autore di manuali universitari e gialli, ex responsabile rapporti con i media dell’IRI ai tempi di Romano Prodi.

– Oscar: come stai?
– Bene, ma sono in partenza per Williamsburg dove passerò il 4 luglio, festa dell’Indipendenza. Appena rientrato a Washington riparto per Bangalore, India e da lì poi vado in Italia..

– Perché in India?
– A Bangalore lavora da tre anni mio figlio Marco che ha messo su una branch di una sua società specializzata nel settore High Tech. Se a qualcuno interessa può andare a vedere il sito www.giluxe.com. Grande qualità e prezzi molto competitivi. Ecco fatto il mio consiglio per gli acquisti.

– E dopo l’India?
– Me ne vado a metà agosto in Italia a presentare i miei libri, a parlare nei vari Rotary Club dell’America. Trascorrerò un po’ di giorni a Baia Sardinia che considero un paradiso terrestre…”

– Perché ti sei stabilito in America, non ti manca l’Italia?
– Alla fine del 1994 mi hanno offerto di venire negli Stati Uniti a dirigere IRI USA. Credevano di farmi un dispetto, allontanandomi dalla sede centrale IRI di via Veneto, dopo che Prodi aveva di nuovo dato le dimissioni dalla presidenza IRI. Ed invece mi hanno fatto un regalo. Dopo la privatizzazione dell’IRI, sono rimasto qui in America, ho riscoperto il mio vecchio mestiere di giornalista, ho fondato un blog che ormai naviga sui centomila contatti… Quanto all’Italia non mi manca di certo perché ci vengo almeno tre volte all’anno per lunghi periodi, sia per presentare i miei libri, sia per fare lezione allo IULM di Milano.”

– Come si vede l’Italia da 7500 KM di distanza?
– L’Italia resta un paese affascinante. Gli americani si inventano assurdi nomi quasi italiani per i loro ristoranti e pizzerie, adorano ormai l’espresso anche se lo chiedono ‘double shot’, ovvero ne vogliono due nella stessa tazza, perché sono abituati ai loro biberoni stile Starbucks. Vanno pazzi per la moda italiana, per le auto sportive, e per quel certo modo di vivere che resta la qualità esistenziale se confrontata alla quotidianità americana.

– Spiegati meglio…
– Negli States puoi essere impaccato di soldi, ma anche se puoi comprare tutto al confronto con chi vive in Italia gli manca quel ‘qualcosa’ che è il modo di gustare la vita degli italiani. Nonostante i morsi della crisi che per fortuna sembra si stia allontanando…

– Cosa consigli ai tuoi studenti?
– Consiglio di non accontentarsi dello stare sotto il campanile, con la mamma che lava mutande e stira camicie, con il borsellino della nonna da cui beccare gli euro per andare in discoteca. Dopo la mezzanotte ovviamente…

– Un po’ polemico con un certo tipo di gioventù..
– No, sono realista. I giovani che vengono qui dall’Italia sono tutti motivati al massimo, vogliono affermarsi ad ogni costo, non vogliono tornare in Italia e quasi tutti hanno successo. La cosiddetta fuga dei cervelli è determinata dal fatto che in un Villaggio Globale bisogna gettare il cuore al di là dell’ostacolo. Se vuoi, mio figlio Marco ‘indiano’ è uno dei tanti esempi…

– Quanto all’altro tuo figlio Max?
– Max si è laureato con il massimo dei voti alla LUISS di Roma. Ma ha snobbato le Pandette per dedicarsi alla sua passione: il cinema. Ha girato documentari pubblicitari, corti che hanno vinto decine di premi internazionali, lungometraggi. Oggi è consulente della Banca Mondiale ma sta completando un corto dal titolo ‘The Secret of Joy’. Una favola in costume che sarà presentata a Hollywood nel prossimo agosto e poi regalata ad un ospedale di Los Angeles specializzato nella lotta contro il cancro pediatrico. Perché vedi: la vita è fatta non solo di egoismi ma anche di voglia di essere utili al nostro prossimo. A cominciare dai bambini malati. Chi vuole avere dettagli su questa iniziativa può andare sul sito www.thesecretofjoy.org e magari fare una donazione alla fondazione per la cura del cancro che colpisce i bambini. Adesso ti lascio, perché devo andare e sono in ritardo. Rivediamoci e sentiamoci via Skype dall’India… Che meraviglia queste nuove tecnologie che avvicinano i continenti… Salutoni a te ed ai tuoi cari Lettori !”

f2

– Ti ho chiesto una foto e me ne mandi una mentre suoni la chitarra…
“Da giovane, cento anni fa, suonavo con la mia band nei locali, night club, radio e TV e la ‘malattia’ ti rimane addosso..accontentati di questa foto..

(Antonio Peragine
direttore@corrierepl.it)

Ultima ora

19:31PyeongChang 2018: Malagò, se in doppia cifra facciamo molto

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Obiettivi per PyeongChang? Se andiamo in doppia cifra facciamo molto, poi bisogna capire la qualità del metallo che è sempre legata a tante variabili". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, che in vista dei prossimi giochi invernali di PyeongChang 2018 alza l'asticella rispetto alle edizioni precedenti. "A Torino avevamo il vantaggio di giocare in casa e non fa testo - spiega il capo dello sport italiano a margine della festa di fine anno delle Fiamme Gialle al Salone d'Onore del Foro Italico -, a Vancouver abbiamo vinto cinque medaglie, a Sochi ne abbiamo vinte otto e negli ultimi giorni ne abbiamo rimediata un'altra per strada per la squalifica dell'atleta russo. Se a PyeongChang arriviamo in doppia cifra facciamo molto".

19:07Calcio: Atalanta, 4-1 in amichevole al Renate

(ANSA) - BERGAMO, 13 DIC - L'Atalanta ha vinto 4-1 l'amichevole d'allenamento contro il Renate (girone B della serie C) degli ex Oscar Magoni (direttore sportivo), Giuseppe Ungaro e Antonio Palma (infortunato il secondo prestito, Gabriel Lunetta). A segno, tutti nel primo tempo, Vido (1') su filtrante di Haas, Cornelius (5') di testa su traversone di Gosens, lo svizzero in spaccata (29') dopo il palo di Kurtic, Guido Gomez in diagonale per gli ospiti (38') e Orsolini (43') su rigore procurato dal tedesco. In campo anche i Primavera Guth, Del Prato, Kulusevski e Barrow; il tecnico Gian Piero Gasperini ha risparmiato tutti i titolari di ieri a Genova provando il 4-2-3-1.

19:02Sci: Sofia Goggia atleta dell’anno Fiamme Gialle

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Va alla sciatrice Sofia Goggia il premio di atleta dell'anno 2017 delle Fiamme Gialle. Il riconoscimento è stato reso noto oggi durante il tradizionale incontro di fine anno che si è svolto al Salone d'Onore del Coni alla presenza delle massime istituzioni sportive e del presidente Giovanni Malagò. Vera rivelazione della stagione invernale 2016-2017 con i suoi 13 podi in Coppa del Mondo e il bronzo conquistato nello slalom gigante di St. Moritz, Sofia Goggia è stata capace anche di salire sul podio in quattro delle cinque discipline dello sci alpino: discesa libera, super G, combinata e slalom gigante. Durante l'evento, organizzato da Unipol Sai, sono stati consegnati anche i premi alla carriera a quattro grandi atleti delle Fiamme Gialle che terminano l'attività agonistica: Luca Agamennoni, Elisabetta Sancassani, Laura Milani e Giulia Quintavalle, storico oro nel judo ai Giochi di Pechino 2008.

19:00Caccia a Igor: killer a processo per tre rapine del 2015

(ANSA) - BOLOGNA, 13 DIC - Si è aperto al tribunale di Ferrara il processo a Igor il russo, alias di Norbert Feher, il killer serbo latitante accusato degli omicidi del barista di Budrio, Davide Fabbri, e della guardia volontaria Valerio Verri. Feher - chiamato Vaclavic Igor anche nel ruolo di udienza fuori dall'aula e non con il suo vero nome - viene processato per tre rapine commesse nell'estate 2015, secondo l'accusa di procura, carabinieri e polizia, con la sua banda composta da Ivan Pajdek e Patrik Ruszo, che sono già stati condannati in abbreviato rispettivamente a 15 e a 14 anni. "Sto difendendo un fantasma, lo so. Un imputato che in questo processo è accusato solamente dai suoi presunti complici, che lo indicano come capo della banda pur non ricordandone il nome (riferimento ai verbali di Pajdek e Ruszo, ndr)", ha detto l'avvocato Cristian Altieri, nominato da tempo d'ufficio. "Dove è Igor? - ha detto il legale - Me lo chiedono tanti giornalisti, ma non so cosa rispondere. Mai sentito né immagino dove possa essere". (ANSA).

18:57Calcio: Gagliardini, non possiamo mai abbassare guardia

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Avanti, con fatica. Dimostrazione che non possiamo abbassare la guardia, non possiamo mollare. Avanti e testa a sabato". Il centrocampista dell'Inter Roberto Gagliardini commenta su Twitter la partita di ieri di Coppa Italia contro il Pordenone vinta solo ai rigori dopo che i friulani sono riusciti a mantenere la porta e colpire anche un palo. Sabato l'Inter dovrà subito voltare pagina e sfiderà l'Udinese a San Siro con l'obiettivo di mantenere imbattibilità e primato in classifica.

18:50Rohani, Islam sia unito contro minaccia sionista

(ANSA) - ISTANBUL, 13 DIC - "L'Iran è pronto a cooperare con tutti i Paesi islamici senza alcuna riserva o precondizione per la difesa di Gerusalemme". Così il presidente iraniano, Hassan Rohani, intervenendo al summit straordinario dell'Organizzazione della cooperazione islamica (Oic) a Istanbul. Lanciando un appello alla "unità islamica" contro "il pericolo del regime sionista" di Israele, il leader di Teheran si è detto convinto che "i problemi tra i Paesi islamici possano essere risolti attraverso il dialogo".

18:49Gerusalemme: Alfano, appello a moderazione nella regione

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Facciamo un appello alla moderazione a tutti gli attori della regione e confidiamo sia evitata una escalation violenza da cui nessuno trarrebbe beneficio". Così il ministro degli Esteri Angelino Alfano rispondendo in Aula alla Camera al question time sulla decisione Usa di trasferire l'ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme. Su Gerusalemme "il negoziato e la non violenza sono l'unica strada", ha ribadito Alfano: "La questione di Gerusalemme capitale deve essere discussa nell'ambito del negoziato sui due Stati". In questo contesto, "non sono messi in discussione i legami di amicizia con Israele", ha sottolineato il ministro, ricordando l'organizzazione della conferenza sull'antisemitismo prevista per gennaio a Roma durante la presidenza Osce.

Archivio Ultima ora