Libia: striscione chiede libertà rapiti

(ANSA) – ROMA, 20 LUG – Si chiamano Gino Tullicardo, Fausto Piano, Filippo Calcagno e Salvatore Failla, secondo quanto si apprende, i quattro tecnici della Bonatti rapiti in Libia. Ore dopo il sequestro nei pressi di Mellitah, a 60 km da Tripoli, il messaggio ”Freedom (libertà) for Gino, Filippo, Salvo e Fausto” è apparso nel compound di Wafa, il secondo centro della Libia dove lavora l’azienda parmigiana del settore energetico. Lo striscione è stato fotografato e postato su Facebook da alcuni colleghi dei rapiti.

Condividi: