Calciomercato: la Juve saluta un altro big, Vidal va al Bayern

Pubblicato il 16 luglio 2015 da redazione

Calcio:Juve e Vidal mai così vicini ad addio, Bayern insiste

TORINO. – Dopo Tevez e Pirlo, anche Vidal saluta la Juventus. Un altro grande protagonista del ciclo d’oro cominciato da Conte e proseguito da Allegri prende un’altra strada. Torna nella Bundesliga da cui il club presieduto da Andrea Allegri l’aveva prelevato, quattro anni fa, con un blitz: 12 milioni al Bayer Leverkusen, contratto quinquennale da 3 milioni a stagione all’allora 24enne centrocampista cileno. E lo smacco proprio al Bayern, che lo voleva.

I campioni di Germania, che hanno appena ceduto Schweinsteiger al Manchester United, si sono rifatti, sborsando 40 milioni di euro, o poco meno, con un colpo di mercato maturato nelle ultime 36 ore. A Vidal il Bayern ha offerto – si dice – 6,5 milioni di euro all’anno, fino al 2020, ed ha accontentato la Juventus: dai 30 milioni iniziali l’offerta è lievitata, compreso il bonus, fino a 40. A completare l’affare manca solo l’annuncio ufficiale, che non arriverà prima delle visite mediche.

Vidal dovrà accorciare le sue vacanze in Florida, un ‘regalo’ per la Coppa America vinta pochi giorni con il suo Cile. Avrebbe dovuto arrivare tra una decina di giorni a Torino, si dirigerà invece in Baviera. L’agente di Vidal, Fernando Felicevich, era già a Monaco, poi in Baviera è arrivato anche l’a.d. bianconero Beppe Marotta. Ed a quel punto è stato chiaro che la trattativa era arrivata alle ultime battute.

Vidal lascia la Juve dopo tre stagioni in crescendo, soprattutto un 2013/2014 da fuoriclasse, condito da 18 gol, ed un quarto anno più difficile, dopo la ripresa post-operazione al ginocchio. Il ‘Guerriero’ ha ripreso il ritmo con difficoltà e probabilmente si è compromesso il feeling con la società bianconera e con lo stesso Allegri, al di là degli episodi irrequieti, come il litigio all’alba all’uscita da una discoteca di Torino, alla vigilia di una partita di campionato. ‘King Arthur ‘- altro suo soprannome – non è più riuscito ad essere re e ha manifestato sul campo un nervosismo crescente che ne ha limitato l’estro.

L’incidente alla guida della Ferrari, nel pieno della Coppa America, non è stato di certo gradito alla Juventus, ma probabilmente l’eventualità di una cessione, con una valutazione di mercato ancora molto alta, era già stata ben soppesata da Agnelli e Marotta, con il consenso di Allegri. Ora la Juventus deve stringere i tempi per il trequartista: nella lista ci sono Draexler, Goetze, Oscar, Isco.

Ma non sarà l’unico colpo che Marotta ed i suoi collaboratori metteranno a segno, per dare ad Allegri la rosa competitiva in grado di puntare al quinto scudetto e ad un ruolo di primo piano in Champions.

Ultima ora

00:07L’Spd apre a grande coalizione,sì a colloqui con Merkel

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - I socialdemocratici tedeschi hanno preso la loro decisione: affronteranno i colloqui per una possibile coalizione di governo con Angela Merkel all'inizio di gennaio, e nel giro di due settimane presenteranno i risultati a un congresso straordinario di partito, fissato il 14, per stabilire se sedersi al tavolo dei veri e propri negoziati per una nuova edizione della Grosse Koalition. "Colloqui dall'esito comunque aperto", ha ribadito il leader fresco di conferma, senza rinunciare all'ipotesi di nuove forme di collaborazione. La cancelliera ha apprezzato pubblicamente gli sforzi compiuti da un partito costretto ad una evidente, complicata retromarcia, e ha espresso "grande rispetto" per il percorso decisionale degli alleati-avversari, sottolineando poi però che all'Europa serve una Germania stabile. "Ce lo chiedono tutti", è il monito arrivato dopo il vertice di Bruxelles, a Norimberga, dove era ospite dei cristiano-sociali.

23:58Austria: chiuse trattative. Kurz, c’è accordo governo

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - In Austria, le trattative fra l'Oevp del conservatore Sebastian Kurz e il Fpoe del populista di destra Heinz Christian Strache sono concluse, e i due partiti sono pronti a governare. "C'è un accordo turchese-blu", ha affermato Kurz. "Alle elezioni del 15 ottobre si è deciso per il cambiamento, e insieme vogliamo mettere al sicuro questo cambiamento", ha affermato Kurz, che ha annunciato di voler stabilire un "nuovo stile". "La nuova coalizione si impegna per una politica che risparmia nel sistema, e non a carico della gente", ha continuato il cancelliere designato che ha promesso l'abbassamento delle tasse agli austriaci. A soli 31 anni, sarà lui il cancelliere più giovane della storia del suo Paese e dell'Europa. E questo è l'esito di uno stile politico spregiudicato, con cui il giovanissimo ex ministro degli Esteri ha conquistato la leadership del partito popolare e lo ha portato progressivamente più a destra, strappando il possibile successo elettorale dei populisti di destra del Fpoe.

23:57Gerusalemme: fonti Casa Bianca, Muro parte di Israele

(ANSA) - WASHINGTON, 15 DIC - La Casa Bianca manda segnali per far sapere che vede il Muro occidentale di Gerusalemme (il Muro del pianto) come parte di Israele, alla vigilia della visita del vicepresidente Usa Mike Pence nella regione. Benche' precisino che i confini definitivi della citta' santa devono essere definiti dai negoziati israelo-palestinesi, i dirigenti della Casa Bianca contattati dall'Ap escludono fondamentalmente qualsiasi scenario che non mantenga il controllo di Israele sui luoghi sacri dell'ebraismo.

23:55Basket: Eurolega, Panathinaikos-Milano 80-72

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - L'Olimpia ad Atene fa come Penelope ad Itaca: contro il Panathinakos tesse la tela per 15' e si costruisce un vantaggio di 13 punti (37-24), poi la disfa perdendo fluidità in attacco e consistenza in difesa fino al 80-72 che sancisce la quarta sconfitta consecutiva in Eurolega (3-9). Delusione e rimpianti si mischiano alla rabbia per un arbitraggio discusso e discutibile: con la gara in equilibrio a metà del terzo periodo viene fischiato un fallo tecnico per una simulazione molto dubbia a Theodore che costa al playmaker l'espulsione. In quel momento il Panathinaikos piazza un parziale di 7-0 che spacca in due l'incontro. Le triple di Rivers (20 punti, 6/9 da 3) e Lojeski (14, 2/4 dall'arco) e il predomino a rimbalzo di Gost (11 e 7) fanno il resto, lasciando l'AX Milano con il cerino in mano e con tanto amaro in bocca.

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

Archivio Ultima ora