Le Borse festeggiano con cautela l’intesa sulla Grecia

Pubblicato il 13 luglio 2015 da redazione

Bloomberg Terminals at the New York Stock Exchange

MILANO. – I mercati festeggiano l’accordo dell’Eurosummit sulla Grecia. I timori della vigilia sono ormai alle spalle e l’indice azionario paneuropeo Stoxx Europe 600 sale dell’1,97%. Per il Vecchio Continente diventa così il rally più ampio dal 2011, con guadagni in quattro giorni del 6,3%. A Milano la Borsa sale dell’1%, tra acquisti sul lusso e le banche, Parigi sale dell’1,94%, Francoforte dell’1,49%, mentre il Portogallo va su dell’1,52%.

Sulle piazze finanziarie non si vede però l’euforia delle grandi svolte, a testimonianza dei molti passaggi ancora necessari. Così lo spread in avvio brinda stringendosi fino a 115 punti, poi però si allarga nuovamente per chiudere sui livelli di venerdì (125 punti il differenziale tra il btp e il bund decennale). Va comunque bene l’asta dei Btp in programma sulle varie scadenze: il Tesoro ne colloca 7,3 miliardi, poco meno del target massimo a 7,5 miliardi, con tassi in calo (il rendimento medio del triennale è sceso ad esempio allo 0,48% da 0,5% di giugno).

Anche più cauto l’euro, che finisce perfino in calo, complice anche l’attesa sui mercati che la Fed americana avrà ora più agio ad alzare i tassi Usa da qui a fine anno: Alla fine la moneta unica europea cala dell’1,17% a 1,1031 sul dollaro, azzerando i guadagni di venerdì. Rispetto allo yen va in calo dello 0,4% portandosi a quota 136,38, dopo un balzo ben del 2,3% la sessione precedente.

Giovedì si riunirà la Bce – che oggi ha mantenuto invariata a 89 miliardi la liquidità di emergenza (Ela) alle banche greche – ma non sarebbero alla vista svolte. In calo anche le quotazioni del petrolio, ma qui domina più che altro l’attesa di un accordo a breve sul nucleare iraniano: il Wti scende dello 0,7% a 52,35 dollari al barile, mentre il brent cede l’1,5% a 57,86 dollari al barile.

Quanto all’intesa raggiunta nella maratona storica dell’Eurosummit, gli analisti ed economisti delle varie banche d’affari sembrano per ora reagire con prudenza. Credit Suisse ad esempio dà ancora al 30% le probabilità di Grexit entro l’anno, per le incertezze di breve termine legate al voto necessario nei parlamenti di sei paesi membri (la banca vede anche un rischio di voto contrario della Finlandia), e per i rischi di implementazione degli accordi.

Quanto al parlamento di Atene, ritiene probabile un sostegno al governo di Alexis Tsipras anche dalle opposizioni, ma prevede slittamenti. I mercati “dopo una prima naturale reazione positiva potrebbero risentire dell’incertezza legata ai diversi passaggi con una volatilità destinata a restare molto elevata”, nota così Alberto Biolzi di Cassa Lombarda. Per la svizzera Ubs, infine, “l’euro non funziona” e secondo l’economista della banca Paul Donovan “il fatto che l’esistenza dell’euro come unione monetaria sia (essenzialmente) stata discussa in una conferenza notturna commenta il fallimento della struttura europea”.

(di Sabina Rosset/ANSA)

Ultima ora

19:11Studi a rischio per figli teste giustizia, programma mirato

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 16 DIC - Due giovani studenti, impossibilitati a frequentare le lezioni perché figli di un testimone di giustizia e a rischio di perdere l'anno scolastico, hanno seguito un programma mirato di formazione che alterna lezioni domiciliari ad attività didattiche a distanza. E' la soluzione - resa nota dalla Prefettura di Reggio Calabria - trovata grazie alle sinergie istituzionali che si sono attivate dopo la segnalazione di un sacerdote. Le linee guida operative obbligano all'adozione di rigide misure di sicurezza, per cui gli studi dei due ragazzi erano a rischio. Dopo la segnalazione ricevuta l'istituto scolastico reggino e l'Ufficio scolastico provinciale, è stato avviato un dialogo per individuare le più idonee soluzioni per garantire le esigenze di protezione con quelle del diritto allo studio ed alla formazione. "Le buone prassi devono diventare la regola: anche per questo è importante che il Senato approvi definitivamente la riforma sui testimoni di giustizia, commenta il deputato Pd Davide Mattiello.

19:05Trasferimento beni: giudizio immediato per Massimo Nicoletti

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Richiesta di giudizio immediato della Procura di Roma per Massimo Nicoletti, figlio di Enrico, quest'ultimo ritenuto dagli inquirenti l'ex cassiere della banda della Magliana. Il pm Luca Tescaroli gli contesta l'accusa di trasferimento fraudolento di beni finalizzato ad eludere la normativa antimafia in materia di misure di prevenzione patrimoniale. La richiesta di immediato è estesa anche a Mario Mattei, considerato un prestanome di Nicoletti. Il gip Flavia Costantini ha fissato la data del 14 febbraio prossimo per l'esame della richiesta. I due imputati avranno facoltà di chiedere di essere giudicati con il rito abbreviato.

18:50Calcio: Serie B, vincono Palermo e Bari

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il Palermo batte la Ternana e conserva il primo posto nella classifica di serie B dopo 19 giornate, inseguito a tre punti dal Bari, vittorioso a Perugia. Il Cesena frena il Parma, che scivola al terzo posto accanto al Frosinone, che a sua volta pareggia, a Carpi. Un punto a testa anche per Empoli e Cremonese. Risultati: Foggia-Venezia 2-2 (ieri); Avellino-Ascoli 1-1; Carpi-Frosinone 1-1; Cremonese-Empoli 1-1; Entella-Salernitana 0-2; Palermo-Ternana 1-0; Parma-Cesena 0-0; Perugia-Bari 1-3; Pro Vercelli-Spezia 0-2. Domani si giocano Brescia-Cittadella e Pescara-Novara.

18:45Corea Nord: ‘ha hackerato milioni Bitcoin’

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - L'intelligence sudcoreana è convinta che ci sia Pyongyang dietro gli attacchi hacker alle criptovalute, in particolare Bitcoin, e che Pyongyang abbia così accumulato milioni in valuta virtuale. Lo riferisce la Bbc. Almeno 7 milioni di dollari sono stati rubati, oggi hanno un valore decuplicato di 82,7 milioni. Inoltre, gli hacker si sono impadroniti dei dati personali di almeno 30.000 persone. Secondo gli esperti, l'obiettivo dell'attacco è quello di evadere le sanzioni fiscali a cui è sottoposto la Corea del Nord. Da tempo si sospetta che Kim Jong-un abbia accumulato un presunto tesoretto di Bitcoin da usare contro le pesanti sanzioni imposte al Paese.

18:38Pd: lascia “millennial” Vichi, aveva picchiato arbitro

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Siccome "ho sempre messo davanti il bene del partito rispetto al destino personale, decido di compiere un gesto di responsabilità dimettendomi da componente della Direzione Nazionale con la promessa che il mio impegno nel Pd e nei Giovani Democratici prosegue con generosità e altruismo". Così Gianluca Vichi, il giovane "millennial" cooptato nella segreteria nazionale del Pd annuncia il suo passo indietro dopo il "gesto brutto che ho commesso in un campo di calcio" nelle Marche "durante una partita di calcio". Vichi infatti, durante l'incontro, aveva dato una ginocchiata all'arbitro.

18:30Calcio: serie A, Inter-Udinese 1-3

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - L'Inter cade in casa, prima sconfitta del campionato, nel primo anticipo della 17/a giornata di serie A, battuta 3-1 dall'Udinese. La squadra bianconera è andata in vantaggio al 14' con Lasagna, ma dopo solo due minuti Icardi (17 reti in campionato) ha pareggiato. L'Inter non è riuscita a completare la rimonta e a inizio ripresa è avvenuto l'episodio forse decisivo, con intervento della Var: su cross di Widmer la palla ha impattato sul braccio aperto di Santon in area, ma l'arbitro Mariani ha dato rimessa dal fondo prima di cambiare idea grazie al video. Accertatosi che il pallone non era uscito, ha concesso il rigore, trasformato da De Paul al 16'. Al 25', terzo gol dell'Udinese su contropiede finalizzato da Barak e l'Inter non è riuscita a reagire.

18:22Migranti: Libia, almeno 270 salvati da Guardia costiera

(ANSA) - TRIPOLI, 16 DIC - La Guardia costiera libica ha tratto in salvo almeno 270 migranti al largo delle coste del Paese nordafricano. L'ufficiale della Marina libica el-Hadi Kheil ha precisato che i migranti arabi e africani, tra cui sono presenti anche donne e bambini, sono stati portati ad una base della Marina a Tripoli. "Ci siamo persi e non sapevamo dove dirigere la nostra imbarcazione - ha spiegato Omar Yusef, sudanese -. Abbiamo chiamato la Guardia costiera. Un elicottero è arrivato e ci ha guidato".

Archivio Ultima ora