Il Governo venezuelano tra l’incudine e il martello

Pubblicato il 14 luglio 2015 da redazione

MADURO

Dall’ambito economico a quello diplomatico. Il governo del presidente Maduro sembra deciso a cavalcare l’onda della polemica; quella esplosa con la Guyana e portata avanti a suon di accuse e senza esclusione di colpi. E, in questo modo, allontanare il dibattito nazionale da altri più pressanti problemi: il fallimento evidente delle politiche economiche; fallimento, questo, che si è tradotto in un eccessivo costo della vita, assorbito dal Governo attraverso il razionamento dei prodotti di prima necessità, di dubbiosa provenienza, ma sussidiati e quindi venduti a un “prezzo politico”; la mancanza cronica di valuta, per il momento tamponata da importanti prelievi dallo scrigno del Fondo Monetario Internazionale; la drastica riduzione nell’assegnazione di moneta pregiata agli importatori e la vendita di alcuni prodotti e servizi in dollari – leggasi, automobili e biglietti aerei per qualunque destinazione -; e la caduta del Prodotto Interno Lordo, fenomeno attribuito dal governo a una presunta e poco credibile “guerra economica” orientata a creare confusione tra la popolazione e a screditare l’attuale governo.

La presenza della multinazionale petrolifera nordamericana ExxonMobil nell’Esequibo, un fazzoletto di terra di appena 150 chilometri quadrati su cui il Venezuela reclama la propria sovranità, è stata la scintilla che ha infiammato il discorso del capo dello Stato. Fino ad oggi, il presidente Maduro, non si sa bene se volutamente o no, ha ignorato nei suoi discorsi la holding “National Offshore Company”, azienda cinese socia della ExxonMobil nel progetto di esplorazione nell’Esequibo.

La polemica è andata “in crescendo”. E alle provocazioni di Caracas il governo di Guyana ha risposto alzando i toni, forte della solidarietà scontata del Caricom e consapevole della debolezza del presidente Maduro, la cui popolarità stando ai sondaggi è ai suoi minimi storici. Il richiamo al nazionalismo, nella difesa di quello che il Paese ha sempre reclamato come un suo territorio, non ha ottenuto la risposta che il capo dello Stato sperava.

I venezuelani, presi dai problemi della quotidianità, non hanno reagito come fecero quando il presidente nordamericano, Barack Obama, annunciò le sanzioni contro alcuni funzionari del governo, resisi colpevoli di presunte violazioni dei Diritti Umani. Allora era la lotta di David contro Golia, del Venezuela contro il colosso imperialista. Insomma, una realtà ben diversa da quella odierna. A prescindere dalla legittimità della protesta, il ruolo di David, oggi, spetta alla Guyana e quello di Golia purtroppo al Venezuela. L’effetto psicologico non è di poco conto.

La richiesta di un mediatore dell’Onu, pur rientrando nella strategia del capo dello Stato che punta a mantenere alta l’attenzione sull’Esequibo per distrarla da altri temi, è l’ammissione tacita dell’inefficacia della propria politica a livello internazionale e dell’incapacità di tracciare una strategia diplomatica pungente.

Intanto l’Opposizione non riesce ancora a concordare un discorso comune per affrontare le prossime elezioni parlamentari. Si prolunga oltre il dovuto il dibattito sul “simbolo unico”, a detrimento dell’immagine che si vuole trasmette all’elettorato. Emergono invidie, timori, risentimenti, acredini. La dialettica interna, che aiuta generalmente a crescere; il dibattito aperto e democratico, indispensabile in qualsiasi organizzazione politica, se prolungati oltre il dovuto possono trasformarsi in un pericoloso “boomerang”. Ed ottenere l’effetto contrario. Ad esempio, creare un clima di sconforto e demoralizzazione tra i simpatizzanti.

Mentre la diplomazia e la politica dominano la scena, l’economia continua ad ansimare. Il settore privato della produzione, come ha illustrato recentemente Conindustria, lotta per sopravvivere. Meno della metà delle infrastrutture delle aziende, oggi, è attiva. Responsabile la mancanza delle materie prime, l’impossibilità di acquistare all’estero il necessario per produrre e l’importazione indiscriminata del governo che vende i prodotti a prezzi sussidiati. Una concorrenza sleale che ha messo in ginocchio l’industria nazionale. E così, si moltiplicano le file di fronte ai supermarket. Il razionamento imposto dal governo non riesce a mitigare la carestia. Ancor meno a cancellare la sensazione di vivere in un paese sul punto del collasso.

Intanto il dollaro distrugge il bolìvar, i prezzi del petrolio non accennano a migliorare e gli analisti internazionali si dividono tra chi pronostica il default e chi, invece, scommette sulla ripresa.

Il Venezuela, stando alle informazioni pubblicate dalle riviste specializzate, produce oggigiorno non più di 1,6 milioni di barili di greggio il giorno. Si ritiene che questa sia la sua capacità odierna, quasi la metà dei tre milioni che produceva all’inizio del 1998. Dal canto suo, la canasta del greggio venezuelano oscilla tra i 50 e i 55 dollari il barile. Ciò equivale a circa 90 milioni di dollari il giorno; un totale di 14, forse 15 miliardi di dollari alla fine dell’anno. Le prossime scadenze alle quali dovrà far fronte il paese si stimano attorno ai 6 miliardi 500 milioni di dollari.

Tra l’incudine e il martello. Stando così le cose, il governo dovrà prendere prossimamente una difficile decisione: rimborsare le obbligazioni in euro e in dollari, e così allontanare per il momento l’incubo del default, ma ridurre le importazioni di alimenti e di medicine o, al contrario, privilegiare il consumo interno ma venir meno ai propri impegni nei confronti del debito estero. Sempre che la Cina una volta ancora giunga in suo soccorso. Qualunque decisione prenda il governo avrà profondi effetti elettorali.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

00:42Gb: primo vescovo donna a Londra, nomina approvata da regina

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - La Chiesa d'Inghilterra ha scelto per la prima volta una donna al vertice della diocesi di Londra: si tratta di Sarah Mullally, la cui designazione - fatta dalla gerarchia ecclesiastica - ha avuto il placet formale della regina, nominalmente capo della confessione anglicana. L'ufficializzazione dell'atto é stata confermata stasera da Downing Street. La reverenda Sarah Mullally, 55 anni, era finora vescovo di Crediton, nel Devon, e succede al reverendo Richard Chartres, ritiratosi a febbraio per ragioni di età. La Chiesa d'Inghilterra ha 'sdoganato', non senza qualche divisione, l'ordinazione episcopale femminile nel 2014 e ha nominato la sua prima donna vescovo nel 2015, quando Libby Lane fu indicata alla guida della diocesi di Stockport. Londra tuttavia rappresenta una sede di peso inedito affidata a una donna: é la terza per prestigio dopo quella di Canterbury - al cui vertice vi é il primate anglicano - e quella di York, entrambe finora sempre guidate da uomini.

23:16Investita dal compagno nipote di Mesina

(ANSA) - CAGLIARI, 18 DIC - La nipote di Graziano Mesina, l'ex primula rossa del banditismo sardo, è stata deliberatamente investita dal suo compagno in una via di Orgosolo, dove vive la coppia. La donna, Pasqualina Mesina, di 50 anni, è ora ricoverata in fin di vita all'ospedale San Francesco di Nuoro. Il fatto è successo intorno alle 20. Secondo quanto si è appreso, il compagno della Mesina, Giovanni Corrias, di 48 anni, l'avrebbe intercettata in strada travolgendola con la sua auto. L'uomo in passato si è reso responsabile più volte di violenze e maltrattamenti nei confronti della compagna.

22:36Calcio: Spalletti, Inter non è quella che ha perso sabato

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - "Stiamo vicini ai nostri calciatori perché non sono quelli che hanno perso 3-1, ma che hanno fatto 40 punti in 17 partite e bisogna rendergli onore": lo dice il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti, a Inter Tv, durante la cena di Natale del club nerazzurro. "I tifosi sono una seconda squadra - continua - ne fanno parte, sono dietro le quinte e ci accompagnano. Ci hanno applaudito anche dopo la sconfitta e ci aiutano a diventare più forti. Io ho solo due vizi, calcio e famiglia, chiamiamoli amori più che vizi. L'hashtag di stasera? Speriamo sia Natale senza tregua di serenità, abbracci e divertimento. Cerchiamo di stare più vicini possibile a questi colori, so da dove siamo partiti e cosa ci siamo portati dietro, arrivano anche le difficoltà, dobbiamo attraversarle per completare il nostro percorso verso gli obiettivi".

22:32Calcio: arbitro Rocchi, bilancio primi mesi Var è positivo

(ANSA) - PAESTUM (SALERNO), 18 DIC - "Il bilancio dei primi mesi con la Var è assolutamente positivo, si sapeva che le polemiche sarebbero arrivate. E' un momento decisivo per il campionato, dunque c'era da aspettarsele. Chiaramente siamo in una fase di rodaggio e il rodaggio prevede sempre qualche piccola difficoltà, che ci servirà per fare esperienza". Così Gianluca Rocchi traccia un bilancio dopo i primi mesi di Var in Italia, parlando a margine della 7/a edizione degli Italian sport awards, in corso a Paestum (Salerno). "Purtroppo le nostre esperienze nascono e passano da alcuni errori - prosegue l'arbitro fiorentino -. Bisogna che si accetti l'errore e chiaramente fare in modo che non si ripeta. L'arbitro rimane l'arbitro ed è quello che prende l'ultima decisione. La Var, secondo me, non deve essere invasiva, ma un supporto fondamentale laddove l'arbitro non arriva, o non vede una cosa o la vede palesemente sbagliata".

21:55Bellomo:ex corsista a pm Bari,altre 4 ragazze vittime

(ANSA) - BARI, 18 DIC - "Sono stata contattata da quattro ragazze che hanno avuto un'esperienza simile in altri anni e in altre città. Mi hanno ringraziata dicendomi che adesso hanno anche loro il coraggio perché sanno di non essere sole". Lo ha detto Rosa Calvi, avvocatessa 28enne di Cerignola (Foggia), al termine dell'audizione in Procura di Bari come persona informata sui fatti nell'ambito dell'indagine per estorsione a carico del consigliere di Stato Francesco Bellomo. Un mese dopo l'inizio delle lezioni, ha raccontato, sarebbe stata scelta fra sette ragazze per ottenere una borsa di studio ma la condizione era la firma del contratto che prevedeva, fra le altre cose, abiti succinti e trucco marcato. Bellomo le avrebbe anche detto di perdere peso, di farsi punturine per le occhiaie e avrebbe tentato di baciarla. "Io vengo prima di tuo fratello" le avrebbe detto quando lei gli disse di voler tornare a casa e per più di un mese lui avrebbe tentato di convincerla, dicendo "che ero una stupida a dire di no".

21:39Calcio: caso Ljajic, respinto il ricorso della Roma

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il Collegio di Garanzia del Coni ha respinto il ricorso presentato l'8 novembre 2017 dalla Roma nei confronti della Fiorentina, della Figc e della Lega Serie A, contro la decisione della Corte Federale d'Appello sul caso dell'attaccante Adem Ljajic, ora al Torino, relativo al contratto di cessione dell'attaccante dalla Fiorentina al club giallorosso ed in particolare al pagamento del premio di rendimento. La Roma dovrà quindi pagare un milione di euro (più 5.000 a titolo di spese) in favore della Fiorentina per la corresponsione del "premio di rendimento" allegato al contratto stipulato tra le due società il 28 agosto 2013, nell'ambito dell'accordo di cessione delle prestazioni professionali sportive del calciatore Ljajic.

21:38Sci: Cdm, Olsson vince parallelo gigante di Alta Badia

(ANSA) - ALTA BADIA (BOLZANO), 18 DIC - Lo svedese Matt Olsson ha vinto lo slalom gigante parallelo di Coppa del mondo di Alta Badia. Secondo il norvegese Erik Kristoffersen e terzo l'austriaco Marcel Hirscher. Kristoffersen e' passato in testa alla classifica generale di coppa del mondo. Male, ancora una volta in questa disciplina, l'Italia con cinque atleti al via su 32 partecipanti. Manfred Moelgg, Florian Eisath e Riccardo Tonetti sono stati eliminati gia' ai sedicesimi. Roberto Nani e Luca De Aliprandini sono invece stati battuti subito dopo agli ottavi., La prossima gara sara' venerdi' sera: slalom speciale a Madonna di Campiglio.

Archivio Ultima ora