Elezioni parlamentari in Venezuela, il governo gioca d’attacco

Pubblicato il 21 luglio 2015 da redazione

an-n

Invariata, identica. La smania di potere non è scemata. E’ la stessa che mosse i protagonisti del “golpe” del 1992 a insorgere contro il governo democratico del presidente Carlos Andrès Pèrez; che ha ispirato l’arrembaggio alle istituzioni democratiche e che oggi caratterizza le decisioni polemiche del presidente Nicolàs Maduro. Alcuni personaggi assai noti sono usciti dalla scena, tra mille polemiche; altri sono entrati in punta di piedi, senza dare nell’occhio; ma ad avere ben salde le redini del potere sono sempre loro, coloro che cospirarono accanto all’estinto “Comandante” Chàvez e che lo seguirono nel fallito tentativo di “putsch”. Tolta l’uniforme, indossati gli abiti civili. Ma, nella sostanza, sempre protagonisti.

La tentazione è difficile da evitare. E così, come accade ancor oggi in quasi tutti i paesi dell’America Latina, ci s’inoltra in un territorio oscuro in cui è difficile riconoscere la flebile frontiera tra democrazia e vocazione autoritaria.

In democrazia, la forma è contenuto. La vocazione autoritaria dell’estinto presidente Chàvez, prima, e del presidente Maduro, poi, si può evincere dal linguaggio. Il presidente della Repubblica non dovrebbe ordinare alle istituzioni democratiche. Ma suggerire. I romani dicevano: “la moglie del Cesare non solo deve sembrare onesta ma deve anche esserlo”. I capi di Stato non solo devono rispettare le istituzioni, ma anche difenderne l’autonomia.

Il rispetto dell’indipendenza delle istituzioni è fondamentale in una democrazia. E’ evidente che chi le assoggetta e le asservisce non ha più bisogno di imporre la propria autorità con l’uso della violenza. Una volta conquistato il potere attraverso i meccanismi democratici e cavalcato l’onda della protesta, il governo del presidente Chàvez, approfittando della cecità degli avversari saliti sull’Aventino, ha proceduto intelligentemente ad occupare tutte le istituzioni. Così, ha tagliato le unghie all’Opposizione e privato di ogni argomento gli organismi internazionali. E’ in questo contesto che si deve leggere l’ondata di interdizioni dai pubblici uffici che travolge oggi i candidati dell’Opposizione, quelli più polemici ma anche con maggiori “chance” di successo alle parlamentari.

Provvedimenti a catena, per futili motivi. Prima, Daniel Ceballos; poi, Maria Corina Machado ed Enzo Scarano; quindi, Pablo Pèrez. Siamo solo all’inizio. Mancano ancora cinque mesi al 6 dicembre. La decisione di neutralizzare i candidati più emblematici dell’Opposizione è un messaggio assai chiaro al Paese: il Governo, nelle prossime elezioni parlamentari, è deciso a dar battaglia. E lo farà con tutti i mezzi a sua disposizione.

Segnali preoccupanti. Il governo che in questa campagna elettorale si gioca la maggioranza relativa in Parlamento, sa che mai prima d’oggi l’Opposizione è stata così vicino alla vittoria. Un trionfo che potrebbe avere un “effetto dominò” nelle presidenziali. In altre parole, sparigliare le carte in tavola, condannare all’opposizione “chavismo”, “madurismo” e “psuvismo” e portare a Miraflores un candidato della Mud.

La popolarità del capo dello Stato non è mai stata così bassa. E la tendenza potrebbe accelerarsi nei prossimi mesi. I candidati del Psuv, poi, stentano a prender quota. Complice, la sensazione, tra i simpatizzanti del partito di governo, che dalle primarie non siano emersi i migliori candidati, ma siano stati premiati quelli più vicini al “potere”. Il “gap”, poi, tra opposizione e governo è in aumento. Oggi i sondaggi delle agenzie demoscopiche lo stimano attorno al 15 o 20 per cento. Ma, se l’Opposizione riesce a non farsi male da sola, potrebbe crescere ulteriormente. Il cammino per il Psuv e per il Governo, quindi, è tutto in salita.

Per il momento, il “potere” ha affidato le prime battute alla Corte dei Conti, che ha interdetto quattro candidati dai pubblici uffici, e al Consiglio Nazionale Elettorale, che immediatamente dopo le primarie della Mud e una volta che questa proclamava i suoi candidati, ha annunciato la “quota rosa”. Una decisione che era nell’aria e alla quale la Mud si sarebbe potuta anticipare se non fosse stata distratta dalle beghe interne e obbligata a far da paciere tra le tante anime che la compongono.

Mentre incalza il dibattito politico e il presidente Maduro cerca di orientare l’attenzione verso la polemica con Guyana, per quel fazzoletto di terra grande appena 150 chilometri quadrati ma ricco di petrolio e materie prime, il governatore dello Stato Miranda, Henrique Capriles Radonski, presenta un suo programma economico; programma economico in cui l’aumento del 50 per cento di tutti gli stipendi rappresenta l’offerta principale. L’obiettivo della proposta, pare ovvio, è quello di restituire ai venezuelani il potere d’acquisto eroso dall’inflazione cavalcante.

Questa, stando alle stime conservatrici del Fondo Monetario Internazionale, dovrebbe superare alla fine dell’anno il 100 per cento. Ma, se si da retta alle proiezioni rese note da istituti di ricerca, banche e analisti, potrebbe essere vicina al 200 per cento. Queste, purtroppo, pare siano le stime più attendibili.

Il premio Nobel di economia, Paul Krugman, in un suo recente articolo e rifacendosi all’offerta salariale della candidata democratica Hillary Clinton, smentisce le teorie conservatrici contrarie ad aumenti dei salari. E spiega che, stando a teorie recenti, l’incremento nei salari oltre ai benefici pratici descritti da Keynes ne abbia altri di carattere psicologico non meno importanti. Ad esempio, contribuisce a creare un clima di ottimismo tra gli operai, mantiene il morale alto ed evita l’andirivieni della mano d’opera da una fabbrica all’altra.

Insomma, i cammini da seguire sono due: il modello Walmart (pagare il meno possibile e quindi risparmiare sugli stipendi nonostante gli effetti negativi sul morale dei dipendenti, il clima di sconforto e il viavai degli operai da un lavoro all’altro) o il modello Costco che è giusto il contrario.

Purtroppo, il dibatto in Venezuela è un altro. Il problema non è quello dei salari bassi, che vanno comunque ricondotti a livelli accettabili per restituire loro il potere d’acquisto eroso dalla spirale inflazionaria, ma l’intera economia, oramai fuori d’ogni controllo.

Strategie economiche globali. La proposta deve essere un modello di sviluppo che non disprezzi le conquiste avvenute negli ultimi 15 anni ma che corregga gli squilibri e riduca gli eccessivi controlli, senza rinunciare a quello che uno Stato moderno deve comunque esercitare. In altre parole, trovare il giusto equilibrio tra pubblico e privato. E’ questa la sfida sulla quale si ritroveranno Governo e Opposizione dopo le elezioni parlamentari.

(Mauro Bafile/Voce)

  • Giampaolo Sponga

    C’è anche un terzo modello su cui insisto da tempo.
    Lasciare stipendi inveriati ed eliminare completamente l’IVA

    • redazione

      E’ una possibilità, perchè no? Ogni modello offre aspetti positivi e negativi. L’importante, specialmente nel caso del Venezuela, è l’applicazione di un programma economico coerente in cui pubblico e privato trovino finalmente il giusto equilibrio. Le risorse per uscire dalla crisi non mancano. E’ necessario ricondurre l’inflazione entro limiti accettabili e stabilire poche regole ma chiare. L’economia è una materia che offre tanto spazio all’immaginazione, sempre che vi sia coerenza.

Ultima ora

18:32Incidenti lavoro, operaio morto a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 12 DIC - Un operaio è deceduto in un incidente sul lavoro, avvenuto in salita Tarsia, nel centro cittadino di Napoli. L'uomo stava lavorando su un terrazzo di uno stabile in Salita Tarsia quando probabilmente ha perso l'equilibrio ed è caduto. La dinamica è in fase di ricostruzione da parte della Polizia di Stato. L'operaio stava ricoprendo il terrazzo con una guaina impermeabile; nella caduta, terminata su un'automobile in sosta, ha trascinato con sé anche la bombola del gas e il cannello bruciatore che stava utilizzando. Forse sul posto c'era anche un collega.

18:25Calcio: Giampaolo, pronti a battaglia in Coppa

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - "Non ci sono partite semplici e gli avversari forti ti stimolano. Ce la giocheremo alla pari". Marco Giampaolo si affida a SampTv per presentare l'ottavo di Coppa Italia contro la Fiorentina di domani. "Alla Coppa ci teniamo anche se - ha spiegato - la formula così concepita è difficile, perché devi vincere fuori casa a Firenze per passare il turno. In ogni caso la rispettiamo come sempre e farò giocare la miglior formazione possibile. Abbiamo recuperato bene rispetto alla partita di sabato alcuni elementi non sono al meglio della condizione. Dovremo farei i conti con alcune assenze. In ogni caso chi scenderà in campo darà battaglia". A Genova sono rimasti Viviano, Quagliarella e Linetty, tutti per motivi fisici "Domattina - aggiunge Giampaolo - farò la valutazione di chi è disponibile. A oggi non ho la minima idea di chi far giocare. La Fiorentina? E' una squadra forte che è cresciuta e arriva a questa sfida dopo i risultati positivi con Lazio e Napoli".

18:23Tetraplegico per tre mesi in autobus a scuola nel milanese

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - Tre mesi di tempo perché uno studente tetraplegico di 16 anni, milanese, ottenesse un trasporto adeguato alla scuola che frequenta fuori città, a Corsico. Nel frattempo è stato costretto ad andare sull'autobus accompagnato dalla madre o in auto col padre, perché "il Comune di Milano non ha fornito il mezzo adeguato poiché l'istituto era fuori dal capoluogo lombardo". La denuncia è di Angelo Ciocca, europarlamentare della Lega: "è un episodio davvero spiacevole, sono imbarazzato nel dire che sono dovuto intervenire su un'assenza del Comune chiedendo un intervento della Regione e non mi sembra giusto che un disabile non abbia il trattamento di cui ha diritto". "La Regione nel cuore dell'estate ha trasferito le competenze per i trasporti degli studenti superiori disabili ai Comuni, - ha replicato il Comune -. Purtroppo per la decina di studenti che vanno fuori città il contributo di Regione Lombardia è molto al di sotto del costo del servizio. Quindi il Comune ha avuto bisogno di reperire le risorse".

18:19Serena Grandi a giudizio per fallimento ristorante

(ANSA) - RIMINI, 12 DIC - Serena Grandi è stata rinviata a giudizio per il fallimento, dichiarato nel 2015, della società 'Donna serena srl' che ha gestito il ristorante la 'Locanda di Miranda', nel borgo San Giuliano di Rimini. L'attrice bolognese, 59 anni, all'anagrafe Serena Faggioli, difesa dall'avvocato Christian Guidi, sarà giudicata a partire dal prossimo 12 giugno davanti al Tribunale collegiale. Stando alle accuse, Serena Grandi, in qualità di legale rappresentante della società 'Donna serena' avrebbe distratto parte dei beni strumentali, impiegati presso il ristorante, e sottratto i libri contabili e altra documentazione obbligatoria per legge relativi alla gestione della 'Locanda di Miranda'. La procedura fallimentare della società è ancora in corso davanti al Tribunale fallimentare di Rimini.(ANSA).

18:13Il Rally del Salento ‘corre’ con la Pizzica

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il Rally del Salento e la Pizzica, perfetto connubio in un territorio davvero unico per le sue eccellenze. Parte da queste basi l'accordo tra Aci Lecce e la Fondazione la Notte Della Taranta presentato durante la serata dal titolo "La danza del volante" svoltasi presso la Sala Angioina del Castello di Copertino. Un'importante sinergia, quella tra il Rally del Salento gara di rilievo internazionale, e la Pizzica, danza popolare salentina famosa in tutto il mondo, che si presenta come un nuovo ed inedito canale di promozione del Salento. "Unire due manifestazioni che pur nella diversità delle loro esperienza sono la massima espressione del territorio nei loro rispettivi campi è stato un risultato particolarmente importante" ha affermato il Presidente dell'Aci Lecce Aurelio Filippi Filippi. Per il n.1 dell'Aci Sticchi Damiani "Il Rally del Salento ha contribuito a far si che il territorio salentino fosse conosciuto non solo per il mare ma per tutta una serie di attrattive''

18:12Calcio: Napoli, De Laurentiis allontana crisi

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Alla presentazione del film 'Super vacanze di Natale' di Paolo Ruffini, in sala dal 14 dicembre, Aurelio De Laurentiis non raccoglie la provocazione di chi gli chiede della presunta crisi del Napoli di cui è presidente. "Una cosa va detta - ha replicato - siamo l'unica società che ha i conti a posto. Certo, essere primi è importante, ma i primi, come si sa, si vedono solo alla fine".

18:10Calcio: Coppa Italia, Giampaolo “pronti a dare battaglia”

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - "Non ci sono partite semplici e gli avversari forti ti stimolano. Ce la giocheremo alla pari". Marco Giampaolo si affida a SampTv per presentare l'ottavo di Coppa Italia contro la Fiorentina domani al Franchi e sottolinea. "Alla Coppa ci teniamo anche se - ha spiegato - la formula così concepita è difficile, perché devi vincere fuori casa a Firenze per passare il turno. In ogni caso la rispettiamo come sempre e farò giocare la miglior formazione possibile". Probabilmente scenderà in campo una Sampdoria diversa rispetto a quella che ha giocato a Cagliari ma, più che di turn-over tecnico, si deve parlare di turn-over fisico. "Abbiamo recuperato bene rispetto alla partita di sabato, ma alcuni elementi non sono al meglio della condizione. Dovremo farei i conti con alcune assenze. In ogni caso chi scenderà in campo darà battaglia". A Genova sono rimasti Viviano, Quagliarella e Linetty, tutti per motivi fisici, mentre le ultime scelte Giampaolo le farà domattina.

Archivio Ultima ora