Lo scenario incandescente che aspetta Renzi al ritorno dall’Africa

Pubblicato il 15 luglio 2015 da redazione

Renzi a studenti di Nairobi, siate leader e non follower

ROMA. – La crisi greca non è ancora risolta, come dimostrano le obiezioni del Fondo monetario alla sostenibilità del debito di Atene e la minaccia di dimissioni di Tsipras di fronte alla spaccatura di Syriza. E’ uno scenario incandescente quello che aspetta Matteo Renzi di ritorno dalla missione in Africa. Il premier ripete che la Grecia va comunque salvata e che il vero problema è quale Unione si vuole costruire: un modo per porre nell’agenda del Pse la vera strategia dei prossimi mesi, il passaggio dalla politica dell’austerity a quella dello sviluppo.

Renzi si aggancia in qualche modo anche alla perplessità dell’Fmi che parla esplicitamente di necessità di una ristrutturazione del debito ellenico, fieramente avversata dalla Germania: in prospettiva sembra profilarsi un braccio di ferro dei socialisti italo-francesi con Berlino perché è chiaro che la maratona notturna di Bruxelles, che ha portato all’intesa con il governo Tsipras, è stata solo il primo capitolo di una lunga storia (che partirà con un prestito ponte).

Un ostacolo non da poco per il Rottamatore che vede i sondaggi peggiorare. L’arresto della crescita dell’indice di povertà, certificato dall’Istat, rappresenta a suo avviso un punto di svolta, anche se resta molto da fare. ”Se manterremo il ritmo delle riforme, otterremo ritmi di crescita ancora più significativi”, assicura il capo del governo. Ma sarà necessario anche denaro fresco per una legge di stabilità espansiva, un risultato decisivo da presentare ai cittadini. Per ottenerlo potrebbe essere necessario sforare i parametri del debito con l’assenso dei Paesi del Nord.

Il che è tutt’altro che scontato. Ecco perché Renzi punta tutto sul rispetto della tabella di marcia che prevede l’approvazione della riforma del Senato, della P.A., del fisco e del terzo settore per convincere i partner europei che l’Italia può ormai essere considerata un ”punto di riferimento” credibile per la ripresa. Una battaglia difficile da vincere innanzitutto in casa del Pd dove la sinistra è molto critica (ma decisiva per la tenuta della maggioranza a palazzo Madama).

Il ”documento dei 25”, che rappresenta un po’ la base contrattuale dei dissidenti, chiede il ritorno al Senato elettivo. In sede di discussione a palazzo Madama Giorgio Napolitano ha messo in guardia contro il rischio di ”disfare la tela” fin qui costruita faticosamente dal governo. A suo avviso il bicameralismo paritario in passato ”ha generato mostri” e sarebbe un errore gravissimo introdurre modifiche che sfocerebbero in un insabbiamento. In sostanza l’ex capo dello Stato è sceso in campo a difesa del testo uscito dalla prima lettura delle Camere, anche a costo di attirarsi l’accusa di essere il vero architetto della riforma (Calderoli).

Il centrista Quagliariello ipotizza come base di mediazione l’elezione dei futuri senatori in un listino collegato nelle regionali, ma esclude che possa essere messo in discussione l’ impianto complessivo. Tuttavia la decisione di fare slittare il voto finale all’autunno è la dimostrazione della difficoltà della trattativa. Sulla quale grave l’ombra del soccorso dei ”responsabili” verdiniani o addirittura di Forza Italia se Renzi dovesse accettare di reintrodurre nell’Italicum il premio alla coalizione anziché alla lista (il che sembra difficile).

Matteo Salvini, intuendo queste contraddizioni, è salito al Quirinale per un colloquio giudicato ”interessante”: il presidente della Repubblica dice che bisogna dialogare, ha riferito il leader della Lega. A suo avviso ”Renzi non può andare avanti da solo sulle riforme senza ascoltare le opposizioni, altrimenti salta tutto”. Il Carroccio non sembra preoccupato dalle manovre ”poltronare” di tosiani e verdiniani ma punta ad inserirsi nel dibattito di politica estera su Russia ed Ue e si dice disponibile a discutere con il Pd qualsiasi proposta di riforma della legge Fornero perché le pensioni restano uno dei suoi cavalli di battaglia.

Sembrano soprattutto azioni di disturbo, però è vero che al Senato l’equilibrio di maggioranza si regge su un pugno di voti: e se il Pd dovesse subire altre scissioni a sinistra (con “Possibile” di Civati che sta catalizzando non solo i transfughi dem ma anche gli ex grillini), il ruolo di Verdini e di altri centristi diventerebbe decisivo. Con risultati imprevedibili.

(di Pierfrancesco Frerè /ANSA)

Ultima ora

22:58Calcio: Buffon, Juve sta bene nel mucchio selvaggio in testa

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - La Juventus "sta bene nel mucchio selvaggio" in testa al campionato, e "non deve sottovalutare" il Tottenham in Champions League. Gianluigi Buffon analizza la doppia corsa, sottolineando che per i bianconeri "è un bel momento". "Pur non vincendo una gara importante contro l'Inter, i risultati delle altre ci hanno dato una grossa mano a vedere il bicchiere mezzo pieno e a far sì che si sia creato questo mucchio selvaggio in testa alla classifica. È chiaro che diventa un campionato più avvincente e noi secondo me ci sentiamo meglio in una posizione così ravvicinata alla testa della classifica", ha notato il capitano juventino a margine dei Gazzetta Sports Awards. "Il Tottenham è una squadra da prendere con le molle, ha tanta fisicità in quasi tutti i singoli e grande tecnica in cinque o sei elementi. Di solito impone alla gara un ritmo forsennato, di conseguenza sulle due gare è un avversario veramente temibile e da non sottovalutare".

22:44Donna dell’Agrigentino festeggia 106 anni con sorella di 112

(ANSA) - CANICATTI' (AGRIGENTO), 12 DIC - Altro compleanno ultracentenario a Canicattì (Ag) in casa Cammalleri. Attorniata dai familiari, tra cui la sorella Diega "Deddè" di 112 anni e la cognata di 94, ha festeggiato le sue 106 primavere Fifì Cammalleri, nata il 12 dicembre 1911. Le due sorelle vivono nella stessa casa. Nell'ottobre dello scorso anno, per i suoi 111 anni, Diega, che è stata a lungo insegnante, ricevette una medaglia d'oro dall'allora ministro dell'Istruzione Stefania Giannini. In quell'occasione l'interessata disse di non aver mai punito i suoi alunni "ma se necessario li ho solo corretti". Ai festeggiamenti di oggi erano presenti i numerosi nipoti delle due sorelle, anche loro avanti in età. (ANSA).

22:39Tap: Emiliano, Governo incosciente, presenteremo esposto

(ANSA) - BARI, 12 DIC - "I fatti accaduti in Austria hanno dimostrato che le preoccupazioni della Regione Puglia hanno un fondamento evidente che ci obbligherà nei prossimi giorni a sottoporre alla Procura della Repubblica competente un esposto che mira a salvaguardare l'incolumità pubblica dalla incosciente decisione del Governo di ritenere non assoggettabile alle direttive Seveso l'impianto Tap". In una nota, il presidente della Puglia, Michele Emiliano, replica al ministro dello Sviluppo Carlo Calenda, che aveva criticato le rimostranze della regione sul gasdotto Tap. Per Emiliano, "di incoscienza collettiva evidentemente si tratta se è vero che il Ministro Calenda dalle notizie della vittima e dei 21 feriti in Austria trae lo spunto solo per ribadire che il TAP è necessario proprio per sopperire alla temporanea carenza di gas distribuita nel Nord Europa ove dovessero ripetersi incidenti analoghi a quello accaduto oggi". "Si tratta con ogni evidenza - rimarca Emiliano - di un caso di strabismo politico".

22:06Calcio: Mondiale club, 1-0 al Pachuca dts, Gremio in finale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - I brasiliani del Gremio si sono qualificati alla finalissima del Mondiale per club battendo 1-0 i messicani del Pachuca dopo i tempi supplementari del match giocato ad Al Ain, stadio Hazza bin Zayed, negli Emirati Arabi Uniti. Decisivo il gol di Everton al 5' del primo tempo supplementare dopo che i 90' regolamentari si erano conclusi a reti inviolate. La squadra allenata dall'ex romanista Renato affronterà la vincente dell'altra semifinale tra Real Madrid e l'Al-Jazira in programma domani.

21:53Terremoto: Boldrini a delegazione Camerino,vi resterò vicina

(ANSA) - CAMERINO (MACERATA), 12 DIC - "Quello che ho visto nelle vostre terre non lo dimenticherò mai, anche perché la vostra terra è anche la mia terra. Abbiamo fatto molto e sono consapevole che molto di più c'è ancora da fare. Siamo arrivati a fine legislatura, ma io, qualunque sarà il mio ruolo in futuro, continuerò a esservi vicina. Questa è la mia promessa". Sono le parole, si legge in una nota del Comune di Camerino, che la presidente della Camera Laura Boldrini ha rivolto a una delegazione di cittadini camerti, ricevuta in visita a Montecitorio. Insieme al sindaco Gianluca Pasqui c'erano rappresentanti di scuole, associazioni e dell'Università. Pasqui ha anche preso parte alla riunione del Comitato legislativo, ricordando che ''se davvero si vuole fare il bene dei Comuni terremotati bisogna entrare nello specifico delle singole realtà''. "Ho chiesto di rivedere il cratere sismico - ha detto il sindaco -. Non è possibile che ogni comune venga curato alla stessa maniera, che a più malati venga data la stessa medicina. Dobbiamo intervenire con decisione affinché il cratere venga rivisto, senza escludere nessuno, ma intervenendo con le necessarie indicazioni in base alle necessità. Le differenze ci sono e le istituzioni le devono evidenziare affinché parta quella ricostruzione che oggi sembra ancora un miraggio".

21:52Ap: direzione vota documento separazione consensuale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il documento per la separazione consensuale di Ap, che mantiene al momento invariati i gruppi parlamentari, è stato votato all'unanimità dalla Direzione Nazionale.

21:51Migranti: domani vertice a Parigi Macron-Gentiloni-Merkel

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni sarà domani, mercoledì 13 dicembre, a Parigi, per il vertice con il presidente francese Emmanuel Macron, la cancelliera tedesca Angela Merkel e i capi di Stato e di governo del G5 Sahel Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger. L'incontro, presso il castello di La Celle-Saint-Cloud, avrà inizio alle ore 12. Al termine è prevista una conferenza stampa congiunta. E' quanto si legge in una nota di Palazzo Chigi.

Archivio Ultima ora