Renzi in assemblea Pd, rilancio azione riforme

Pubblicato il 17 luglio 2015 da redazione

renzi-6401

MILANO. – Avanti sulle riforme, tutti insieme. Con la scommessa riuscita di Expo a far da inedito sfondo, Matteo Renzi nel suo discorso ai mille delegati dell’assemblea Pd rilancerà il cammino del partito e del governo. Con un discorso che i suoi annunciano “poderoso” e rivolto non solo al Pd. Perché se i dati di Bankitalia che aumentano le stime del Pil e prevedono una diminuzione della disoccupazione confermano che la strada è quella giusta, ancora molto, non si stanca di ribadire il premier, c’è da fare.

Riforme, innanzitutto. Ma anche un nuovo approccio ai problemi che non sia l’odio di chi fomenta le barricate anti-immigrati e il disfattismo di chi scommetteva sul fallimento di Expo. Cade in un momento non semplice per le riforme, questa assemblea del Pd. Perché delicati sono gli equilibri, soprattutto al Senato. Dove la minoranza dem, che ha fatto mancare il suo voto anche sul ddl scuola, punta a far valere sulla riforma costituzionale la sua nutrita pattuglia di 25 senatori. A loro il segretario, spiegano i renziani, dovrebbe lanciare un messaggio di unità e apertura al confronto, con l’unica condizione di non ripartire daccapo e non fermarsi.

Ma dovrebbe ribadire anche il no a una logica di corrente che porta a violare le regole interne per opporsi alla linea decisa dalla maggioranza, perché – è il ragionamento – il Pd porta tutto insieme la responsabilità di cambiare l’Italia e su quel cambiamento i cittadini matureranno il loro giudizio, non sulle posizioni di corrente. Dalla politica internazionale all’immigrazione, quello di Renzi si annuncia come un discorso di ampio respiro, rivolto alla intera politica italiana. E il premier, sostengono i parlamentari a lui vicini, anche rispetto a vicende delicate come quelle che si vivono a Roma e in Sicilia, potrebbe tornare a porre l’accento sulla responsabilità prioritaria di saper ben governare.

Avanti tutti insieme, dunque. E’ una linea destinata probabilmente a riverberarsi anche nel ‘mini rimpasto’ di governo e delle cambio al vertice delle commissioni che è in programma per martedì. Un aggiustamento della squadra importante per far marciare a ritmo sostenuto le riforme e, in autunno, la legge di stabilità. Solo lunedì mattina Renzi con i vertici del Pd e gli alleati di governo prenderà le decisioni finali. Ma appare ormai più che probabile che alla Camera saranno sostituiti solo i 4 presidenti di Fi. Mentre dovrebbero restare al loro posto i presidenti della minoranza dem Francesco Boccia e Guglielmo Epifani, nonostante la tentazione di qualche pasdaran renziano di sostituire quest’ultimo per non aver votato le riforme.

Alla Affari costituzionali dovrebbero quindi andare Matteo Richetti o Emanuele Fiano. Alla Cultura la renziana Flaminia Piccoli Nardelli. La Difesa potrebbe andare a Scelta civica e le finanze all’Ncd Bernardo o alla renziana Silvia Fregolent. Ma gli incastri dipendono anche dalle scelte per occupare le posizioni vacanti nel governo. Ncd oltre al ministero degli Affari regionali (in pole Gaetano Quagliariello, ma non blindato) dovrebbe avere un sottosegretario. Mentre il segretario di Sc Enrico Zanetti dovrebbe essere promosso a viceministro allo Sviluppo. E il dem Enzo Amendola agli esteri. Ma se ne parlerà lunedì.

La minoranza Pd si attende da Renzi “non solo uno spot” ma risposte, anche sul tema dei “nuovi responsabili di Verdini e Cosentino”. In platea non ci saranno Enrico Letta e Massimo D’Alema. Non ci sarà Rosy Bindi, impegnata nelle celebrazioni per Paolo Borsellino. E potrebbe mancare anche Pier Luigi Bersani. Mentre prenderanno probabilmente la parola Gianni Cuperlo e Roberto Speranza. L’ex capogruppo, esprimendo una preoccupazione molto diffusa nella minoranza, chiederà a Renzi un impegno a non venire “a patti con Verdini”.

Sarebbe una scorciatoia “pericolosa”, avverte alla vigilia, perché snaturerebbe il Pd: lo trasformerebbe da partito riformista a “pigliatutto” e cioè da “partito del cambiamento a partito del potere”. “Bersani ha detto che caccerebbe Verdini dalla sua casa, ma hanno cambiato la serratura, lui ormai è sul pianerottolo: a Renzi non interessa più chi c’è nel Pd, pur di avere 163 voti al Senato”, attacca Pippo Civati. Ma parla ormai da ‘ex’, per la prima volta fuori dall’assemblea dopo l’addio al Pd.

(dell’inviato Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

21:28Calcio: Torino-Napoli 1-3, azzurri tornano in vetta

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il Napoli sbanca l'Olimpico di Torino battendo 3-1 i granata e si riprende il primato in classifica ai danni dell'Inter, battuta in casa dall'Udinese in un altro anticipo della 17/a giornata. Una festa per gli azzurri di Sarri - reduci dalla sconfitta con la Juve, dall'eliminazione dalla Champions e dal pari con la Fiorentina - ed anche per Marek Hamsik, che realizzando la rete del 3-0 ha raggiunto il record di segnature in azzurro, 115 gol, che apparteneva finora a Diego Armando Maradona. Il Toro è stato subito messo in ginocchio da una rete di Koulibaly al 4' e ha continuato a subire la pressione del Napoli, in gol ancora al 25' con Zielinski e al 30' con lo slovacco. Nel secondo tempo, Belotti ha accorciato le distanze al 19' e i granata si sono fatti più attivi e a volte pericolosi, ma non sono più riusciti a battere Reina.

21:24Calcio:1-0 al Gremio, Real Madrid vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il Real Madrid ha vinto il Mondiale per club battendo 1-0 (0-0) i brasiliani del Gremio nella finalissima giocata questa sera ad Abu Dhabi. Decisivo il gol di Cristiano Ronaldo su punizione all'8' della ripresa.

21:19Usa: Trump, con taglio tasse crescita fino al 6%

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Donald Trump ha difeso oggi il testo della riforma fiscale concordata dai repubblicani respingendo le critiche che avvantaggerà più i ricchi che la middle class. La previsione del presidente è che l'economia Usa comincerà a volare dopo l'approvazione della legge, crescendo dall'attuale 3% al "4%, 5% e forse anche 6% alla fine".

21:11Leader estrema destra a Praga,no all’Ue in Europa del futuro

(ANSA) - PRAGA, 16 DIC - I leader dei partiti populisti dell'estrema destra europea, uniti oggi a Praga per discutere del futuro dell'Europa si sono impegnati a lavorare insieme per creare un nuovo modello di cooperazione continentale distante dal modello dell'Unione europea. Rivolgendosi ai partecipanti della conferenza Marine Le Pen, alla guida del Front National francese, ha definito l'Ue "una organizzazione disastrosa" che "sta uccidendo l'Europa". Geert Wilders, fondatore del partito anti-Islam olandese per la Libertà, ha proposto che l'Europa segua l'esempio del presidente Usa Donald Trump che ha imposto un bando sull'immigrazione da alcuni Paesi a maggioranza musulmana.

21:11Inaugurato primo Gufo Bar nel Bresciano, titolari minacciati

(ANSA) - BRESCIA, 16 DIC - E' stato inaugurato a Palazzolo sull'Oglio, nel Bresciano, il primo Gufo Bar in Italia, locale che espone gufi vivi. Dopo che i proprietari avevano ricevuto minacce, anche di morte, da gruppi di animalisti, all'apertura, avvenuta nel pomeriggio, non si sono registrate tensioni nonostante la presenza di un corteo animalista composto da una ventina di persone. Alla prima mancavano però proprio i gufi. "Abbiamo temuto tensioni e quindi la scelta è stata quella di non esporre gli animali" hanno detto i titolari del bar di Palazzolo sull'Oglio. "Non rinunciamo al nostro progetto, ma vogliamo comunque verificare bene cosa dica la legge sulla presenza di animali nei locali. I nostri gufi - hanno aggiunto - sono nati, cresciuti in cattività e regolarmente registrati. Agli animalisti che minacciano di entrare nel locale per liberare i gufi diciamo che, se liberati, gli animali morirebbero".

21:10Pd: Renzi al lavoro su liste, i migliori nei collegi

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Matteo Renzi ha avviato, a quanto si apprende, il lavoro per definire le candidature con un giro di contatti e telefonate anche con Andrea Orlando e Michele Emiliano. La strategia elettorale è di mettere i candidati più forti alla guida dei collegi, ad esempio Renzi a Firenze centro; il premier Paolo Gentiloni a Roma 1; Dario Franceschini a Ferrara e proporzionale in Basilicata; Andrea Orlando a La Spezia, prevedendo anche la candidatura nel proporzionale; Marco Minniti nel collegio a Reggio Calabria e nel proporzionale in Veneto. Per Orlando probabile collegio a La Spezia e proporzionale in Calabria. Per Del Rio collegio di Reggio Emilia o Bolzano e proporzionale in Sardegna. La strategia, spiegano fonti del Nazareno, è mettere in campo nei collegi i candidati migliori e radicalizzare lo scontro con il M5S come dimostrano le polemiche di questi giorni su 80 euro, Europa e pensioni.

20:36Scuola: ‘bottone rosso’e Carta diritti, novità alternanza

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Un "bottone rosso" (digitale) che gli studenti in alternanza scuola-lavoro potranno usare per segnalare eventuali criticità. Una Carta dei diritti e dei doveri per chi è impegnato in questa attività didattica "innovativa". E ancora, un osservatorio istituito al Ministero dell'istruzione con il compito di produrre ogni anno - il primo sarà a giugno 2018 - un report su quanto fatto. Si rafforza con gli Stati generali, oggi al Miur, e con l'introduzione di questi nuovi strumenti, l'alternanza scuola-lavoro che la legge 107 ha reso obbligatoria per gli studenti del triennio delle superiori. L'obiettivo, ha ribadito la ministra Valeria Fedeli, è offrire ai ragazzi, con il contributo di tutte le parti, "le garanzie per un sistema con più qualità, trasparenza e responsabilità". Un sistema che, secondo il sottosegretario Gabriele Toccafondi, ha ancora luci e ombre, ma che mira a far crescere e formare la persona. A puntare il dito sulle ombre sono stati l'Unione degli studenti e il Fronte della gioventù comunista.

Archivio Ultima ora