Gay: Scalfarotto,inevitabile la censura di Strasburgo

(ANSA) – ROMA, 21 LUG – “Ho digiunato per venti giorni per richiamare l’attenzione sulla situazione di grave imbarazzo per l’Italia” per “l’assenza di una legge sulle unioni omosessuali e, a distanza di soli tre giorni, la Corte Europea per i Diritti dell’Uomo ha sancito ciò che era già ovvio a chiunque avesse gli occhi per vedere”. Lo dichiara Ivan Scalfarotto, sottosegretario alle Riforme sottolineando che “la pronuncia di Strasburgo ribadisce che non c’è spazio per discriminazioni odiose”.

Condividi: